Vai al contenuto

Writerock

Scrittore
  • Numero contenuti

    86
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

41 Piacevole

3 Seguaci

Su Writerock

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

1.399 visite nel profilo
  1. Writerock

    GoodReads: come usarlo e perché.

    Qualche anima gentile riesce a spiegarmi come creare un profilo autore? Ci sto provando ma non ci riesco... mi sento un imbranato! Grazie.
  2. Writerock

    L'angosciante autopromozione

    @AdStr restando in tema calcistico, come avevo già detto in altre discussioni, io non aspiro a essere come il Real Madrid. Mi accontenterei di una tranquilla Lega Pro. Io non parlerei di sopravvalutazione delle aspettative, quanto piuttosto di un'assoluta, quanto inattesa, immobilità. Una permanenza continua in terza categoria, se vogliamo. Dunque l'autopromozione diventa una assoluta necessità con la quale uscire dall'anonimato e dall'inutilità di aver pubblicato un libro. Tutto questo dopo aver impiegato un sacco di tempo per scriverlo e per trovare l'editore disposto a pubblicarlo (con la conseguente, interminabile, attesa). Avendo utilizzato lo stesso tempo per consegnare le pizze come fattorino avrebbe riempito di maggiori gratificazioni il nostro portafogli e il nostro ego. Da questa serie di situazioni, l'angoscia.
  3. Writerock

    L'angosciante autopromozione

    Io, sinceramente, non lo trovo così angosciante. Anzi, spesso mi diverte pensare a nuove idee per promuovere la mia opera. Tuttavia, essendo noi autori, preferiremmo impiegare il nostro tempo per scrivere nuove storie, anziché studiare e impelagarci in un mondo (quello promozionale) di cui non conosciamo bene tutti gli aspetti. E, come spesso accade, il fatto di non ottenere risultati evidenti potrebbe creare angoscia.
  4. Writerock

    JACQUELINE

    Riccardo Neri è uno scrittore spavaldo e sicuro di sé. La sua fama è legata a una vecchia trilogia fantasy e ora, dopo molto tempo, ha ritrovato l’ispirazione. Improvvisamente nella sua vita compare la bella Jacqueline ma, nonostante la complicità che si crea tra loro, Riccardo non riesce a conquistarla. Chi è realmente Jacqueline? Che cosa vuole da lui? E perché è così ambigua? L’apparente dolcezza e sensualità della ragazza si riveleranno uno strumento fatale e ingannevole dal quale Riccardo dovrà salvarsi.
  5. Writerock

    L'angosciante autopromozione

    @heightbox sono d'accordo, ma con ciò si presume che tu abbia pubblicato con una casa editrice importante, in grado di distribuirti in maniera capillare. Per noialtri, che al massimo possiamo aspirare a riempire le librerie della sola nostra città/paese, il discorso è più complicato. In questo senso ritengo fondamentale che il nostro romanzo sia disponibile in e-book, perché un lettore magari 5 euro per uno sconosciuto li investe, rispetto ai 12-13 euro del cartaceo. E poi ti confesso che io, più che nelle librerie, la ricerca del romanzo da leggere la faccio soprattutto in rete e valuto ogni tipo di libro che mi capiti davanti, se suscita il mio interesse. Insomma, è sempre un discorso soggettivo. Ovviamente, per arrivare ai grandi numeri, non c'è ricetta vincente. Ma soprattutto, se c'è, ti devi sbattere tutti i giorni.
  6. Writerock

    L'angosciante autopromozione

    @naty risultati immediati in termini di vendite certamente no. Tuttavia, per me le recensioni sono imprescindibili. Voglio dire... un libro può pure catturare il mio interesse mediante una efficace promozione ma a quel punto io, per comprarlo, ho bisogno di leggere alcune recensioni. E se sono di un blog letterario tanto meglio.
  7. Writerock

    L'angosciante autopromozione

    Sì, ma è meglio di niente. Alla lunga qualche risultato possono portarlo, dato che ci si può sempre risalire con una ricerca su Google. Proprio di recente una persona mi ha detto di aver acquistato il mio libro dopo aver letto una recensione su un blog. Certo... parliamo di un libro, non di centinaia.
  8. Writerock

    goWare Editions

    @Kora87Nessuna prelazione, nessun vincolo.
  9. Writerock

    [Riviste culturali] 150 euro per farsi promuovere.

    L'opportunità è interessante, ma 150 euro francamente sono troppi.
  10. Writerock

    Oltre il primo romanzo: riflessioni

    Sì, noto un'attenzione maggiore. Inevitabilmente direi. Il fatto di "tenere sempre presente il destinatario della narrazione" credo sia un concetto valido sempre, indipendentemente che sia il primo o il quinto romanzo.
  11. Writerock

    Oltre il primo romanzo: riflessioni

    @Sissy ciao. Ho pubblicato tre romanzi, sto per cominciare il percorso con il quarto. Condivido perfettamente il tuo discorso sullo stile, sulla ricerca di raccontare sempre in modo diverso una nuova storia. Nello stesso tempo, però, con le nuove opere avverto pure una certa "ansia" da risultato. Mi spiego... il mio terzo romanzo è stato, se vogliamo, un nuovo inizio. Non pubblicavo qualcosa dal 2009, quindi è stato come esordire daccapo. Ma una volta rientrato nel mondo editoriale, il pensiero che molto probabilmente il nuovo romanzo sarà pubblicato mi induce a un tipo di scrittura più pensata, meno libera, più attenta al probabile impatto col pubblico. Un limite o piuttosto una risorsa? Lo scoprirò.
  12. Writerock

    L'angosciante autopromozione

    @Stellina_90 ciao. Ho letto il tuo post, scritto veramente bene. Capisco il tuo "non voler correre appresso alla gente", mi ci rivedo. Ma sui social è diverso. Non hai da correre dietro nessuno. Tu hai il tuo profilo, pubblichi ciò che ti pare e intanto la gente ti legge. Il punto è ricercare la propria originalità, o almeno la propria caratterizzazione. Cosa succederebbe se non ricorressi all'autopromozione? Nulla di grave: probabilmente non venderesti nessuna copia del tuo libro. Se invece lo facessi? Probabilmente ne venderesti qualcuna. E magari a quel qualcuno piace la tua storia e il tuo stile e ti consiglierà ad altre persone. Pubblicizzarsi è necessario. Non vedo altre soluzioni. Almeno per noi poveri scrittori mortali esordienti/emergenti. Nessuno, però, può dirti qual è il metodo migliore. Una strategia efficace per uno scrittore può rivelarsi disastrosa per un altro. Bisogna considerare molti fattori: genere, pubblico, capacità espositive, formazione. Assodato che sia inutile fare una generalizzazione, ti riporto brevemente la mia esperienza. Parti dal presupposto che, dal vivo, se penso di poter incontrare qualcuno interessato al mio libro, io cambio strada. Su internet, però, la situazione è diversa. Innanzitutto occorre una presenza stabile, ma non su tutti i social. Creerebbe solo dispersione. Io ho scelto un unico social: Facebook. Ho creato una mia pagina e quella è l'unica che alimento. Lì faccio confluire tutto ciò che riguarda il mio libro e la mia attività di scrittore. Scrivi che "non hai nulla da raccontare". Impossibile. Non devi parlare della tua vita privata, ci mancherebbe. A parte le curiosità riguardanti il tuo libro, puoi metterci riflessioni sulla scrittura, oppure puoi parlare delle tue letture o scrivere qualche aneddoto o breve racconto ispirato alla vita di tutti i giorni quando sei più ispirata. Le persone, in genere, sono affascinate da coloro che sanno scrivere. E tu devi essere in grado di sfruttare questo fattore. Col tempo scoprirai quali post hanno più seguito e magari ti verranno nuove idee. Io mi sono dannato tanto per promuovere il mio libro. Ho frequentato blog, forum, gruppi, ho chiesto recensioni, ho organizzato blogtour e giveaway. Pur ricevendo ottimi commenti, non ho avuto un riscontro immediato nelle vendite. Di tanto in tanto, però, qualche sconosciuto mi faceva sapere che avrebbe comprato il mio libro. Poi un bel giorno ho avuto la fortuna di rientrare nell'offerta lampo di Amazon e ho fatto il botto. Sono arrivato secondo in classifica generale e da allora il romanzo vende con una certa regolarità (numeri bassi, intendiamoci). Molto probabilmente sarei arrivato secondo anche senza aver promosso il libro con tanto impegno in precedenza, però mi piace pensare che avevo creato una certa curiosità e ciò ha indotto molte persone a scaricarlo quando lo hanno visto in offerta. Nello stesso tempo, ora che il libro ha un nome meno sconosciuto, sto cominciando ad aumentare la presenza "fisica", con presentazioni, reading e via dicendo. Non so se la mia risposta sia stata soddisfacente. E' un tema lungo che non si può affrontare in poche battute.
  13. Writerock

    goWare Editions

    Sottoscrivo. Pure io sono arrivato ai primi posti grazie alla promozione su Amazon. È un'ottima opportunità per farsi leggere da tante persone e chissà... sperare che si inneschi il passaparola. A parte questo, il lavoro di editing è ben curato, sono puntuali e gentili e mi sono trovato molto bene in ogni aspetto. Quindi la consiglio fortemente e ringrazio questo forum per avermela fatta scoprire.
  14. Writerock

    Jacqueline

  15. Writerock

    Jacqueline

    Per tutta la giornata di oggi 16 novembre, l'ebook del mio romanzo è in offerta lampo su Amazon a 0,99 Euro! https://www.amazon.it/Jacqueline-Rocco-Cascini-ebook/dp/B073YPJ7BC/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1510789673&sr=1-1&keywords=jacqueline&dpID=411G21O0U-L&preST=_SY445_QL70_&dpSrc=srch
×