Vai al contenuto

heightbox

Scrittore
  • Numero contenuti

    495
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

544 Magnifico

1 Seguace

Su heightbox

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    www.ledieciperlenere.jimdo.com

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. heightbox

    Un consiglio

    Se posso dire la mia ti sconsiglio caldamente di impegnarti per tre romanzi. Se sarai soddisfatta non sarà mai un problema sottoscrivere un altro contratto. Un passo per volta.
  2. heightbox

    Aspettative di vendita

    E aggiungerei, Franka, come fattore importantissimo anche la veste grafica (ci sono libri con copertine che non si possono proprio vedere) oltre ovviamente la reputazione della CE.
  3. heightbox

    Aspettative di vendita

    Direi che stiamo ignorando che la prima, e il più delle volte ultima, tiratura di un romanzo di una grandissima CE va dalle 2000 alle 4000 copie distribuite. Ho detto distribuite, in vista, sugli scaffali della Feltrinelli e presso molti librai. Questo la dice lunga sul perché le piccole CE ne stampano 100. (Quelle destinate a parenti e amici e per la presentazione nella libreria del paese) Abbiamo nel sito decine di pubblicati che tacciono ( a parte Wil con il quale siamo andati avanti per mesi anni fa a ripetergli che le sue copie vendute da self sono un miracolo.) tra i quali Wil stesso con Rizzoli, Matrai con Mondadori, e tanti altri con medie e piccole CE. Dati se ne sentono pochi e chissà quanto veritieri. Io credo che le vendite siano proporzionali allo sbattimento dell'autore e all'argomento trattato. Conobbi anni fa un'autrice di un romanzo sull'adozione che tra ospitate, riunioni, associazioni, sostenitori e curiosi ne ha vendute migliaia di copie. Per me, cinquecento copie cartacee sarebbero un successo planetario.
  4. heightbox

    Aspettative di vendita

    Tra le altre cose io non sono affatto contrario al digitale, permette di raggiungere molti più potenziali lettori. A Wil direi che difficilmente un esordiente supera i 6 o 7 euro per l'e-Book e molto spesso i numeri li fa con le offerte. Un cartaceo a un euro non si trova facilmente e il dato rimane costante mentre cento e-book a 6 euro sono ben diversi da altrettanti a 99 centesimi.
  5. heightbox

    Aspettative di vendita

    Credo che Alexmusic abbia ragione nel porre un distinguo tra cartaceo e digitale. Le determinazioni all'acquisto sono differenti a mio avviso, i tempi di attesa, l'esborso maggiore, la caparbietà necessaria per il reperimento dell'oggetto sono diverse. L'ebook costa meno, (a volte 99 centesimi) e si ottiene con un click. Per il cartaceo occorre una motivazione molto più forte a monte, una rete di vendita valida, presentazioni fisiche dell'autore e forse è a queste che si riferisce Alexmusic. La differenza tra consumatori compulsivi digitali ed estimatori del prodotto desiderato, questa è la sottile ma significativa differenza tra i due acquisti. Un esempio? Io non scarico musica, compero i CD, vecchi, obsoleti ma reali, meritevoli di una scelta più attenta e motivata. Son vecchio...
  6. heightbox

    Aspettative di vendita

    Le 3000 copie sono molto difficili da raggiungere per un esordiente, anche nel caso pubblicasse con una CE grande e distribuita fisicamente in tutte le librerie della penisola. Il problema delle piccole CE è la distribuzione. Se hai un seguito social di migliaia di utenti, se sei esposto mediaticamente e disposto a fare decine e decine di presentazioni ovunque e in ogni occasione allora forse potresti raggiungere in cartaceo le mille copie. Un successone con molto, molto impegno e investimenti economici superiori alle magre royalties. Diciamo "una vittoria per l'ego", e una buona soddisfazione. Il 95% del lavoro sarà a tuo carico, il risultato in base a quanto ti dai da fare. Io ridurrei di molto le aspettative e baderei più al numero di soddisfatti in generale piuttosto che contare le copie vendute. In fondo siamo scrittori per passione, non certo per mestiere.
  7. heightbox

    Il se vuole sempre il congiuntivo?

    Io avrei tagliato la testa al toro scrivendo: "che ne diresti di uscire più spesso noi quattro..." mi pare più corretto e suona meglio.
  8. heightbox

    Recensione negativa

    Che sia uno spammatore compulsivo mi è venuto in mente dando un'occhiata alla pagina FB in cui ha ringraziato, taggando, mezzo mondo. Mancano forse Adamo ed Eva, per il resto ci sono le chioccioline del resto dell'umanità. Un consiglio Drago, prendi la cosa più alla leggera e goditi il piacere di scrivere per te stesso o per qualche persona che dimostra sinceramente di gradire le tue avventure. Un saluto.
  9. heightbox

    Recensione negativa

    Comunque mettiamo i puntini sulle i, stiamo parlando di romanzi con una/due recensioni. Quindi? Ovvio che le recensioni sono inattendibili e faziose, non meriterebbe neppure leggerle. Purtroppo @LuckyLuccs dietro le tastiere si riesce a esprimere un decimo di quello che si vorrebbe o potrebbe dire (ah, la freccetta non è mia, sia chiaro) perciò ovvio che non considero ristoranti con dieci giudizi o libri con tre pareri, mentre un locale con cinquecento opinioni di cui quattrocento con cinque pallini comincia a incuriosirmi. Ogni mio intervento solitamente è mirato a sdrammatizzare situazioni che sembrano drammatiche e insostenibili, come quella del Drago che tanto se la prende per una cornacchia arrabbiata. Andiamo, stiamo parlando di un esordiente autopubblicato con un hater, stiamo in sostanza cazzeggiando. Il mio invito a trovare recensori amici non era altro che un invito a creare una sorta di gioco, o di presa in giro, con il poveretto inacidito. Sono quasi certo infine che il novantanove per cento dei plausi online sia falso e tutte le recensioni dei vari blog siano di parte, tanto per dire.. Mi darebbe molto più fastidio ad esempio un lettore che svela il finale, ma anche in quel caso ci si può fare ben poco. In ogni caso: "vendo recensioni negative o positive a prezzi modici" se interessati…
  10. heightbox

    Recensione negativa

    Ad essere sincero a questo punto ho dato un'occhiata all'estratto. Per quanto criticabile, migliorabile, discutibile, didattico, descrittivo, creato da un piccolo estimatore del "tell" e non dello "show" non mi sento di seppellire il povero autore con un rimorchio di letame. Ho letto di molto peggio. Detto ciò ci sono dei post di utenti ben più logorroici oppure con errori di congiuntivi e sintassi che in questa sede passano totalmente sotto silenzio, chissà come saranno i loro romanzi. Il povero Figlio del drago ha semplicemente cercato conforto per una stroncatura immotivata (e non giustificata per i motivi specificati dall'utente). Lo spam? Lo fanno tutti e basta ignorarlo, e tu draghetto, inceneriscili e passa oltre cercando di migliorare.
  11. heightbox

    Recensione negativa

    Sarà, @LuckyLuccs però mi permetto di sottolineare invece quanto una recensione possa influire sulle scelte. Io mi diletto a girare per ristoranti almeno un paio di volte alla settimana e tengo in grande considerazione le opinioni di trip… ad esempio. Filtro gli utenti con una o due recensioni (probabili parenti e amici) ma leggo e valuto quelle di utenti navigati e obbiettivi. Le recensioni contano, eccome. Un amico ha aperto un home restaurant e le prime cinque o sei valutazioni (false) lo hanno posizionato in fondo classifica relegandolo tra i postacci e per settimane non ha più avuto contatti. Fortunatamente il nostro nutrito gruppo è riuscito a controbilanciare i rosiconi riportandolo ad avere la visibilità che meritava. Io non perderei molto tempo a leggere un estratto di un autore etichettato subito come "pessimo", fortunatamente leggendo meglio si evince che l'attacco sia personale, in ogni caso passerei oltre.
  12. heightbox

    Recensione negativa

    e comunque potresti procurarti cinque o sei amici che ti omaggino una bella recensione e che sottolineino quanto certe recensioni negative siano tipiche dei rosiconi… giusto per divertirsi un pochino a stuzzicare.
  13. heightbox

    Quei downvote messi a caso...

    Vediamo la cosa in modo positivo… avere qualcuno che non condivide i nostri pensieri ci rende originali, non conformati, liberi e ci pone come attivi costruttori di dibattiti e discussioni. Scherzavo, guai a chi mi mette una freccetta rossa!
  14. heightbox

    Newton Compton Editori

    Bentrovato @Dago e complimenti per aver raggiunto un obbiettivo che credo tutti qui inseguano con tenacia. Quello che, numeri a parte (che non nascondo mi piacerebbe conoscere), mi piacerebbe sapere è la differenza di gestione della promozione dell'autore nelle varie CE big. Se ottenessimo delle testimonianze dirette da vari autori di varie CE potremmo conoscerne quantomeno le aspettative e il modus operandi. Esistono per esempio all'interno della tua CE autori con trattamenti diversi, viene impostato un piano o un programma che prevede un certo numero di presentazioni? In che modo una grande CE conta di dare visibilità all'autore esordiente? Mi pare di sapere che all'incirca le grandi CE prevedano una tiratura iniziale da 2000 a 5000 copie da distribuire, in Newton Compton quanto sono sensibili ai dati, quanto responsabilizzano (o incolpano) l'autore che non ottiene i risultati sperati? Ovviamente si tratta di informazioni che soddisfano semplici curiosità dal momento che credo siano molto pochi gli esordienti (o quasi) che possano ricevere svariate proposte da grandi CE e che necessitino di queste informazioni per decidere. In sostanza ci andrebbe tutto bene, è solo per fare due parole… Grazie e a presto! (se mettessi nella firma il link del tuo romanzo potresti trovare qualche nuovo estimatore!)
  15. Benvenuto @Giona , complimenti per il risultato e per l'atteggiamento con cui ti sei posto in questo gruppo. Vorrei domandarti se hai percepito se, per caso, una componente in particolare del tuo romanzo sia stata più gradita dalla giuria. La trama e lo svolgimento, il tema trattato, lo stile? Se non erro si tratta di 150 cartelle, credi che la lunghezza incida sul giudizio? Hai avuto sentore di preferenze particolari? Grazie, buon lavoro e a presto!
×