Vai al contenuto

Leaderboard


Contenuti popolari

Sono mostrati i contenuti con più punti reputazione il 19/09/2019 in tutte le aree

  1. 2 punti
    I gatti sono brutte persone.
  2. 2 punti
    @TuSìCheVale La faccenda per questa agenzia è un po' diversa, non si tratta di sottoporre un testo per essere rappresentati, Chiara Beretta Mazzotta non è un'agente, questo ho idea che lo si continui a dimenticare, ma una editor. La scheda serve per lavorare sul testo in vista di una rappresentanza con un'agenzia tra le svariate con le quali Chiara collabora. C'è da esultare se Chiara decide di lavorare sul nostro testo, perché ultimamente ne sta scartando parecchi, non è (sempre) una questione di merito/valore ma anche di generi dei quali lei non si occupa. E se un autore desidera avvalersi delle sue competenze perché l'apprezza, sentirsi dire no, credo non sia piacevole.
  3. 2 punti
    Da quanto letto fino adesso e riassumendo, mi sembra, come del resto per molte altre agenzie, che un responso definitivo, per essere rappresentati, debba passare da una scheda di lettura a pagamento... Non credo ci sia nulla da esultare per essere tra i fortunati che pagano le opinioni dell'agenzia sul proprio testo (lavoro che è giusto sia retribuito, quando richiesto). Anche a me è stata proposta una scheda di lettura a pagamento, quando, invece, era mia intenzione sapere soltanto se il testo poteva o meno essere rappresentato, senza avere un loro parere così dettagliato, mi bastava un "sì" o "no". Comunque, vista la prassi, valuterò bene come e quando richiedere poi una loro scheda di lettura. Grazie.
  4. 2 punti
    Non lo so, detto così non ha senso. Le royalties sono la percentuale spettante all'autore, il 50% vorrebbe dire che ti danno la metà di quanto ti spetta: mi sembra senza senso, credo che tu abbia letto male. Innanzitutto non hai detto a quale tipo di opera si riferiscono: un libro cartaceo, un e-book, altro? La percentuale che spetta all'autore per un cartaceo di solito va dal 5 al 10 per cento del prezzo di copertina, defiscalizzato di IVA. Quelle di un e-book sono più variabili e in genere mai inferiori al 20%. Ti consiglio di dare un'occhiata al nostro contratto standard, per chiarirti le idee: Dal momento che questo è il tuo primo messaggio, gradiremmo anche che tu ti presentassi alla comunità qui: https://www.writersdream.org/forum/forums/forum/3-ingresso/ prima di aprire discussioni e interagire in quelle già esistenti. Grazie.
  5. 1 punto
    Grazie, ElleryQ. No, c'è solo scritto che devo restituire la bozza con approvazione... nient'altro.
  6. 1 punto
  7. 1 punto
    @Andrea Cerri , interessante iniziativa. Poiché si tratta di possibili modalità di promozione sposto il tuo topic nella sezione "Marketing & Co."
  8. 1 punto
    In effetti, letta così confermo anch'io che la clausola non ha molto senso: Se parliamo della cessione da autore a editore, il 50% di royalties è di gran lunga fuori standard. Se invece parliamo della cessione da editore a editore, il 50% è plausibile (per esempio per la cessione dei diritti di traduzione, o per la cessione dell'opera a un editore più grosso interessato all'acquisto). In tal caso, però, non avrebbe molta logica la frase seguente: sulle royalty prodotte al netto dell'IVA, degli esemplari dell'Opera effettivamente venduti. perché la cessione avviene in questi casi con un forfait o con il pagamento di un anticipo sulle royalties, non sulle copie effettivamente vendute (sulle quali il primo editore non avrebbe più alcun diritto). @LuNevada21 , se vuoi contattarmi in privato possiamo vedere insieme di quale editore si tratta ed esaminare il contratto.
  9. 1 punto
    @Royal Books Edizioni Ho aggiornato il topic, aggiungendo l'indirizzo del sito e i nuovi indirizzi email e riordinando i vari dettagli. Se dovessero essere necessarie ulteriori correzioni, potete scriverci anche tramite MP e provvederemo ad aggiornare le informazioni.
  10. 1 punto
    La mia è soltanto una supposizione, ma presumo che la rilettura gratis o meno dipenda dal testo e dall'entità dell'editing richiesto. In alcuni casi, dopo un editing pesante, un romanzo si trasforma completamente, e quindi richiede una nuova scheda e un nuovo lavoro. Se invece l'editing fosse relativamente leggero è probabile che una nuova rilettura (senza scheda) sia fatta gratis. Presumo, eh.
  11. 1 punto
    Non avevi letto male, dunque... Confermo che per me questa frase non ha senso. Io mi intendo ben poco però di questioni legali; @ElleryQ ti darà di certo un parere più professionale del mio, quando leggerà.
  12. 1 punto
    Scusate l'intrusione, ma avevo sentito di questo bizzarro metodo di spedizione dei manoscritti e la cosa mi aveva alquanto incuriosito. A una Fiera mi è capitato di parlare con un Autore della Meucci (visibile tra i pochi che rappresenta sul suo sito) e chiedergli, tra un sorriso e l'altro, perché quel sistema. Mi ha spiegato che è solo un modo per stare sulla pubblica piazza, che non ci riesce quasi nessuno, tranne Speedy Gonzales della tastiera, e che la Meucci fa ricerche tra il self-publishing e altri canali non ufficiali (suppongo blog e Facebook) infiltrandosi sotto mentite spoglie come un agente (sic!) segreto (e aggiungo, poco letterario).
  13. 1 punto
  14. 1 punto
    Ho concluso la sesta lettura, alla quale ho attribuito appena un 9,5. Si tratta di un NG e per i cacciatori di indizi dirò 'Janas'. Non so che dire, non faccio altro che attribuire voti altissimi a storie bellissime, che mi commuovono e che sono scritte con talento cristallino. Non mi considero un giudice di manica particolarmente larga, probabilmente una bizzarra congiunzione astrale ha fatto sì che fossi il destinatario di parecchie storie davvero meritevoli. Spero che il destino in questione non approfitti dei 4 romanzi che ancora mi mancano per rivendicare medie più ragionevoli. Sono anche ben consapevole del fatto che sto spingendo avanti i miei concorrenti diretti. Considero il mio lavoro non meno valido di quelli che valuto e temo, come già accadde a Piero, che 'imbracciata l'artiglieria, non mi si ricambi la cortesia'. Che posso farci? Questo gioco è fatto così e mi sta divertendo. Il tiro al piccione invece non fa per me. Torrei le storie giovani e leggiadre: le vecchie e laide lasserei altrui.
  15. 1 punto
    In teoria sì, se ho capito come funziona il sistema. Sempre che la libreria in questione abbia aderito e sia registrata presso Amazon e, soprattutto, che consideri il tuo titolo sufficientemente interessante (dal punto di vista del potenziale commerciale) da ordinarlo.
  16. 1 punto
    E ci dai una lezione di riserbo.
  17. 1 punto
    Caspita, io avevo capito che, qualora ritenesse il testo valido, la successiva rilettura sarebbe stata gratuita. Nella telefonata avevate già parlato di eventuali sbocchi editoriali ?
  18. 1 punto
    Ciao a tutti. Questa ho mandato il mio testo all'agenzia di Chiara Beretta Mazzotta, che l'ha accettato. Da preventivo ho pagato 366,00 per avere una scheda editoriale completa. Ho sentito Chiara al telefono, che mi ha spiegato per filo e per segno la scheda dimostrando di aver letto con attenzione il mio testo. Mi ha spedito via mail la scheda e il mio testo con dei suoi appunti, io ho seguito tutte le sue direttive e ho apportato le modifiche suggerite. Adesso devo fare un'ultima revisione di controllo, poi penso di poterlo ritenere pronto. Le ho scritto stamani per sapere se devo rinviarlo per una sua nuova valutazione. Mi ha risposto che se intendo procedere, dietro accettazione del nuovo preventivo per la rilettura, devo mandare il testo in agenzia dove lei e la sua collaboratrice valuteranno testo e revisione. Non so a quanto possa ammontare la nuova spesa, ma posso dire che mi sono sembrate persone molto serie e competenti, sia lei che le sue collaboratrici.
  19. 1 punto
    Appena ricevuto un cortese rifiuto. Ci speravo, ma va bene. La dottoressa Mazzotta è stata davvero gentile e professionale. Inoltre, la risposta è "personalizzata", nel senso, non è un messaggio copia-incollato: ha letto davvero almeno la sinossi. Comunque, impressione più che positiva per questa agenzia!
  20. 1 punto
    Come hai visto dal modulo, non c'è modo di specificare il genere. Alla prima loro email l'ho voluto dire, sebbene si potesse capire dalla sinossi inviata tramite modulo. Il modulo è lo stesso, l'ho specificato nella mail che ho mandato a loro quando mi hanno spiegato il modo di lavorare. Ora, non voglio dire inesattezze (e forse dovrei stare zitto), ma non credo accetti le raccolte di racconti. So di certo che non si occupa di poesie perché l'ha ribadito più volte. Facci sapere Credo di aver capito di quale libro parli e ti confermo che è più un genere "lupesco" che comunque possiamo individuare nella macro categoria fantasy. Forse c'è la possibilità, ma la vedo di poco superiore allo sci-fi. Che poi, ve lo dico in tutta franchezza, mi ha lasciato perplesso il rifiuto. Sono d'accordo che se dici di non occuparti del genere, allora non lo fai. Per come è strutturato il mio "romanzo", devo classificarlo in quel genere perché si parla di viaggi nel tempo, ma tutto il resto della storia è azione/thriller. Non credo ci sia da avere competenze specifiche. Però non discuto oltre, questo non cambia il mio pensiero positivo sull'agenzia.
  21. 1 punto
    Quindi 24 ore prima di me. Sicuro, sicuro che finisca il mondo? In tal caso non rientrerò al lavoro dopo le ferie estive ok, scusate l'OT. Io detesto chi non è di parola, chi ha sempre una scusa per essere in ritardo, morale il 22 agosto per me sarà già troppo tardi, a prescindere dall'esito.
  22. 1 punto
    Se è firmato, è comunque valido anche in solo formato elettronico. Perdona @Charles1 , te lo chiedo solo per capire meglio: "ha sospeso le comunicazioni" vuol dire che non ti ha mai reso spontaneamente un feedback, o che non ha mai risposto a tue richieste di notizie? Lo hai contattato anche in forma privata? Perché nel secondo caso (mancate risposte) è comprensibile ciò che dici; in caso contrario (se non hai mai provato a contattarlo e hai solo atteso per due anni), "farsene una ragione" ed essere troppo passivi, a mio parere, non giova. Né con questa né con qualsiasi altra agenzia. Credo sia interesse (e soprattutto diritto) di un autore ricevere notizie periodiche sull'iter del proprio manoscritto, per cui chiedere e sollecitare, a un certo punto, non è più una questione di educazione o di "molestia", è determinazione; di contro è dovere di un'agenzia con un minimo di professionalità farlo!
  23. 1 punto
    Intervengo in questa interessante discussione da inesperta. Sono convinta che per un aspirante scrittore, anche dall'ottimo potenziale e dotato di talento, l'editing rappresenti un supporto essenziale, soprattutto se parliamo di narrativa. Io sto scrivendo il mio primo romanzo e, a parte una discreta padronanza della lingua, non posso vantare nessuno strumento a sostegno dei miei sforzi: solo la lettura di tantissimi libri mi fa da palestra e comunque potrebbe non essere sufficiente. Vorrei pubblicare, ma non è la mia priorità assoluta: a un editor chiederei innanzitutto aiuto per migliorare la mia scrittura, indipendentemente dal resto. Non credo che invierò mai nulla a una CE senza essere passata prima dall'editing, a spese mie. Non perché non creda in me stessa o nel mio lavoro, ma perché sono convinta che per pubblicare ci voglia quel lavoro di rifinitura che né il mio occhio, né quello di amici e parenti potrebbero dare. Forse se avessi già qualche esperienza alle spalle nel mondo editoriale, come redattrice, lettrice o autrice di recensioni, sarebbe diverso ma forse mi affiderei lo stesso a un professionista. Certo non è facile orientarsi tra editor freelance, schede di valutazione, agenzie, prezzi e quant'altro, per questo sto prendendo informazioni già adesso.
  24. 1 punto
    Buongiorno! Venerdì scorso ho ricevuto un riscontro positivo dalla Fanucci: il mio romanzo fantasy è piaciuto molto! Ora sono in attesa del passo successivo. Lo 'speed date letterario' è stato davvero un evento piacevole (e dire che non volevo neppure andarci!) Condivido con voi la mia esperienza perché in questi mesi vi ho letto molto e, nei miei momenti di sfiducia totale, mi siete stati di notevole conforto. Questa per me è una vera e propria novità. Spero che questo cammino inizi e prosegua sotto i migliori auspici.
  25. 1 punto
    @heightbox @Il Conte @LuckyLuccs Gentile Il Conte, lungi da me essere inopportuna o altro. la mia era una riflessione personale vista da parte di chi scrive. Personalmente non mi piacque affatto come mi risposero alla Fiera del Libro alcuni standisti. l'atteggiamento era di chi sta pensando: "Qua ce n'è un'altra convinta di avere chissà quali qualità.". Forse un' impressione errata? Chissà...ricordo però che mi demoralizzarono molto e infatti non mandai il testo. Feci questa scelta anche per l'attesa troppo lunga. Chiaramente ciascuno fa le proprie scelte editoriali, ci mancherebbe altro...ma un anno ...! Cosa può succedere in un anno? Ad esempiio che un 'altra casa accetti il testo e, quindi, l'autore entusiasta pubblichi, scoprendo poi di essere piaciuti anche a La Corte con conseguente delusione, oppure...di non mandare il manoscritto a nessun altro, per poi scorpire di non essere stati selezionati da voi con altrettanta cocente delusione...insomma, onestamente mi metterei un po' nei panni di chi scrive e del suo stare in attesa. Per il resto rispetto le scelte di ciascuno e mi rendo conto dei problemi che ci possono essere nel selezionare o meno un libro e uno scrittore. Cordialmente Barbara
×