Vai al contenuto

Tutte le attività

Si aggiorna in automatico     

  1. Ultima ora
  2. Edu

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Per la verità a Bari si usa stare ogni due per tre e senza "ci" Es.: - "Giggi sta?" - "Sì, sta". - "E la cremeria, sta?" - "Pure!" Ma questo, sì, è un regionalismo. Ma stare per dire "essere in un luogo" non lo è affatto... Ognuno sta solo sul cuore della terra trafitto da un raggio di sole: ed è subito sera. Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie. Anche se, lo ammetto, i due autori sono entrambi terroni... Uno è addirittura di Alessandria d'Egitto!
  3. Kuno

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Anche io. Un’espressione come “Dove sta la sedia?”, al posto di “Dove è la sedia” non si usa solo nel profondo sud. Un mio conoscente pugliese, invece, usa il verbo “stare” in un modo che da noi non si usa: ”Di là ci stanno due sedie” = “Di là ci sono due sedie”. Questa mi pare dialettale.
  4. Marcello

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Perché qui ha proprio il significato di "rimanere" Nell'altro esempio non si potrebbe usare, perché identifica invece il luogo dove uno si trova e non il fatto che non intenda uscire. – Passo a prenderti, dove sei? Sono a casa, al bar, al km. 12 della via Appia... Qui se usassimo "stare" sarebbe un regionalismo.
  5. RMLodka

    Il cerchio

    Dopo soli due giorni dall'invio del mio manoscritto, mi hanno ricontattato dicendo che è sembrato interessante e che sarebbero interessati ad inserirlo in una delle loro collane... tuttavia, richiedono la disponibilità da parte dell'autore a partecipare alle spese di stampa, il cui contributo verrà formulato dopo l'invio del file definitivo. A questo punto, non so se inviare di nuovo il file, così da valutare il prezzo che mi chiederanno, oppure non fare niente.
  6. Talia

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Mi avete fatto riflettere su questo modo di usare il verbo stare. Credo, come già alcuni hanno detto, che il verbo stare indichi un moto che non avviene (definizione molto tecnica). "Dove vai stasera?" "Sto a casa" Mentre il verbo essere lo uso più come stato in luogo. "Sono a casa, puoi passare a trovarmi". Poi non so se sia giusto, sbagliato, regionale, ma d'istinto li uso così. Talia
  7. Lauram

    E tuo padre oggi bevesse soltanto acqua tonica

    @appassionato che sfortunato il tuo protagonista La trama è simpatica, non mancano aneddoti che strappano sorrisi. Vediamo se ti posso aiutare con altre osservazioni. Penso all'incipit, una sfuriata tra madre e figlia. Non si capisce il perché fino alla fine. Con l'epilogo poi si comprende l'inizio. Chi ha voglia di ritornare indietro e rileggere alcune osservazioni che nelle prime righe sembravano non chiare? Questo per dirti che secondo me (non do consigli, non ne sarei in grado, sono solo osservazioni le mie già nell'incipit avresti potuto dare qualche informazione. Perché l'alito puzzava? Con chi ce l'ha la donna? Di chi parlano? Per predisporre il lettore a capire il seguito. Sembra che si parli del pomeriggio subito dopo la litigata, ma non è così. Carina. Dicendo "pensa" avrei tolto la parentesi. Anche qui il discorso tempo. Sembra che parli di quella domenica (che in realtà è passato) per poi con "fatto" ci riporta al presente. Ho notato che usi frasi lunghe con incisi. La punteggiatura ne risente. Si fa fatica a modellare un qualcosa di complesso. Una frase corta fatta da un soggetto verbo e completo è soggetta a meno difetti di punteggiatura (è matematica :)) Non che io sia brava - sono una vera zappa a volte - tanto per... vediamo una frase a caso. Fatto. Che brava ragazza, pensa. Ingrano la retromarcia e via verso casa. Verso casa un par di palle. Il pneumatico anteriore sinistro è a terra. Per forza faticavo a sterzare, si dice. Bestemmia. Mulina le braccia e si strappa i pochi capelli che gli restano. Dannazione, esclama. Neanche il ruotino. Ho solo quel fottuto compressore. Scusa, è solo un esempio. Frasi brevi, poca punteggiatura. Ciao Se ti può consolare nella mia mente canticchio Califano, l'acqua tonica mi ha fatto pensare a lui.
  8. Oggi
  9. mercy

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Nessun problema, @Marcello, si discuteva del sesso degli angeli. Credo anche io che "stare" per "essere, trovarsi" sia corretto. Direi che @AdStr ha già risolto brillantemente il problema.
  10. Marcello

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Ci sono padani e padani... Me ne sto tranquillo in poltrona si dice comunemente dalle mie parti Stare in panciolle invece non è certo nell'uso quotidiano, ma è perfettamente corretto. Dai, non siamo a farci dei problemi che non esistono...
  11. Ho sbirciato sul tuo sito e ti segnalo che nella sezione "musica", alcuni video di youtube che hai linkato non esistono più.

    Buona serata "commentatore seriale" (cit.)! :D

  12. mercy

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Contestare no, ma davvero non si usa. Io, almeno, non credo di aver mai sentito usare il verbo stare, nella lingua parlata, se non nell'accezione di restare, rimanere. Come va? Ho l'influenza, oggi sto a casa tranquillo. Coma va? Sto a letto /sul divano / tranquillo. Sono a letto / sul divano / tranquillo. Del resto l'italiano è una cosa, la lingua parlata un'altra (non solo nella pianura Padana, mi sa). Edit: Mi è venuto in mente, per esempio: Meglio che io stia tranquillo, s'intende: meglio che io rimanga tranquillo. Niente da fare, il Veneto non ci sta proprio.
  13. Edu

    [FdI 2019-2] Son fatto così

    Ciao @Marf non vorrei fare una gaffe, ma credo sia la prima volta che ti leggo. Ad ogni modo è un piacere. Il racconto mi è piaciuto, c'è una bella inventiva dal sapore fantascientifico e distopico, e riesci a disegnare una determinata atmosfera cupa che si accompagna al sentire del protagonista. Certo, che tipo temibile che è questo, terribile sia nella fase del peccato che in quella della redenzione . Devo dire che la narrazione, in sé, ha una sua coerenza, in cui il dramma privato e il dramma di aver creato un impero mostruoso concordano e spingono verso la stessa direzione è la stessa soluzione. Prima di me hanno suscitato asimov, ma mi è impossibile non pensare a Orwell e Bradbury . Certo, non voglio nemmeno essere esageratamente lusinghiero, quindi tieni a mente che difficilmente, senza la traccia che hanno lasciato nell'immaginario collettivo, che si siano letti o meno, avresti scritto questa storia. Ti confesso che sono meno entusiasta dello stile di scrittura, e trovo che potresti alleggerire il periodare, evitare qualche relativa, qualche gerundio, qualche possessivo, qualche contorsione del periodo. Non sempre la sintassi è ineccepibile. Ma, voglio dire, questa cosa accade a tutti noi, Il mio giudizio rimane assolutamente positivo. Qualche pulce Quasi sicuramente è ignoranza mia che non conosco bene i termini tecnici, ma non ho ben capito questo passaggio Qui si incominci a usare "la" per indicare il complemento oggetto "poesia" sottointeso . Fa un po' strano, perché fino a poco prima stavamo parlando del libro ("trovar lo", "ricever lo"). E inoltre non credo sia corretta l'espressione " tutte le volte in cui l'abbiamo letta"; più semplicemente: "tutte le volte che". Refusino con la punteggiatura. Comunque, io, la poesia Non l'ho trovata mediocre, mi è piaciuta Noto che ci sono diversi aggettivi possessivi. E, alcuni sono evitabili, tipo questo Lo snellirei: "come potevo rifiutarmi di pagarlo personalmente" Forse "valutare" Non è la scelta terminologica migliore . direi semplicemente "cogliere" Per l'uso che fai dei termini paese e Repubblica, li metterei in lettera maiuscola Delle Spero di rincontrarti presto, alla prossima
  14. Lauram

    Marketing

    Ma grazie @appassionato, @Masimellow, sono contenta di sapere che vi piacerebbe leggerere il racconto una seconda volta. Che bello il tuo commento
  15. Lisa Lambertini

    Dark Zone

    Li conosco e sono stata loro ospite al salone del libro di Torino. Serietà, impegno e talento. Bravissima Francesca Pace!
  16. camparino

    [FdI 2019 - 2] L'epigono

    @ivalibri ciao Iva Porca paletta. Nella prima tappa avevo votato il tuo struggente "Andata e ritorno dall'isola". Qui cambi totalmente registro con un racconto di ripicche e rivalse accademiche. Forse per il contesto, lo ho trovato troppo raccontato. Anche i personaggi hanno poca empatia. Tranne il professore che balla con una camicia di lame'. E che forse meriterebbe più spazio. Insomma, ti preferisco intimista. Vabbè lo ho detto.
  17. queffe

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Stavo anche pensando che nemmeno un padano purosangue si permetterebbe di contestare la locuzione "me ne sto..." (a letto, sul divano, tranquillo...).
  18. Joyopi

    Cosa state leggendo?

    @AdStr, ottima scelta, il Re!
  19. Lauram

    Il gioco del Vocabolario Fantastico

    Cynal: quando bevi talmente tanto Cynar che i carciofi ti escono da lì. (Sono pessima, scusate, ma mi fa troppo ridere:)) KGUCJROXEZPBDQALIHVTMWFNSY
  20. Lisa Lambertini

    I Vampiri di Dexter Hall

    Fino a
    Fucina d'intenti e talenti il gazebo vampiresco per eccellenza #vampirelab dove Lisa Lambertini vi aspetta per presentarvi i suoi romanzi e i personaggi che li animano e dove troverete tanto altro! X I romanzi della saga X Gadget X Set fotografico Steampunk e gotico X scatti di Stefan Manderioli Production Presentazione con interpretazione di un brano de "la danza dei cuori" di Lisa Lambertini. Voce di Mirco Cattani.
  21. queffe

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    Ho visto il video. Divertentissimo (e tutt'altro che involontario. )
  22. Sira

    Sulle punte del silenzio

    Ciao @Ali_spiegate, i tuoi suggerimenti, dalla modifica del titolo, all'eliminazione della penultima strofa, sarebbero funzionali se la tua interpretazione corrispondesse a ciò che avevo in mente, ma, seppure suggestiva oltre che gradita, si discosta di molto. Partire da un testo e assistere al formarsi di poesie sempre diverse, è un potere che ha solo la poesia, ed è sempre un bel vedere. Grazie mille del tuo passaggio e del tuo contributo.
  23. queffe

    Siete sicuri che stiamo nel WD?

    E dopo "Essere o non essere" e "Avere o essere" abbiamo anche noi un quesito fondamentale: "Stare o essere"? Io sto con @AdStr. Inoltre penso che quel video fosse una parodia più dei saputelli del nord, piuttosto che degli ignoranti del sud. Magari involontaria, il che la renderebbe efficacissima
  24. deephell

    Introduzione cortometraggio distopico

    commento Ciao, dovrei scrivere una didascalia introduttiva per un cortometraggio e vorrei una mano a scrivere qualcosa di intrigante e fluido, da questa specie di brainstorming: Nel XXI secolo, dopo che lo stato entrò in profonda crisi, la confusione totale permise la diffusione di annunci di lavoro ambigui ed enigmatici, su internet e sui giornali. I disoccupati, disperati, accettavano. Un gruppo estremista, che poi si scoprì essere chiamato i "Ripulitori" attirava gente con disperato bisogno di lavoro e li sottoponeva ad un rivisitato esperimento di Milgram. Se la vittima lo portava fino in fondo veniva eliminato a sua insaputa dopo un colloquio con l'"organizzatore". L'individuo spariva e non veniva più ritrovato. Lo stato non fece nulla per evitare questa situazione, forse riteneva potesse essere utile ad una pulizia etnica e morale. "Ristabilitasi" la situazione, nei decenni successivi, capi di stato credettero che questa fu una buona idea e l'attuò, per eliminare persone non idonee a popolare il paese. Queste persone erano considerate come un cancro che a lungo andare avrebbe infettato il paese. Vorrei qualcosa che possa sembrare quasi vero, che incuta timore nel leggerlo.
  25. Poeta Zaza

    [FdI 2019 - 2] L'epigono

    imprescindibile asseverata al testo, ok (meglio in corsivo, per distinguerla dalla prosa, però) è parente della vendetta, sì, giusto proseguì Meglio "Voleva ammirarlo" oppure "Avrebbe voluto ammirarlo". Cara @ivalibri Un bel riscatto, quello raccontato da te, e non scontato. Dà ancora più luce all'allievo che supera il maestro la pubblica approvazione e l'orgoglio sincero di quest'ultimo! Ciao da Zaza
  26. H3c70r

    Il gioco del "se fosse"

    Difesa contro le Arti Oscure (io e Remus lupin siamo molto affini... ) Se dovessi inventare una variante del tiramisù, oltre a quelle già note, cosa ideeresti?
  27. Sira

    Simonalin

    Ciao @Simonalin benvenuta tra noi! Leggendo il regolamento può sembrare un po' complicato avventurarsi nel forum, ma non preoccuparti… nulla di difficoltoso. E comunque, ogni sezione in cui vorrai postare riporterà sempre il regolamento di riferimento. Tranquilla… e buona permanenza!
  1. Carica di più
×