Vai al contenuto
  • Annunci

    • Writer's Dream Staff

      REGOLAMENTO DEL FORUM   31/12/2015

      0. INFORMAZIONI PRELIMINARI 0.1 Con la registrazione l’utente accetta espressamente questo regolamento e si impegna a rispettarlo in ogni sua parte. In nessun modo può invocarne l'ignoranza; sarebbe auspicabile inoltre che lo si controlli periodicamente per prendere atto di eventuali modifiche. A tale riguardo, consigliamo di seguire il Bollettino dei Naviganti, in cui vengono segnalate le novità e i cambiamenti apportati al forum.
      Per richiedere la cancellazione del proprio account, è sufficiente scrivere nella discussione dedicata nella sezione "Assistenza", motivando la richiesta. Un membro dello Staff si occuperà della richiesta.   1. COMPORTAMENTO E ATTEGGIAMENTO GENERALE 1.1 Consigliamo a tutti gli utenti di presentarsi in Ingresso prima di utilizzare le altre aree del forum. Ci piacerebbe conoscere un po' gli utenti e creare più empatia possibile con la comunità. 1.1.1 L'utente che si presenta non è autorizzato ad aprire ulteriori discussioni nella sezione Ingresso, a meno che non sia stato assente dalla community per un periodo pari o superiore a sei mesi. 1.1.2 È categoricamente vietato lo spam (pubblicità) in ogni sua forma e in qualsiasi area del forum, eccetto che negli aggiornamenti di stato e nelle sezioni preposte a tal scopo (vedi punto 3 del Regolamento).   1.2 È bandito ogni atteggiamento o comportamento razzista, discriminatorio, apologetico, incitante all’odio, al razzismo e ogni atto contrario alla legge italiana, al buon senso e al buon gusto. Inoltre, non è tollerato un atteggiamento polemico, offensivo, ostile, denigratorio, provocatorio, petulante o sprezzante nei confronti degli utenti o dello Staff e del suo operato. Critiche, consigli e reclami vanno posti nella sezione Assistenza o, in casi più gravi o delicati, inoltrati via messaggio privato agli Staffer online. 1.2.1 Non è consentito all’utente richiamato replicare e polemizzare pubblicamente. È possibile continuare la discussione o chiedere spiegazioni solo ed esclusivamente in via privata, tramite messaggio privato agli Staffer. 1.2.2 Qualora l’utente ritenga che un messaggio o un utente violino il regolamento o adottino un linguaggio, una condotta o un atteggiamento sconveniente, è fatto obbligo all’utente di segnalare allo staff il messaggio in questione, utilizzando il pulsante preposto di fianco all'orario in cui è stato inviato, sopra al messaggio stesso.   1.3 È vietato all'utente cancellare i propri messaggi o modificarli al fine di eliminarne o modificarne radicalmente il contenuto. In nessun caso l'utente potrà richiedere la cancellazione dei propri messaggi dal forum, ad eccezione di racconti e poesie. 1.3.1 L'utente non può eliminare autonomamente i propri racconti o poesie. La cancellazione dev'essere richiesta tramite la sezione Assistenza, nel topic delle Richieste cancellazioni; lo staff provvederà alla cancellazione del testo dopo aver preso visione della richiesta dell'utente. I testi sono di esclusiva proprietà degli utenti, pertanto in nessun caso lo staff rifiuterà la cancellazione dei testi pubblicati in Officina, ad eccezione dei racconti scritti appositamente per i contest, per i quali potrebbe essere necessario attendere la chiusura del contest stesso. 1.3.2 L’utente non può pretendere la cancellazione dei commenti ai suoi testi, così come di eventuali citazioni del testo presenti nel commento. Chi pubblica su Writer's Dream ne è consapevole e accetta la condizione di poter far cancellare esclusivamente i propri testi. La discussione con il titolo originale, tutti i commenti ricevuti (compresi eventuali frammenti citati) resteranno comunque visibili anche dopo la cancellazione.   1.4 È vietato l’utilizzo di multi account per scopi non specificatamente dichiarati. È possibile registrare un secondo account dalla stessa rete solo comunicandolo preventivamente allo Staff e dichiarando il nickname del nuovo utente; non è invece consentito l’uso di più account al fine di spacciarsi per altre persone o di assumere un’altra identità. In caso di non osservanza, la sanzione prevista è il ban permanente e immediato.   1.5 L’utente è tenuto a non parlare a nome o per conto del forum, dei suoi membri o del suo Staff senza l’autorizzazione di un membro dell’amministrazione. Ogni messaggio rispecchia esclusivamente il punto di vista del suo autore; ogni utente è pertanto pienamente ed esclusivamente responsabile dei contenuti immessi nel forum e solleva l’amministrazione da ogni responsabilità anche in sede civile e penale. 1.5.1 Si vieta la copia di email, messaggi privati e corrispondenze di qualsiasi tipo da parte di soggetti terzi.   1.6 È vietato l’uso del maiuscolo, sia nei titoli che nel corpo dei messaggi. È consentito l’uso moderato del corsivo, del sottolineato e del grassetto. È vietato inserire immagini o troppe emoticon nelle firme. È vietato l’uso di abbreviazioni e l’abuso della punteggiatura (mai più di tre puntini di sospensione, un solo punto interrogativo, un solo punto esclamativo). 1.6.1 Nel caso sia necessario regolarizzare la formattazione di un testo incollato nell'editor è sufficiente selezionare il testo stesso e premere il pulsante "Tx" presente nella barra superiore dell'editor.
      2. TESTI E COMMENTI 2.1 Non è consentita la pubblicazione di materiale di cui non si detengono i diritti; è inoltre vietato pubblicare testi fortemente ispirati ad altri, plagiati e/o materiale di proprietà altrui. Non è inoltre consentita la pubblicazione di testi diffamatori o ingiuriosi nei confronti di persone reali e facilmente riconoscibili. È ammessa la satira entro i limiti prescritti dalla legge. Sono ammessi racconti originali autoconclusivi o a capitoli, esercizi di stile, stralci di brani più ampi, poesie e sceneggiature, di qualunque genere letterario. Non è consentita la pubblicazione di canzoni, pagine di diario o di blog al di fuori della sezione apposita.   2.2 L’utente che pubblica un testo è tenuto ad accettare critiche e commenti negativi, senza rispondere punto per punto all’autore del commento: l’opinione del lettore non dev’essere messa in discussione. È ammessa la discussione pacifica con il lettore. L’utente che commenta è tenuto a essere sincero, senza timore di offendere l’autore del testo. A questo riguardo, l'utente è invitato a leggere su quale spirito fonda questa comunità.   2.3 Nella sezione STORIE è possibile inserire racconti senza limitazioni. Per pubblicare un testo in OFFICINA, invece, ne va prima commentato un altro. Il commento è valido se fatto secondo le specifiche del punto 2.4 del regolamento e deve essere stato fatto prima della pubblicazione del proprio brano, in giornata (la data, cioè, deve essere la stessa). È obbligatorio inserire un link al commento all’interno del topic del testo. Non è valido commentare un proprio testo. 2.3.1 In caso in cui il commento non risulti valido, l’utente può richiedere la riapertura del topic scrivendo un nuovo commento secondo le specifiche del punto 2.4 e comunicandolo via messaggio privato allo Staffer che ha chiuso il suo topic. 2.3.2 Le recensioni in STORIE e i commenti in OFFICINA, seguendo la filosofia di cui al punto 2.2, non devono essere espressi in tono saccente, superiore, sarcastico, sprezzante, offensivo o comunque lesivo della dignità dell’autore. Lo Staff si riserva il diritto di eliminare recensioni o commenti non idonei.   2.4 L’utente che desidera pubblicare un testo in OFFICINA è tenuto a commentarne un altro in maniera esaustiva e dettagliata, toccando molti o tutti i punti dello schema seguente: 2.4.1. Racconti: trama (intreccio, incipit, sviluppo e conclusione della storia, coerenza e originalità), personaggi (caratterizzazione, psicologia, incisività, originalità), contenuti (adeguatezza, plausibilità, messaggio trasmesso, empatia), stile (scorrevolezza, complessità, chiarezza, coerenza), grammatica e sintassi (refusi, errori grammaticali, frasi complesse, poco scorrevoli o sintatticamente errate), giudizio finale. 2.4.2. Poesie: cura formale e metrica, svolgimento della tematica, originalità, scelta dei vocaboli, efficacia delle immagini e delle figure retoriche, emozioni suscitate.   2.5 Per evitare che un singolo autore intasi la sezione OFFICINA o le relative sottosezioni, è consentito postare al massimo un solo brano e una sola poesia al giorno (quindi un racconto e una poesia, oppure un racconto over 18 e una poesia, oppure un racconto lungo e una poesia, oppure un frammento e una poesia, oppure un racconto a capitoli e una poesia). Nel conteggio non vengono considerati i brani postati per i Contest.   3. LE AREE DEL FORUM 3.0 L’utente è tenuto a prendere visione del regolamento di ogni sezione prima di postarvi. Le discussioni da controllare sono sempre segnate con l’etichetta “Importante” .   3.1 Inizia qui la tua avventura nella community. Si divide in: 1) Regolamento del Forum, che porta al presente regolamento; 2) Ingresso, nella quale ci si presenta secondo le regole di Benvenuto; 3) Bacheca, in cui vengono inseriti gli avvisi ufficiali dello Staff (nel topic Bollettino dei naviganti), in cui è possibile richiedere l'aiuto dello Staff (nella sottosezione Assistenza) e in cui si possono dare idee e suggerimenti per migliorare il forum (nella sottosezione Laboratorio Creativo).   3.2 Il mondo dell'editoria: 1) Case editrici, in cui è possibile trovare informazioni sulle Case Editrici (CE). Se una CE non è presente in nessuna delle quattro sezioni (si è tenuti a controllare), l’utente può aprirne il topic relativo nella sezione Da testare seguendo il Regolamento della sezione. 2) Piattaforme Print On Demand; 3) Agenzie letterarie; 4) Freelance; per aprire una discussione professionisti e utenti devono compilare un modulo secondo il Regolamento della sezione; 5) Questioni Legali; 6) Concorsi ed Eventi esterni, dove si segnalano contest e iniziative esterne al forum; 7) Varie ed eventuali, dove troverete informazioni extra sul mondo editoriale.   3.3 Officina: questa è l'area in cui gli utenti possono postare i propri brani per migliorarsi, ricevere pareri sinceri, critiche e complimenti in egual misura. Lo scopo dell'Officina è proprio quello di essere una "palestra" dentro la quale uno scrittore può allenarsi e provare qualcosa di nuovo. In questa sezione è vietato l'uso dei punti reputazione. Bisogna fare molta attenzione ai regolamenti di ogni sotto-sezione. Si divide in: 1) Narrativa; 2) Poesia; 3) I contest del Writer's Dream; 4) I migliori racconti del WD; 5) I nostri libri, dove è possibile pubblicizzarsi secondo il regolamento della sezione; Comitato di Lettura, dove si possono fare le richieste di recensioni a cura del WD usando il topic apposito.   3.4 Documentazione: questa è l'area in cui si può parlare di scrittura e lettura in tutte le sue sfaccettature. L’utente è tenuto a postare le discussioni nella sezione corretta e, in caso di errore, è tenuto a contattare un moderatore di sezione per lo spostamento del topic. L'area è suddivisa in: 1) Scrivere, che si ramifica in diverse sezioni di cui si consiglia di leggere il riepilogo; 2) Leggere, anch'essa divisa in diverse sezioni di cui si consiglia di leggere il riepilogo;   3.5 Area relax. 1) Agorà; qui ci si può rilassare prendendo parte ai diversi giochi proposti dagli utenti e parlare di tutto ciò che esula le altre sezioni; 2) WD Club, dedicato ai Sostenitori. Per maggiori informazioni sui Sostenitori, leggete questo topic. 2) Il blog del Writer's Dream, un collegamento che porta direttamente al nostro blog.
      4. COPYRIGHT 4.1 Ogni testo e ogni materiale pubblicato in questo forum è protetto da Licenza Creative Commons by-nc-nd (Attribuzione – Non commerciale – No opere derivate) e appartiene ai rispettivi autori. È pertanto consentita la ridistribuzione senza scopo di lucro del materiale presente, citando chiaramente l’autore e la fonte. 4.1.1 Ogni violazione di suddetta licenza verrà punita con il ban e con querela presso la Polizia Postale.
      5. BAN E PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI 5.1 I provvedimenti disciplinari vengono applicati tramite i richiami, che hanno una durata minima di 200 giorni. Violazioni del regolamento o comportamenti inappropriati possono portare a richiami da 1 a 4 punti. Lo Staff può applicare limitazioni all'account, ban temporaneo e ban permanente. Tre richiami equivalgono al ban temporaneo di 30 giorni, quattro richiami equivalgono al ban permanente. A questi provvedimenti possono aggiungersi altre sanzioni, come l’inibizione all’uso della chat, di alcune sezioni del forum o altro, a esclusiva discrezione dello Staff. Agli utenti bannati non è consentito reiscriversi al forum. La propria situazione è consultabile in ogni momento utilizzando la funzione Situazione avvertimenti presente nel proprio profilo.

Leaderboard


Contenuti popolari

Sono mostrati i contenuti con più punti reputazione il 15/06/2016 in tutte le aree

  1. 4 punti
    Ora capite perché quando si vede un film dopo aver letto il libro si rimane sempre un po' spaesati? Perché le facce dei protagonisti erano tutte diverse da come le avevate immaginate.
  2. 2 punti
    Ma seriamente! Io vi immaginavo tutti biondi, tettoni e con le gambe da topmodel
  3. 1 punto
    ovvero la mia lettera aperta agli aspiranti scrittori In uno dei miei libri più amati il protagonista, giovane editor di una casa editrice che pubblica manuali di self help, trascorre le sue giornate com il compito di metter mano nella pigna purulenta di manoscritti, spesso non richiesti e tanto meno desiderati; quelli che affluiscono ininterrottamente in tutte le case editrici. Nel romanzo accade che un mostruoso scritto di mille pagine diventi un vero bestseller, prometta di rendere ognuno felice, di curare tutti i mali del mondo e di far scoprire il segreto di una vita sessuale entusiasmante. Nella realtà accade che un manoscritto che hai bocciato finisca mesi dopo tra i finalisti del più prestigioso premio italiano per romanzi inediti (il Calvino), che uno che ti sei fatto sfuggire per qualche giorno entri nella Top 10 nazionale con un altro editore, che tanti finiscano (più o meno giustamente) nell'oblio e che altri invece trovino la loro strada verso destini editoriali più o meno nobili. Ho espresso il titolo di questo mio intervento in forma neutra, volutamente. Né esclamativo né interrogativo. Non invogliante ma neppure dissuasorio. Entrambe le cose, a essere sincero. Perché provarci sempre e comunque? Perché farlo, se ciò che mandate è palesemente inadeguato? Da dove nasce la necessità di pubblicare in chi spesso fatica a scrivere non solo una sinossi dignitosa, ma addirittura le poche righe di accompagnamento al manoscritto. Io adoro l'entusiasmo, anche quello che si trova tra queste pagine, ma ritengo anche che spesso vi sia, di fondo, una grande ignoranza di come funziona il mondo editoriale. La beatificazione dell'editoria Free, doverosa e necessaria, in realtà lascia spazio a fenomeni altrettanto pericolosi e nocivi, una pletora di piccole e piccolissime case editrici che vengono prese in considerazione acriticamente solo perché, in alcuni casi, offrono a chiunque la possibilità di pubblicare, con meccanismi autoprotettivi che non sono per forza migliori dell'EAP. E alimentando l'arroganza di chi si crede scrittore senza esserlo, di chi ha la convinzione che queste pubblicazioni facciano curriculum. Diciamo la verità, non lo fanno, anzi. "Sono Pinco Pallo, scrittore affermato. Ho al mio attivo 4 romanzi con Fermacampione Editore (se esistete davvero, perdonatemi) altri 3 con La Spillatrice Transpolesana (anche voi...), 2 sillogi poetiche e 147 premi e menzioni d'onore, alcune addirittura a livello comunale." Per la legge dei grandi numeri (e per svariate altre implicazioni psicologiche) tendi a escludere a priori che quello che stai per leggere sia il Grande Romanzo Italiano. Per scrivere ci vuole talento, è vero, ma è altrettanto vero che servono anche costanza e duro lavoro. Studio. Allenamento. Confronto. Non demonizzate a priori un editor freelance che vi chiede 50€ per una scheda di lettura, o meglio ancora per una chiacchierata sul vostro scritto. Piuttosto cercate (e gli strumenti oggi sono a disposizione di tutti) chi fa bene, con coscienza il proprio lavoro. Indignatevi per una revisione di bozze o per una bella formattazione spacciate per editing, non per una lettura professionale a pagamento, anche noi le paghiamo. Servirà a voi, al vostro percorso di crescita personale e professionale, alla vostra eventuale carriera nella scrittura; non sprecatela per troppa fretta, per il desiderio di arrivare a tutti i costi (e con chiunque) a pubblicazione. Abbiate il coraggio di aspettare, di buttare via un manoscritto, di riscriverlo da capo, di accettare uno, cinque, venti NO, non sfuggite il confronto ma cercatelo, costruitevi una consapevolezza piena rispetto a ciò che avete scritto e scriverete. Era lungi da me l'idea di scrivere un post critico, quindi ecco perché provarci sempre e comunque! In tanti ultimamente mi avete posto domande, chiedendomi se un drago di troppo o una mutanda in meno potessero compromettere la nostra eventuale valutazione. Avete mille dubbi, mille ansie, ed è giusto così. Ma nel momento in cui siete sicuri e consapevoli del vostro testo (vedi sopra) mandatelo, mandatelo comunque! Noi editor (ne faccio un discorso di categoria) siamo lettori onnivori, appassionati, sempre in cerca di nuove storie, nuove voci. E se ne incontriamo una, sebbene lontanissima da quelle che sono le nostre direttive professionali del momento, sappiamo riconoscerla (quanto meno abbiamo la presunzione di crederlo) e non lasciamo che cada nel vuoto. A settembre mi è capitato di leggere un bellissimo testo, tanto intelligente quanto imperfetto, e purtroppo impubblicabile, almeno per la casa editrice dove lavoro. Questo però non ha impedito che convocassimo l'autrice e la instradassimo verso un percorso differente, che lei non aveva immaginato, e che presto la porterà in libreria con un editore specializzato. Questo per dire che a prescindere dal genere, se un libro è buono la sua strada la troverà; magari potremmo essere noi ad agevolarlo, questo percorso, direttamente o indirettamente, o magari sarà qualcun altro che lo segnalerà a noi, ma in ogni caso non rinunciate al vostro sogno.
  4. 1 punto
    Ho appreso da una ricerca fatta sulla letteratura preferita dai giovani, che il genere preferito è il romando d'amore. E mi sono chiesta: " forse perchè di amore in giro ormai se ne vede poco? " Forse perchè leggono solo le dolci donzelle mentre i maschi stanno tutti a giocare con la PS? L'articolo è questo e spero che possiate fare delle ipotesi migliori delle mie http://www.writersdream.org/2016/06/indagine-nielsen-2016-letteratura-sempre-meno-di-moda-tra-i-giovani/
  5. 1 punto
    @Quokka Fa parte della mia missione
  6. 1 punto
    @simone volponi Mi stai migliorando le giornate
  7. 1 punto
  8. 1 punto
    Sto ridendo come una matta Siete tutti stupendi! *-*
  9. 1 punto
    Tutti gli anni rifacciamo la stessa discussione su genere e non genere, un po' siamo testoni, eh? Quello che intendono con "romanzi di genere" gli organizzatori del concorso (e che non vogliono) è la narrativa di puro intrattenimento; credo che cerchino un romanzo con qualche ambizione di "bella scrittura" e che esprima un tentativo di interpretazione del mondo, che abbia un "messaggio" oltre il puro divertimento della storia. Poi se nel romanzo ci sono un paio di morti ammazzati, qualche fantasma o una storia d'amore credo gli vada bene lo stesso.
  10. 1 punto
    In ordine 1. gli unici diritti che concedi ad Amazon sono quelli di distribuzione (peraltro non esclusivi) e non hanno niente a che fare con l'opzione di Royalty che scegli. Peraltro non dice da nessuna parte nelle condizioni che la royalty al 70% impedisca di attivare la promozione del libro gratuito, ma non l'ho mai fatto comunque per cui non ho garanzie 2. a pubblicare con o ISBN rischi non ce ne sono, con ISBN il tuo libro è una pubblicazione ufficiale inserita nei cataloghi mondiali, senza non lo è, tutto qui. Chiaro che se vuoi una cosa fatta professionalmente e non una pubblicazione tanto per, l'ISBN ti serve 3. se rendi il tuo libro di dominio pubblico stai letteralmente dicendo che i diritti su quel libro non sono tuoi, e chiunque è libero di farne quel che gli pare, per cui se anche qualcuno lo ripubblicasse in toto non sarebbe un furto, lo stai regalando tu. Di norma affermi che un libro è di dominio pubblico quando quello che contiene non è opera tua ma, appunto, materiale di dominio pubblico 4. certo che sì 5. di solito tutti i siti fanno vedere le vendite in tempo reale (ma nello specifico non so dirtelo, per dire, teoricamente ilmiolibro ti fa vedere le vendite in tempo reale, in sostanza mi hanno pagato più libri di quanti risulta ne abbiano venduti stando al loro report "in tempo reale", quindi...) 6. se la copertina deve avere un retro, sì
  11. 1 punto
    L'Orlando furioso non è un romanzo (e all'epoca non era ancora nato il genere romanzo). Frankenstein nasce da una gara per scrivere un racconto di fantasmi, ma la Shelley non lo scrive subito e si lascia influenzare da elementi che allontanano la sua storia dalle caratteristiche del racconto gotico classico, sconfinando, se vogliamo, nella fantascienza. Dracula possiamo considerarlo di genere gotico (ma anche epistolare). Cent'anni di solitudine da origine al filone del realismo magico (quindi non si ispira, ma crea un nuovo genere). Il cuore di 1984 (come della Fattoria degli animali) è una spietata critica all'ideologia comunista. Ma allora, se vogliamo, Madame Bovary rientra nel genere "realistico". A voler essere pignoli, almeno a posteriori, a qualsiasi storia è applicabile un'etichetta di genere. Quello che volevo dire è che i capolavori hanno qualcosa in più dei c.d. romanzi di genere e non fingiamo di non capirci.
  12. 1 punto
    Eh lo so, bel naso vero? Sto cercando di smettere di fumare ma non è facile...
  13. 1 punto
    Ma vedo che anche tu Kuno hai sostituito quell'orrendo ferro da stiro con l'immagine del tuo volto. Era ora: non ti facevo così carino.
  14. 1 punto
    @Nerio archive.org è un archivio fantastico, quanta roba! grazie del suggerimento
  15. 1 punto
    Aaaah,ma sono loro! Quelli di... quella canzone che fa...che hanno fatto pure... Bah! Lo ammetto, sulla musica sono un ignorante che non ignora di ignorare!
  16. 1 punto
×