Vai al contenuto

Jair Ohmsford

Utente
  • Numero contenuti

    635
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Jair Ohmsford

  1. Jair Ohmsford

    Quando la donna rifiuta un uomo

    Ottima riflessione: può succedere anche questo, se si commette l'errore di pensare che dall'altra parte c'e' una persona che ragiona esattamente come ragioniamo noi (ammesso e non concesso che si dia al sesso un significato che non contempla solamente il piacere fisico). Poi, chiaramente, non si può fare un discorso sempre valido: una persona può anche vivere periodi diversi con esigente e desideri che possono cambiare nel tempo, anche in base alla persona che si trova davanti.
  2. Jair Ohmsford

    Quando la donna rifiuta un uomo

    Scusa, mi era sfuggita la domanda... Fare solo sesso (che per me è diverso dal fare l'amore) non mi appaga. Farlo mi lascerebbe l'amaro in bocca, anche sapendo che non è affatto una cosa brutta e orribile. Può dare sensazioni belle sul momento ma dopo mi rimarrebbe un senso di vuoto (non senso di colpa, ma proprio di vuoto). Non è una cosa che parte da valori o regole da seguire o da una mia riflessione, succede è basta. Sento il bisogno di condividere con una donna anche emozioni e sensazioni che non abbiano nulla a che vedere con il corpo e il fisico. Probabilmente è anche perchè sono molto romantico e sensibile e in generale nella vita non mi piace raggiungere obiettivi transitori, ma miro sempre a ciò che considero più appagante a 360 gradi.
  3. Jair Ohmsford

    Quando la donna rifiuta un uomo

    Non ho detto che è sbagliato, ho detto che può non piacere e può non essere sufficiente per qualcuno, il che è diverso. Conosco ragazze e ragazzi che lo fanno più volte a settimana per puro piacere ma dal momento che non danneggiano nessuno, non mi permetto di giudicarli male solo perchè per loro il sesso è diverso da come lo vedo e lo considero io. Ogni persona ha necessità diverse proprio perchè ogni persona è diversa.
  4. Jair Ohmsford

    Quando la donna rifiuta un uomo

    E' proprio questo che a molte persone non piace (non necessariamente per motivazioni religiose) e perciò gli si dà un valore e uno scopo diverso, più importante e che la persona reputa più profondo e non soltanto finalizzato al piacere. Sono d'accordo con queen: l'amicizia tra uomo e donna, quella vera, esiste. Io l'ho trovata e non una sola volta e quelle che ho ora me le tengo ben strette perchè si tratta di qualcosa di estremamente raro e proprio per questo speciale.
  5. Jair Ohmsford

    Facebook e social network

    Quoto e sottoscrivo tutto. L'ultima parte non mi è capitata, forse perchè essendo rimasto disgustato dopo appena mezz'ora non ho avuto il tempo di farmi i fatti degli altri. Msn è infinitamente meglio per tenersi in contatto con gli amici e ha il vantaggio di mostrare agli altri di te solo quello che scrivi/mostri tu in quel momento, mentre chatti.
  6. Jair Ohmsford

    Sara Scazzi è morta

    Se prima ero angosciato e mi veniva da piangere per questa orribile storia, adesso sono anche schifato. Perchè in televisione qualcuno ha affermato che pure Sara non era certo una santa visto che aveva più profili su Facebook e quindi chissà cosa faceva lì sopra... Mi viene da vomitare... A certe persone della tv voglio dire: vergognatevi, anche se non avete ucciso nessuno, siete dei mostri!
  7. Jair Ohmsford

    Facebook e social network

    Vediamo se indovino...tra un pò si lamenterà del fatto che su internet non esiste più privacy!
  8. Jair Ohmsford

    Facebook e social network

    Siccome non ho l'abitudine di sparare a zero sulle cose che non conosco, dopo il rifiuto per Facebook ho provato anche Twitter per vedere se era davvero migliore e diverso da FB, come molti mi avevano detto. Ho resistito 4 ore nette (considerando anche i momenti lontano dal pc). Dopo ho sentito la necessità impellente di cancellarmi. Il motivo del mio disgusto non è di tipo ideologico, ma è proprio il meccanismo dei social network a essermi indigesto. Io mi connetto ogni giorno per leggere questo forum, gestire i miei siti e sentire qualcuno via msn o per email. La cosa più bella delle ore che passo in rete è il fatto che ci sono momenti - anche lunghi - in cui mi appaiono tre magiche parole sulla posta: nessun nuovo messaggio. Anche quando controllo il mio sito, alcune volte non c'è nessuno che abbia postato qualcosa. Persino su questo forum, che è molto frequentato, a volte non trovo discussioni nuove che mi interessano. E questo è bellissimo perchè in quel caso non faccio nulla, non intervengo e non ho cose da sistemare o controllare. Poi, quando trovo qualcosa di interessante, è bello intervenire e dire la mia. I social network, quando li usi per pubblicizzare un'attività o una passione, sembrano fatti apposta per bombardarti di aggiornamenti e messaggi e finiscono per diventare un lavoro pressante e che non finisce mai. Sembrano fatti apposta per tenerti incollato lì almeno per un certo numero di ore settimanali. Questo è ciò che non sopporto: non mi piace essere inondato di nuovi messaggi/notifiche/inviti ogni giorno, perchè ho bisogno dei miei bei momenti in cui non fare nulla e non leggere niente. L'eccesso di informazioni continue - utili o stupide che siano - mi dà fastidio. Un'altra cosa che non sopporto è avere tra gli amici/follower persone che non conosco. Voglio dire: se una persona interagisce in qualche modo con me aggiungendomi, non dico che deve diventare mia amica, ma almeno parlarmi sì! Essere in qualche modo cercato e poi non ricevere messaggi da qualcuno lo trovo molto anomalo, è una forma di comunicazione innaturale e che non mi piace, come se uno dicesse : "Mi interessa quello che scrivi, quindi vengo a leggerti ogni giorno e te lo faccio anche sapere inserendoti come amico, però non ti parlo". Preferisco i blog: ci sono tante persone che ti leggono e non commentano mai, ma di quelle persone tu non saprai mai niente visto che non interagiscono in nessun modo con te perchè non sono interessate a contattarti o commentarti. Semplicemente: non ti cercano e quindi non lasciano tracce. I social network non fanno per me: troppo caotici e soffocanti. Magari, per un uso più personale può essere diverso, ma anche in quel caso non ci vedo nessuna utilità per me.
  9. Jair Ohmsford

    Sara Scazzi è morta

    Anch'io lo stavo seguendo e anch'io ho pensato le stesse cose. Non pensavo che fosse scappata ma speravo con tutto il cuore che fosse stata rapita e che poi fosse scappata in qualche modo. Dirò una preghiera per lei, per la mamma e tutte le persone a lei care.
  10. Jair Ohmsford

    Buon compleanno Bossah!

    Buon compleanno Linda!
  11. Jair Ohmsford

    Banna un utente anche tu!

    Io banno Jess per eccesso di violenza, ripetuta e aggravata!
  12. Jair Ohmsford

    Sto realizzando un cartone animato

    Grazie, Enrica! Concordo su Elena: interpretazione e voce favolose.
  13. Jair Ohmsford

    Sto realizzando un cartone animato

    Avviso il forum che sto lavorando su un piccolo cartone animato che riguarderà l'editoria e gli scrittori. Sarà un cartone animato comico ma con messaggi reali sul mondo dell'editoria e sarà trasmesso via internet con modalità ancora da definire. Siccome ci saranno voci e suoni oltre alle animazioni dei personaggi, volevo sapere se qualcuno voleva partecipare per doppiare qualche personaggio. Eventualmente, posso fornire un copione e le battute registrate possono essermi spedite via internet. Ovviamente è richiesta serietà e voglia di lavorare insieme, oltre a un certo impegno nella recitazione. Ai partecipanti garantisco il proprio nome nell'elenco degli "attori", oltre alla mia gratitutine Ci vorrà sicuramente molto tempo per realizzarlo, ma ho già tutto in mente, soprattutto il protagonista, che sarà memorabile . Forse, se la cosa avrà successo, realizzerò una vera e propria serie a puntate, ma per pensare a questo è ancora troppo presto... A breve darò altre informazioni sui ruoili richiesti, nel frattempo se avete domande sono qui.
  14. Jair Ohmsford

    Siete disposti a (s)vendervi?

    perfettamente d'accordo Chi mi ama mi segua per quella che sono, non per quella che vorrebbe che fossi... Che dire? Quoto e sottoscrivo al 100%. Neanche la possibile ricchezza mi farebbe cambiare idea. Ovviamente con le dovute eccezioni: cambiare un pò stile e trama non è come cambiare totalmente genere per scrivere qualcosa che non approvo e non mi appartiene.
  15. Jair Ohmsford

    Giocare a scacchi

    Qualcuno di voi gioca a questo meraviglioso gioco da tavolo? Ho scoperto questo gioco online e ci faccio spesso un salto: http://games.yahoo.com/games/login2?page=ch&ss=1 Se qualcuno vuole sfidarmi o divertirsi un pò con me me lo faccia sapere. Personalmente, lo ritengo un gioco meraviglioso. E' tattico e strategico al massimo, ma stimola in maniera incredibile la memoria e la riflessione. In alcuni stati è stato suggerito come materia scolastica perchè sviluppa le capacità spazio-temporali. La cosa più bella del gioco è che per vincere, serve anche capire il carattere dell'avversario. Il suo modo di muovere i pezzi la dice lunga su quanto può essere timido, spavaldo o magari in difficoltà. Al di là della bravura, c'è una componente psicologica notevole che può cambiare le sorti della partita. Capire chi si ha davanti aiuta molto a livello strategico. Un'altra cosa bella è il fatto che si può pareggiare la partita, anche in caso di evidente svantaggio. Teoricamente, puoi pareggiare anche se resti solo con il re contro l'esercito avversario. Oppure quando si verificano certe condizioni (stallo, patta, patta teorica, 50 mosse senza scacco o pezzi mangiati, ecc...) Mi piacerebbe che questo topic fosse utilizzato anche per scambiarci opinioni sulle nostre tattiche e modi di giocare. Magari anche per consigli e per raccontare le proprie esperienze. Vi aspetto.
  16. Jair Ohmsford

    Sto realizzando un cartone animato

    Ciao Ilaja, ti ringrazio per il sistegno e per le belle parole. Se leggi il mio messaggio precedente, troverai il link per vederlo (l'ho pubblicato ieri). Il cartone animato l'ho realizzato usando i software Adobe Photoshop, Adobe Flash e Audacity. Non sapendo disegnare, ho utilizzato clipart gratuite che ho poi modificato e adatto in Photoshop. Poi ho creato pixel per pixel le animazioni della bocca e degli occhi e ho aggiunto le battute registrate con un apposito microfono e modificate/sistemate con Audacity. Tutte le animazioni sono state create in Flash.
  17. Jair Ohmsford

    Sto realizzando un cartone animato

    Ok ragazzi, finalmente ci siamo! Questa è la versione base apposta per youtube: Seguirà una versione con qualità superiore (soprattutto per l'audio) e altre curiosità, che sarà pubblicata sui miei siti. Naturalmente, ci saranno anche altri episodi...e il secondo è già in realizzazione!
  18. Jair Ohmsford

    Siete disposti a (s)vendervi?

    Metaforicamente l'intellettuale è il filosofo e la massa è rappresentata dai religiosi. Grazie per la spiegazione, ora è più chiaro. Anche se ritengo che si possa essere intellettuali a prescindere da fede/ateismo. Al di là di questo, il tuo discorso precedente secondo me in parte ci prende. Voglio dire: l'appiattimento degli argomenti disponibili (decisi spesso dai media, ma non solo) e trattabili alla fine porta alla distinzione tra ciò che è commerciale e ciò che non lo è. Le persone si fanno condizionare eccome dalla propaganda mediatica, non solo quando si fanno passare per capolavori titoli mediocri. Quando uscì il Signore degli Anelli al cinema, quel capolavoro ha portato tantissime persone a cimentarsi nel fantasy, quando fino al giorno prima non gliene importava nulla di quel genere. Stesso discorso per Twilight. Ritengo quindi che la presunta o reale appartenenza di uno scrittore a un filone o genere, spesso (ma non sempre, per fortuna) è una pura questione di moda o di tentativo di omologarsi allo "standard attuale" per avere maggiori possibilità. Non c'è nulla di criminoso in questo, però mi domando: come scrittori (e non come lettori) è così facile diventare appassionati di un genere e abbandonare il precedente, da un giorno all'altro? E solo perchè è uscito un presunto o reale best seller che vende tanto ? @ ewan_j: anche io come te sono contento che esistano, in Italia, libri che forniscano un contraddittorio su certi argomenti, anche se non mi ci ritrovo come idee.
  19. Jair Ohmsford

    Siete disposti a (s)vendervi?

    Nalea il tuo discorso è davvero interessante, solo che non ho capito l'ultima parte...non ho capito cosa centrano la religione e il "tappare il buco"... Se tutti scrivono un certo argomento e con una certa ambientazione, io se mi ci ritrovo e mi piace lo faccio...Allo stesso modo - se questo è quello che intendevi tu - se per me un argomento mai trattato è importante, lo inserisco nel mio libro. Teoricamente, si potrebbe scrivere anche un romanzo che parla di alieni e viaggio nel tempo (argomenti tutt'altro che originali) e basarlo sull'importanza della religione, se è quello il messaggio che l'autore vuole mandare...Ma se fa questa scelta non è detto che lo faccia perchè la società e i media dicono così, ma magari (almeno si spera) perchè per lui è davvero importante quello che vuole comunicare e l'ambientazione lo fa sentire a suo agio nella scrittura.
  20. Jair Ohmsford

    La poesia è un oggetto di consumo?

    Questa è bellissima. Condivido perfettamente. La poesia è un mezzo straordinario che è l'antitesi del potere e della ricchezza materiale sopra ogni cosa...
  21. Jair Ohmsford

    Giocare a scacchi

    Lo scambio è una mossa che ti permette di mangiare un pezzo nemico sapendo che poi sarà a sua volta mangiato da un altro pezzo. Ad esempio: mangi la regina con un cavallo sapendo che questo sarà poi rimangiato. In questo caso lo scambio è conveniente perchè perdi un pezzo leggero per mangiare quello più forte. A volte, se si è in vantaggio, ad esempio con due torri e l'avversario una sola, è utile scambiare la regina con quella nemica. In questo modo si aumenta il vantaggio, indebolendo l'avversario. Alcuni però fanno scambi a raffica pur essendoci una situazione di parità: appena vedono che nonostante la parità stanno per soccombere (perchè magari hanno giocato male), per scombinare la tua strategia scambiano regina con regina e poco dopo torre con torre. Si rimane sempre in parità perfetta ma la tua strategia d'attacco ormai è vanificata, perchè i pezzi pesanti con cui attaccavi non li hai più. Riguardo alla regina come pezzo più potente, non so rispondere alla tua domanda...
  22. Jair Ohmsford

    Giocare a scacchi

    Ragazzi, voi la usate mai la presa al varco tra pedoni? Sembra strano ma c'è gente che dice che non esiste e che è una mossa irregolare A me non capita quasi mai di usarla, effettivamente è raro che si verifichino le condizioni per farlo, ma da qui a dire che non esiste... Altra cosa: io comincio a odiare quei giocatori che appena sono in parità ma in evidente difficoltà iniziano a fare scambi a raffica: regina con regina - torre con torre - alfiere con alfiere...
  23. Jair Ohmsford

    Giocare a scacchi

    Ok perfetto! Grazie a entrambi!
  24. Jair Ohmsford

    Giocare a scacchi

    Allora ragazzi, chi vuole farsi una bella partita con me me lo faccia sapere che ci mettiamo d'accordo. Non vi lamentate però se vincete troppo facilmente...
  25. Jair Ohmsford

    Siete disposti a (s)vendervi?

    Io lo farei e non necessariamente sotto falso nome. Tu dici: "Se arrivi a voler pubblicare quello che scrivi è perché vuoi che venga letto da un elevato numero di persone." Esatto, ma la motivazione che sta dietro a questa esigenza può avere scopi diversi, tra cui la soddisfazione del proprio ego.
×