Vai al contenuto

Jair Ohmsford

Utente
  • Numero contenuti

    635
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Jair Ohmsford

  1. Jair Ohmsford

    fiere del libro

    Forse ci sarò anch'io...anche se non è sicuro
  2. Jair Ohmsford

    Forbito o no?

    Penso dipenda anche dai gusti dei lettori. Per fare un esempio, Tolkien faceva descrizioni ultra-minuziose anche con aggettivi e parole ben assortite...ma qualcuno preferisce uno stile più "scorrevole" e semplice. Io di solito preferisco questa seconda possibilità, anche se adoro certi capolavori come il signore degli anelli...
  3. Jair Ohmsford

    Il Nome di un autore

    Preferirei sicuramente il mio vero nome. Lo pseudonimo può essere una cosa carina, ma per come sono fatto io, lo vedrei solo come un modo per creare un pò di mistero intorno a me...e per carattere io odio i misteri, quindi...
  4. Jair Ohmsford

    Print on demand - quale scegliere ?

    Ti ringrazio per i consigli
  5. Jair Ohmsford

    Come inviare un manoscritto

    Io consiglio di lasciare anche un pò più di margine a destra e sinistra e di settare l'interlinea a 1.5....a molti editori piace avere spazio per lasciare annotazioni ai margini e tra una riga e l'altra
  6. Jair Ohmsford

    scrivere per se stessi o per gli altri

    Scrivi per te stesso se la scrittura è un mezzo per sfogarti e provare emozioni. Puoi rivedere il tutto e cercare di migliorarlo se vuoi, ma lo farai per un tuo desiderio personale privato. Scrivi per gli altri quando ti impegni affinchè ciò che hai scritto sia in una forma tale che possa trasmettere nel miglior modo possibile i messaggi che la tua opera vuole inviare ai lettori. In questo caso quindi, la tua storia non si limita a donarti emozioni mentre la scrivi, ma ti impegni maggiormente per rendere l'opera unica e apprezzabile dal maggior numero possibile di persone. La tua storia è sempre chiarissima per te: non hai dubbi su niente perchè l'hai scritta tu. Ma se devi scriverla anche per un pubblico esterno, devi lavorare affinchè non ci siano elementi che possano farla interpretare in modo diverso o poco chiaro. Infine, secondo me per scrivere per gli altri devi prima scrivere per te stesso...poi, quando correggi e sistemi l'opera, la rendi adatta anche al pubblico ( se sei bravo).
×