Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

Per la distribuzione ora si sono attrezzati e il libro arriva nelle librerie ( soprattutto quelle indipendenti) in un paio di giorni. Positivo è anche il conto vendita che fanno con le stesse. Per la copertina devi trattare e proporre.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho sentito Matteo al telefono, nonostante la comunicazione fosse disturbata è stata una piacevole chiacchierata. Molto gentile e disponibile. Mi riservo ancora un paio di giorni ma credo che accetterò. Mi ha concesso anche la possibilità di una copia omaggio, non è un problema per loro.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aggiornamento: stamane mi è arrivato il contratto definitivo, da restituire via posta.

Inoltre hanno piacere di incontrarmi a Sanremo nella loro sede per discutere sul testo e sulla promozione. Tutto benissimo finora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Torno ad aggiornare il topic con la mia esperienza. Firmato il contratto ho ricevuto indietro le indicazioni per fare alcune correzioni sul testo attenendosi ad esse... In seconda battuta poi mi hanno inviato di nuovo indietro il testo come sarà impaginato. Ho scelto la copertina tra quelle proposte e il libro è andato in stampa, prima tiratura di 50 copie.

Mi hanno inoltre chiesto di scrivere un file con le tematiche dell'opera, la descrizione delle ambientazioni e qualche brano significativo.

Il tutto per avere una valida documentazione da poter inviare agli organi di informazione. Sono molto soddisfatto di tutto e della loro serietà e velocità nelle risposte, per cui confermo il gradimento generale.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

Lo stesso per me. Libro uscito il 20 aprile, cartaceo disponbile, e-book per le recensioni in arrivo a breve e tutto quanto bene. Rimangono solo le due presentazioni da organizzare. Però la prossimo volta, faccio in modo di presentare un libro già editato, perché loro si limitano ad una correzione/editing leggero e chiedono a te di presentare un qualcosa di leggibile e ben strutturato. Impegno che, per uno che non fa l'editor di lavoro, rischia di diventare gravoso.

Modificato da Andrea.Dee

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ho mai pubblicato con loro, ma lo ha fatto una mia amica. Ho acquisto il suo libro e mi sembra ben fatto, davvero curato, elegante. Quindi, per quel che può valere, il mio giudizio è positivo! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

Non ho ancora tra le mani il libro ma l'ho ordinato in una Feltrinelli, quindi distribuzione ok.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Esce oggi il mio libro. *Editato dallo Staff*

Sono molto contento, peccato che le copie non fossero disponibili per il Salone di Torino, dove sono passato a salutare il direttore Matteo Moraglia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@StefanoWriter non si possono pubblicizzare i propri libri nello spazio riservato alle CE.

Prego di fare più attenzione: intanto ho modificato il tuo messaggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gli ho scritto ieri, oggi mi inviano questa mail di risposta (che credo sia standard):
 

"Gentile Autore,

preliminarmente, prima di eseguire la valutazione del testo, le chiediamo di confermarci  che il manoscritto non sia stato precedentemente pubblicato, auto-prodotto o inserito  in piattaforme digitali per la vendita o fruizione in genere (anche gratuita) in formato cartaceo e/o digitale, o se contenga riferimenti a persone o situazioni reali.

Per avere un quadro più completo, desidereremmo sapere  se ha già pensato alla promozione del libro, vale a dire presentazioni presso librerie, biblioteche o associazioni, la sua disponibilità a partecipare a fiere e saloni del libro ed eventi promozionali fuori Regione.

Inoltre crediamo molto sulle presentazioni dirette in ambito locale: è questa un'attività propria dell'autore, collaterale alla nostra e di uguale se non maggiore  importanza  e le chiediamo dunque, in caso il libro venisse da noi pubblicato, se  abbia intenzione di organizzarne in proprio o quale sia la sua disponibilità a presenziare agli eventi promozionali che le organizzeremmo.

Sensibilizziamo, dunque,  gli autori ad organizzare in proprio eventi e presentazioni al fine di valorizzare il libro e rendere un omaggio non solo alla creatività ma anche alle reciproche aspettative di vendita, unico strumento di sussistenza di una piccola casa editrice indipendente.

E’ un dato di fatto – e quindi desideriamo che i nostri autori ne siano pienamente consapevoli – che l’attuale mercato editoriale obblighi ad essere il più creativi possibile: dalla più impegnativa presentazione, all’evento firma-copie, dall’aperitivo letterario al workshop, dalle presentazioni nelle scuole all’intervista radiofonica, tutto può contribuire a incuriosire il lettore.

Anche la conoscenza del proprio territorio è importante: il rapporto diretto con librai è basilare per la migliore introduzione dell’opera nel proprio tessuto sociale. Le saremo dunque grati se volesse preliminarmente confermarci  la possibilità di rapporti o contatti con qualche libreria o soggetti disponibili, concretamente, a collaborare per la visibilità  locale del libro.   

Nel ringraziarla per l'invio del testo, le assicuriamo che le daremo una risposta al più presto.

Con viva cordialità.

Edizioni Leucotea"

Attendo con ansia una risposta, anche perché mi avere detto che non ci mettono molto, cosa che per noi é puro oro (visto quello che si trova in giro e i tempi biblici di certe CE). Speriamo non rispondano troppo in fretta però, o vorrà dire che non guardano molto bene i dattiloscritti :ballo:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Craxi Carmela volevo farti qualche domandina, perché ho visto che hai pubblicato con loro e che eri al Salone di Torino :P come va con la promozione? Come si muove la Leucotea in merito? Hai dovuto comprare delle copie per fare la presentazioni organizzate da te nella tua zona o te le mandano 'aggratise'? La CE ti ha seguita nelle presentazioni, anche se erano organizzate da te? E come?

Scusa, so di essere logorroico ;(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho la sensazione, dalla risposta data a @Dale, che per l'editore sia requisito importante che l'autore sappia promuoversi e abbia ganci in proprio.

Questo, è ovvio, è un qualcosa che tutti gli editori gradiscono. In questo caso (come in molti altri) mi sembra che sia proprio un criterio per fare selezione tra chi pubblicare e chi no.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Dale, ti rispondo io....La promozione x i non residenti in Liguria è pressoche' nulla...C'e' il comunicato iniziale ai media quando il libro è in uscita e poi poco altro se on la condivisione di articoli, recensioni, ecc. in genere segnalata dall'autore. Non ci sono copie obbligatorie da acquistare (del resto è una free) ma certo se ti devi sbattere x organizzarti le presentazioni le copie te le devi comprare (con sconto autore 30%) "La ce ti ha seguita x le presentazioni?". Direi proprio di no. Idem copie x gli eventuali concorsi letterari. La ce te ne regala una copia x ogni concorso e dopo averla richiesta un bel po' ma ti serve a poco perché i concorsi (anche i minori) ne richiedono svariate copie.  Praticamente l'autore fa tutto da solo. Se questa poi sia una conditio sine qua non per scremare tra chi pubblicare e chi no non saprei dirtelo. Del resto il questionario con questa richiesta ti arriva prima del contratto quindi è ovvio che la ce si aspetti una risposta affermativa. Pero' questo depone a favore della serieta' della ce stessa. Almeno non illudono nessuno  e se accetti di pubblicare con loro sai  da subito che dovrai sbatterti. Per la distribuzione hanno Libri. e Co che è molto buona ma ho saputo da alcuni lettori che per qualche citta' c'e' stato qualche  problema tra ordinazioni dei clienti ed effettiva data di consegna.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@LuckyLuccs anche io ho avuto questa sensazione, però almeno questa CE ti dice chiaro e tondo che devi metterti in prima persona a promuoverti...almeno c'é la correttezza.

@sirialuna grazie mille per la risposta ^^ comunque mi sembra assurdo che un autore debba pagare di tasca propria le copie da portare a una presentazione O_- anche se da quello che ho letto qui mi sembra la norma...però già solo avere una distribuzione nazionale e quindi poter ordinare il libro in libreria é un importante traguardo per un esordiente, quindi questo depone a favore di questa CE. Resta il fatto che se un esordiente vuole farsi conoscere, la promozione resta un cardine fondamentale del processo, al di là delle vendite effettive.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

La mail arrivata è standard. Se il libro piace rispondono anche in pochi giorni.

Ti chiedono di incontrarti a Sanremo (io scrissi che erano cinque ore di viaggio e avrei fatto fatica e non ho ricevuto risposta) per discutere del libro.

Al salone di Torino erano presenti e lo saranno anche ad altri.

Per le presentazioni fuori dalle librerie devi acquistare le copie con lo sconto del 30% ma nessuno ti chiede niente, salvo impegnarti ad organizzare delle presentazioni (almeno due).

I diritti d'autore sono più bassi di altre, ma sei distribuito in libreria. Però libro.co impiega fino a 20 giorni a consegnare il libro, ad esempio.

Importante: l'editing è una semplice passata di vernice al tuo libro, se è scritto male, in parte lo rimane. Si presume che sia già a posto.

 

Per un emergente come casa editrice, va benissimo.

 

Modificato da Andrea.Dee

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Andrea.Dee infatti mi hanno risposto questa mattina, dopo soli 4 giorni, con una proposta di contratto. Mi sembra che abbiano una distribuzione capillare (che per me significa poter ordinare il libro in qualunque libreria, non tanto averlo a scaffale, se non dove fai presentazioni). Credo che questo punto per uno scrittore esordiente/emergente sia decisivo nella scelta di una CE: il punto é farsi conoscere, e senza una distribuzione e una promozione non puoi ottenere questo risultato. Con loro la promozione te la devi fare tu, ma oggettivamente questo vaale per tutte le CE medio-piccole e a volte anche per quelle grandi.

Per il resto durata del contratto di 5 anni, una proposta del 5% sul cartaceo e 15% sull'ebook (che però é standard, ma ancora in discussione, vorrei arrivare rispettivamente a 6-7% e 20%, anche se alla fine non é il punto dirimente), nessun diritto di prelazione su altre opere.

Volevo chiedere a @sirialuna e a @Alessandro Pedretta, sono precisi con la rendicontazione? Voi avevate la prelazione su altre opere?

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho pubblicato entrambe le mie opere con loro nel 2016, ma ancora non ho ricevuto rendicontazione...mi sembra di ricordare le date di marzo per la contabilita' e di giugno per la nota all'autore, chiaramente riferite alle vendite  dell'anno precedente. Percentuali 5% sul cartaceo e 15 sull'ebook.  5 anni durata del  contratto, no prelazione sulle opere  future. Niente copia omaggio all'autore.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Dale concordo: patti chiari, amicizia lunga.

Del resto è quasi sempre così quando si pubblica con un editore non di prima fascia. Tu autore devi metterci molto del tuo, senza se e senza ma.

Se non altro in questo caso ti viene detto molto chiaramente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, amici del WD,

 

ieri ho firmato con la Leucotea Edizioni un contratto di edizione per il mio primo romanzo. Visto che nella discussione si dicono cose contrastanti, per quanto tutte più o meno positive, provo a lasciare qui la mia esperienza sui punti già toccati sperando che sia utile :) 

 

1) Innanzitutto voglio sottolineare e confermare la grande disponibilità dell'editore, Matteo Moraglia, nel dialogare con l'Autore per tutto il tempo necessario. Mi ha trattato con ogni riguardo, molto correttamente, e ci siamo presi tutto il tempo necessario per parlare nel suo studio di ogni aspetto del contratto (e anche dell'attività più in generale della CE). Massima disponibilità davvero, e nel mondo dell'editoria italiana ad ogni livello la disponibilità è una merce rara. Certo, la disponibilità deve essere reciproca: mi sono sparato cinque ore e mezza di Flixbus per andare a Sanremo, con costi devo dire ridottissimi, ma credo ne valesse la pena. Credo che nei limiti del possibile si debba sempre conoscere di persona un editore prima di firmarci un contratto.

2) I termini del contratto sono a mio parere buoni per un esordiente. Le royalties sono al 5% sul cartaceo e al 15% sull'ebook (anche se credo che questo sia l'aspetto meno rilevante per un esordiente, ma è solo la mia opinione). La durata del contratto è 5 anni, che considero un periodo giusto, né troppo lungo né troppo corto. Non c'è nessun tipo di prelazione sulle opere future (Moraglia mi ha detto nello specifico "Sarà lei a decidere se e quando proporci altre opere, se si sarà trovato bene con la nostra CE", il che è una dimostrazione evidente del rispetto che hanno per l'Autore). 

3) Moraglia si è impuntato affinché io leggessi tutto il contratto da cima a fondo prima di firmarlo per verificare che fosse conforme ai nostri accordi (lo avrei fatto comunque, data la mia pignoleria, ma è stato bello sentirselo dire, è indice di un rapporto onesto). Quindi grande trasparenza e onestà da parte della CE.

 

4) Editing: l'Autore si occupa di una iniziale correzione di bozze, secondo un vademecum fornito dalla CE. Poi il manoscritto passa alla CE per una seconda correzione bozze e per l'editing sul testo. Poi il testo passa di nuovo all'Autore per un parere sull'editing, e via così finché non si è entrambi soddisfatti. Tutto questo, per quanto mi riguarda, è specificato nel contratto.

 

5) Distribuzione: curata da Libro.co, che opera direttamente in molte regioni e si appoggia a distributori regionali in altre. Difficoltà di distribuzione in Sicilia e Campania. I libri nel resto d'italia sono ordinabili in ogni libreria, di catena o indipendente. La filiera di Libro.co tende a funzionare a rilento nei 20 giorni successivi alla data di lancio del libro, ma la cosa si sistema passato quel periodo di tempo, e i libri arrivano anche in tre o quattro giorni. Questo è quanto mi è stato detto, e dovrò verificare quando il romanzo uscirà. Ma anche qui ho sentito opinioni positive sulla distribuzione, quindi sono tranquillo. Ovviamente la CE è presente su tutte le principali piattaforme digitali.

 

6) Promozione. Di questo tema si parla molto nel forum e devo dire che la mia opinione per ora è positiva. Farò degli ulteriori punti per affrontare tutti i temi emersi nella precedente discussione: 

  • L'Editore partecipa alle maggiori fiere (Torino, le due di Milano, Pisa e forse si espanderà anche a Roma) e a tutte le fiere liguri. Per una CE medio-piccola è l'investimento massimo, e questa spinta mi piace molto. Nell'ambito della fiera l'Editore organizza presentazioni per l'autore richiedendo la sua presenza.
  • Il lancio del romanzo viene accompagnato da comunicati stampa ai giornali (soprattutto della zona dell'Autore, con la sua collaborazione ma con il supporto della CE, che quindi ad esempio da una mano a scrivere i comunicati stampa e a diffonderli) e da pubblicità su sito e social dell'editore. 
  • Presentazioni. L'editore deve organizzarne almeno due ma voglio farne decisamente di più, perché sono il canale principale con cui un esordiente può farsi conoscere. Con l'Editore si studia un piano per concentrarsi in una zona specifica, di solito - ma non per forza - quella di provenienza dell'Autore. Per le presentazioni nelle librerie il libraio ordina le copie del libro attraverso i suoi canali, e l'autore non deve fare nulla. Per le presentazioni fuori dalle librerie la CE fornisce tot libri (dai 20 ai 40) su richiesta dell'Autore, senza che questi debba sborsare una lira, un penny, un euro o qualunque altra valuta in corso o fuori. Il pagamento delle copie vendute l'Autore lo effettua solo dopo la presentazione, e l'invenduto può essere restituito o tenuto per la presentazione successiva. Quindi ripeto che l'autore non paga le copie in anticipo ma solo dopo la presentazione. A questo punto io ho detto che avevo sentito voci in parte diverse, e l'editore mi ha spiegato che gli è successo in casi rarissimi di chiedere un pagamento anticipato delle copie, ma solo le volte in cui l'Autore ha chiesto cento o duecento copie per una sola presentazione (ed è comprensibile, stampare duecento copie ha un costo non indifferente, e spedirle pure). Basta essere razionali con il numero di copie da richiedere.
  • L'autore non ha nessun obbligo per la promozione. Tuttavia, e questo è il mio parere, se si pubblica un romanzo e ci si vuole far conoscere, sbattersi nella promozione è il minimo. L'Autore deve fare molto di propria iniziativa, ma sempre supportato dalla CE. Significa che le proposte di presentazioni, i luoghi e le condizioni si vagliano con la CE anche se l'Autore ha mano libera, e che la CE nei limiti delle sue possibilità supporta l'iniziativa dell'Autore. Quindi attenzione alla pubblicizzazione degli eventi sui social e portali/siti dedicati (alla scrittura o al genere di riferimento), sui social e siti di Autore e Editore, comunicati ai giornali pre e post presentazione etc. La CE ha un ufficio stampa che - a detta di Moraglia - segue l'Autore per quanto possibile.

Scusate il messaggio lunghissimo ma volevo essere esauriente. Si tratta solo della mia esperienza, finora molto positiva, con questo editore. Vi farò sapere come va da qui al lancio del libro, e anche dopo, per verificare soprattutto le questioni di editing, distribuzione e promozione ^^  se avete domande, dubbi o altro sono qua :D 

(Sì, sono contento....si vede eh? :rosa:)

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Antonio Sofia grazie mille :) 

 

Ho dimenticato di inserire un'informazione fondamentale: il metodo di valutazione dei manoscritti. Alcuni, io compreso, si sono stupiti della rapidità delle valutazioni (dai 7 ai 40 giorni massimo). Prestazioni notevoli anche per una CE media. Ma ecco svelato l'arcano: Moraglia mi ha spiegato che all'inizio leggevano i manoscritti da cima a fondo, facendo passare mesi per la valutazione, e poi spesso gli autori dei testi migliori avevano già firmato con altre CE. Allora qualche tempo fa hanno rivoluzionato il metodo di lettura: leggono le prime 10 pagine, se gli piace ne leggono altre 20, se piacciono anche quelle arrivano al 25% del testo e poi contattano l'autore per proporre il contratto per la pubblicazione (e intanto continuano a leggere, ovviamente). Questo per farsi vivi con gli autori in tempi ragionevoli, garantendo allo stesso tempo una lettura di tutti i dattiloscritti pervenuti (su cui fanno una certa scrematura, se contiamo che pubblicano tra i 40 e i 50 titoli all'anno su centinaia se non migliaia di proposte spontanee).

Un metodo molto "aziendale" e "efficiente", che magari può far perdere un romanzo che parte bene dopo pagina 50, ma a un certo punto credo che se si vogliono accorciare i tempi da qualche parte ci si debba assumere un rischio. Per lo meno c'è una estrema trasparenza anche nella descrizione del modus operandi della CE nella cernita dei dattiloscritti. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ciao @Dale,

ti ringranzio per averci esposto la tua esperienza, la cosa è molta più facile quando è positiva.

 

 

14 ore fa, Dale ha detto:

4) Editing: Poi il manoscritto passa alla CE per una seconda correzione bozze e per l'editing sul testo. Poi il testo passa di nuovo all'Autore per un parere sull'editing, e via così finché non si è entrambi soddisfatti.

 

Secondo me, occorrerebbe prima praticare l'editing in accordo con l'autore e dopo la correzione bozze, inutile correggere "le virgole" a una storia che ancora non funziona.

 

14 ore fa, Dale ha detto:

 

5) Distribuzione: Difficoltà di distribuzione in Sicilia e Campania.

 

Il sud ne esce sempre penalizzato... Questo però sembra un problema del distributore piuttosto che della CE.

Magari si potrebbe sviscerare la questione qui:

 

 

14 ore fa, Dale ha detto:

 

6) Promozione. Di questo tema si parla molto nel forum e devo dire che la mia opinione per ora è positiva. Farò degli ulteriori punti per affrontare tutti i temi emersi nella precedente discussione: 

  • Presentazioni. L'editore deve organizzarne almeno due ma voglio farne decisamente di più, perché sono il canale principale con cui un esordiente può farsi conoscere. Con l'Editore si studia un piano per concentrarsi in una zona specifica, di solito - ma non per forza - quella di provenienza dell'Autore. Per le presentazioni nelle librerie il libraio ordina le copie del libro attraverso i suoi canali, e l'autore non deve fare nulla. Per le presentazioni fuori dalle librerie la CE fornisce tot libri (dai 20 ai 40) su richiesta dell'Autore, senza che questi debba sborsare una lira, un penny, un euro o qualunque altra valuta in corso o fuori. Il pagamento delle copie vendute l'Autore lo effettua solo dopo la presentazione, e l'invenduto può essere restituito o tenuto per la presentazione successiva. Quindi ripeto che l'autore non paga le copie in anticipo ma solo dopo la presentazione. A questo punto io ho detto che avevo sentito voci in parte diverse, e l'editore mi ha spiegato che gli è successo in casi rarissimi di chiedere un pagamento anticipato delle copie, ma solo le volte in cui l'Autore ha chiesto cento o duecento copie per una sola presentazione (ed è comprensibile, stampare duecento copie ha un costo non indifferente, e spedirle pure). Basta essere razionali con il numero di copie da richiedere.
  • L'autore non ha nessun obbligo per la promozione. Tuttavia, e questo è il mio parere, se si pubblica un romanzo e ci si vuole far conoscere, sbattersi nella promozione è il minimo. L'Autore deve fare molto di propria iniziativa, ma sempre supportato dalla CE. Significa che le proposte di presentazioni, i luoghi e le condizioni si vagliano con la CE anche se l'Autore ha mano libera, e che la CE nei limiti delle sue possibilità supporta l'iniziativa dell'Autore. Quindi attenzione alla pubblicizzazione degli eventi sui social e portali/siti dedicati (alla scrittura o al genere di riferimento), sui social e siti di Autore e Editore, comunicati ai giornali pre e post presentazione etc. La CE ha un ufficio stampa che - a detta di Moraglia - segue l'Autore per quanto possibile.

 

L'editore o qualcuno della CE è presente alle presentazioni?

Oltre ai libri (ci mancherebbe :asd:) che tipo di supporto viene fornito all'autore?

Possibile richiedere degli "obblighi" in questo senso all'editore, naturalmente nel comune interesse?

In generale, gli autori che non vivono in Liguria che tipo di supporto possono avere?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×