Vai al contenuto

camparino

Sostenitore
  • Numero contenuti

    3.092
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    1

camparino ha vinto il 28 marzo 2017

camparino ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

1.165 Più unico che raro

Su camparino

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo

Visite recenti

5.770 visite nel profilo
  1. camparino

    Qualche riflessione sui lettori

    Beh. Alcuni generi, come il "rosa", i libri per ragazzi, o gli "young adullt" ammiccano chiaramente al bacino di utenza. Qui l'aurore è tanto più bravo quanto più ne asseconda le aspettative. Ma anche in generale un autore dovrebbe chiedersi "a chi è destinato il libro?" e "cosa si aspetta da me?". Lecito naturalmente scrivere per sé stessi e sperare in una utenza a propria immagine e somiglianza.
  2. camparino

    Tutto quello che NON avreste voluto sapere su Amazon - Capitolo 1

    "Amazon ergo sum" E' un po' così, mi pare
  3. camparino

    Il ginnasta. La palestra e gli allenamenti

    @Rica Ciao Fede, E' un passaggio notevole, si vede che c'è una documentazione accurata dietro. Io inframmenterei la descrizione tecnica con tre considerazioni: Perché lo fa? Da approfondire. Aspettative. Dove vuole arrivare? Come cambia la sua percezione del mondo alla luce di quello che fa? Forse l'hai messa nel seguito. Allora bene così.
  4. camparino

    Il ginnasta. Giochi umilianti e giochi spopolati

    @Rica Ciao Fede. Sai che non sono il tipo che bada a virgole e vongole, ma ti mando un piccolo contributo. Ci sono troppi aggettivi. Togliere: "assonnata" e "tremolanti" e "rapida". a graffiare il cielo con rigore feudale. Le antiche porte… (via il "ma"). Non mi piace "a far da contrappeso all'equilibrio". Io lo toglierei. "rinocerontica" è troppo animalesco. Lo toglierei. e nessuna ragazza che mi filava. (tanto per una aggiunta puberal ormonale). Vedi se il caso di fare qualche altro accenno sessuale. In fondo è un ragazzo di quindici anni. Tutta la parte degli allenamenti in villa gira bene. E' molto visiva. Brava. Aspettiamo il seguito.
  5. @Fraudolente il cavalier Gazzoni Frascara L'ho conosciuto anni fa' a Bologna..
  6. Lo rileggo ora a distanza di tantissimo tempo. E' un capolavoro, per l'epoca. Ma credo improponibile oggi. Perché ci mette troppo tempo a creare una immagine nella mente di chi legge. Come divertissement provo a riscriverlo: "La donna che scendeva la scala era stata bella, se non bellissima. Sembrava segnata più dal dolore che dal tempo. Aveva una andatura da uccello ferito, senza più forze, rassegnato. Non piangeva, ma si capiva che l'aveva fatto, a lungo. Portava in braccio bambina morta. L'aveva vestita come per una Cresima"
  7. Mah. Io ho le mie idee. Una parola cercata, selezionata per me rompe qualunque ritmo. Occorrono termini piatti, comuni, anche ripetitivi. Che sono già nell'orecchio al lettore. "Il vento frustava e faceva cantare le foglie degli alberi". Già "fustigava" mi smonta completamente.
  8. Credo anch'io che l'"intonazione" nello scrivere sia una dote naturale innata. Come nel canto e nel disegno. Basta vedere certi verbali e certe relazioni. Nessuno chiede a un tecnico di scrivere "bene", ma solo contenuti corretti. Eppure alcuni sono scorrevoli e piacevoli da leggere, altri, di pari valore contenutistico, un disastro. Un'altra cosa che non si impara è la fantasia, il "mondo interiore", senza il quale si scrivono cose senza personalità.
  9. camparino

    Unpopular opinion

    Greta non sorride mai, e' inespressiva, monocorde, respingente nei rapporti sociali. Non so come possa durare come icona dell'ambiente. Mah... Meno male che c'è Green Peace.
  10. camparino

    È solo il giorno del tuo compleanno

    Mamma mia, quanto mi piace sta donna (e sta frase) Bhè, veramente ad "andare aventi nel tempo" sono le donne. Così diventano un po' acide con gli uomini che sono più capaci a fermarlo. Vabbè. Così deve chiamarsi. Lei, come nelle canzoni. Di solito non amo gli scrittori che scrivono di scrittori. Lo trovo… narcisista (?). Avrei preferito un broker assicurativo davanti a un magro bottino di polizze.. E' più americano. Vabbè. Eddy Bravo. Quando gli uomini parlano dei massimi sistemi dicono un sacco di stronzate. Molto realistico. Un applauso. Brava MJ La mamma è sempre la mamma. A me vengono così... Gran finale. Bellissimo racconto Roberto. Di quelli che piacciono a me. Altro che balle
  11. camparino

    Parole in via d'estinzione

    Mah. Personalmente sono un fautore del "scrivi come parli". Non userei mai un termine che non è nel "comune parlato" del momento in cui scrivo. Così una parola desueta per me è morta (a meno che resusciti).
  12. camparino

    Non leggere (alcuni generi)

    Secondo me non bisogna avere paura dell'anacronismo. Mice scriviamo manuali. In un romanzo la "storia" deve essere come la gente si immagina che sia. O gli piace credere. Ricordo una serie di straordinario successo: "Angelica, la marchesa degli angeli" di Anne e Serge Golon. Fu fatto osservare che alla corte del Re sole non c'erano gabinetti e la dame e i cavalieri defecavano in giardino dietro i cespugli di rose. Le loro acconciature erano colture di pidocchi e le conseguenze di ogni incontro amoroso erano (nella migliore delle ipotesi) le piattole. A chi sarebbe piaciuta una storia vera? Aggiungo. Sarebbe piaciuta a qualche centinaio di cultori del rigore realistico. E si sarebbero persi i milioni che hanno comprato i libri o visto i film.
  13. Per me ogni incongruenza è lecita, se suggestiva. "Non mi accorsi di morire. Me ne feci una ragione quando vidi le persone piangere al mio funerale. C'erano…". Perché no?
  14. camparino

    caratteri

    @normaleinchiostro Una pagine editoriale corrisponde normalmente a 2000 o 1800 caratteri. Ciao
  15. camparino

    Sembrava un uomo che...

    Mah, io privilegio il parlato. "Sembrava un uomo che camminasse" non lo direi mai. Quindi per me ok "Sembrava un uomo che camminava"
×