Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

JaseyRae

Heart Attack - Prologo

Post raccomandati

Prologo

E’ inutile. E’ inutile domandarmi dove sono finito, perché i secondi non scorrono più, perché sono improvvisamente diventato sordo.

Non so più chi sono, forse non l’ho mai saputo, l’unica cosa di cui credo di essere certo è che un giorno forse vivevo, ma ora non vivo più.

In realtà non so nemmeno che cosa me lo faccia credere, in realtà non so neanche come mi è venuta questa parola “vita” perché non ricordo più cosa significhi, non ricordo più molte cose.

Non so da quanto tempo tutto sia così, in queste condizioni, ma la parola tempo qui non esiste.

Non esiste più nulla, ma non si possono avere certezze in questo luogo.

Sono circondato dalla foschia bianca e non saprei dire se qui è tutto buio oppure c’è luce, so solo che riesco a malapena a vedere l’unica cosa che ci sia qui da vedere.

Non vedo il mio corpo, sento solo qualcosa di intorpidito, le mie mani a malapena riescono a sfiorare la mia pelle. Credo di avere due piedi con cinque dita ciascuno, ma non ne sono sicuro e anche se ne avessi dieci non vedo a cosa potrebbero servirmi.

Non ci sono odori, non c’è vento, gli unici movimenti sono quelli delle mie mani e quelli delle mie gambe, ma mi fa male dappertutto, eppure non ha senso lamentarsene.

Ricordo che una volta avevo un nome, ma non ricordo quale sia.

So che tempo fa importava distinguersi l’uno dall’altro, c’erano uomini, donne, bambini, anziani. Io non so cosa sono, maschio o femmina, giovane o anziano, non credo che qui importerebbe a nessuno, a me non importa proprio.

Non ho molte parole da spendere, ogni istante passato sembra sparire. Potrei essere qui da anni, eppure mi sembra sempre di essere appena arrivato.

Mi fa male ovunque, è un dolore lancinante ma non mi provoca alcun fastidio, è come se ci fossi abituato.

Non provo noia, non provo ansia. E’ tutto talmente vuoto che sarebbe inutile provare qualsiasi cosa, e piuttosto improbabile direi.

A volte mi viene da pensare che in realtà non sto pensando a nulla, e il solo pensiero mi fa pensare che forse non ho mai pensato. Non c’è nulla da pensare qui, non voglio neanche pensarci.

Silenzio. Silenzio e basta. Ma non è calma, né pace, né tranquillità.

Non è nulla che possa suscitare qualcosa, è solo incredibilmente tutto inesistente e inutile.

Anche gli occhi che premono su di me da quando mi trovo qui. Che senso ha guardarli? Nulla ha il sapore di vita qui. Nulla esiste con un fine, ed è così normale che dovrebbe essere così ovunque.

Nulla mi piace, nulla mi causa disprezzo. Sdraiarsi su un piano che non esiste, non c’è nulla sotto il mio dorso, eppure non volo, ma nemmeno sono seduto. Non mi muovo. Immobile sempre nello stesso punto, e l’unica cosa che riesco a toccare oltre il mio corpo è il vetro davanti a me.

C’è qualcuno dall’altra parte. Una figura. Una creatura che credo sia come me.

In realtà l’ho fissato così tanto che anche se chiudo gli occhi lo vedo comunque. Qui non serve a nulla chiudere gli occhi. E non credo di avere palpebre. Qualsiasi cosa io faccia lo scenario è sempre uguale.

Conosco ogni dettaglio a memoria. Di questo luogo, di quell’immagine davanti a me.

Gli occhi sono la prima cosa che sono riuscito a vedere, azzurri come qualcosa che ora non ricordo. E con un anello giallo attorno alla pupilla, mi fissano, ogni istante. Ma non importa.

Mille ciglia lunghissime contornano quegli occhi, ma non riescono mai ad accarezzare le guance perché anche lui non sbatte mai gli occhi. Mi guarda e basta, come una statua, ma non mi da fastidio, non mi mette inquietudine quello sguardo fisso. Ma nemmeno mi fa sentire bene, anche se non so cosa voglia dire. Ciuffi di capelli scompigliati gli contornano il volto pallidissimo. Le sue mani sono ferme sul vetro, attaccate a questo, e non si spostano mai.

Le labbra sottili sono sempre socchiuse, e il respiro annebbia il vetro creando una patina sfocata tra di noi. Il respiro. Di tanto in tanto il pezzo del suo petto che riesco a scorgere si solleva, per poi riabbassarsi. Respira. Eppure è così immobile che si direbbe … inesistente.

Non ho mai avuto modo di interagirci. Non so come si fa. Non me lo ricordo più.

Lui è sempre così immobile che credo non riuscirò mai a vederlo in un’altra maniera.

E’ difficile spiegare.

Questo posto non si trova qua, né lì né là ne in qualsiasi altra parte. E io non sono niente e non posso fare nulla. Per questo lo guardo, e mi chiedo solamente se anche io sono così. Se anche io gli appaio così immobile, addirittura inutile.

Nulla. Per poco e per sempre, e mi sembra inutile da pensare. E’ una condanna per cui non soffro, né gioisco.

Forse è di questo che tutti avevano paura, anche se non ricordo cosa sia la paura. Ma io non ho paura.

Appoggio la guancia al vetro. Freddo. Mi ricordo solo questo, tanto freddo.

Sono stanco. Qui tutto ha il sapore di una debole sconfitta, di un tentativo mai iniziato.

Non serve nulla qui.

- Come ti chiami?-

Non me lo ricordo.

- Quanti anni hai?-

Non capisco il significato di questa domanda.

- Che cosa ci fai qui?-

Non so dove mi trovo, tantomeno ne so il motivo.

- Come si fa a tornare indietro?-

Ma di cosa stai parlando?

Più guardo quell’essere sconosciuto, così apparentemente fragile e dall’espressione vuota, più mi rendo conto di una cosa.

Non sono mai stato così solo, se questa parola significa veramente qualcosa.

E la figura davanti ai miei occhi che tiene le mani stese sul vetro, pari alle mie, è solo il mio riflesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sono circondato dalla foschia bianca e non saprei dire se qui è tutto buio oppure c’è luce, so solo che riesco a malapena a vedere l’unica cosa che ci sia qui da vedere.
se vede la foschia non può essere buoi, non si può vedere in assenza di luce. Altrimenti non sta vedendo ma percependo in un altro modo.
Mi fa male ovunque, è un dolore lancinante ma non mi provoca alcun fastidio, è come se ci fossi abituato.
d'accordo che è un racconto irreale ma dubito che sia possibile... fra l'altro, hai detto una frase molto simile poco sopra.
A volte mi viene da pensare che in realtà non sto pensando a nulla, e il solo pensiero mi fa pensare che forse non ho mai pensato. Non c’è nulla da pensare qui, non voglio neanche pensarci.
frase complicata da seguire e assolutamente paradossale.
Anche gli occhi che premono su di me da quando mi trovo qui. Che senso ha guardarli? Nulla ha il sapore di vita qui. Nulla esiste con un fine, ed è così normale che dovrebbe essere così ovunque.
occhi? Ma all'inizio hai detto che c'era solo foschia e che non si vedeva nulla.

In ogni caso, è un po' poco per farsi un'idea della storia nel suo insieme.

Di tanto in tanto il pezzo del suo petto
cambierei la parola "pezzo" con "parte", la prima mi fa pensa che il personaggio sia letteralmente a pezzi.

L'ho trovato complesso da leggere, alcuni tratti sono abbastanza confusi. E poi certi pesieri del protagonista sono difficili da seguire e anche abbastanza paradossali, ma sospetto che l'intento fosse quello.

La descrizione mi ha ricordato una capsula criogenica, di quelle che si usano per ibernare gli astronuati nei film.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intanto grazie davvero tanto Nautilus, mi sono iscritta a questo forum per essere massacrata ed ecco subito la critica che volevo!

Ho corretto le parti che non andavano bene e che mi hai segnalato (ovviamente non le correggo qui sul forum ma nella cartella interna del mio pc). Alcune frasi, come quella "paradossale", sono volute. La creatura di cui parlo in questo prologo si trova in un mondo irreale, sperduto, essa è priva di ogni ricordo ed è in chiaro stato confusionale, le ripetizioni e le frasi contrastanti tra loro sono volute per sottolineare la confusione nella mente del personaggio. (Anche se sulla foschia "bianca" avevi ragione tu, ho tolto la parola "bianca" così magari la frase risulta più chiara.)

Comunque ammetto che scrivere questo prologo è stato davvero davvero difficile, descrivere qualcosa che non c'è per me che non ho grandi doti da scrittrice è stata una bella prova, spero comunque nel mio piccolo di esserci riuscita.

Grazie per ogni osservazione, ho apprezzato ogni precisazione e spero che continuerai a leggere e a correggermi, non vedo l'ora di vedere cosa ne pensi del prossimo capitolo (che oltretutto sarà completamente diverso da questo prologo, spero non ti dia troppo fastidio lo sbalzo).

Un saluto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
che oltretutto sarà completamente diverso da questo prologo, spero non ti dia troppo fastidio lo sbalzo
no anzi, potrebbe essere interessante. Qualche volta ho usato anche io questo espediente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
che oltretutto sarà completamente diverso da questo prologo, spero non ti dia troppo fastidio lo sbalzo
no anzi, potrebbe essere interessante. Qualche volta ho usato anche io questo espediente.

Perfetto! Se vuoi lo posto subito, tanto è già lì pronto da un bel po'! Ovviamente non ti chiedo di recensirlo immediatamente, solo quando hai un po' di tempo :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

1- complimenti, ho letto che hai 15 anni

2- ma che ti ha fatto il congiuntivo? Perché ce l'hai con lui e non lo usi mai?

3- l'inizio è ormai uno stilema, cioè è stato usato così tante volte che è divenato uno classico, subito mi viene in mente lìinizio del ciclo del fiume di Farmer (se non lo conosci leggilo) e tanti altri racconti, ad esempio questo: viewtopic.php?t=1987 . Nella realtà una esperienza simile si verifica frequentemente in chi si risvegli dal coma dopo un trauma, non ricorda cosa gli sia sucesso e si trova in un ambiente che gli appare decisamente ostile, nudo, sotto una luce accecante e con tubi che violano ogni cavità naturale (cerca in rete e trovi belle descrizioni di questo stato).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1- complimenti, ho letto che hai 15 anni

2- ma che ti ha fatto il congiuntivo? Perché ce l'hai con lui e non lo usi mai?

3- l'inizio è ormai uno stilema, cioè è stato usato così tante volte che è divenato uno classico, subito mi viene in mente lìinizio del ciclo del fiume di Farmer (se non lo conosci leggilo) e tanti altri racconti, ad esempio questo:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La prima parte l'ho trovata pesante, la sfoltirei perché è un po' ridondante mentre la seconda (da

C’è qualcuno dall’altra parte. Una figura. Una creatura che credo sia come me.
) scorre meglio.

Il resto te l'hanno già fatto notare.

In realtà avevo iniziato a leggere questo pezzo, ma avevo desistito dopo poche righe. Ho però poi letto il primo capitolo e quindi sono tornata sui miei passi.

In generale mi accodo a Bradipo nel farti i complimenti, scrivi bene davvero, però appunto per questo rivedrei questo prologo, soprattutto all'inizio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille nerinacodamozza, hai ragione so che la prima parte del prologo può risultare davvero un po' pensate, è stato difficile per me ma prometto che ci lavorerò molto su perchè non voglio annoiare nessuno. Cercherò di rendere meglio l'idea senza risultare troppo pesante.

Grazie per il commento, i complimenti e la pazienza per avermi letto, spero di leggere altri tuoi commenti!

Un saluto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×