Vai al contenuto

Altrove

Scrittore
  • Numero contenuti

    40
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

48 Piacevole

Su Altrove

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 18/05/1968

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Altrove (è ovvio, no?)
  • Interessi
    Tanti, troppi ma irrimediabilmente irrinunciabili :-)

Visite recenti

535 visite nel profilo
  1. Altrove

    L'arte perduta dell'ossessione

    Giugno 1985. È un bellissimo pomeriggio d'estate quando la piccola Viviana e la madre escono per fare una passeggiata sul Monte Pedri, spinte dal desiderio di assaporare la bellezza delle luci, dei profumi, dei colori, dei silenzi di una natura incantevole. Eppure qualcosa di imprevedibile accade. Qualcosa dai contorni agghiaccianti. Così, quella che doveva essere una splendida camminata, si trasforma in un incubo per Rebecca, la madre, vissuto sotto gli occhi terrorizzati e inermi della figlia.Lo shock subito dalla bimba è devastante, tanto da ridurla a un vegetale e a cancellarle la memoria. Per dodici lunghi anni Viviana verrà curata nella clinica psichiatrica del professor Marcus, il quale, mosso da una forma di amore sincero per la piccola, la crescerà con passione e affetto, diventando un padre, un amico, un mentore, una figura di riferimento fondamentale nel suo percorso di crescita. Tutto questo però non sarà sufficiente a lenire le ossessioni e i turbamenti di Viviana, vittima di un passato insostenibile e di un'afflizione continua che la spinge a voler conoscere, ad ogni costo, quel vissuto così apparentemente inconoscibile che la tormenta ogni giorno, contrapponendo ad esso la consapevolezza che potrebbe rivelarsi ai suoi occhi una realtà insostenibile.Quando trentun anni dopo verrà ricoverato nell'ospedale in cui Viviana lavora come neurochirurgo, un anziano paziente vittima di un incidente che lo ha semiparalizzato, in lei si scatenerà un vero e proprio inferno da cui ne uscirà sconvolta. Alcuni particolari dell'uomo fungeranno da amplificatore delle ossessioni di Viviana e da detonatore del suo bisogno di andare oltre, obbligandola a trovare una risposta definitiva a quell'avvenimento del passato che non può più essere rimandata.Il processo si rivela inarrestabile e così Viviana conoscerà, mediante una regressione ipnotica, quanto accaduto in quel tragico 7 giugno 1985 e scoprirà che l'anziano che lei è chiamata a salvare con un delicatissimo intervento chirurgico (che è la sola in grado di fare), è l'unico che può darle le risposte cercate per tutto quel tempo.Ciò che vivrà è la continua, ossessiva, assillante spinta alla ricerca della verità oscillando dolorosamente tra paura, desiderio di vendetta e orrore per arrivare a un finale a sorpresa in cui tutte le tessere del mosaico nella mente di Viviana prenderanno il loro posto come fossero la manifestazione talentuosa di un'arte sconosciuta. Ed è questo continuo vagare nelle segrete della mente umana che rappresenta la fine di un'ossessione indicibile e la consapevolezza che il male non ha alcun limite.
  2. Altrove

    Mondadori

    Questo, se non leggi tutte le 22 pagine, non lo puoi affermare con così tanta certezza Per altro... questa discussione si protrae da giorni... Ho la sensazione che in tutto questo tempo avresti potuto evitare di scrivere e leggere le risposte al tuo messaggio e impiegare la metà del tempo che in realtà hai impiegato per leggere le 22 pagine. Mi ricorda un mio vecchio cliente che per pretendere uno sconto di 5€ su un prodotto che gli fornivo ne spendeva 10 in telefonate per convincermi a farglielo. Ohibò! Scusate l'OT
  3. Altrove

    Nero Press

    Ciao Laura. Approfitto della tua presenza per una domanda: ho inviato un manoscritto alla vostra CE accorgendomi solo dopo l'invio che la ricezione è, al momento, bloccata. Ci sono previsioni su quando riaprirete le selezioni? Grazie, buona giornata.
  4. Altrove

    Mondadori

    Perdonami, senza polemica in quanto ha già detto tutto Bango Skank (e condivido in pieno) ma... cosa significa che non riesci a leggere 22 pagine? Significherà solo che ti ci vorrà più tempo rispetto a chi non ha nulla da fare, no? E qual è il problema? Se finisci di leggerle tra un mese ad esempio cosa cambia? Suvvia... per le cose a cui teniamo il tempo si trova sempre (te lo dice uno che lavora 12 ore al giorno e, come ora, alle 6 della domenica mattina è in piedi a scrivere)
  5. Altrove

    La Signoria Editore

    Mi pare di capire però che non abbiano (almeno per ora) alcuna "penetrazione" sul territorio nazionale ma che siano presenti solamente a Firenze e in qualche paese limitrofo...
  6. Altrove

    Newton Compton Editori

    Alcuni, forse anche tanti, ma non tutti (ne ho certezza). E in fondo è proprio questo lumicino di speranza che continua a spingere noi a scrivere altrimenti faremmo altro. Mi scuso con gli amministratori per la divagazione e accolgo l'invito a rientrare in topic. Tornando a N&C trovo che comunque la sua "potenza di fuoco" in termini di politica commerciale sia notevole, discutibile quanto si vuole ma notevole. Sarebbe utile raccogliere altre testimonianze dirette da chi ha lavorato con loro..
  7. Altrove

    Newton Compton Editori

    Sarebbe altresì interessante conoscere la tua opinione e i dettagli che ti portano a sostenere che "dopo la pubblicazione si spalanca un altro mondo, sempre meno idilliaco rispetto al desiderio e alla speranza d'esser pubblicati". Da dove nasce questa certezza? Personalmente ho conosciuto autori delusi, sconfortati, anche spaventati nel vedere cosa "c'era dopo", tuttavia ho conosciuto anche chi ha pubblicato con grandi nomi e il dopo l'ha vissuto (e lo vive tuttora) con entusiasmo e con la consapevolezza che quanto gli è accaduto è come aver vinto un terno al lotto. Dipende... ogni storia fa storia a sè. Per altro sono il primo ad essere critico con il livello qualitativo medio (medio eh!) di N&C ma va loro indubbiamente riconosciuta una capacità di marketing che pochissimi hanno, con una diffusione dei loro libri che va dal supermercato, passando per l'Autogrill fino alle grandi librerie nazionali. Sfido chiunque a dire che questo non sia un buon motivo per avere da loro una chance
  8. Altrove

    Newton Compton Editori

    È quello che io scrivo ma la N&C mi pare inarrivabile senza un agente
  9. Altrove

    Alessandra Bazardi

    Difficile non essere d'accordo
  10. Altrove

    Mondadori

    Si certo ma ripeto non tocca a loro, non è il loro compito.... Un editore è un imprenditore, non deve giustificare un rifiuto...
  11. Altrove

    Mondadori

    E perché mai? È un editore (imprenditore) mica una maestrina Non spetta a loro correggerti, migliorarti, aiutarti, spiegartio... loro devono solo valutare se il tuo lavoro è in linea con le loro esigenze oppure no.
  12. Altrove

    Silvia Meucci

    In pratica devi scrivere la sinossi in un SMS
  13. Altrove

    TZLA - Trentin e Zantedeschi

    Ti ringrazio per la fiducia, poi naturalmente le esperienze sono sempre soggettive e mai trasmissibili in toto ad altre persone, possono però aiutare a farsi un quadro della situazione. La mia esperienza è stata totalmente, indissolubilmente e inequivocabilmente negativa. E quindi se posso evito che qualcun altro rifaccia il mio stesso cammino
  14. Altrove

    TZLA - Trentin e Zantedeschi

    Lascia perdere (consiglio spassionato)...
  15. Altrove

    TZLA - Trentin e Zantedeschi

    Quando rispondono poi. Nemmeno quando ero sotto contratto con loro mi rispondevano! Il resto l'ho già raccontato
×