Vai al contenuto

gregorio

Utente
  • Numero contenuti

    81
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutrale

Su gregorio

  • Rank
    Sognatore
  1. gregorio

    Premio Letterario Giovane Holden

    sperando di afre cosa gradita e giusta, copio qui la mail che mi è arrivata Sono aperte le iscrizioni alla v edizione del Premio Letterario Giovane Holden. Possono partecipare opere inedite ed edite. In premio la pubblicazione (manoscritti inediti) e un soggiorno in Versilia (testi editi). Perché partecipare a un Premio Letterario? Le motivazioni possono essere molte, ma solitamente la più frequente è il desiderio di mettersi in gioco sfidando virtualmente una giuria composta da addetti ai lavori quali editor, giornalisti, scrittori. Dal 10 gennaio c.a. al 30 aprile c.a. è possibile lanciare il guanto di sfida alle Giurie della quinta edizione del “Premio Letterario Giovane Holden”, organizzato da Giovane Holden Edizioni di Viareggio (Lu) in collaborazione con l’Associazione Culturale I soliti ignoti. Il Premio è rivolto a tutti i cittadini, italiani e non, che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età. Si può partecipare con opere inedite (cioè mai pubblicate) scritte in lingua italiana, oppure con opere edite scritte in lingua italiana e dotate di codice ISBN (International Standard Book Number), il codice numerico utilizzato a livello internazionale per la classificazione dei libri. Il Premio si articola in cinque sezioni: romanzo inedito, racconto inedito, poesia inedita, romanzo edito, silloge edita. Gli elaborati – nel numero di quattro se inediti, tre se editi - devono essere consegnati a mano o inviati a mezzo posta prioritaria o per raccomandata entro il 30/04/2011 al seguente indirizzo: Giovane Holden Edizioni – Segreteria del Premio Letterario Giovane Holden – via Rosmini, 22 – 55049 Viareggio (Lucca). Per le opere inedite sono obbligatori sia il formato cartaceo che la copia digitale (salvata su supporto magnetico: floppy o cd). Sono previste due giurie: una per le opere inedite e una per le opere edite Entrambi i presidenti saranno affiancati da esperti del settore. Le giurie selezioneranno i finalisti (minimo dieci per ogni sezione) e i vincitori, uno per sezione. I vincitori di ciascuna sezione inedita riceveranno in premio la pubblicazione del proprio elaborato da parte della casa editrice. I vincitori di ciascuna sezione edita riceveranno in premio un soggiorno in Versilia per due persone, della durata di due notti (un weekend), in Hotel quattro stelle nel febbraio 2012 in occasione del Carnevale di Viareggio. A tutti i finalisti sarà consegnato un attestato di merito; ai vincitori di sezione sarà consegnata una targa personalizzata. La proclamazione dei vincitori e la consegna dei premi avverrà nel settembre 2011 a Lucca. Il bando completo e i moduli di iscrizione sono scaricabili dal sito
  2. gregorio

    Il giusto prezzo dell'eBook

    Dicevo così anche io... adesso la mia alternativa è comperare una casa più grande (ma mooolto più grande) per farci stare tutto il cartaceo. Oppure prendere l'ebook se esiste. Lo spazio zero degli ebook, più che per i lettori forti, è per i compratori forti. Con i libri che devo ancora catalogare credo di superare soglia 2000... in un eReader ci stanno comodi, in un monolocale di 55 mq no... hahahahah verissimo... infatti, l'ebook ha questa funzionalità che troppo spesso viene dimenticata.certo, possiamo stare qui a fare i romantici, dire che un libro vero ha tutt'altro effetto...tutto quello che vi pare...ma credo che discorsi simili li facessero anche quando gutenberg inventò il modo di stampare i libri, con buona pace agli ammanuensi... poi, chi vuole ancora prendere le copie cartacee, ne ha sempre la facoltà, ma avere la possibilità di leggere qualsiasi cosa senza il rischio di spendere soldi (e tanti) per una cosa che poi si rivela illegibile, secondo me è una stupenda evoluzione... ma qui in italia ancora non lo hanno capito... 16euro per il mio manoscritto elettronico...ma che droghe usano? io stesso non me lo comprerei
  3. gregorio

    Il giusto prezzo dell'eBook

    dico solo che una casa editrice mi ha proposto di essere pubblicato con loro prima come ebook e se poi avessi venduto 2-300 copie (non ricordo bene, forse anche di più) mi avrebbero stampato il libro su carta. sapete quanto voleva vendere l'ebook? 16euro... qui stiamo parlandi di un massimo di 5euro, con una media commenti, se non sbaglio, a 3 euro...mah...
  4. gregorio

    Le nostre esperienze editoriali

    Altro consiglio: la presentazione dev'essere la prima di una lunga e continuativa serie di eventi pubblici che in un modo o nell'altro ti vedranno coinvolto si, su quelle gia sto lavorando...anche se manca un anno, mi sto lentamente guardando intorno, associazioni culturali, ludoteche e cose varie...so bene che devo essere il primo a farmi pubblicità. e lo farò...senza sosta...almeno queste sono le mie intenzioni. e grazie del consiglio...se ne hai altri sono ben accetti!!!
  5. gregorio

    Il giusto prezzo dell'eBook

    ho messo meno di 4 perchè non si ha alcun costo. una volta fatto l'editing, impaginato e data la struttura giusta, non si ha altro costo, quindi perchè pagarlo come uno oggetto che ha mille altre lavorazioni in più? (si,sono costi, per carità, ma non abbiamo stampa e distribuzionecon mezzi di traspoto) in questo caso, si darebbe molto più spazio ad un esordiente, no? immaginate di dover pagare 16-17 euro per un libro di una persona sconosciuta. sarà un capolavoro? forse, ma molto probabilmente un fiasco come molti altri. investi tutti quei soldi su una probabilità? se invece costa poco puoi anche tentare, e se è pessimo, pazienza...ti puoi permettere di sbagliare 4 esordienti in questo modo..
  6. gregorio

    Le nostre esperienze editoriali

    dakryss, veramente un consiglio utilissimo!!! mi informo appena posso, almeno mi organizzo. se tutto dovesse andare come detto, la presentazione dovrebbe avvenire in un posto abbastanza particolare...ma per scaramanzia, non dico oltre :-)
  7. gregorio

    Le nostre esperienze editoriali

    a molta distanza dal mio primo intervento, mi rifaccio sentire oggi perchè il giorno della vigili ho spedito il contratto di edizione firmato alla casa editrice. quindi, provo a buttare giù quelle che sono le mie esperienze fino ad oggi, ossia, in attesa di iniziare l'editing. premesso che da sempre ho considerato la pubblicazione a pagamento una sorta di fregatura (e ringrazio WD che ha rafforzato e confermato questa mia idea), ho cercato fin quando non è saltato fuori la casa editrice free. finito il libro, dato in lettura ad alcuni amici che hanno corretto il più possibile gli errori grammaticali, a maggio l'ho spedito a tutte le case editrici fantasy possibili. il tempo è trascorso e a inizio settembre questa piccola casa editrice mi manda una mail dicendo di volermi pubblicare. ovviamente, con le orecchie dritte, ho spulciato l'eventuale contratto (persino controluce, anche se lo avevano mandato via mail). niente, nessuna fregatura in vista (il fatto che sia piccola e che la distribuzione non è quella delle grandi non lo vedo come una fregatura). con in mano questa incredibile notizia, mi sono dato da fare per accelerare i tempi delle altre case editrici che avevo contattato. beh, mondadori, salani, newton e altre grosse, mi hanno detto no. sembrerebbe una cosa negativa, e in effetti lo è, ma aver parlato direttamente con le persone che selezionano i testi pubblicabili, aver sentito le loro ragioni, a voce e personalizzate (niente scuse standard) ma ha comunque fatto piacere perchè mi ha fatto capire cosa non va nel mio testo per essere da loro pubblicato. quindi, ora che correggerò il testo so bene su cosa lavorare. so già che mi dovrò dare da fare per presentare il mio libro (prima di accettare ho contattato parecchi scrittori della stessa casa editrice e ho indagato un po', con discrezione, ovvio), e la cosa non mi spaventa. certo, vivere sugli allori sarebbe bello, ma io lo vedo come una rampa di lancio. il mio scopo è vendere più copie possibili per poter poi avere un buon biglietto da visita da presentare a case editrici maggiori e agenzie letterarie. cercherò di sfruttare tutti gli strumenti a mia disposizione per farmi conoscere e ottenere la possibilità di fare della scrittura il mio lavoro. un'ultima cosa: nelle case editrici esistono veramente persone gentili che aiutano e a volte, se ci si pone con cortesia, suggeriscono e propongono. una di queste mi ha detto che il fantasy classico non lo pubblicano, ma mi hanno detto di mandare un eventuale urban-fantasy perchè hanno apprezzato il mio modo di scrivere. per ora ho scritto e inviato la trama... that's all
  8. gregorio

    Riviste che pubblicano e retribuiscono racconti

    buko, sei un grandissimo!!! hai dato modo a molti di noi di andare a ricercare un posto dove tentare di farsi un nome (o le ossa). penso che sia un modo, oltre che per guadagnarci qualche soldo ed esprimere la propria creatività, per aggiungere note sul curriculum letterario. quello che mi dispiace maggiormente è che il fantasy non è troppo ricercato X( ma la creatività non dovrebbe avere limiti, no? quindi anche io farò qualche ricerca...grazie veramente di cuore buko
  9. gregorio

    Short Challenge: A quando l'utente 1500?

    io dico il 2 di febbraio...mi pare non l'abbia preso nessuno
  10. gregorio

    Più libri più liberi, Roma 4-8 dicembre 2010

    bradipi, nautils e jack shark grazie infinte!!!! un'emozione infinita!!! adesso devo ritrovare la calma...calmaaa...caaalmaaa vorrei segnalare la bel-ami edizioni, incontrati proprio lì (dopo due parole ho segnalato WD come punto di riferimento per ogni aspirante scrittore e non, e loro mi hanno detto di conoscere questo forum). accettano nuove proposte, di ogni genere, basta che siano dei bei scritti. mi sono sembrati simpatici e cortesi. passate a trovarli, o contattateli. ora, questa notizia la scrivo pure nei post riguardanti le case editrici...
  11. gregorio

    Libri Pessimi

    palahniuk ha quel qualcosa di nonsochè in ogni libro. magari alcuni sono veramente fantastici, altri un po meno, ma divertenti senza dubbio... ***ewan...in effetti, il libro del fascismo lo hai descritto così orrendo da aver incuriosito anche me... ***deadcities...io spesso mi faccio fregare dai titoli...e poi non so nemmeno leggere!!! ho preso un romanzo, 'la cattedrale del mare' convinto di aver letto 'la cattedrale del male' ahhahahahahah dopo un po mi sono detto 'ma quando esce satanasso???' poi ho letto meglio il titolo...fortuna che si tratta di un bel romanzo. devo finirlo, ma bello...per ora...aspetto il finale...
  12. gregorio

    Più libri più liberi, Roma 4-8 dicembre 2010

    ci sono stato oggi... E HO FIRMATO IL MIO CONTRATTO DI EDIZIONE!!! sono al settimo cielo!!!!!!!!!!!
  13. gregorio

    Più libri più liberi, Roma 4-8 dicembre 2010

    io ci vado domani...c'è nessuno con cui incontrarsi?
  14. gregorio

    Libri Pessimi

    fight club è bello, ma consiglio Cavie, sempre di palahaniuk. un qualcosa di sconvolgente che lascia il lettore sconvolto. ma siccome qui si parla di libri orrendi, beh, ne ho proprio uno (la colpa è tutta mia, sono un idiota, ma la copertina e il gioco mi avevano rapito). ASSASSIN'S CREED. una schifezza allucinante. narrato come fosse un elenco di fatti, senza un minimo di phatos o altro. IL VANGELO SECONDO SATANA, un giallo-religioso, una sorta di codice davinci, parte benissimo, intrigante, bello, e finisce con fbi, mafia e mille altre cose assurde che non vi dico...da evitare...
  15. gregorio

    I Demoni di Eukora - cap. 3

    grazie Fania... ci sto lavorando e già credo di aver apportato modifiche essenziali...
×