Vai al contenuto

Komorebi

Sostenitore
  • Numero contenuti

    1.272
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Komorebi

  • Rank
    Komorebi
  • Compleanno 23/09/1990

Contatti & Social

  • Sito personale
    ungrappoloinsensato@blogspot.it

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Lombardia
  • Interessi
    Da molti anni (mi pare 28, ma potrei sbagliare) sono in conflitto con me stesso. Nel continuo tentativo di migliorarmi, finisco solo per complicarmi la vita.

Visite recenti

8.505 visite nel profilo
  1. Komorebi

    Richieste cancellazioni Racconti, Poesie o Storie

    Mi spiace sinceramente, se mi deste la possibilità li cancellerei per conto mio, ma purtroppo devo aggiungere altri racconti da cancellare (pubblicazione prevista per la primavera). Vi chiedo solo quelli strettamente necessari:
  2. Komorebi

    [N20-2] Ode al mattone

    @Edu sigh
  3. Komorebi

    [N20-2] Ode al mattone

    Pacco numero 9. Traccia di carbone: Il vostro pacco contiene un mattone. Partite da qui per creare il vostro componimento. Boa: Tutti versi devono contenere una figura di suono (Allitterazioni, onomatopeiche, assonanze). Ode al mattone Io matto con questo mattone in mano domando: che ci faccio e dove lo ficco? Oh mattone, SBAM, su chi fa baccano ci resta stecco se non chiude il becco. Fischia il vento e il fuoco scalda piano, mattone a letto scacci il freddo secco. Sei nella casa del gramo e nel maso, in chiesa e in case chiuse sei di spicco. Quale matto il mattone impacchettò? Di unici utili usi tu fra altri godi e spero, sigh, sia tu pur stregato. Ti chiedo chiaro un caro portento: per l’ode niente frodi, solo lodi, io sia, CLAP, del contest re acclamato.
  4. Komorebi

    Il dono

    @polveredargento racconto fantasy preludio a qualcosa di più grande, forse troncato e riadattato per poter essere usato come racconto autoconclusivo. Nel leggerlo l’impressione è proprio che il racconto sia solo l’incipit di un altro testo, di qualcosa più grande. Se così non fosse, allora bisogna interrogarsi su cosa di non-detto è presente nel racconto che lo fa sembrare ‘monco’. Il racconto pare basarsi sull’espressione, in termini fantasy, di un conflitto interiore di un adolescente e della risoluzione del medesimo per tramite di una guida più saggia, di ‘qualcuno che ci è già passato’. Il conflitto, però, per quanto riportato nella storia, non viene avvertito dal lettore. Il racconto si basa interamente su un botta e risposta di dialoghi, che però non approfondiscono per nulla la psiche dei due personaggi in gioco. Il Veggente resta dall’inizio alla fine del testo un vecchio, senza altra storia pregressa né caratteristica. Sed, forse nome parlante, ha una migliore caratterizzazione fisica all’inizio e, parzialmente, anche psichica (non si rende conto della sua forza, è goffo, imbarazzato, ingenuo), ma nel resto della storia ogni suo tentativo di approfondimento subisce una rapida banalizzazione: si accenna ad amici, genitori, amore senza approfondimenti, e subito vengono dimenticati. Il ‘conflitto’ che tanto attanaglia il giovane Sed viene inoltre risolto in poche battute, giusto un paio di parole di rassicurazione da parte del Vecchio. Non si spiega perché allora Sed non sia venuto prima dal Veggente, se egli avrebbe potuto togliere così facilmente i suoi dubbi. Nel racconto manca una parte precedente: la fatica di raggiungere il Veggente, il pericolo del viaggio, il sacrificio da compiersi per ottenere risposte, non per ultimo il dubbio se andare o meno da un Veggente, che nella storia viene poco approfondito. Manca, inoltre, un dopo: che ne è di Sed, si è davvero già pacificato con se stesso? Cosa rimane di questa storia in colui che l’ha letta. Appunto, la sensazione che sia tronca, che ne manchino parti. Buono lo stile, ma poco soddisfacente la lettura.
  5. Komorebi

    [N20-1] Presto scoppierà un temporale

    Intanto vi ringrazio tutti dei commenti, anche se non vi taggo uno per uno, sappiate che vi ho letti tutti. Ho solo una nota da aggiungere, sono rimasto stupito che tutti voi abbiate pensato che “Lei” si suicidasse al termine del racconto. La mia idea era di lasciare un finale aperto, dove non si sapesse se fosse morta o solo scappata via per la casa del vicino. Forse mi è sfuggito qualcosa, rivaluterò le mie scelte sul finale e sul perché non sia venuto aperto come avrei voluto.
  6. Komorebi

    [N20-1 - F.C.] N.E.

    Bello e inquietante, vien voglia di saperne di più e di leggere più 'testimonianze' di questi 'nuovi dei'. Bellissimo il finale aperto, mi ha fatto male perché non me l'aspettavo e avrei tanto desiderato sapere come e perché questo nuovo nato fosse terribile. Tolgo a entrambi un peso, però: non vi avrei votato se foste stati in concorso. Ci sono dei 'da' senza accento (e non sono preposizioni) e la prima parte ha un po' di refusi. Per ambientazione e tensione e capacità di far capire al lettore senza mettere spiegoni, resta comunque un bellissimo racconto.
  7. Komorebi

    [N20-1] Gelino Ganega e la sete nel mondo

    Mi è piaciuto molto, dall'inizio alla fine. Poco o nulla da segnalare. Grazie per la lettura!
  8. Komorebi

    [N20-1] Requiescant in pace (raccontino di Natale)

    Bello e divertente, anche se l'ho trovato meno frizzante di altri tuoi racconti. Si poteva osare di più, anche e soprattutto con la mordacità delle battute, che qui ho trovato poco ispirate.
  9. Komorebi

    [N20-1] La stirpe degli uomini dei

    Costruisci bene la mentalità del protagonista, ma il racconto appare in più punti ridondante, tornando a descrivere le stesse cose già comprese dal lettore. Tutta la prima parte può essere ridotta e accorciata, con netto guadagno sull’economia del racconto intero. Un po’ sbrigativo il finale, secondo me: finisce senza nessun guizzo o colpo di scena particolare. Ci si può lavorare. Lo stile è ottimo, a parte, come detto prima, per la ridondanza (non è necessario riempire tutti gli 8000 caratteri).
  10. Komorebi

    [N20-1] La cena

    Bello, ma ahimé sono rimasto un po’ insoddisfatto dal finale. Il vero colpo di scena sarebbe stato se solo lei fosse stata un vampiro, e l’uomo una povera vittima. Peccato, ma resta un racconto ben scritto e piacevole.
  11. Komorebi

    [N20-1] Kiss V

    Bello. Semplice, delicato, scritto bene, non banale. All'inizio ero convinto di trovarmi di fronte un racconto che sapeva di 'già sentito', basato sulla storia già nota di un incontro casuale davanti a un quadro, e invece... be', il racconto è anche questo, ma lo stile e la caratterizzazione dei due personaggi lo elevano significativamente. Complimenti, bella prova.
  12. Komorebi

    [N20-1] Il Narratore Millennial

    Molto difficile da giudicare per il suo stile da millenial, ma estremamente divertente e fantasioso. Bello!
  13. Komorebi

    [N20-1] Berenice

    Non posso non apprezzare lo stile alla Calvino e i numerosi rimandi al Barone Rampante (le lumache in primis). Il racconto ha idee davvero molto belle e una chiusura che lascia il sorriso. Lo stile, per quanto volontariamente ottocentesco, è meno puro e 'leggero' di quello di Calvino. Ovviamente nessuno si aspetta che scriviamo come il Maestro, ma un'eccessiva pesantezza grava sull'intero racconto e, secondo me, con un lavoro di fino potrebbe essere levigata meglio. Torno a dire: le idee sono davvero belle e lo stile, per quanto migliorabile, già così sulla buona strada. Bella prova.
  14. Komorebi

    [N20-1] Siccità

    Stilisticamente perfetto, però... non so. C'è qualcosa che non mi convince, e forse si tratta proprio della Harley. Intendiamoci: la moto è descritta perfettamente e ti soffermi molto su quel suo borbottio che riesce a farla sentire viva anche attraverso il racconto, però, si sente che non la mastichi ancora completamente. E' un dettaglio inserito elegantemente, che cerca di mimetizzarsi con il resto del racconto, eppure non ci riesce. C'è qualcosa di forzato, di non completamente levigato nella figura della Harley, che la fa risaltare 'troppo' e la fa stonare con quello che la circonda. Piccoli dettagli, comunque. Il racconto resta di estrema immersività.
  15. Komorebi

    [N20-1] Blu

    Buona l'idea, ma troppo lenta la prima parte. Successivamente si velocizza, col rischio però di arrivare troppo precocemente al finale. Avrei gradito una maggiore attenzione al rapporto tra insegnante e bambino.
×