Vai al contenuto

scrivopercaso

Blogger
  • Numero contenuti

    11
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

3 Neutrale

Su scrivopercaso

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

243 visite nel profilo
  1. scrivopercaso

    Nulla Die

    Quello che dice lucfax, ma anche smoke, coincide in tutto e per tutto con la mia esperienza (recente e in corso): estremamente positiva, se non la migliore fra quelle che abbia mai avuto con gli editori.
  2. scrivopercaso

    Nulla Die

    Caro Mattew89 in un post di anni fa (basta tornare indietro in questa discussione) però hai scritto così: "Volevo riportarvi la mia esperienza. Io fino all'anno scorso ero un aspirante poeta in cerca di una buona casa editrice che mi pubblicasse e ho inviato i miei componimenti a decine di case editrici. Come potete ben immaginare, molte di queste, come il gruppo **EDITATO DALLO STAFF** (per fare solo un esempio), hanno espresso parere favorevole, ma col piccolo dettaglio di volere un contributo, delle volte pazzesco, per pubblicarmi. Poi ho trovato, navigando sul web, il sito di Nulla Die, che era nata da appena due mesi o poco più. Ho inviato alcune poesie e con gentilezza, il mio lavoro è stato rifiutato, ma l'editore mi ha scritto che se avessi avuto altro materiale da sottoporgli, era ben lieto di leggerlo. Così ho scelto altre poesie, le ho inviate, sebbene non avessi davvero la speranza di riuscire a pubblicare con loro. Ed invece ce l'ho fatta. Mi hanno sottoposto un contratto regolare, senza la richiesta di alcun contributo, e ho pubblicato la prima silloge. Ho richiesto l'acquisto di alcune copie, ma non me lo ha imposto la casa editrice: l'ho voluto io!" E oggi scrivi che ti hanno richiesto un contributo... Ma se le hai volute tu le tue copie, che avrebbe dovuto fare l'editore, rifiutarsi di dartele? Comunque non solo non pago per pubblicare con loro, ma ricevo pure delle copie in omaggio all'uscita del libro.
  3. scrivopercaso

    Nulla Die

  4. scrivopercaso

    Nulla Die

    Proprio così. Non ho pagato nulla, ho ricevuto i rendiconti e le royalty nei tempi dovuti e per tutte le copie. La distribuzione è nazionale ed efficiente in linea con quella degli altri editori free (se non vendessero, non guadagnerebbero, no?), la pubblicizzazione avviene soprattutto tramite social, interviste anche in radio, partecipazione a concorsi.
  5. scrivopercaso

    Nulla Die

    Veramente il dieci per cento di royalty forse (per non dire sicuramente) non lo prende neanche Sepulveda. E probabilmente il margine dei piccoli editori free è pure inferiore al 10%: la distribuzione e la relativa logistica erode intorno al 75% del prezzo di copertina se non di più, tanto per dare un qualche dato. È che molti di noi sono abituati alle royalties a due cifre proposte come specchietto per le allodole dall'EAP (e finiscono per estendere più o meno inconsapevolmente il proprio astio, giustamente rivolto a costoro, anche agli editori free che si comportano correttamente e verso cui indirizzano una diffidenza talvolta eccessiva). E spesso si dimentica pure che il libro è un prodotto "povero" che non genera chissà quali profitti. E che gli editori seri dividono all'incirca a metà il proprio margine (che, secondo quel che riportano le testimonianze più accreditate, raramente raggiunge il 10%) con l'autore del volume. E comunque il piano editoriale che mi inviò nulla die a suo tempo ha un articolo (il 4) che riporto in calce insieme con la nota che lo accompagna. Non credo che sia fondamentalmente diverso da quello proposto ad altri autori. Royalties e prezzo di copertina (1) royalty 4% (quattro per cento) royalty a scelta dell’Autore ______% (________________ per cento) Prezzo di copertina per royalty al 4% € 12,00 1 L’Autore spunti la royalty che gradisce. Il prezzo di copertina suggerito dall’Editore è riferito a una royalty del 4%. Per ogni punto percentuale di royalty in più il prezzo di copertina aumenta di € 0,50 circa. Il prezzo di copertina definitivo sarà indicato nella Comunicazione di Conferma. Attenzione: un prezzo eccessivo potrebbe scoraggiare l’acquisto del libro. A tal proposito l’Editore si riserva la facoltà di diniego della proposta dell’Autore.
  6. scrivopercaso

    Nulla Die

    Credo dipenda dal target cui l'opera si rivolge. Lo credo perché conosco libri, anche di altri "colleghi" della stessa CE di dimensioni maggiori.
  7. scrivopercaso

    Nulla Die

    Neanche io ho motivo di lamentarmi della promozione o di altro. Non tutti i blogger/giornalisti che hanno ricevuto la scheda, hanno richiesto l'invio del libro. E fra quelli che lo hanno richiesto, sono uscite diverse recensioni, anche su una testata blasonata. E, in più, aggiungo: fra le proposte che ho ricevute, il contratto di nulla die era l'unico a non impegnare l'autore a decine di presentazioni per anno. Altro che tipografi...
  8. scrivopercaso

    Nulla Die

    Per ciò che è stata la mia esperienza, ho visto che apprezzano la pignoleria degli autori, chiedi direttamente a loro.
  9. scrivopercaso

    mi presento

    Grazie per l'accoglienza
  10. scrivopercaso

    mi presento

    Come dice il mio nick, scrivo per caso. Ma non a caso. Ho attraversato diverse esperienze, compresa quella (che mai più ripeterei) del selfpublishing.
  11. scrivopercaso

    Nulla Die

    Io ho inviato diverse proposte, ogni volta i tempi sono stati differenti. Mi sono fatto l'idea, confermata con una telefonata, che variano in base a quando, secondo i loro impegni, iniziano la fase finale della valutazione. Cortesi nei rifiuti e sobri nell'accettazione, sono molto pignoli nella preparazione della pubblicazione: nel mio caso sono passati diversi mesi dall'accettazione del manoscritto all'uscita. Tempo sicuramente ben speso. Quanto alle copie, mi hanno rifiutato tutte le proposte in cui ne chiedevo e accettato quella in cui indicavo zero.
×