Vai al contenuto

Intro

Sostenitore
  • Numero contenuti

    481
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

168 Strepitoso

Su Intro

  • Rank
    Fantasia metafisica a piacere

Visite recenti

1.758 visite nel profilo
  1. Cacchio, @Poeta Zaza, me ne sono accorto solo ora dopo mesi di latitanza dal forum. Ti hanno praticamente dedicato un intero contest! (Ritorno nella grotta da cui sono venuto. Devo attendere che questa pericolosa deriva poetica pass )
  2. Intro

    Mezzogiorno d'Inchiostro n. 123 - Topic ufficiale

    @mercy, per tenere fede alle promesse elettorali, potete inserire anche questa variante qui: Mi costringo ad aprire gli occhi. Li richiudo subito dopo, promettendomi di non aprirli mai più; la distribuzione di Maxwell-Boltzmann per particelle di energia compresa tra E ed E +dE della teoria cinetica dei gas va oltre la mia soglia di sopportazione.
  3. Intro

    Mezzogiorno d'Inchiostro n. 123 - Topic ufficiale

    @Poeta Zaza, sí. Anche entrambe
  4. Intro

    Mezzogiorno d’inchiostro n. 123 - Off Topic

    Mi sento legittimato a gridare "ziii può faaaareee!" Ogni volta che qualcuno tirerà fuori richieste e domande specifiche sui prompt
  5. Intro

    Mezzogiorno d’inchiostro 122 - Off Topic

    @Kuno dai pigliati la gloria. A questo giro sono solo un vincitore accidentale, che passava lí per caso. @Poeta Zaza dai, ognuno di noi ha il suo "genere fantasy", cioè quello che un po' snobba. Per me è proprio il fantasy propriamente detto (elfi, demoni e cazzate varie). Ma sono stato plasmato dal Signore degli Anelli e fondamentalmente non saprei nemmeno argomentare troppo bene contro la tesi "il fantasy è un genere minore". Dai, facciamo pace tutti quanti! (Ma se ti ritrovo ancora ad usare la parola fantasy per dire "surreale" ti faccio bannare )
  6. Intro

    Mezzogiorno d'inchiostro 122 - Topic ufficiale

    @Marcello, i miei piani per piazzarvi la traccia di termodinamica al prossimo giro sono andati a gonfie vele
  7. Intro

    Mezzogiorno d'inchiostro 122 - Topic ufficiale

    Non voglio fare come miss Italia robe del tipo "wow non me l'aspettavo". Ma questa volta WOW, non me l'aspettavo davvero. Raga', grazie! Mi sarei giocato mamma che veniva fuori l'accoppiata di @Kuno e @paolati (al quale rivolgo complimenti speciali e pubblico endorsement). E' andata bene sia a me che a mia madre.
  8. Intro

    Mezzogiorno d’inchiostro 122 - Off Topic

    @Zaza nello specifico, perché e da cosa hai notato uno sbilanciamento in partenza? P.S. ho taggato l'utente sbagliato. Ma lo smartphone mi impedisce di cancellare questo tag. Scusatemi
  9. Intro

    Mezzogiorno d’inchiostro 122 - Off Topic

    Ti chiederei di approfondire questa cosa qui.
  10. Intro

    Mezzogiorno d’inchiostro 122 - Off Topic

    @Poeta Zaza C'è abbastanza confusione semantica sul concetto di realtá, che sembra essere esclusivamente attributo di ciò che esiste. È così. Vabbè, più o meno. Qua bisogna arginare lo sproloquio filosofico per non deragliare. Ti faccio un esempio prettamente di fantascienza (che è il mio genere prediletto). Questo genere (o meglio, quel subset di romanzi/racconti che lo rispetta davvero) si basa sul presupposto di poter manipolare una certa realtà modificandone alcuni degli assunti di base, e vedere che succede. La letteratura realista racconta qualcosa che è realtà? Penso di no: ha il vizio di non esistere anche lei. Il racconto di te che fai cose non è assolutamente la realtà di te che fai cose. Tuttavia quel racconto di te che fai cose (che magari hai davvero fatto) è costruito, nella sua trama, rispettando certe regole che tu ritieni di ritrovare anche nel mondo fattuale. Tutto ciò che facciamo noi altri (plebei scrittoruncoli di generi "fantasy") è quello di giocare su un sistema di regole lievemente divergenti dal set che di cui abbiamo riscontro nella realtà (un esercizio molto più interessante, a mio avviso). Alcuni di noi, esercitando questa piccola modifica, si arrogano persino il diritto di parlare di realtà in maniera migliore di chi parla di realtà usando le sue regole, vista la possibilità di poter muovere quelle modifiche a favore della creazione di un messaggio più compatto e profondo riguardo una certa tematica. Che poi... Omero (che tu ami), o chi per lui, ha fatto proprio questa cosa
  11. Intro

    Mezzogiorno d’inchiostro 122 - Off Topic

    Ok, @Poeta Zaza. Penso che qui ci sia del pregiudizio di fondo. Già inserire fantasy e surreale nella stessa categoria mi mette i brividi, poi penso che a questo punto sia fantasy tutto ciò che non rientra nella narrazione reale, semplicemente. Se lo ritieni opportuno, in una sezione apposita ti si potrebbe suggerire dei titoli in grado di distruggere questi preconcetti in maniera abbastanza definitiva e veloce. Ma non qui, che non si è nel posto giusto. (Dai, a dispetto dell'indignazione che mi crea un certo tuo modo di vedere le cose, sono super conciliante )
  12. Intro

    Mezzogiorno d'inchiostro 122 - Topic ufficiale

    @Poeta Zaza, per corroborare fino in fondo questa teoria dei generi letterari vincenti, dovresti provare a scriverne uno "fantasy/surreale" al prossimo giro, e vedere che succede
  13. Intro

    [MI 122] L'ipotesi peggiore

    Grazie del passaggio, @Ivana Librici tieni un confetto di ringraziamento! @Befana Profana, a me piacerebbe pure scrivere di roba fisica invece che metafisica, ma poi mi sfanculate alla velocità del suono, già lo so. Ma un giorno.. @Macleo @Lo scrittore incolore, grazie. Ad entrambi per l'entusiasmo inaspettato! @Ernest, questa roba mezza scritta male si regge tutta su quel finale! Grazie anche a te. @Kuno madonna questo incubo delle E grandi accentate mi perseguita. Dimentico sempre la combinazione di tasti per tirare fuori quella giusta. Stavolta vai a vedere da quale sito porno vietnamita sono andato a fare il copia incolla (sì, perché alla fine mi riduco a fare copia incolla da qualche parte). Comunque, la questione che hai sollevato è interessante e ce l'ho a cuore. È vero, è una scelta pacchiana, un po' fantasy del cazzo. Però non posso far spaccare la testa ai protagonisti, così a caso. La colpa doveva essere esplicitamente di Dio (di un dio), non del caso, non della sfortuna, non di chissà quale altra filosofia interpretativa di eventi. Ci doveva essere un'esplicita mano divina, un qualcosa di eclatante e indiscutibilmente sovrannaturale, altrimenti la struttura stessa del racconto non avrebbe retto. Che poi potessi renderla più gore e far esplodere le loro teste a caso, bè sì anche quello ci stava. @Joyopi, persino nelle critiche mi fai sentire come se disponessi di più strumenti letterari e bravura di quanta ne disponga realmente. Però hai ragione. Hai ragione su tutto. Avevo pochissimo tempo, ed ho deciso di investirlo più per pensarmi un'idea carina che in scrittura. Poi, il fatto è che sono lentissimo. Però mi son promesso di partecipare più spesso, quindi ahimè vi sorbirete anche le schifezze. Fa parte della prostrazione e del cammino di umiliazione che chiunque deve fare qua dentro per avere in cambio qualcosa
  14. Intro

    [MI 122] Terza fase di editing

    @mercy, volevo pigliare un tuo testo e sciorinarti una bella sequela di complimenti già dal MI scorso, ma il tempo mi uccide. Poi in generale qui si sente dire spesso "scrivi bene". Quindi qualora volessi farti passare la mia sincera stima e invidia per il tuo modo di scrivere avrei una certa difficoltà a svincolarmi dalla retorica accumulata. Quindi boh. Cerca di percepire in maniera letterale sta cosa: sei bravissima. Questa forma di scrittura, non troppo involuta o densa, non troppo ricca e nemmeno troppo "wow" a livello di immagini, ma con la giusta quantità di semplicità e ricerca nel dettaglio e nella parola giusta.. Con un ritmo fluido senza scadere in quella ricerca nazista dell'essenza col minor numero possibile di parole (tipica di una certa ala fanatica moderna). Questa cosa qua è quello che io ambisco a padroneggiare se mai dovessi avere qualcosa da dire per un romanzo. Poi vabe', l'idea di base è fortissima. Quindi, bravissima (ancora una volta)
  15. Intro

    [MI 122] L'ultima volta

    Ciao @Lizz, mi unisco alle osservazioni sui pregi di questo pezzo, che già ti hanno fatto notare. L'unica cosa che non mi ha permesso di apprezzarlo fino in fondo è un'osservazione a carattere personale sul tuo argomento centrale: Del cancro, come di altri mali universali (tipo la guerra) ho la sensazione che non ci sia proprio più nulla da dire a livello letterario. Li abbiamo "consumati".
×