Vai al contenuto
  • Libri

    Pubblicizza qui il tuo libro! Clicca su "Aggiungi libro" e segui le istruzioni del sistema.

    • Nasch
      Editore non Presente sul WD: Nulla Die Formato/i: Cartaceo
      Luigi Nava, in arte Lewis Bull Nevada, è un emigrante di successo. Non americano, ma nemmeno più italiano, nato a Voghera sul finire dell'Ottocento, ha trovato fortuna dapprima a New York e poi a Los An­geles prestando il suo fisico imponente al mondo del wrestling e a quello dell'industria del ci­nema. Ingenuo, perso nella sua eterna rincorsa a quell'utopia che è stata, per lui, l'America, ha vissuto una vita premiata dalla sorte, ma le ha camminato accanto, toccandola appena, rimanendo in un limbo di come sarebbe stato e di mancate prese di posizione che hanno fatto di lui, anche dopo cinquant'anni vissuti da americano, un italiano emigrante, solo, desideroso d’integrazione e di una nuova nascita, ma sospeso a metà fra la nostalgia per le proprie radici e la voglia di cancellare tutto per rifarsi vergine in una nuova patria che si è sforzato di chiamare casa. Sarà riuscito, quel sogno iniziale, a rimanere intatto sino alla fine, o la disillusione l'avrà ridotto in cenere?

    • Editore Presente sul WD: Antipodes Casa Editrice Formato/i: Cartaceo
      Chi non ha affrontato nella vita difficoltà ed eventi traumatici? Quanti non si sono arresi e sono stati invece capaci di superarli rimettendosi in gioco? Quanti hanno reagito per poi rialzarsi più forti di prima. Quanti, come l’Araba Fenice, sono riusciti a rinascere dalle proprie ceneri?
      Sembra che il destino si sia proprio accanito contro Alina. Una madre poco amorevole, i difficili rapporti familiari, la morte degli affetti più cari e gli amori naufragati ne hanno minato la stabilità mentale ed emotiva. Nonostante la buona volontà, giunta quasi al termine della sua parabola discendente, comprende che l’unico modo per riuscire a non naufragare è quello di lanciare un ultimo appello d’aiuto.
      Gli incontri con Ludy le permetteranno di trovare la forza per andare avanti e farle sviluppare le risorse per superare i momenti di difficoltà che le sembrano non finire mai? Riuscirà a trasformare gli eventi negativi in opportunità per migliorare la sua vita?

    • Editore Presente sul WD: Brè Edizioni-Eroscultura Formato/i: Cartaceo, Ebook
      “Purple Lilies” è un romanzo Dark Fantasy la cui tematica principale è l’idea che ogni essere vivente custodisca dentro di sé, in un angolo profondo del proprio animo, qualcosa di buono, puro e incorruttibile. Nel corso del romanzo si intrecciano storie differenti che vanno via via fondendosi in un unico racconto. Le storie principali sono tuttavia tre. La prima è quella di Clara, una ragazza che presto andrà a lavorare in un istituto per orfani sul quale circolano strane voci a proposito di streghe e di bambini scomparsi nel nulla. L’estate che precede l’inizio del suo nuovo lavoro sarà segnata da un viaggio in Egitto costellato da cattivi presagi e incubi, che sembrano metterla in guardia contro un imminente pericolo. Lei e suo cugino Luke, per il quale la ragazza prova più che semplice affetto, scopriranno di avere una missione da portare a termine e una vita da salvare. Contemporaneamente viene narrata la storia di Lilith e Keith, la coppia che gestisce l’istituto nel quale Clara andrà presto a lavorare. Dalle loro parole emerge che vi sono altri motivi dietro l’assunzione di Clara e che uno sconvolgente mistero si cela tra le mura di quell’istituto. Si fa più volte riferimento a una “Confraternita” della quale i due sarebbero a capo e i cui membri non appaiono completamente umani. La terza storia è quella di Hope, nome che significa speranza, una degli orfani dell’istituto in questione. Hope è una bambina con poteri speciali ma il cui unico desiderio è quello di riavere sua madre e trovare il calore di una famiglia. Lei intreccerà i destini di Luke e Clara con quelli di Keith e Lilith, fino a fonderli, in un crescendo emozionante e sorprendente. Vivrete questo “romanzo-viaggio” come una esperienza extrasensoriale che lascerà un segno nel vostro cuore. Come un giglio viola.

    • Formato/i: Cartaceo
      Arte, musica e piccole magie si riflettono da un’aria all’altra di storie reali. Un intreccio e un richiamo di circostanze, a distanza di epoche e di territori.
       
      La storia di un ceramista genovese, che si innamora di una bottiglia perfetta; quella di un cane che viveva le fantasie del suo padroncino come fossero reali; un musicista che trova risposta della parabola di Giobbe, in un fantastico giardino orientale; due maestri giapponesi che si incontrano e condividono la loro arte; un monaco della Cina medievale, che scopre emozioni e sentimenti sconosciuti, ma…; una indimenticabile lezione del maestro Yuen; un padre ritrovato, una storia dal lago d’Iseo; le sirene assassine, nella riviera di Nervi; la clessidra ad acqua, una lezione sull’originalità e sull’autenticità; un misterioso libro ritrovato, che segna il destino di due studiosi durante il colera nella Genova Ottocentesca.

    • Editore non Presente sul WD: collana policromia Formato/i: Cartaceo, Ebook
      INCIPIT
               Le ancore che lo trattenevano erano state issate da tempo e, come una barca senza nocchiero, seguiva le correnti. Non aveva ancora deciso una meta, navigava a vista nella speranza di incappare nell’isola misteriosa dove ricominciare un’esistenza libera da angosce, titubanze e incubi.
               Era convinto che la vita gli avrebbe offerto sempre una, due, tre, infinite possibilità. Le chiamava “domani”.
       
      IL PERSONAGGIO
               «Ho vissuto una vita assaporando ogni cosa mi si presentasse davanti, cogliendo ogni opportunità, anteponendo a tutto e a tutti il mio egoismo.
               L’orgoglio smisurato mi ha ingannato non solo negli affetti ma anche nella conoscenza degli altri relegandoli a mere comparse e ho vissuto come se non appartenessi a nulla e a nessuno e nessuno appartenesse a me.
               Alla fine vivevo intasato di domande e dubbi così intensi da annebbiare ogni mia proiezione nel futuro. L’orizzonte non era altro che una nube grigia densa di pioggia e foriera di dolore.
               Quando la vita congestiona l’esistenza di luoghi comuni  o inzeppa la quotidianità di banalità omologate, nel mentre pensi di aver raggiunto lo scoglio emergente dal piattume della palude, ti rendi conto invece che tutto intorno è melma perché la palude è dentro di te, è la tua vita. Allora capisci che hai rinunciato a vivere perché è altrove che devi dirigerti. Significa che è arrivato il momento di cambiare, di ridistribuire i valori e le gerarchie».
       
               A sessanta anni suonati si era detto: «mi è rimasto solo un amico: me stesso. Col mondo non parlo, lo guardo, non comunico, al massimo tratto». Ed era arrivato a trattare fino al terzo grado di giudizio. Alto, asciutto e brizzolato se ne stava in piedi ad ascoltare senza apparente interesse.
               «Colpevole!». Sentenziò il primo giudice dall’alto dello scranno.
      .        «Colpevole!». Sentenziò il secondo.
               Il terzo, in Corte di Cassazione, derubricò il reato da penale in civile e una vita di rettitudine e la maestria del penalista ridussero il tutto a dodici mesi con sospensione condizionale della pena.          Sospensione era il termine esatto per definire ciò che in quel momento provava e come si sentiva.
               Io era tra color che son sospesi. (1)
               Si sentiva infatti sospeso in uno stadio intermedio tra i dannati e i salvati: «e non sono stato chiamato da alcuno neppure da donna beata e bella».
               La sentenza l’aveva accolta con sollievo ma era comunque una sentenza e lui un condannato anche se sospeso. La conseguenza fu che viveva l’aberrante sensazione di indifferenza, di disinteresse e distacco da sé stesso e da ciò che lo circondava. I tempi dei successi nell’industrial design, con le onorificenze attribuite alle sue invenzioni, erano sfumati come nebbia al sole. Quelli della notorietà acquisita in edilizia rumoreggiavano appena.  Resisteva l’innata passione per la pittura e in quella trovava panacea al disorientamento che lo travolgeva e qualche saltuaria vendita gli permetteva la sopravvivenza. Poi c’erano le donne, narcotico del suo malessere e del suo vivere inquieto. Erano la presenza costante, il pensiero strisciante che impregnava le sue azioni assieme al terrore della povertà.
             
       SINOSSI
               Al limite della totale confusione cerca una soluzione al caos della propria vita andandosene.
               Accusato di bancarotta fraudolenta non ha più voglia e coraggio di vivere nel paese di origine. Con la barca a vela si dirige verso Creta alla ricerca di una dimensione che gli permetta di ricominciare a vivere. Esplora l’isola per trovare un luogo dove stabilirsi definitivamente. Vuole lasciarsi le angustie alle spalle e appagare la smania  di avventura che è stata il denominatore comune di tutte le sue decisioni più importanti.
               I ricordi, quando allenta il controllo delle emozioni, emergono a sconvolgergli la vita.
               L’irrequietezza e la fame di novità lo inducono a desiderare nuove mete mentre la necessità di quiete lo induce all’attendismo e all’inerzia. Questo dualismo lo confonde. E’ alla ricerca di una situazione emotiva che lo appaghi ma, causa i molti rapporti naufragati, non riesce a stabilire relazioni durature con le donne, anche con quelle che è convinto di amare.
               Conosce una donna di una bellezza conturbante, fiera, orgogliosa e dolce, una quarantenne originaria di un paesino montano a cavallo tra la Giorgia e l’Armenia: se ne innamora. Ma anche questo rapporto volge al termine soffocato da titubanze e paure, come tanti altri nella sua vita e, quando decide di porre fine alle esitazioni scegliendo di aprirle il cuore, lei se n'è già andata. Parte anche lui. Si reca in sud America per un periodo di decantazione degli affanni. Argentina e poi Venezuela dove ha dei parenti presso i quali fu ospite per alcuni mesi, alla fine, annoiato, vola a Cuba con il desiderio di ripercorrere le orme del suo amato scrittore: Hemingway.
               È con la conoscenza di Carla che inizia una repentina e propositiva analisi introspettiva del passato, un atto di coscienza che lo induce a motivarsi per affrontare quel che gli rimane del futuro. Fa sua una massima di Mario de Andreade: “il mio tempo è troppo breve: voglio l'essenza, la mia anima ha fretta”.(1a)
               Girando l’isola, in quotidiano contatto con Carla, se ne innamora. La fusione è perfetta, un legame solido gli permette di progettare il futuro. Lei è un agente della DEA sotto copertura che un mattino sparisce senza lasciare traccia: rapita. Inizia una ricerca spasmodica senza frutti. Dopo più di un anno torna a Creta deluso dal fallimento delle ricerche ma il pensiero di lei non si sopisce nonostante abbia ripreso la vita dividendola tra donne e veleggiate. Pressato dalle richieste degli amici cubani torna nei Caraibi per riprendere le ricerche: prima nell’isola, poi a Panama ed infine in Columbia.
               Prigioniera di un gruppo di freelancers che commercia in droga, armi ed esseri umani è custodita nella foresta di Antioquia. È una caccia spietata ai rapitori nella speranza di trovare e salvare Carla. Prima a Cuba, nella Sierra Maestra, poi a Panama nel Darien ed infine nella foresta columbiana del dipartimento di Antioquia nei pressi di Medellin si avventura hal seguito e poi a capo di un gruppo di amici, tra cui un agente della CIA. Perlustrano la zona indicata dagli informatori dell’amico console George.  Tra peripezie e sparatorie, lui è un ex ufficiale dell’esercito, la trova incatenata in una capanna dove ha subito sevizie inimmaginabili.         Si vendica dei rapitori e la porta in salvo ma perde due amici.
               A Cuba, dove ritorna tormentato dall’angoscia delle uccisioni commesse e della morte dei compagni, spera di ricostruire la loro vita ma deve concludere la missione poichè ne manca all’appello ancora uno. Conclude la caccia sulla spiaggia dove ha costruito la loro casa e trova soluzione al male di vivere una sera mentre, steso su una stuoia sotto il portico dell'orfanotrofio dell’amica Mami, avvolto dal calore di Carla e del piccolo Diego guarda le stelle.
       

    • Editore non Presente sul WD: ilmiolibro.it Formato/i: Cartaceo, Ebook
      Un carcere fatiscente in un futuro remoto, dopo i grandi sconvolgimenti globali che hanno decimato l'umanità e un trasferimento tanto inutile quanto inatteso per Geremia. Sullo sfondo gli esperimenti del vecchio in quell'ospedale abbandonato. Una storia fantastica a cavallo tra vari mondi, ai confini del tempo e della realtà.
      Geremia, quasi ventinovenne, è stato da molto tempo privato della libertà. Quel vecchio carcere fatiscente fa da sfondo sin dalle prime pagine del romanzo. Il vecchio, così chiamato da tutti, è invece un uomo schivo e poco socievole; nessuno sa davvero chi sia e da quanto tempo stia lì, eppure Geremia sa che deve fare di tutto per scoprirne i segreti. A questo si aggiungerà da lì a poco, il trasferimento in un'altro carcere, proprio quando era quasi venuto il momento della sua scarcerazione, un trasferimento che Geremia ritiene tanto assurdo quanto apparentemente inutile. Da lì iniziano le avventure del giovane in un “luogo maledetto”, sullo sfondo gli esperimenti del vecchio in quel vecchio ospedale abbandonato. Una storia fantastica a cavallo tra vari mondi, ai confini del tempo e della realtà.

    • Formato/i: Cartaceo, Ebook
      Francia, giugno 1944. Nell'angosciante contesto della seconda guerra mondiale, Kevin Baker, soldato di fanteria americana, partecipa allo sbarco alleato in Normandia. Qui conosce Myriam Emerald, una militante della resistenza francese. Tra i due nasce una storia d’amore, ma il loro rapporto viene minacciato da circostanze che non solo ostacolano questa relazione, ma mettono anche a rischio le loro possibilità di sopravvivenza. Giunto nella cittadina di Carentan, crocevia fondamentale per gli americani, Kevin apprende che un ufficiale nazista, Azius Keller, preceduto dalla sua fama di uomo crudele e seviziatore, ha in serbo una vendetta personale che difficilmente si potrà contrastare…

      Libertà contro oppressione, sentimento contro brutalità, amore e amicizia contro odio ed efferatezza. Sono queste le visioni della realtà che si contrappongono in un susseguirsi di scontri bellici cruenti, incursioni e attentati imprevisti, vessazioni contro civili inermi, ma anche a momenti di delicata intimità, di virile empatia tra individui esposti agli effetti disumanizzanti della guerra, di intesa umana che travalica le rigide gerarchie dettate dalla disciplina militare.

      Il ritmo incalzante impresso allo svolgimento dei fatti narrati genera un crescente stato di suspense, grazie ad una particolare struttura della trama, articolata in variazioni tematiche scandite su piani temporali diversi (dramma individuale e tragedia collettiva, vissuto diretto e flash back di memoria, variazioni frequenti nel punto di vista), che producono nel lettore effetti di rapida immedesimazione.
       

    • Editore Presente sul WD: Porto Seguro Editore Formato/i: Cartaceo
      Le vicende dell’infermiera Sara Toni e del maggiore dell’Aeronautica Sergio Morelli, dopo il loro incontro in Etiopia e il loro ritorno a Pisa, si intrecciano con un passato burrascoso e col rapimento di lei da parte di un gruppo terrorista; il presente appare sereno, ma si rivela quanto mai labile, messo a rischio da un ex marito violento e da una ex fiamma talmente vendicativa da risultare patologica, mentre il futuro li riporterà in Africa, dove li attendono altre vicissitudini.
      Un romanzo composito, di vendetta, amore e violenza, dai toni avvincenti e soffusamente noir. 

    • Editore non Presente sul WD: Abrabooks Formato/i: Cartaceo, Ebook
      Filippo Sorel è un uomo ricco, che ha avuto tutto dalla vita. Un lavoro importante,
      una bella moglie, una vita di successo. A Torino lavora per l'azienda di suo suocero.
      Ma Filippo Sorel è un uomo insicuro, pieno di dubbi, che non sa ancora quale sia il
      suo posto nel mondo. Un uomo infelice, quando invece, almeno all'apparenza,
      avrebbe tutto per esserlo. Un uomo che si pone mille domande, senza avere alcuna
      risposta. A seguito della perdita della moglie, scomparsa in un tragico incidente
      d'auto, Filippo Sorel decide di averne abbastanza di quella vita che non sente più sua.
      Intraprende così un viaggio con la sua motocicletta da Torino fino alla parte più a sud
      del Portogallo. Durante il viaggio, tra varie vicissitudini, colpi di scena e diversi
      incontri inizierà a fare chiarezza dentro di sé e inizierà a scoprire chi è davvero.
      Giunto a Sagres conoscerà Alina e la sua famiglia. E grazie al suo aiuto capirà quali
      sono i suoi talenti, come metterli a frutto e a servizio del prossimo, completando la
      sua rinascita. Capirà ciò che davvero è importante. Capirà che l'unica cosa che conta
      è amare. L'amore per il prossimo così come l'amore sincero, ma senza egoismi, verso
      sé stessi nel rispetto di ciò che si è veramente, senza maschere. Perché solo l'amore
      può salvarci tutti.

    • Editore non Presente sul WD: Giovanelli Formato/i: Cartaceo
      Il libro è la storia, in gran parte autobiografica, della vita in comune di umani e animali d’affezione all’interno di una famiglia. Alla voce umana, si alternano per ogni capitolo i resoconti degli animali, sei in tutto, in forma diaristica, che di volta in volta esprimono le loro impressioni sulle esperienze della giornata. Oltre a cani e gatti la famiglia possiede una coniglietta “nana”, la più anziana della casa, che sarà presente lungo tutto il racconto. Il libro può essere letto in modo sequenziale, così come può essere letto prediligendo l’affabulare di un solo personaggio alla volta. I vari racconti si susseguono in tono leggero, a volte divertente, anche se affrontano momenti difficili e dolorosi.

    • Formato/i: Cartaceo
      In una Roma dura e malinconica, la crisi si accanisce su chi fatica ad arrivare a fine mese. Diego e Luca, ventenni arrabbiati, condividono la voglia di un mondo più giusto e il disprezzo per un'Italia che ha perso ogni valore. Rapinare chi sta meglio di loro sembra una buona idea, ma è solo grazie all'incontro con Sandro, misterioso ladro d'appartamenti, che le cose iniziano a girare per il verso giusto. Il suo passato però nasconde un segreto pericoloso, e quando l'adrenalina si trasforma in paura, Luca e Diego dovranno lottare non solo per la verità e la giustizia, ma per la loro stessa vita. Sullo sfondo di una città che ha bisogno di eroi, un noir struggente sull'amicizia e la ribellione.

    • Editore non Presente sul WD: Rizzoli editore (Mondadori) Formato/i: Cartaceo, Ebook
      Teresa è l’immagine della ventenne di successo: corpo perfetto, amiche giuste, sogni in grande.
      La vita, in realtà, non è stata così clemente con lei, e ciò che Teresa appare oggi è frutto di un duro lavoro su se stessa e di un passato da seppellire. Ai suoi occhi, quindi, la ragazza che la accoglie nel luogo dove nascono le lanterne più esclusive di Milano, indispensabili per la sua festa di compleanno, non può che suscitare orrore: Rachele è sciatta, è ferma agli anni Ottanta e vive defilata nella bottega del nonno Antonio.
      Quando però i genitori, contrari al suo desiderio di fuga oltreoceano, le tagliano i fondi, Teresa accetta il lavoro offertole proprio da Antonio. Rachele non l’avrebbe mai voluta al suo fianco ma, ora che il nonno è in ospedale, un paio di mani in più le sono utili per sanare i debiti del negozio.
      Tra le due c’è diffidenza, ma anche un’inaspettata complicità. Rachele intuisce che Teresa le sta nascondendo qualcosa, e la sprona a venire alla luce raccontandole la storia che si cela dietro il rituale delle lanterne.
      Dissipare il buio delle ombre, tuttavia, potrebbe non bastare: è necessario lasciarsi guidare dagli amici, quelli veri, se vogliamo ritrovare la strada di casa.

    • Editore non Presente sul WD: Edizioni Robin Formato/i: Cartaceo, Ebook
      Alberto Barassini è il Responsabile editoriale di una piccola, ma prestigiosa casa editrice torinese che naviga in cattive acque. Le vendite sono in costante diminuzione e il fallimento sembra dietro l’angolo. Suo fratello Giacomo, amministratore della Barassini, conta su di lui per trovare qualche inedito di successo che possa risollevarne le sorti economiche ed evitare la svendita a un affarista senza scrupoli. Alberto, però, sembra aver perso il suo celebre fiuto di talent scout letterario a seguito di un evento traumatico del recente passato che non è ancora riuscito a lasciarsi alle spalle. Un’angosciosa aridità spirituale ed un esacerbato spirito critico lo inducono a cestinare qualunque opera venga sottoposta alla sua attenzione. Sulla sua scrivania, però, un giorno trova in modo del tutto casuale un manoscritto che lo colpisce fin dal titolo: “Il principio di esclusione”. Si tratta di una sorta di giallo che coinvolge uno dei fondatori della psicanalisi moderna, Carl Gustav Jung, e il giovane pioniere della meccanica quantistica Wolfgang Pauli, affetto da una grave forma di depressione. Alberto si convince che il libro è il best seller che cercava da molto tempo. Peccato che a quel piccolo capolavoro manchi volutamente il finale e il nome dell’autore. Chi ha portato quel manoscritto e quale interesse difende celandosi dietro l’anonimato?

    • Editore non Presente sul WD: Cavinato Editore International Formato/i: Cartaceo, Ebook
      Una sana ossessione - tra gli eroi, i luoghi e gli incanti di Chiamami col tuo nome - è tante cose insieme: è il prodotto di una duratura passione che ha coinvolto un numero alto ma imprecisato d’individui; è il frutto di un buon accanimento per tutto quello che potrebbe riguardare un film e i suoi protagonisti; è una divertente fissazione che ha portato lo scrivente alla scoperta di certi luoghi del nord Italia prima nemmeno presi in considerazione; è un saggio con una sola fonte principale ed è una lunga dichiarazione d’amore per i due eroi del film, per i luoghi immortalati e per quegli anni ‘80 che molti spettatori hanno avuto la fortuna di vivere in prima persona (o anche solo in parte), ma anche i millennials hanno saputo scoprire e amare; è inoltre una lunga parafrasi, intervallata dall’analisi del profilo psicologico dei personaggi e dal racconto (vissuto in prima persona) delle belle e spettacolari location impiegate come gentili scenografie e protagoniste indiscusse, con Elio e Oliver, del film.
      Viaggiando in lungo e in largo sulle strade della Lombardia, in nove mesi ho toccato le tappe fondamentali di un itinerario filmico che, in pochissimo tempo, era già diventato un cult internazionale.
      Chiamami col tuo nome (Call me by your name) è il film premio Oscar (miglior sceneggiatura non originale) del regista Luca Guadagnino, i cui eroi hanno fatto breccia nei cuori di quella che serenamente può essere definita come una folta comunità di appassionati. Lo stile elegante e sobrio, senza eccessi né sbavature, la fotografia sopraffina, le location emozionanti e la straordinaria bravura degli interpreti, hanno disegnato un delicato capolavoro cinematografico. Luca Guadagnino è così riuscito a ritagliare al suo film uno spazio nel cuore dei suoi ammiratori. 

    • Editore Presente sul WD: Porto Seguro Editore Formato/i: Cartaceo
      Intrappolato in una vita monotona, diviso tra il suo bisogno di viaggiare e la necessità di adattarsi al vivere pratico degli adulti, Ivan ha perso la fiducia nel futuro. Troverà una forma di equilibrio con Lalita, una giovane studentessa fuori sede arrivata in città da un piccolo paese carica di sogni e aspettative. Sarà un amore travolgente, che però verrà presto minato da dubbi, segreti e sensi di colpa.
      Torino fa da cornice a un romanzo che parla di speranza e disillusione, di aspirazioni e fallimenti, dell'ambizione dei sogni che si scontra con la spietata crudezza della realtà. Parla di un'età al confine fra il diventare adulti e l'essere eterni ragazzi, di giovani che hanno voglia di fare ma faticano a ritagliarsi il posto voluto all'interno della società odierna, troppo fredda e pragmatica. Il libro respira a metà fra coraggio e rassegnazione. È un viaggio amaro nelle delusioni personali che vuole delineare con tratteggio sottile il disagio di una generazione tradita da ideali fuorvianti, raccontandone limiti e difficoltà. La seconda scelta può essere un'ulteriore possibilità, un'occasione in più; ma può essere anche l'opzione secondaria, quella di qualità inferiore rispetto alla prima; è l'insieme delle possibilità altre che ognuno inizialmente tende a sottovalutare, ma il tempo e gli eventi dimostrano possedere un peso specifico maggiore.
       

    • Editore non Presente sul WD: Prospettiva editrice Formato/i: Cartaceo
      Un altro lavoro sugli orrori del secondo conflitto bellico non è qualcosa di superfluo. Non si dovrebbe mai smettere di raccontare le mostruosità di cui il genere (dis)umano è in grado di compiere, solo che stavolta le mie parole si uniscono indissolubilmente, fino a fondersi, a quelle ricavate dalle pagine di un diario, quelle di una donna che ha subito sulla sua pelle tutta l’atroce insensatezza della guerra, che ha sopportato un marito asservito alla causa fascista, che ha perduto un figlio che quella causa malvagia ha ripudiato; una donna, una poetessa, che ha trovato rifugio negli ideali della liberazione partigiana e che, in quelle idee, ha trovato la ragione della propria esistenza.
      Il mio scopo è di dimostrare, con evidente cognizione di causa, quanta infinita poesia, quanta malinconica speranza, traspaia dai frammenti ritrovati e quanta di quest’arte sia poi confluita nelle pagine della Carta costituzionale che sarebbe stata redatta nei mesi successivi.
      Resistenza e Costituzione sono legati a filo doppio, in una sorta di staffetta verso la libertà di tutti e verso i diritti inalienabili dell’uomo. Quella libertà di cui, oggi, noi tutti godiamo grazie al sacrificio di chi ci ha preceduto, di chi ha lottato, pagando con la propria vita, ma con la consapevolezza di poter donare qualcosa d’immenso al prossimo.
      Scrivendo ho scavato nella memoria collettiva e, così lavorando, io stesso sono stato trasportato (e gettato) negli angoli più inquietanti e atroci della guerra, ricevendo la prova e la dimostrazione di tutta l’insensatezza e l’assurda inutilità di qualsiasi conflitto.

    • Formato/i: Cartaceo
      Chiudete gli occhi e cominciate a sognare.
      Adesso immaginate una gara di BIATHLON sicuramente vince Gino contro il suo amico Eligius.
      Ora con la fantasia andate in Africa, cosa centra pensate, Gino è un soldato quindi in Africa va a fare la guerra, e cosa decidete di fare dell’amico Eligius?
      Continuate con la fantasia e dopo l’Africa la vostra immaginazione va a Venezia nel 1310.
      Qui la vostra mente comincia a vacillare.
      Ma dopo Venezia ritornate in Africa e dopo ancora a Venezia ma ai giorni nostri, e poi ancora in Africa e ancora a Venezia e poi nelle Alpi. Ma dopo proseguite a Praga, ma cosa sto sognando pensate.
      Ancora a Venezia per la festa del Redentore ancora in Africa e poi all’ONU negli Usa.
      A questo punto un consiglio, aprite gli occhi e andate in libreria ad acquistare IL SUO NOME ERA BONATI GINO ci sono talmente colpi di scena che solo la mente “malata” dello scrittore poteva immaginare.
       

    • Editore non Presente sul WD: Aseq Formato/i: Cartaceo
      Il libro affronta il tema dei centri sottili dell’anima nell’ambito della tradizione mistica cristiana traendo ulteriori spunti di riflessione dalla dottrina sui centri spirituali (lata'if) sviluppata all’interno del sufismo islamico con particolare riferimento agli insegnamenti della Naqshbandiyya, una delle più antiche confraternite islamiche diffuse in tutto il mondo islamico.
      Nella prima parte del libro viene illustrato il pensiero di alcuni autori cristiani contemporanei che nei loro scritti hanno affrontato il tema dei centri interiori. Vengono poi descritti i diversi centri presenti nel microcosmo umano ed i principali metodi di preghiera utilizzati dai mistici cristiani per risvegliare queste facoltà interiori. Nell’ultima parte infine si è cercato di evidenziare alcuni parallelismi esistenti tra le tecniche psicofisiche diffuse nell’ambito della mistica cristiana e del sufismo islamico.

    • Editore Presente sul WD: aracne Formato/i: Cartaceo
      Il volume affronta il tema del luogo di culto cristiano nella sua complessità, approfondendo i vari aspetti tecnici e liturgici. Dopo una breve descrizione dei principali caratteri storici dell’edificio di culto, vengono illustrati i criteri generali relativi alla progettazione delle nuove chiese e all’adeguamento liturgico degli edifici esistenti. Vengono descritti i caratteri dei “fuochi liturgici”, gli elementi che caratterizzano il complesso ecclesiale (l’altare, l’ambone, il seggio del celebrante, la custodia eucaristica, il battistero, il confessionale, il coro e l’organo) e i criteri progettuali in relazione all’integrabilità nel contesto urbano e in relazione ai criteri tecnici, illuminotecnici e dimensionali riferiti alle diverse parti che compongono l’edificio di culto.

    • Editore non Presente sul WD: Ferrari Editore Formato/i: Cartaceo
      Calabria, sabato 1 maggio 1920: la quotidianità di Giosuè, detto Giuè, contadino analfabeta, scorre come sempre, nel suo piccolo mondo lontano da tutti.
      Non sa che di lì a poco la sua vita cambierà, non sarà mai più la stessa. Si ritroverà di colpo inchiodato a una sorte che lo trasformerà in un perfetto capro espiatorio da consegnare alla grottesca verità. L’immaginazione narrativa di Antonella Perrotta, partendo da un fatto realmente accaduto, distilla una fiaba giudiziaria ricca di grovigli e tensioni, in bilico tra dramma e leggerezza, tra superficie e abisso, tra disperazione e speranza. La storia di Giuè diventa così una delicata e potente analisi dell’ipocrisia, della giustizia mancata, dell’indifferenza ma anche della capacità di reagire all’imprevisto. Una fruttuosa commistione tra realtà e fiction, per un romanzo ambientato nel tumulto del primo dopoguerra, con fatti e misfatti tanto attuali come allora.

    • Giuè

      By saba, in Storia,

      Editore non Presente sul WD: Ferrari Editore Formato/i: Cartaceo
      Calabria, sabato 1 maggio 1920: la quotidianità di Giosuè, detto Giuè, contadino analfabeta, scorre come sempre, nel suo piccolo mondo lontano da tutti.
      Non sa che di lì a poco la sua vita cambierà, non sarà mai più la stessa. Si ritroverà di colpo inchiodato a una sorte che lo trasformerà in un perfetto capro espiatorio da consegnare alla grottesca verità. L’immaginazione narrativa di Antonella Perrotta, partendo da un fatto realmente accaduto, distilla una fiaba giudiziaria ricca di grovigli e tensioni, in bilico tra dramma e leggerezza, tra superficie e abisso, tra disperazione e speranza. La storia di Giuè diventa così una delicata e potente analisi dell’ipocrisia, della giustizia mancata, dell’indifferenza ma anche della capacità di reagire all’imprevisto. Una fruttuosa commistione tra realtà e fiction, per un romanzo ambientato nel tumulto del primo dopoguerra, con fatti e misfatti tanto attuali come allora.

    • Editore non Presente sul WD: Edizioni Ensemble Formato/i: Cartaceo
      Sara e Lucia si conoscono da oltre trent'anni; sono donne apparentemente forti e indipendenti, "in carriera". Gli impegni di lavoro, un matrimonio fallito alle spalle per Sara e una figlia avuta a diciassette anni per Lucia, non impediscono alle due amiche di incontrarsi ancora ogni tanto per fare shopping, e soprattutto per parlare di uomini. Sara ha conosciuto Gilberto, Lucia ha appena incontrato Giorgio: tra confessioni e autoinganni, le due donne provano a tracciare i contorni dei rispettivi incontri amorosi. Raccontano un amore dei nostri tempi, nato per caso, portato avanti per passione, per gioco, forse anche per solitudine; un amore che si lascia narrare soltanto in prima persona, come una pagina di diario o una lettera senza risposta. Nella speranza che la somma di tutti i punti di vista in una relazione, la somma di tutti gli egoismi in causa, di tutte le confidenze, possano infine rivelare alle due amiche ormai mature la vera natura dell'amore: non l'amore per quello che sarebbe potuto essere, ma l'amore per quello che è stato, se questo è amore.

    • Editore Presente sul WD: Genesis Publishing Formato/i: Cartaceo, Ebook
      Dalle oscure nebbie degli anni ‘70 sembra riemergere a Torino il fenomeno delle sette sataniche, dopo decenni di relativa tranquillità. Una giovane vittima sacrificale viene ritrovata nelle condizioni in cui, secondo i dettami storici dei leggendari guru del settore, si processavano i riti. Nel giorno del prossimo Novilunio dovrà compiersi l’ultimo, definitivo, clamoroso rito. Il commissario Ivo De Rolandis e il giornalista di “nera” Alessio Dova hanno i giorni contati per impedirlo, non solo per una questione di giustizia, ma anche per le loro stesse vite e i loro affetti più cari. In bilico tra logica e superstizione, lotteranno anche per preservare l’equilibrio che regola la tenue pace tra le forze della Magia Bianca e della Magia Nera. In un confine racchiuso tra le meravigliose colline dell’astigiano e i luoghi sacri della Torino Magica, la clessidra scorre inesorabile e la falce della luna si assottiglia sempre di più. Il Novilunio sta arrivando.
      Vol. 2 della serie "Le indagini del Commissario De Rolandis"

    • Editore non Presente sul WD: Amazon Formato/i: Cartaceo, Ebook
      In un'Italia divisa come il resto d'Europa, il governo mantiene il potere attraverso l'odio e la repressione poliziesca, discriminando gli stranieri e usandoli come schiavi. La Rete è diventata unostrumento di condizionamento di massa e iul sogno di chi governa è cancellare la Storia. le donne sono ridotte a oggetti di piacere o fattrici, i libri vengono bruciati. Un uomo, il direttore di una casa di piacere, sta cominciando a ricordare e con l'aiuto di tre donne tenterà di trasformarsi nel granello di sabbia che ferma l'ingranaggio per rimediare agli errori del passato.
      Si tratta di un romanzo distopico che parte dal presente per costruire un futuro pissibile o un presente alternativo sulla scia di autori come Orwell, Margaret Atwood e Giulio Cavalli che, con Carnaio, è stata la fonte di ispirazione principale del romanzo.

×