Vai al contenuto

carlo animato

Scrittore
  • Numero contenuti

    12
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

3 Neutrale

1 Seguace

Su carlo animato

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 20 ottobre

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. io, per esempio, "rugliò" lo trovo adorabile, e persino propedeutico verso un atto rivoluzionario: cercarlo dentro il dizionario tumulato dentro la credenza, dai tempi della "squola dell'obligo"
  2. l'ho letto due volte, con compiacimento e soddisfazione. l'ho passato a chi vive con me, e ogni giorno mi minaccia - amabilmente ma con convinzione - di cacciarmi di casa perché ormai ci stanno libri da tutte le parti (o via tu o via loro!, il refrain...). e mi sovviene di un piano sequenza girato nella casa del professor Eco, lungo corridoi e saloni, con le pareti e i tavoli ricoperti dai libri senza soluzione di continuità... comunque, grazie per aver postato questa testimonianza :-)
  3. carlo animato

    Pastrengo

    In generale agenti e editori valutano la potenza persuasiva e il carisma mercantile dell'autore (in parole spicce, quante copie può piazzare da solo...).
  4. carlo animato

    Kalama

    Alla fine ho avuto risposta, stringata ma risposta, e anche un saluto cordiale in aggiunta. Persone di poche parole, ma almeno corrette
  5. carlo animato

    Salute e prosperità!

    Ciao Mercy, e grazie. *Editato dallo Staff* Farò tesoro delle raccomandazioni per i neofiti... buona giornata
  6. carlo animato

    Salute e prosperità!

    Buongiorno a tutti , leggenti e scriventi, seguaci di queste pagine di "sognatori". Leggo, scrivo, correggo bozze. Ricerco storie bizzarre e inedite negli archivi e cerco di trarne materiale da romanzo. L'ultimo trattava di una storiaccia drammatica e comica assieme, accaduta a Berna nel 1504, dentro un convento di domenicani abbacinati dal delirio di onnipotenza e dalla disputa teologica sulla vera natura incontaminata della Madonna. Ci ho vinto un torneo letterario, e me l'hanno persino pubblicato in cartaceo... :-)
  7. carlo animato

    Kalama

    È notorio come, nell'immaginario che s'abbevera ai luoghi comuni sugli isolani, i sardi siano un popolo fiero, taciturno, introverso, dal temperamento forte e dal carattere diffidente, al limite dell'ostilità. Non è così. Essi sono invece gentili, molto aperti, accoglienti, disponibili e beneducati. Due settimane fa ho inviato una cortese email a codesta illustrissima agenzia e devo subito dire qui, a futura memoria, che codesti galantuomini si sono sollecitamente premurati di restare taciti, tetragoni, inafferrabili. E ogni giorno che passa, senza uno straccio di risposta, apprezzo in verità la loro coerenza. Sull'educazione latitante di certi agenti letterari si potrebbe (e dovrebbe) scrivere un libriccino di sapidi aneddoti, magari cogliendo dalle pagine di questo amabilissimo forum le esperienze personali di attese lunghe o mancanza di tatto, o ancora di scellerato atteggiamento mercantilistico ovvero di scarsa o nulla considerazione dle prossimo, ancorché prossimo scribacchiante e speranzoso. Come ama ripetere Maurizio Costanzo, "chiedere è lecito, rispondere è cortesia". Evidentemente non per tutti, anche se gli amici di Kalama non raggiungono ancora i tempi biblici di un'agente che conosco, apprezzo e stimo sopra ogni cosa, tutta chiusa nel suo riserbo che ora sfiora il biennio, non scalfito da tre o quattro garbatissime email tutt'altro che insistenti. Ma questa è un'altra storia... E dunque, lunga vita a Kalama, alla Sardegna, allo spam in cui senza alcun dubbio sarà terminata - suicidandosi per la nulla considerazione - la mia cortesissima e innocua missiva in attesa di attenzione e, arrassusia!, di risposta, ancorché interlocutoria o di diniego. :-)
  8. carlo animato

    Un Prosciutto e Dieci Ducati

    un romanzo eccellente per stile, trama, personaggi e ambientazione. l'ho letto con gusto e passione!
  9. carlo animato

    Il falsario di reliquie

    Berna, maggio 1507. In una fontana nei pressi del ghetto vengono ritrovati due cadaveri. Sono nudi e hanno dei garofani infilati tra le natiche. Il sindaco, contrariamente alla prassi, affida le indagini all’alfiere della corporazione dei fornai, Mathis Sinner. L'improvvisato investigatore ben presto scopre che le vittime sono sacerdoti in fuga dal Sud della Francia, dove hanno trafugato le preziosissime reliquie di Maria Maddalena, ora sparite nel nulla. Intanto, tra gli stranieri che la festa della Pentecoste ha richiamato in città, spiccano due singolari personaggi: Rizzardo di Mospach, un trafficante di origine ebrea dalle mille identità, che vende oggetti sacri di dubbia provenienza, e un aristocratico sabaudo, Giovanni Dufour, allontanato dal duca di Savoia e in cerca di vendetta. Che ci siano proprio loro dietro il duplice omicidio? O sono invece coinvolti i due conventi cittadini, nella loro lotta quotidiana per accaparrarsi fedeli e offerte? Il paziente e determinato fornaio, per risolvere il caso, dovrà farsi strada in un intrico di ostilità e bugie, attento a non urtare i potenti, ma anche a non sacrificare i più deboli. Ispirandosi a fatti realmente accaduti, Carlo Animato riproduce con ampie pennellate le atmosfere, i colori, i rumori, le voci di una città che, alla vigilia della Riforma, si trova a fronteggiare delitti, furti, corruzione, complotti, tradimenti, in una fitta trama, densa di colpi di scena.
×