Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Stefano

Asso di picche + Fiore del deserto

Post raccomandati

Un micro-racconto a metà fra cut-up e libere associazioni. Idealmente dovrebbe far parte di una raccolta.

Asso di picche + Fiore del deserto

Indietreggiava muto al suono di sabbia cristallina quando il Verme dei Giganti materializzò l'arpione: metallo del Baltico, anima di un mare lontano. Lo guardò con timore portandosi la mano sulla fronte. Un re sul suo trono, scandito da esagoni. Bevve del tè riparandosi nell'ombra, girando le spalle all'insieme.

Il Verme dei Giganti e l'arpione dominavano sicuri il deserto.

Festanti e spettacolari due nuvole nuove si affacciarono per poter vedere. Il verme vacillò; poi, scuro, lanciò in alto il metallo col fine della pioggia, ma si sentì solo un fragore di indifferenza. La tazza e l'aroma ruzzolarono per le dune in riposo.

Si alzò. Abbandonò il concetto di passato e tolse di mezzo i pareri sopiti dei beduini prostrati. Si parò davanti al Viscido Poltrire senza vertebre di cortesia. Banalmente estrasse un'arma che scagliò con inaudita pazienza; aspettative di disintegrazione in un raggio di pochi chilometri.

La rincorsa e la scintilla del contatto, un'eresia in musica e i divertimenti finirono. Un fiore del deserto per la tomba di un asso di picche ingenuo confidente nella fortuna.

thanks.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ti ringrazio per avere condiviso con noi questo testo.

Data la sua peculiarità ogni commento è superfluo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dici?

Non capisco se il tuo sia un modo carino per dire che fa vomitare, in ogni modo non è che abbia preso ogni parola pescandola da un cappello, quindi un po' di lavoro c'è... icon_razz.gif

Se temi che il tuo possa essere un giudizio troppo "aspro", non ti preoccupare... altrimenti non l'avrei postato icon_wink.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto difficile dire qualcosa... senza dubbio è particolare, così particolare che a me è sembrato un'accozzaglia di roba senza senso. Ma non è dispregiativo: ci vuole un certo talento anche per scrivere cose come questa! Io non ci riuscirei.

In ogni caso: magari è un mio limite, ma non l'ho capito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Accozaglia è un termine appropriato, mi piace.

Per quanto riguarda il "senso", a me pare che cambi a ogni rilettura; però boh, sarà un'impressione mia...

Comunque grazie del commento! thanks.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi ha vagamente ricordato, perchè fai riferimento ai Vermi Giganti, alle dune e ai beduini, il romanzo "Dune" di F. Herbert, però vedo che non ha a che fare con quella storia.

L'ho riletto diverse volte, il frammento, seppure breve, si fa apprezzare in certi punti elaborati, ma fatico sinceramente a trovare un senso, un ricordo dal tutto.

Nonostante alcuni pezzi interessanti, che potrebbero essere dilungati, approfonditi, ripeto.

Se fosse un quadro potrei paragonarlo a Picasso. Ma lo stesso Picasso diceva che prima di essere arrivato a deframmentare l'immagine del volto umano e sottoporlo alla visione del pubblico sotto diversi punti di vista e di fuga, interpretati dai benpensanti come l'esito di uno sfracellamento al suolo, lo stesso Picasso affermava, dimostrandolo, che fin dall'età di tredici anni era in grado di ritrarre la figura umana come Raffaello o Michelangelo o Leonardo da Vinci. In seguito ci aveva messo tutta la vita a imparare a disegnare come un bambino.

Oggi molti pittori iniziano direttamente a dipingere in stile cubista (dico per dire), ma interrogati non sanno o non vogliono spiegare il percorso che hanno fatto per giungervi, la loro strada, il loro intento.

Se cioè sanno ritrarre in primis e di base (quasi) perfettamente la figura umana.

Non fare caso al vortice di pensieri, sono qui per imparare. icon_cheesygrin.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Innanzitutto, grazie per l'attenzione che hai prestato al "frammento"!! thanks.gif

Per quanto riguarda il discorso relativo a Picasso, mi trovi pienamente d'accordo. Saper capolvogere, destrutturare o deformare stili e regole presuppone la loro conoscenza, altrimenti si tratterebbe di un puro divertissement infantile e nient'altro.

Io stesso, come accennato nella prima risposta, ho dedicato comunque parte del "lavoro" nel comporre una base più classica - a livello linguistico e narrativo.

In parole povere, questo - almeno dal mio punto di vista - non è un tentativo di eversione senza alcun criterio, bensì una sperimentazione rispetto al mio modo di scrivere abituale.

Prendendo le distanze da Picasso - per ovvi motivi icon_cheesygrin.gif - posso dire che nel mio caso, pur non avendo passato tutta la vita a concentrarmi su stili più classici e "riconosciuti", ho comunque sentito una spinta in questa direzione che ho ritenuto opportuno assecondare, ritenendola parecchio valida e interessante.

Che poi il risultato non sia di gradimento, ahimé, è un altro discorso... icon_lol.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Neppure io ho capito che senso potesse avere, pur rileggendolo più volte, e mi spiace ma per me le cose che leggo devono avere un senso, comunicarmi qualcosa. Inoltre neppure le immagini o le parole scelte mi paiono particolari. Magari era un rebus che non ho capito, o un esperimento di cui mi sfugge dove dovrebbe risiedere l'interesse per chi legge.

Sorry.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per il commento, anche se mi dispiace che il testo non ti abbia suscitato il minimo interesse.

Comunque sì, ha un po' l'estetica del rebus, ma senza pretese di essere risolto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sento di commentare questo testo, perché mi ha colpito. All'inizio sono rimasta stordita e mi sono chiesta se non mi fossi persa qualcosa per strada.

Ci ho pensato su e poi mi sono resa conto che si tratta di un caleidoscopio.

Questo mi ha colpita. Trovo che tu abbia usato uno stile molto pulito, chiaro e scorrevole utilizzando, però, immagini e parole che fossero volutamente incomprensibili. Tuttavia, l'ho trovato molto armonioso. Proprio come un caleidoscopio che crea forme geometriche che paiono perfette, ma che in realtà utilizzano colori di tutti i tipi e si prestano all'interpretazione dell'occhio di chi guarda.

In effetti, non mi ha trasmesso nulla quello che volevi raccontare, perché non l'ho capito. Ma i colori e le immagini che hai usato per farlo mi sono rimaste impresse.

Sicuramente sei riuscito a incuriosirmi thumbup.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille per il post!! thumbup.gif

Sono felice che ti abbia colpito. Almeno siamo in due!! icon_cheesygrin.gif

Comunque...

Non so quanto sia giusto che un autore commenti ogni singola opinione altrui cercando di fare quadrato cone le sue considerazioni, ma siccome mi diverto, continuo a farlo... book6.gif

Mi fa piacere la considerazione sullo stile, segno che sono riuscito nell'intento. La confusione è già presente nell'associazione fra significanti, figuriamoci se avessi usato narrazioni più artificiose...

Anche se la ragione principale è la volonta di trasmettere immagini "secche", un po' come avviene nelle graphic novel. Non che voglia esortare tutti ad analizzare il mio racconto, ma a riprova si notano anche vistose ellissi proprie del linguaggio della GN.

Vabbe', era tanto per dire. icon_lol.gif

Se poi andiamo a prendere queste immagini, più che incomprensibili le trovo grottesche, "strambe": secondo me è l'insieme ad essere, come dici, incomprensibile. La precedente definizione di rebus mi è piaciuta proprio perché adatta: sono tante immagini compiute, ma messe in sequenza sullo stesso piano creano scompiglio, richiamano un qualcosa di assolutamente estraneo a quello che tutti chiamano senso.

Allo stesso tempo tu hai trovato armonia, e qui non so se darti del merito oppure considerarti del tutto fuori di testa, visto che finora l'ho vista solo io - almeno qui sul forum.

C'è un filo conduttore nel racconto che ne determina inizio e fine, quindi una sorta di forma geometrica, ed è per questo che la definizione di caleidoscopio (tante immagini eterogenee di per sé, ma nell'insieme simmetriche) mi piace abbastanza, anche se la mia visione personale se ne discosta un po'.

Sul fatto che il racconto non trasmetta nulla, in parte è vero. Se non altro perché l'ho ritenuto un aspetto secondario. Eppure anche l'insieme è "compiuto" come ogni singola immagine, ma non posso pretendere che ognuno di voi esamini il testo con la lente di ingrandimento. Eivdentemente avrò sbagliato qualcosa!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PS: Ho dato un'occhiata al tuo "fansite"... e ho capito perché sei incline a farti impressionare da certe immagini!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sono resa conto che esisteva un filo conduttore, ma per me rimane un mistero di cosa si tratti :) forsi dovresti cercare di essere meno enigmatico, ma temo che il testo stesso ne risentirebbe. Mi ha ricordato molto anche quadri orientali, fatti di personaggi, ma molto più di colori e sfumature che si mescolano apparentemente senza motivo. Una di quelle immagini che nel complesso ti stordisce e non la capisci, ma che in realtà rivela delle figure precise al suo interno ^^

PS: Ho dato un'occhiata al tuo "fansite"... e ho capito perché sei incline a farti impressionare da certe immagini!!

cosa intendi? blink1.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Discrimiché?!

Intendevo in senso buono... icon_cheesygrin.gif

Non vorrei andare off topic, però il thread è mio... la vuoi sapere la verità? adoro ogni FF dal 7 al 10, e credo abbiano influenzato parecchio la mia fantasia da 13 anni a questa parte icon_eek.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Discrimiché?!

Intendevo in senso buono... icon_cheesygrin.gif

Non vorrei andare off topic, però il thread è mio... la vuoi sapere la verità? adoro ogni FF dal 7 al 10, e credo abbiano influenzato parecchio la mia fantasia da 13 anni a questa parte icon_eek.gif

vero, il topic è tuo, ma in ogni caso meglio chiudere l'OT in fretta secondo me icon_wink.gif penso che, in qualche modo abbiano influenzato anche me. E anche io ho amato i tuoi stessi titoli (soprattutto il 7).

Chiudendo l'OT, non credo che sia indispensabile un background di qualche tipo per rimanere attratti da certi tipi di immagini. Penso che ognuno abbia i suoi gusti e li infarcisca della propria sensibilità. Quindi c'è a chi non è piaciuto perché non si capiva e c'è chi, come me, rimane affascinata da questo gioco di immagini icon_wink.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stranissimo frammento, postomoderno, onirico, astratto. Le immagini create mi sembrano quelle che potrebbe vedere un uomo nel deserto dopo una bella abbuffata di mescalina, non l'ho capito, ma mi è piaciuto questo suo nonsense poetico.

Quella frase finale mi fa pensare al fallimento o forse un ritorno alla realtà...non so

Saluti

VelvetA

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×