Vai al contenuto

Leaderboard


Contenuti popolari

Sono mostrati i contenuti con più punti reputazione il 03/03/2020 in tutte le aree

  1. 3 punti
    Ho cercato di lasciare una veloce impressione a tutti, perché avevo solo questa serata libera e fino a mercoledì sarà molto complicato. Ora vado a votare nella stanza anonima, ma volevo dire qui che tutti i racconti mi sono sembrati di livello davvero alto e sono felice di potermi confrontare con penne così guizzanti e abili! Complimenti a tutti
  2. 3 punti
    Ciao @MarioPetillo e complimenti per i risultati che hai già ottenuto! Non sono certo la persona più adatta a darti consigli sulle agenzie perché è un ambiente che frequento da poco tempo, avendo tentato qualche invio ed essendo ancora in attesa della maggioranza di risposte. Posso dirti comunque che per PNLA un mese di attesa è poco, anche se non sei esordiente e che la Meucci seleziona tutti per il primo invio tramite il form, le si scrive direttamente solo per invii di altri materiali. Poi che tu non voglia pagare per una scheda di valutazione mi pare una decisione del tutto legittima, dunque ti segnalo altre due agenzie che selezionano gratuitamente: la Lorem Ipsum (con un tempo di attesa di circa 3 mesi) e la Vicky Satlov (6 mesi di attesa). Ciao
  3. 3 punti
    Bella l'equazione talento=vendite, @Ragman, bella davvero! Così, per curiosità, mi dici in quale Paese si applica? In ogni caso, inginocchiato al tuo cospetto, una volta raggiunte le tremila copie (cartacee, ovvio, non in ebook a 0,99 cent), oltre a @delon troverai anche me e credo pure molti altri utenti del forum.
  4. 2 punti
    Sono d'accordo. Io stessa, da sei mesi a questa parte, sto acquistando per lo più ebook. E non perchè non ami alla follia il cartaceo ma per ragioni economiche, di spazio e anche di praticità. Compro ebook anche di autori che mi piacciono in maniera particolare e dei quali ho anche altri titoli. Ormai acquisto volumi fisici solo quando ho buoni da spendere in libreria o se si tratta di libri che mi servono per il mio lavoro.
  5. 2 punti
    Benvenuto @MarioPetillo un pochino di spam l'hai fatto lo stesso e ho dovuto editarti il post, niente di grave, ma ti invito a condividere la tua esperienza nella discussione specifica dell'editore di cui parli in modo che gli utenti che si interesseranno a quella CE possano beneficiare della tua esperienza diretta. Per il resto mi dispiace che un evento tanto entusiasmante si sia trasformato in qualcosa che ti fa penare, spero tutto si risolva per il meglio. Anche se pare tu abbia già letto il regolamento, ti invito a prendere visione anche della Pagina di Benvenuto dove trovi tanti link interessanti e utili. Ti auguro buona permanenza e buona scrittura
  6. 2 punti
    E vai, che nonostante anche in questa discussione, lo abbia ripetuto una mezza dozzina di volte, c'è ancora chi si ostina a sommare le pere con le mele, perché tanto "sempre frutta è"! Allora, vediamo di ribadirlo per l'ennesima volta: qualcuno che paga 14 o 15 euro per comprare un tuo libro, non può esser messo sullo stesso piano di chi paga 99 centesimi l'e-book. Non è questione di quanto si guadagnerà, ma di quanto qualcuno sarà disposto a spendere pur di leggerti. Mai come in questo caso è giusto affermare che la carta dà credito. Non è per fare il bambino capriccioso che si porta via il pallone, quando lo schiaffano in porta, ma questa discussione l'avevo aperta pregando tutti gli utenti di attenersi alla vendita del cartaceo e, per non generare confusioni, o macedonie tra pere e mele, pregherei chi volesse continuare a partecipare di attenersi alla linea che ho indicato. Riguardo invece al fatto di non accampare scuse, o scaricare la colpa sugli altri, se il libro non vende, caro @Ragman , mi trovi d'accordo al mille per mille.
  7. 2 punti
    Io ho richiesto la loro valutazione “3M” e non ho catturato il loro favore, sebbene abbiano voluto leggere per intero l’opera prima di dichiararsi. Tuttavia l’agenzia mi sembra una delle migliori in circolazione, viva, fresca, social e rapida... sopratutto!
  8. 2 punti
    @Allegra Dubois ma che sorpresa! Visto che ti conosco abbastanza da sapere che se scrupolosa e brava, ti metto il link al post di benvenuto che spiega tutto, ma sono sicura che l'hai già letto. Vedrai che ci si trova bene, qui. Troverai tante informazioni utili, consigli preziosi e anche piacevoli futilità . A presto
  9. 1 punto
    Ciao a tutti! Mi chiamo Eleonora, ho 25 anni e vengo da Milano. Devo ammettere che erano anni che non prendevo parte a un forum, comunque questo mi sembra davvero interessante e soprattutto utile per il percorso che ho intrapreso. Tutto è nato ascoltando l'album cover di Morgan "Non al denaro non all'amore né al cielo" di De André, che contiene canzoni ispirate all'Antologia di Spoon River. All'epoca avevo 15 anni e più avanti crescendo mi sono messa a leggerlo. L'ho trovato un libro affascinante, ma ho notato che c'era una trama bella fitta e precisa in quelle poesie, così mi è venuta l'idea di stendere la storia in prosa, dall'inizio alla fine. Mi sono dapprima informata che nessuno l'avesse ancora fatto, che non esistesse già una storia così, e ho lavorato per circa tre anni al mio romanzo. Dapprima ho fatto ricerche, analisi del libro e dei personaggi, poi ho scritto alcune parti e ho ripreso ufficialmente in mano la stesura nel 2019, spronata dal mio prof di scrittura creativa. E niente, ora mi ritrovo a dover scegliere una casa editrice ed è per questo che sono capitata sul vostro blog!
  10. 1 punto
    Buonasera, anche se è ancora pomeriggio; è che con il maltempo pare d'essere all'ora di cena. Dunque, mi presento: Allegra Dubois, sulla via dei cinquanta, fermamente convinta che non sia mai troppo tardi per imparare e migliorare. Sono qui per ricevere consigli e, ove possibile, nei limiti delle mie capacità, darne agli altri. Scrivo da sempre, ma solo da pochi anni ho pensato che potrei farlo più seriamente. Sogno di finire il romanzo che ho iniziato e di pubblicarlo (in self, non pretendo molto), entro la fine di quest'anno. Che altro dire, sarò felice di ricevere consigli e critiche sinceri e cercherò di fare altrettanto con voi. Un grazie anticipato per il tempo che vorrete dedicarmi. Alla prossima!
  11. 1 punto
    Sono vicino a completare Open (del ghost writer) di Andre Agassi. Avvincente e immersivo... quasi fa odiare il tennis anche a me. Forse cala un po' verso la fine ma è comprensibile. Poi sto ascoltando l'audiolibro di Una vita davanti a sé di Romain Gary.
  12. 1 punto
    Le 3000 copie sono molto difficili da raggiungere per un esordiente, anche nel caso pubblicasse con una CE grande e distribuita fisicamente in tutte le librerie della penisola. Il problema delle piccole CE è la distribuzione. Se hai un seguito social di migliaia di utenti, se sei esposto mediaticamente e disposto a fare decine e decine di presentazioni ovunque e in ogni occasione allora forse potresti raggiungere in cartaceo le mille copie. Un successone con molto, molto impegno e investimenti economici superiori alle magre royalties. Diciamo "una vittoria per l'ego", e una buona soddisfazione. Il 95% del lavoro sarà a tuo carico, il risultato in base a quanto ti dai da fare. Io ridurrei di molto le aspettative e baderei più al numero di soddisfatti in generale piuttosto che contare le copie vendute. In fondo siamo scrittori per passione, non certo per mestiere.
  13. 1 punto
    Grazie @ivalibri direi che mi hai fornito dei consigli molto utili. A questo punto con la PNLA aspetto un po': Maura Solinas era stata davvero molto gentile a telefono, si era sorbita il mio sfogo per buoni 20 minuti, e magari a questo punto aspetto un altro po' prima di scriverle di nuovo. Invece per la Meucci, quindi, mi dici che comunque devo passare tramite il suo form? A questo punto mi sa che dovrò aspettare aprile e sperare di essere tra i fortunati che riescono a vincere lo sprint della mezzanotte. Lorem Ipsum l'ho presa in considerazione, tra l'altro il piano 3giorni mi sembra anche ragionevole in termini di costi dato che chiede appena 36 euro: è una spesa che mi sento di poter/voler fare, quindi mi sa che procederò con loro in questi giorni. Leggo invece che la Vicky Satlow accetta solo inediti, quindi non è il mio caso, ma che risponde entro tre mesi. Magari provo a fare una telefonata e a chiedere qualche informazione in più! Grazie ancora
  14. 1 punto
    Sempre gentilissimo , grazie! Appena posso sistemo tutto e ti contatto in privato .
  15. 1 punto
    @SeeEmilyPlay Ciao, sono contento il titolo e il racconti ti siano piaciuti. Onestamente pensavo si scrivesse Malcom con un elle, correggerò. Grazie, a presto.
  16. 1 punto
  17. 1 punto
    The Rolling Stones - Paint It Black
  18. 1 punto
    Trenta copie a volte non le raggiunge neppure l'autore di un certo nome. Ho sentito con le mie orecchie Loriano Machiavelli che diceva di aver venduto sette copie del suo libro a una presentazione a Bologna, cioè nella sua città.
  19. 1 punto
    Be', ci credo che le case editrici erano indignate... Così la libreria ci guadagna in ogni caso e la casa editrice e l'autore si prendono tutto il rischio. Tanto più che vendere trenta copie in un'unica presentazione in libreria secondo me non è per niente probabile, a meno che non sia proprio un autore di grande richiamo, o che non sia la prima presentazione del libro nella città dell'autore che può quindi convogliare tutti i parenti e gli amici. Anzi, io ci scommetterei che sono più i casi in cui se ne vendono meno.
  20. 1 punto
    @SeeEmilyPlay L'avevo scritto che EFP è amatoriale e che il suo unico punto di forza è il sistema di ricerca e il fatto che le visualizzazioni sono a solo uso dello scrittore (gli utenti non vedono quanti accedono!). Wattpad è più carino graficamente, ma la ricerca per tag è penosa (e sto usando un vocabolo gentile) e la qualità è scadente (e anche qui sto usando un vocabolo edulcorato) nel 95% dei testi che ho incontrato. Salvo un 5% che però è difficile da trovare a meno che venga speso molto tempo in ricerca e navigazione (che dopo unpo' francamente stanca...). Ho anche aggiunto che WP fornisce visibilità e EFP ovviamente no, essendo appunto amatoriale e creato da una singola persona (mi pare) moltissimi anni fa (forse inizi 2000). Resta il fatto che WD è cinquanta spanne sopra a tutti questi altri tentativi di avvicinarsi al mondo della scrittura. È un po' deprimente, però, che siamo tutti qui a condividere materiale e opinioni e che in Italia non si riesca in alcun modo ad avere un dialogo costruttivo ed aperto con la lobby delel CE...
  21. 1 punto
    Quest'anno partecipo, in fondo il fanalino di coda illumina pur sempre la strada, in un certo senso. A parte gli scherzi, la prima cosa che ho fatto e che non fa male fare è rileggersi la discussione dell'anno scorso ricca di spunti interessanti e di teorie del complotto (). Visto che l'ho fatto e che ho preso appunti, voglio condividere i vari appunti con chi, come me, può trovarli utili. Comunque si tratta di un riassunto dove ho raccolto considerazioni importanti e citazioni da articoli di giornale e interviste. Per ovvi motivi ho citato post e autori. In questo post, @Bango Skank fa delle considerazioni molto interessanti su tutta la questione. Qui, e nei dintorni, @Boyle22 e @Rototom confermano che è vietato inviare la stessa opera a più concorsi. In altre parole, se si partecipa al DeA non si può partecipare in contemporanea a un altro concorso con lo stesso romanzo (Boyle dice di aver scritto alla stessa DeA e di aver ricevuto risposta). In questo post, inoltre, @G.A.M.T., specifica che gli hanno detto che l'invio agli editori non è vincolante. Quindi, deduco, si può partecipare e inviare il romanzo a un editore, volendo. Qui, e nei post successivi, prima @M.T. chiarisce cosa intendono con inedito nel caso di testo pubblicato online poi @Auryn fa delle precisazioni. In questi post si può apprezzare uno scambio di battute tra mirtillasmile (non più iscritta) e @Bambola, riguardo alla valutazione dei romanzi: cito questi due interventi perché contengono spunti interessanti. Mi piace citare anche questo riassunto "brutale" del premio, ad opera di mirtillasmile. In questo post, @Xal dice che la DeA ha confermato per email che non accettano YA e storie per bambini. In seguito, lui e @Augusta Malfenti danno delle dritte su come verificare il caricamento dell'opera. In questo post, Bango Skank (già citato), fa altre riflessioni degne di nota e mette la propria esperienza per dare risposte a dei dubbi; dopo qualche post cita un'intervista radiofonica al direttore della DeA in merito al premio. Mirtillasmile, inoltre, prima cita un'intervista alla DeA sulle finalità del premio letterario (e ne mette un'altra dopo due post) e poi dà i numeri della scorsa edizione. Ultimo ma non ultimo, questo post di @Cerusico che conferma che a seguito del premio chi non arriva in finale è libero e non ha obblighi di sorta nei confronti della DeA. (Il difficile è non pensare all'Atalanta a forza di scrivere dea ovunque... ) In bocca al a chi partecipa.
  22. 1 punto
    Purtroppo, aggiungo una pessima esperienza a quelle precedenti. Premetto che ho contattato questa agente a seguito di belle parole spese da un'autrice che ha lavorato con lei, ignorando le opinioni negative riportate qua sul forum (me la sono cercata, ecco). A seguito di bonifico, non ho mai pervenuto una ricevuta, né un contratto di lettura (mi sono lasciata fregare anche per colpa della mia inesperienza). L'ho contattata in merito all'avvenuto pagamento e mi ha rassicurata che fosse avvenuto e del fatto che il mio romanzo fosse in lettura e che, a breve, mi avrebbe dato una risposta. Questo avveniva un mese fa, attorno più o meno alla data di scadenza che mi aveva millantato. Arrivati a ridosso della fine del mese scorso, l'ho ricontattata per sapere come stava procedendo e come mai ci fosse tanto ritardo (nel mentre, una casa editrice aveva dimostrato interesse nella lettura del mio romanzo) e, con mia grande sorpresa, ho appurato che la Costantino non sapesse neanche chi fossi. Quindi, è inutile dire che il mio romanzo non è mai stato in lettura. Ho provato a contattarla con ogni mezzo (mail, telefono, whatsapp, messenger) per chiederle la restituzione dei soldi versati o l'emissione della regolare ricevuta fiscale e l'unica risposta che mi è pervenuta è che mi manderà una scheda entro il quindici di questo mese. Domani andrò a informarmi per sporgere eventualmente una denuncia, poiché temo che ci siano i presupposti per dirmi truffata. Sono molto demoralizzata e delusa. Per me, pagarla è stato un grande sacrificio, fatto con soldi che avrei potuto utilizzare per motivi personali. Ho fatto sacrifici per potermi permettere questa esperienza ed essere trattata così è decisamente brutto. Spero che nessun altro faccia il mio errore.
  23. 1 punto
    Ciao RedInferno, proprio così, come hai scritto tu. È la stessa sgradevole sensazione che provo io *Editato dallo Staff*, 1000€ sono tanti soldi. Mi sento così giù. Quanto le chiesi la risoluzione del contratto per inadempimento degli obblighi contrattuali a giugno 2018, rispose alla mia richiesta scritta che non lo avrebbe fatto, si è rifiutata. Si è parata il fondoschiena scrivendo, a inizio rapporto, che la rappresentanza, a prescindere dalla stipula del contratto e del mio pagamento, non avrebbe garantito il raggiungimento sicuro dell’obiettivo, come se avesse già detto “accetti a tuo rischio e pericolo”. Per cui non penso di poter richiedere i soldi indietro, questo lo mise per iscritto, resta il fatto che mi sento raggirato e per mesi, imputando la cosa alla maternità, non ha lavorato al mio caso né si è informata sulla frequenza con cui le case editrici del mercato anglofono aprono agli invii spontanei dei manoscritti. Mi è caduta dalle nuvole due settimane fa, dicendomi che le case editrici straniere fanno così nella maggior parte dei casi. E questo lo vieni a scoprire e me lo fai presente a fine rapporto? Se non aveva l’esperienza necessaria per portare avanti questa pratica, perché diamine si è assunta un tale incarico... Come se i soldi crescessero sugli alberi. Pensa solo al denaro e a come aumentare i propri profitti e la propria popolarità. Sono così in collera. Se conoscete un agente letterario serio che si occupa, e con successo, di rappresentanza di autori italiani emergenti all’estero e che ha esperienza nel campo, vi sarei immensamente riconoscente se riusciste a fornirmi il suo nominativo così da contattarlo/a. Grazie a tutti
  24. 1 punto
    Ci sono altri aggiornamenti a riguardo: nel settembre 2017 ho stipulato un altro contratto di rappresentanza editoriale con la Costantino nella speranza di trovare un editore sul mercato anglofono che potesse distribuire il mio romanzo tradotto in inglese. Si è offerta lei di assumersi l’incarico, poiché io avevo chiesto se conosceva qualcuno che aveva già esperienza a livello di rappresentanza sul mercato inglese, mi risponde dicendo che può farlo lei tranquillamente. Accetto, pur con delle remore, non sapendo a chi altro rivolgermi, e nonostante delle esperienze pregresse con lei non proprio esaltanti, pagando 1000€ per un anno di rappresentanza. Risultato: la Costantino in data giugno 2018 ancora non mi ha fatto sapere niente. A molte mail non rispondeva. Chiedo spiegazioni più volte, imputa il tutto alla maternità, cosa che comprendo. Arrivati però a tre mesi dalla scadenza del contratto, inizio a preoccuparmi perché ancora zero aggionrnamenti. Le risposte sempre telegrafiche e prive di empatia. Quando mi innervosisco, si altera minacciando rappresaglie legali e denuncia, qualora dovessi parlarne male, volevo recedere dal contratto causa inadempienza. Fa nuovamente e scaltramente appello alla maternità. Alla fine raggiungiamo un accordo, una proroga di circa 6/7 mesi, con delle clausole che le impongo di rispettare. Qualche giorno fa mi arriva la sua risposta che purtroppo le agenzie che lavorano con la lingua inglese aprono agli invii spontanei dei manoscritti solo un tot di volte l’anno, intervallo di tempo limitato (meno male che aveva esperienza: ma prima di assumerti l’incarico e di farmi buttare 1000€ queste cose non potevi dirmele?! L’esperienza dove sta?!) e che mi darà qualche contatto poco prima della ormai prossima scadenza del contratto che non ha portato a nulla, sennò alla perdita di 1000€. Da inserire nella lista nera proprio direi
  25. 1 punto
    Non solo è esosa per una parcella che non soddisfa le aspettative visto il modo in cui lavora, ma è anche arrogante, maniplolativa e bugiarda. Mi ha rappresentato per lungo tempo, ci sono caduto come un pollo, consigliata da conoscenti. Mi ha fatto pubblicare con case editrici che sfruttano la formula "tot eBook da vendere entro un anno" per avere la pubblicazione cartacea, io ho intascato si e no 32€ da quando ho pubblicato oltre due anni fa e alla signora ho versato oltre 2700€, forse 3000€. L'ultima che mi ha fatto: le avevo chiesto esplicitamente di provare con una casa editrice in particolare, visto che riteneva il mio ultimo romanzo non piazzabile. Mi bocciava tutto. Nonostante le mie esplicite richieste di contattarli, ha detto che non sarebbe servito a nulla contattarli perché erano ormai passati al digitale, lo aveva già sperimentato con un altro autore. Mi sono quindi arreso, lei mi ha detto che poteva venirmi incontro facendomi firmare con la sua casa editrice, come a farmi un favore, ma che mi avrebbe potuto offrire solo un contratto per esordienti sempre con clausola tot eBook da vendere entro un anno, nella speranza di arrivare al cartaceo. Nel contatto poi oralmente ha detto una cosa ma poi a livello scritto non l'ha voluta formalizzare. Risultato: firmo questo accordo che per me comportava una grossa regressione, con la sua agenzia che lei definisce molto modestamente "Un faro di luce per l'umanità", sempre scortese, laconica e priva di empatia lei, per poi ricevere a contratto firmato la proposta ediroriale, anche cartaceo, da parte della casa editrice che lei affermava fosse inutile contattare. Se parlo di raggiro dice che è calunnia. Giudicate voi chi sarebbe a dover adire le vie legali. Questa persona pensa solo a soldi, fama e successo. Pessima; lavora poi mediocremente smontando praticamente tutto, che per carità, nell'editing ci sta anche. Ha fatto pubblicare con poche case editrici importanti, basta vedere il suo sito, e la maggior parte dei suoi contatti sono case editrici piccole che fagocitano gli autori. Guardatevene
×