Vai al contenuto

Macleo

Scrittore
  • Numero contenuti

    1.613
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    2

Macleo ha vinto il 13 gennaio

Macleo ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

381 Straordinario

Su Macleo

  • Rank
    Ariete
  • Compleanno 07/04/1949

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Milano Bormio
  • Interessi
    Anatocistici

Visite recenti

1.531 visite nel profilo
  1. [MI 108] Testimone d'accusa

    Ti rispondo come ho già fatto con Ghigo: Per me la traccia era “sospetti” e il marito che si alza solo un esempio. Così la penso dopo la traccia “catapulta” dove, invece, sono stato a scervellarmi inutilmente, quando bastava scrivere di aver visto una catapulta giocattolo in una vetrina. Ti faccio infine notare che il testo recita: “chiede spiegazioni, ma lui nega/glissa, incurante di essere creduto. Sembra immerso nei propri pensieri. Una mattina lei decide di seguirlo e scoprirà...”. Se fosse cogente, solo Kikki sarebbe in tema. Ma quale omicidio suicidio! Lei avvelena lui e lui spara a lei. Per quanto riguarda l'inversione ok, va bene, anche se anticipare o ritardare di una riga non cambia la sostanza. Grazie del passaggio.
  2. Mezzogiorno d'inchiostro 108 Topic ufficiale

    Molto, ma molto difficile. Alla fine: Scherzi da prete di @camparino Il destino in uno scherzo di @Befana Profana Il Comitato di @AdStr Un grazie particolare a @Befana Profana che ha cambiato look e che, senza volerlo, con il suo racconto mi ha fatto balenare in mente una grande idea che tradurrò, senza por tempo in mezzo, in un romanzo. Grazie, @Befana Profana.
  3. [MI 108] Testimone d'accusa

    Invece ti dirò che ho svolto la traccia di mezzogiorno: sospetti. Grazie, Adelaide.
  4. [MI 108] Testimone d'accusa

    Grazie, Vincenzo. Comunque sono convinto che staresti benissimo.
  5. [MI 108] Testimone d'accusa

    Grazie per i commenti @M.T., @Vincenzo Iennaco, @Semplicemente Frà, @Ginevra. Macché, non ci avevo neanche pensato. Più che giusto, soprattutto per il non levare, ma riformulare. In realtà si potrebbe anche levare, ma mi è capitato qualcuno che legge troppo veloce, non capisce e ci rimango male, per cui una leggera dose di repetita iuvant male non fa. Equilibrare le due facce non è facilissimo, come saprai meglio di me essendo del mestiere. Esatto, anche se pure questo non l'avevo proprio pensato! Non me ne faccio nulla? Ma questa è musica per le mie orecchie! Prospettive non mi dice nulla e non lo ricordo. Comunque ho un file chiamato “spunti” dove annoto centinaia di idee che poi sviluppo senza giungere al termine. Ad esempio, questa si chiamava “Omicidio suicidio” ed era, ovviamente, parecchio diversa. Hai ragione, in teoria e anche in pratica: a suo tempo ho chiesto lumi a Niko ed è proprio come dici. Vero, sono velocissimo, come potrebbero testimoniare Vincenzo e Ljuset che, dietro le quinte, mi hanno visto preparare in un paio d’ore tre racconti da scegliere per la medesima traccia. Inoltre la domenica per me è l’unico giorno della settimana dove ho enormi difficoltà, quindi mi devo sbrigare: il tempo ce l’ho un po’ dopo mezzogiorno, come in questo caso, ma di solito dopo cena. Per il resto sono in viaggio e devo fare altro, anche se posso pensare mentre guido. Sarà anche curato, ma tutto ciò che scrivo è curato in partenza e questo è un copia e incolla della stessa situazione. Tuttavia AndC ha trovato un po’ di cose che non vanno. Per me la traccia era “sospetti” e il marito che si alza solo un esempio. Così la penso dopo la traccia “catapulta” dove, invece, sono stato a scervellarmi inutilmente, quando bastava scrivere di aver visto una catapulta giocattolo in una vetrina. Ti faccio infine notare che il testo recita: “chiede spiegazioni, ma lui nega/glissa, incurante di essere creduto. Sembra immerso nei propri pensieri. Una mattina lei decide di seguirlo e scoprirà...”. Se fosse cogente, solo Kikki sarebbe in tema. Mille grazie, Ghigo.
  6. Mezzogiorno d'Inchiostro n. 108 Off topic

    Li ho letti tutti e li ho trovati tutti buoni. Sono andato con il bisturi e ho ristretto la rosa a sette. Adesso che si fa?
  7. [MI108] I Rossi

    Nada bien, ma è un discorso vecchio. Perché il regalo per il settimo anno non è più una sorpresa.
  8. [MI108] I Rossi

    So che "la rosa al naso" è un film, ma non la conosco come espressione e google non mi è stato d'aiuto. Dove l'hai pescata? Sembra un po' la fiera delle metafore e delle similitudini, a meno che non sia una cosa voluta. Neanche "usare lo zampino del gatto" è una frase conosciuta, anche se il significato è chiarissimo. Bel racconto veramente, e il romanesco ci sta bene. Anche le spiegazioni non sono affatto pesanti. Peccato per la mancata sorpresa.
  9. [MI 108] Il Comitato

    @AdStr, capito tutto senza problemi e mi è piaciuto moltissimo. Che altro dire? Sono contento per il Niccolai, non meritava di finire così.
  10. [MI 108] Il sospetto

    @Vincenzo Iennaco, che bello rivederci! Avrei qualche dubbio da sciogliere Quindi si sa che Roberto lavora in ufficio fra conti e indennizzi, probabilmente un assicuratore. però poi all'improvviso ecco che compare il cartello Mi sembra di capire che ha cambiato lavoro di brutto. Ma il motivo qual'è? C'entra con la storia? Poi il colpo di scena quindi lei dice Qui ho capito che lui voleva che lei morisse insieme a lui nell'esplosione del capanno, ma lei è incinta e non può morire con lui. Per finire Lui si è suicidato facendo esplodere la bombola del gas. Per quanto riguarda il resto, grande scrittura come sempre.
  11. Mezzogiorno d'Inchiostro n. 108 Off topic

    Sei un porco.
  12. [MI 108] A Carnevale, ogni scherzo vale?

    Avrei calcato di meno qui, tanto il concetto è già chiarissimo sin da prima. Ragazzi che sedano un cane? io non saprei come fare. Per il resto, tutto perfetto. Ghigo dice che il dramma è il genere che preferisci e ha ragione: adesso hai un altro cadavere sulla coscienza, sempre che Molly si riprenda. Quella lingua penzoloni non mi piace affatto. Veramente un racconto di gran classe.
  13. [MI108] Il destino in uno scherzo

    Scusa la pedanteria, ma questa è proprio la prima frase, la "carta intestata" del racconto. La ripetizione la vedi, e inoltre trovo più logico "o" di "e", che unisce due concetti diversi. Per il resto trovo il racconto molto bello e valido e il motivo è presto detto: è scritto benissimo su un'idea vincente, che potrebbe addirittura essere sviluppata in un romanzo che racconta tutta la vita del finto Alfredo.
  14. [MI 108] Bad Joke

    e questo che c'entra? Non è funzionale alla storia e neanche divertente. L'"oibò" potevi metterlo altrove. Condivido quello che hanno detto, o sottinteso, gli altri qui sopra: manca l'arrosto. Secondo me, prima di scrivere qualunque cosa, dovresti esercitarti a "camparinare" un po', ovvero dedicarti alla ricerca dell'idea vincente, quella fulminante, quella che stupisce e colpisce: poi ci potrai costruire sopra quello che vorrai, la buona scrittura fa già parte di te. Se non la trovi, l'idea, difficile che il prodotto finale sia qualcosa di valido e non "piatto". Qui, ad esempio, se alla fine fossero Emily e Julius, che in realtà stanno insieme, a chiudere nel capanno Will e Jake, il raccontino già cambierebbe aspetto.
  15. [MI 108] Il coperchio

    Bel racconto, anch'io ci ho trovato potente lo stampino di Edgar e, quando ho saputo la professione di famiglia del Gurrieri, ho anche capito dove andavi a parare. Ben fatto e ben confezionato, ho trovato solo strana la non reazione del protagonista alle corna. Anche se la vendetta è un piatto che si consuma freddo, un qualche commento, a mio avviso, avrebbe dovuto esserci. Comunque stiamo a vedere che ne farà della moglie se, in futuro, la traccia di un contest offrirà l'occasione di castigarla.
×