Vai al contenuto

Leaderboard


Contenuti popolari

Sono mostrati i contenuti con più punti reputazione dal 12/06/2020 in Commenti sul profilo

  1. 4 punti
    Cinquecentomila caratteri superati, stiamo entrando nel vivo . Chissà come accoglierà la notizia il mio unico beta-reader approvato .
  2. 2 punti
    che peraltro io ho parlato di Colibrì ben prima del premio Strega: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/32256-il-volo-del-colibrì-è-una-metafora-della-vita-umana/
  3. 2 punti
    Signore e Signori, sono spiacente di disturbarvi ma lo faccio per una buona causa. Prendetevi un quarto d'ora, leggete i racconti per il P&S e votate! Se non lo fate, il buon @queffe non avrà occasione di recuperare la penalità con cui partecipa al contest e io rischio di vincere... Coraggio, non siate timidi.
  4. 2 punti
    Non sono mai sparita, mi sono solo assentata, ma la rivoluzione regna ancora. Mila è tornata e con lei la sua poesia VIVA L' ANARCHIA
  5. 2 punti
    Chiamate l'ambulanza per favore..........CI SONO RIUSCITA https://www.varesenews.it/2020/06/piu-isole-ci-puo-un-mare-possibilita/937824/
  6. 1 punto
    Essere marchiate come "puttane", quando si è molto giovani per atteggiamenti considerati "riprovevoli", può segnare in modo indelebile il proprio modo di vedersi, e minare l'autostima. Il mio ultimo romanzo. L'amore altrove, DeA Planeta editore, tra i 54 candidati al Premio Strega 2020, racconta una famiglia: tre donne, tre solitudini, tre modi diversi di reagire al dolore. Ognuno dei personaggi vive in solitudine la propria sofferenza, a volte negandola per rifugiarsi in una quieta follia, come fa Amanda, a volte buttandosi via, sporcandosi sempre di più come fa Licia. Oppure, come fa il padre, Luca, "il mostro", ubriacandosi e dando addosso alla vita che lo ha reso "orfano due volte". Ma alla fine ognuno di loro troverà un proprio personale riscatto. Perché alla possibilità di un riscatto bisogna crederci, sempre. Licia, la figlia, un giorno viene chiamata "puttana" da un prete. Da quel giorno molte cose cambieranno per lei. Di seguito il brano. Sino a due anni fa andavo a messa. Poi un giorno un prete mi ha detto che ero una puttana perché stavo sempre in mezzo ai maschi, e da quella volta in chiesa non ci ho messo più piede. Un po’ la messa mi manca, però. Era un rito, come quello della volpe che aspetta il giovedì perché sa che quel giorno i cacciatori fanno festa, e lei potrà tirare un respiro. Vedi, dice al Piccolo Principe, se i cacciatori non si riposassero di giovedì, tutti i giorni sarebbero uguali l’uno all’altro, e io non avrei niente da aspettare. Adesso anche per me la domenica è un giorno come un altro, così quando sento le campane mi rigiro nel letto, imbronciata, e spero solo che papà abbia deciso di ristabilire il necessario tasso alcolico, e sia già uscito di casa. [..] Il prete, quello che mi ha dato della puttana, era un uomo legnoso, come prosciugato da qualche strana bestia che gli si aggirava smaniosa nelle viscere. Dalla faccia schiacciata gli occhi sgusciavano enormi, senza sapere mai dove posarsi. Era uno nuovo, venuto da poco nella parrocchia di Santa Agnese. Ai parrocchiani non piaceva, lo trovavano “strano”. Quant’é brutto, questo! disse una volta una vecchietta durante l’omelia della domenica, mentre lui dal pulpito raggelava i fedeli con la descrizione dei castighi che Dio ci avrebbe inflitto, e si fece svelta il segno della croce, perché era chiaro anche a lei, nella sua quieta ignoranza, che Don Piero ci godeva a destinarci tutti all’inferno. Noi ragazzi lo vedevamo apparire all’improvviso nel cortile dell’oratorio, la tonaca nera svolazzante, il cranio incassato nelle spalle, gli occhi tondi come due acini d’uva. Passava veloce, girando con sforzo il collo taurino verso di noi.‘Giorno, padre! ‘Giorno, ragazzi. Mi raccomando… E di cosa? Mica avrà da lamentarsi!… Eh, eh! minacciava lui col dito, e spariva oltre la cancellata che portava alla chiesa. _ Cynthia Collu - L'amore altrove _
  7. 1 punto
    Ciao Floriana, secondo me si, ma, ovviamente, dipende dalla bontà degli aforismi Penso a quante persone ricorrono a motti celebri per formulare auguri di vario genere, complimentarsi o congratularsi in occasioni diverse o anche, solo, per trovare ispirazione e sviluppare un'idea, uno scritto. Buona serata
×