Vai al contenuto

Tutte le attività

Si aggiorna in automatico     

  1. Ultima ora
  2. cynthia collu

    SONO IO CHE L'HO VOLUTO

    Questo brano racconta la violenza assistita, quella dei bambini impotenti davanti alla furia rabbiosa dei loro genitori. Violenza terribile, perché subita da creatura indifese, che non possono comprenderne i motivi. Giocarono per un po’ con le macchinine, poi con i Lego e infine sfogliarono insieme il libro di fiabe. Di punto in bianco Rosita si stufò di guardare le figure, si mise a gattoni e procedendo in quel modo si infilò di nuovo sotto il letto. Teodoro non le badò. Si era stancato anche lui di giocare. Prese Baloo, si ficcò il pollice in bocca e cominciò a succhiarlo. A poco a poco si perse nel suo mondo fantastico. Le urla improvvise lo fecero sobbalzare. Guardò verso la porta, atterrito. Il padre gridava: «Non ne posso più di te», la madre gli rispondeva con voce acuta, gridava anche lei, ma in maniera più spaventosa. Qualcosa cadde a terra. Il fracasso durò a lungo, come se nella caduta si fossero rotti molti oggetti. Un urlo. Di nuovo rumori, questa volta sembrava che qualcosa sbattesse contro i mobili. Un grido. Il pianto improvviso della madre. Un rumore secco. Il padre urlò ancora più forte. Teodoro rimase seduto a terra. Si succhiava il dito con forza, gli occhi fissi sull’orsacchiotto. Avrebbe voluto correre di là, ma non riusciva ad alzarsi. Un altro grido. Teodoro accarezzò Baloo succhiandosi più in fretta il pollice. In quel mentre sentì un rumore alle sue spalle. Rosita era uscita da sotto il letto e ora guardava la porta, la bocca sporca di azzurro spalancata per la sorpresa. Di nuovo un urlo. «Bastardo!» Era stata Miriam a gridare. Teodoro incassò il collo tra le spalle, piegò il capo e si osservò la punta dei piedi. «Dodo!» Il labbro inferiore di Rosita tremava. «Dodo!» ripeté la bambina e cominciò a singhiozzare. Mentre piangeva le spalle le si scuotevano con forza. Era la prima volta che lo chiamava per nome. Teodoro si tolse il dito di bocca. Che cosa aveva detto la madre? Rosita era piccola, lui era grande. Si alzò e le si accoccolò accanto. «Non è niente, la mia mamma ha solo il singhiozzo. Vedi? Ih, ih!» e le rifece il verso che proveniva dalla sala. Rosita scoppiò a ridere nervosamente. Rideva e singhiozzava insieme, senza smettere di fissare la porta. Lui le appoggiò una mano sui capelli. Di colpo la bambina gli gettò le braccia al collo e gli strusciò le labbra sul viso, in un tentativo di bacio.
  3. Edu

    Utente del mese per meriti non letterari

    Vallettismo di alto livello!
  4. mercy

    Utente del mese per meriti non letterari

    Aggiornamento exit poll: @The Butcher Of Blaviken 12 voti (AndC, RedInferno, Flambar, AdStr, Bluesman, Miss Ribston, SeeEmilyPlay, Ippolita2018, Mister Frank, Domink G.Cua, Red e M.T.) @Amara 11 voti (Talia, Emy, Edu, Eudes, Ton, Lauram, Mattia Alari, AnnaL., Alba360, Rica e... Amara!) @Poeta Zaza 2 voti (Nemesis74 e Bwv582) Chi non ha ancora votato... votasse! Io sono pronta a mandare a @Eudes i risultati ufficiali del voto alle 00.00 di venerdì, così lui potrà annunciare vincitore e premi. Intanto rifatevi gli occhi... ma quanto bella è la giuria di questo mese?
  5. Ivana Librici

    Mezzogiorno d'Inchiostro n. 125 Off Topic

    Wow! La mia prima nomina ufficiale nel WD! Bene, bene, vediamo cosa ci combinano i prossimi giudici del MI!
  6. Marcello

    Le pizze

  7. Vincenzo Iennaco

    Il gioco del Vocabolario Fantastico

    Ulna Thurman: attrice che recita a braccio. KGUCJROXEZPBDQALIHVTMWNSY
  8. Alla prima presentazione "seria" della mia vita mi sono presentato con un cartone di libri alla sagra del paese che dà il titolo al romanzo. Beh, le copie non sono bastate e, per la gioia del mio editore, ho dovuto rifornire la cartoleria di una borgata vicina (non esiste una sola libreria in zona!) per esaudire le richieste dei "delusI". E pensare che un piccolo editore della zona aveva rifiutato il romanzo perché di ambito troppo locale. Come se il Montefeltro fosse un luogo sconosciuto...
  9. dyskolos

    Le pizze

    Ora che mi ci fai pensare, io non sono Cocciante, ma ho comunque scritto un racconto (non una canzone) il cui personaggio principale si chiama Margherita
  10. Roberto Ballardini

    L'ultima volta in cui abbiamo visto il mare

    @Sira Ringraziamo con tutto il cuore e rimaniamo in trepida attesa (io e Palomo, il cavallo).
  11. Marcello

    Le pizze

    Salve, sono Cocciante; ho scritto una canzone...
  12. Bluesman

    [Gioco] Catena musicale

    Mellow down easy - Andy J. Forest Band
  13. dyskolos

    Le pizze

    A proposito di pizza romana o Romana, potrebbe capitare quanto segue Un giorno incontrai una persona. «Io mi chiamo Romana Prodi» mi disse «e sono la sorella di Romano Prodi. Sa?, nella nostra famiglia non c'è molta fantasia » «Per gli Dei dell'Olimpo» fu l'unico commento che mi uscì dalla bocca. Lei sorseggiò una bibita. «Non ci crederà, ma ho inventato una pizza e le ho dato il mio nome: l'ho chiamata pizza Romana.» In questo caso direi "pizza Romana". Nelle altre accezioni, direi "pizza romana", perché il romana sarebbe un aggettivo e gli aggettivi vanno al minuscolo. In ogni caso, la pizza è il mio piatto preferito. Per me è sempre una vera squisitezza, la si chiami margherita o Margherita, romana o Romana Buona pizza a tutti!
  14. Oggi
  15. Edison

    IoScrittore

    Ciao, Ioscrittore suggerisce di aprirsi e di non farsi condizionare dai propri gusti letterari, ciò nonostante a me è capitato di ricevere delle insufficienze motivate solo dal fatto che il genere letterario a cui apparteneva il mio romanzo non era quello abitualmente trattato e apprezzato dal mio lettore. Io sono uno di quelli che in passato ha ricevuto pareri che rasentavano l'offesa. Purtroppo il lato negativo di questo concorso è che talvolta si possono trovare o persone che approfittano dell'anonimato per creare disagio o per affossare un rivale che reputano meritevole. Io ho sempre partecipato e parteciperò anche quest'anno. Tutto sta a parere mio a non lasciarsi troppo coinvolgere e mantenere una propria sicurezza personale. Ioscrittore non ha mai preteso di essere la verità in tasca e anche altrove si possono trovare ostacoli creati da persone in malafede. Alla prossima. Edison
  16. dyskolos

    Tempo e pov preferito

    Puff! Danielle Steel mi fa un baffo a me Si ricorderanno di me anche nel prossimo millennio, altro che decennio: non mettiamo limiti alla Provvidenza
  17. Poeta Zaza

    Sono il sessantatre - Un altro punto di vista

    Grazie @Gabriele Ludovici del tuo passaggio e dell'apprezzamento!
  18. Lizina

    R. Vivian Literary Agency

    Le ho mandato il mio manoscritto quasi tre mesi fa e ancora nessun cenno. Credo che aspetterò la fine del Salone del libro prima di ricontattarla.
  19. Marcello

    Tempo e pov preferito

    Vai: sarai la Danielle Steel del prossimo decennio, me lo sento!
  20. Neura

    Il gioco delle Consonanti

    Decio?
  21. foltry

    In tasca la paura di volare

    Alcune poesie di In tasca la paura di volare pubblicate sulla rivista letteraria Yawp
  22. foltry

    In tasca la paura di volare - Lorenzo Foltran

    Alcune poesie di In tasca la paura di volare pubblicate sulla rivista letteraria Yawp
  23. Rototom

    R. Vivian Literary Agency

    A me non ha mai risposto, nemmeno per un cenno di ricezione. Le sarò antopatico
  24. Lauram

    Il gioco delle Consonanti

    Pensa al dieci che c'è dopo
  25. Neura

    Il gioco delle Consonanti

    Ma Luca e Duca sono giusti? O è qualcosa tipo Lucio e Ducio?
  1. Carica di più
×