Vai al contenuto

claudioc87

Scrittore
  • Numero contenuti

    16
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

3 Neutrale

Su claudioc87

  • Rank
    Scrittore
  • Compleanno 15/05/1987

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Catania
  • Interessi
    Sport, giornalismo, scrittura, volontariato

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. claudioc87

    Tiziana Marzano

    Ciao a tutti, posso chiedervi se ci sono ulteriori esperienze con l'agente letterario in questione? Vi ringrazio antiipatamente
  2. claudioc87

    Fucine Letterarie

    Descrizione: valutazione, editing, scouting Costi: non presenti nel sito Sito web: www.fucineletterarie.it Facebook: Fucine Letterarie Esperienza personale: ho mandato la sinossi del mio manoscritto e dopo poco ho avuto il primo contatto telefonico con loro. Hanno voluto sapere il numero di battute e le pagine e in base a questo conteggio hanno stabilito un prezzo per la lettura del manoscritto entro 15 giorni, un prezzo di poco superiore ai 200 euro. Non so come funziona perché mi avvicino ora al mondo degli agenti letterari. Qualcuno di voi ha mai avuto esperienze dirette con loro? Mi hanno poi detto che mi forniranno una scheda di valutazione dettagliata di 2-3 pagine e se il lavoro è valido cominceranno a muoversi per cercare di "piazzare" il manoscritto presso le case editrici
  3. claudioc87

    Presentazione libro "Cellule Impazzite"

    Fino a
    "Cellule Impazzite” parla di un ospedale in cui si respira umanità, in cui si possono trovare anche bellissime storie, come gli insegnamenti dei piccoli bambini ricoverati. Un romanzo che esalta il volontariato, l'altruismo e l'amore nella sua forma più pura, una "cellula impazzita" caratterizzata da alti e bassi, un flipper continuo che rispecchia la vita, imprevedibile perché vera, inestimabile perché unica. Vi aspetto a Catania, al Mondadori Bookstore di Via Umberto I 30, alle 18.30
  4. claudioc87

    Cellule Impazzite

    Clara è un’adolescente malata di leucemia, Luca un ragazzo difficile, in conflitto con sé stesso. La prima trova nell’ospedale la sua casa, la discoteca ospita invece le notti brave del secondo, fatte di sesso, alcool e droga. Dopo un inverno di sofferenze Clara riesce a vincere il primo round contro la malattia, Luca si salva invece da un terribile incidente in auto. Imprigionati nuovamente nei rispettivi tunnel, come cellule impazzite, i due si incrociano in ospedale, lei paziente e lui volontario di un’associazione che si occupa di bambini ricoverati. Tra regole da rispettare e diffidenza del mondo circostante, un amore impossibile nasce nel luogo più improbabile. La malattia di Clara non arretra, le dipendenze costringono Luca a rivolgersi ad uno psicologo. La forza del sentimento alimenta lo spirito da leonessa dell’una, gli insegnamenti dei piccoli pazienti sostengono la voglia di riscatto dell’altro. Nonostante un destino già scritto, Luca trova la forza per credere di poter salvare la sua amata, quella stessa forza che Clara sembra ormai aver definitivamente disperso in quel letto d’ospedale.
  5. claudioc87

    Concorsi letterari durante editing libro

    Ciao a tutti, mi perdonerete se già avete risposto in passato ad un quesito simile. Volevo chiedervi se è possibile partecipare a qualche concorso letterario durante la fase di editing del libro. Mi spiego, ho firmato da poco un contratto con una casa editrice, la pubblicazione del libro avverrà in un periodo molto ampio tra febbraio e maggio e mi chiedevo se nel frattempo posso partecipare a concorsi letterali che via via si susseguono. Inoltre sorge anche un altro dubbio: richiedendo infatti che i manoscritti siano inediti o già pubblicati, come si colloca in questa fase il mio libro? Grazie a chi mi saprà aiutare
  6. claudioc87

    Accettare piccola casa editrice o aspettare le grandi?

    @Marcello @G.A.M.T. siete stati chiarissimi, apprezzo molto la schiettezza che riscontro in questo forum. Di sicuro non ricontatterò le grandi case editrici, ora valuto se contattare le piccole, ma sempre per un discorso di educazione, ci terrei a precisarlo, fattore a cui tengo generalmente molto. Come detto, però, tutte le risposte positive farebbero "curriculum" se mi consentite le espressioni, quindi anche lasciare le cose come stanno potrebbe avere un senso anche per costruirsi un futuro, eventualmente con una casa editrice che ha già letto il tuo libro e sa come scrivi.. Grazie per le vostre risposte senza giri di parole, sono le migliori.
  7. claudioc87

    Accettare piccola casa editrice o aspettare le grandi?

    @Marcello Grazie Marcello, quindi lascio le cose come stanno, anche con le big? Devo dire che al di là della cortesia, a cui tengo molto, lo farei anche per non dovermi mangiare eventualmente le mani dopo (nella remota possibilità che possa ricevere qualche risposta importante) Scusa ma ho fatto confusione tra citazione e tag
  8. claudioc87

    Accettare piccola casa editrice o aspettare le grandi?

    Grazie Marcello, quindi lascio le cose come stanno, anche con le big? Devo dire che al di là della cortesia, a cui tengo molto, lo farei anche per non dovermi mangiare eventualmente le mani dopo (nella remota possibilità che possa ricevere qualche risposta importante)
  9. claudioc87

    Accettare piccola casa editrice o aspettare le grandi?

    Ciao a tutti, volevo chiedervi un'altra cosa. Ho letto molto sull'argomento ma vorrei un ulteriore confronto. Ho firmato con una casa editrice, come mi comporto con le altre a cui ho mandato il manoscritto (sono tante ma neanche troppe)? Scrivo poche righe dicendo che ho accettato un'altra offerta e le mando alla stessa mail a cui ho mandato il manoscritto? Lo faccio con tutte o con le grandi non faccio nulla? Ho sentito da alcuni che è meglio far leggere il libro alle big (ammesso che lo leggano) così sapranno in ogni caso come scrivo (bene o male). Ho sentito da altri che non è corretto ed è una mancanza di rispetto nei confronti di chi deve leggere migliaia di libri al mese. Voi come la pensate? Io ho un'idea ma non voglio condizionare. Grazie per la vostra disponibilità
  10. claudioc87

    Ciao a tutti

    ok scusami. Tutto letto!
  11. claudioc87

    Accettare piccola casa editrice o aspettare le grandi?

    Grazie per la risposta. Ho trovato una casa editrice free che mi convince molto devo dire, certo la distribuzione non è perfetta ma sembra comunque buona, non credo di poter pretendere troppo al primo libro, tendenzialmente sono umile e non pretendo la luna quindi vado verso l'accettazione. Se poi dovesse arrivare mai un esito positivo dai grandi, male che vada sapranno che so scrivere e con un successivo libro sarà più facile farmi notare, almeno credo.
  12. claudioc87

    Accettare piccola casa editrice o aspettare le grandi?

    Ciao Marcello, scusami, hai ragione, ho provveduto con la presentazione. So bene che è un tema di cui si parla, ma da esordiente assoluto un confronto credo possa farmi solo bene. Come sempre, poi, ragionerò di istinto e sceglierò io, non è facile, è un rischio in ogni caso e qualsiasi decisione prendi credo sia quella giusta e sbagliata nello stesso tempo. Grazie per la risposta.
  13. claudioc87

    Ciao a tutti

    Ciao a tutti, mi presento a questo magnifico forum ricco di spunti e contenuti. Sono uno scrittore, nel senso che ho sempre scritto da quando sono piccolo. Giornalista, paroliere, copywriter e tutto ciò è affine con la scrittura. Ho completato da un po' il primo romanzo e sono in procinto di accettare un'offerta per la sua pubblicazione. Curo un blog *Editato dallo staff*. Sono tendenzialmente prolisso ma la stanchezza di questa sera mi impone di fermarmi qua. Una buona serata a tutti.
  14. Ciao a tutti, ho mandato il mio libro a diverse case editrici che ritengo possano pubblicarlo per generi collane ecc... Ho ricevuto due proposte free, una da una casa editrice locale e una da una casa editrice nazionale, la seconda molto vantaggiosa per vari motivi. Ho ricevuto tante risposte col contributo ma le ho declinate tutte. Devo dire che mi sono arrivati sempre giudizi positivi e ben motivati, con dettagli che fanno capire che hanno letto il mio libro e dunque la mia autostima (in genere bassa) è cresciuta. Il punto è che ho cominciato gli invii a ottobre e dunque un'ipotetica risposta di una casa editrice big arriverebbe non prima di maggio (se arriva, so benissimo quanto è difficile soprattutto per un esordiente). Accetto una casa editrice piccola media o mi mordo la lingue e tento, visti i riscontri positivi, la strada con la grande aspettando a lungo una risposta che non arriverà mai? Il rischio è che mi trovi a maggio con tante proposte rifiutate e un solo pungo di mosche in mano. Ci tengo a precisare che non ho nessuna presunzione sul mio libro, so che vale, ma so anche che potrebbe non piacere, semplicemente sono confuso, come credo ogni esordiente che si affaccia in questo mondo. Grazie per le risposte che arriveranno.
×