Vai al contenuto

Luca Trifilio

Scrittore
  • Numero contenuti

    120
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

31 Piacevole

2 Seguaci

Su Luca Trifilio

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 31/01/1984

Contatti & Social

  • Sito personale
    www.lucatrifilio.it

Visite recenti

535 visite nel profilo
  1. Mezzogiorno d'Inchiostro n. 109 Off topic

    Non vedo l'ora di leggere i vostri racconti. Accorrete numerosi!
  2. Richieste abilitazione Racconti over 18

    La mia maggiore età ha compiuto 16 anni qualche settimana fa. Posso accedere alla sezione?
  3. Tempo di Libri, Milano [8-12 marzo 2018]

    Presente domenica 11, soprattutto per i due incontri con Lansdale.
  4. Riviste che pubblicano inediti di esordienti

    Forse è già stato chiesto, ma me lo sono perso. Se un racconto è stato già pubblicato online, magari proprio su questo forum, le riviste lo accettano? Oppure deve essere inedito in senso assoluto?
  5. Quando l'ho visto in libreria pensavo fosse una scatola di scarpe. E' gigantesco.
  6. In viaggio con Amir

    Che bellissima copertina! Penso sia giusto trovare il modo di parlare ai bambini di un tema così delicato. In bocca al lupo.
  7. Bookabook

    Sono d'accordo, serve il tempo che serve. La mia infatti non era una critica sull'operato, quanto sul modello, se così vogliamo dire. Desiderare di leggere un romanzo a maggio 2016 e poterlo leggere a settembre 2017 è, dal mio punto di vista, un po' troppo. Chiaro che se decido di sostenere una campagna è perché credo che quel romanzo sia molto bello, o abbia un grande potenziale, e la voglia sarebbe quella di averlo subito. Capisco però che questo dipenda non da vostre mancanze, ma dal modello scelto. Senza ombra di dubbio meglio attendere un anno per avere un libro curato, ma non mi sento invogliato, ecco. Una cosa del tutto personale insomma, che nulla intacca del vostro modo di operare. Per inciso, il libro in questione devo ancora leggerlo, ma mi è sembrato ben curato e ben confezionato.
  8. Bookabook

    Le date esatte, come da notifiche via mail: 14/05/2016: versamento della mia quota a sostegno della campagna 16/06/2016: il libro arriva all'obiettivo prefissato 30/05/2017: completato l'editing, libro in fase di impaginazione 15/09/2017: pubblicazione e disponibilità del libro per il download I mesi sono stati sedici, effettivamente.
  9. Bookabook

    Ho partecipato una volta a una campagna, spinto da un personaggio noto del mondo editoriale che la pubblicizzava a spron battuto. L'aspetto che non m'è piaciuto è stato versare la mia quota subito, attendere che la campagna si chiudesse con buon esito, il processo di editing, impaginazione e distribuzione. Dal versamento dei miei soldi a quando ho ricevuto la mail che annunciava la disponibilità del libro sono passati circa quindici mesi. Nemmeno me ne ricordavo più. Non fa per me come cliente, sono un lettore abbastanza impulsivo, che quando trova qualcosa di stuzzicante vuole iniziare subito a leggerlo. Oltre un anno d'attesa mi sembra un'infinità. Per il resto, nulla da dire sulla serietà della casa editrice, di cui anche il personaggio di cui sopra diceva buone cose.
  10. I racconti della Seconda Luna - quarto ciclo

    Complimenti a @Kuno e @AdStr. Passerò a leggere entrambi.
  11. Riviste letterarie & culturali

    Seguo. Sto investigando anch'io il settore. Per ora ho individuato alcune riviste dedicate alla pubblicazione di esordienti: ce ne sono tante, si fa fatica a orientarsi, quindi sto scegliendo le più seguite, con un criterio un po' naif. Per le cartacee invece non ho ancora esperienza diretta. Ho segnato nella mia lista virtuale Tuttolibri, allegato a La Stampa ogni sabato, e Writers Magazine di Delos, alla quale mi sono abbonato. Attendo il primo numero.
  12. [MI 108] Il Comitato

    penso che sia una sentenza troppo dura. Nel senso, ora di sicuro non è adeguata, ma la mia speranza (o leggi ambizione) è che un giorno possa arrivare a farcela. A suon di palestra e buoni consigli, perché senza confronto non si cresce. No attenzione, non volevo intendere che tu non sia né mai sarai capace di produrre un buon racconto breve. Ho espresso solo la mia sensazione che per la tua prosa e per il tipo di messaggi che veicoli la forma racconto può darsi che ti stia troppo stretta. Penso sia più adatta a forme più libere, a espressioni che ti permettano di avere più spazio per creare i presupposti alla tua visione. Ciò non toglie che migliorerai e sfornerai ottimi racconti. L'inizio è incoraggiante.
  13. [MI 108] Il Comitato

    Come promesso, eccomi a commentare il tuo racconto, @AdStr. Qualche annotazione stilistica: ho individuato due o tre espressioni toscane. Sono volute? Col racconto ambientato in Maremma possono starci senza problemi. Ripeti almeno tre volte giudizi critici sulla società, te li riporto. Accetto che faccia parte della poetica del racconto, che sia insito nella visione del mondo del Comitato, però credo si possa 1) dire una sola volta 2) mostrarlo in altre maniere, se necessario, ma senza esprimerlo come dogma. L'incipit secondo me va bene, anzi ti dirò che avrei voluto saperne di più su nonno Oreste e sul suo farneticare di licantropi e di serpenti avvelenati (?). Provo a scomporre la storia: 1) Dario ha una relazione con Susanna; si sposano dopo che lei rimane incinta. La gravidanza non è stata cercata. Il matrimonio è riparatore. 2) Dopo tre anni Dario si allontana dal Comitato, che decide di doverlo salvare portandolo indietro 3) La missione prevede che il matrimonio si sfaldi e che lui perda il lavoro 3a) Dicono alla moglie che la gravidanza è frutto di uno scherzo partorito dal comitato e che lui si droga poiché infelice in quel matrimonio 3b) Lo drogano per farlo comportare in maniera poco consona in ufficio 4) Dario lascia la moglie, non perde il lavoro, rientra nel Comitato Al punto numero 2 trovo la prima forzatura. Perché proprio dopo tre anni avviene l'allontanamento di Dario? Mi sembrerebbe più naturale che avvenisse dopo il matrimonio, in concomitanza con la nascita della figlia. Il punto 3 è coerente con la natura del Comitato, con gli ideali dei suoi membri. Cinismo over 9000, ma lucido e consapevole. Il dialogo con Susanna è piuttosto buono, ho trovato solo la reazione di lei troppo...misera. Quel "Bah" è proprio pochino. La cosa che non mi convince è la questione preservativo: non ci vedo attinenza né funzionalità con lo scopo della missione. E non cambia nulla, non porta Susanna a rivalutare le cose, perché anch'ella consapevole che si era trattato di una gravidanza non cercata: preservativo non bucato o altro, poco le cambia nei confronti di Dario. Al più, il punto è che lui è un drogato, ma anche su quello in che modo si giustifica che lei non avesse avuto sentore, e che da quel momento in avanti inizia ad aggredire il marito fino ad arrivare alla separazione? Lo ritengo accettabile solo se Dario stesso volesse liberarsi della sua famiglia e tornare alla vita precedente. Quest'ultima considerazione si lega anche con l'ultimo punto: il rientro di Dario nel comitato. Mi sta bene solo con quella premessa, altrimenti no. Perdonami, questi sono andati a distruggergli il matrimonio, a raccontare alla moglie due menzogne, e lui di tutta risposta torna da loro? Non credo, a meno che già non lo desiderasse. Questi i miei appunti sulla coerenza generale. Penso che il racconto abbia margine per svilupparsi in maniere piuttosto interessanti, e che questo stralcio sia, per l'appunto, un interessante spunto su cui lavorare. Potresti veicolare attraverso il Comitato una tua visione delle cose - attraverso eventi, non aforismi - e creare tra i suoi membri una dinamica di reciproca dipendenza mista a completa solitudine. Trovo che ci sia spazio per ottime cose. Sulla scrittura non ho molto da dirti. Taglierei le tre frasi che ti dicevo, presterei attenzioni alle calate dialettali (ma solo se finite lì per svista, non se volute), e infine alleggerirei le metafore. Trovo la tua scrittura solida e adeguata al tipo di messaggio. Forse, non del tutto adatta al racconto breve, ma quello non è un difetto, al più una caratteristica. Spero di leggerti presto. Alla prossima!
  14. Mezzogiorno d'inchiostro 108 Topic ufficiale

    Sto aspettando un pacco di cibarie dalla Calabria. Lo girerò allo staff. Occhio al piccante! Viste le tue lusinghiere parole, pensavo l'avessi già ricevuta! Te ne mando un'altra per il prossimo MI.
  15. Mezzogiorno d'inchiostro 108 Topic ufficiale

    Sono davvero contento. Per aver partecipato, per aver ricevuto i vostri commenti, per aver intrattenuto quanti hanno trovato il mio racconto gradevole. Questo significa molto per me. Sono contento per avervi letto, per aver potuto imparare qualcosa da ciascuno di voi, come lettore in primis. Grazie a chi mi ha votato, grazie a chi mi ha letto, grazie a chi ha partecipato e a chi ha organizzato con la consueta precisione questo bellissimo momento di crescita condivisa che è il MI. Mi auguro di essere all'altezza come ideatore della traccia e come giudice. Alla prossima! P.S.: @AdStr, non mi sono mica dimenticato di te. Domani è il tuo giorno.
×