Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

ewan_j

Medicazione di una ferita infetta

Post raccomandati

Facile, direte voi, con disinfettante e punti di sutura. Ennò, miei cari. Mi serve sapere come si medica una ferita abbastanza grande (mettiamo: uno squarcio sul braccio) vecchio di circa una settimana con infiammazione e la presenza in alcuni punti di tessuto necrotico, utilizzando materiali di sussistenza. Niente attrezzi medici nè disinfettanti, per intenderci.

Io ho pensato di risolvere la cosa rimuovendo il tessuto necrotico, utilizzando alcol come disinfettante e bendando (le bende sono ammesse). Il "paziente" quasi sicuramente perderà il braccio, ma quello che ho "fatto" riuscirà a fermare o per lo meno a rallentare l'infezione?

Altre idee? :ohh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Dopo una settimana, senza antibiotici, uno è quasi spacciato. L'amputazione è la via più efficace per una ferita del genere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aspettate prima dell'amputazione. Devi veririfcare in che direzione va l'infezione, una cosa rossa e dolorosa attorno alla ferita. Se non sale verso il cuore l'amputazione non dovrebbe essere indispensabile. E in ogni caso l'amputazione bisogna saperla fare, altrimenti o il paziente muore dissanguato o si infetta il taglio.

In che epoca sei?

Nei bei tempi andati usavano le larve di mosca per ripulire la ferita e impacchi a base di muschio e foglie ammuffite (antenati della penicillina). Puoi lavare la ferita con vino, aceto, succo di limone. Forse la birra, che ha anche i lieviti? Un'altra, ma non so quanto efficace, è l'urina bollita (mi raccomando bollita, altrimenti è una fonte di batteri). Tutti comunque creano un forte shok e il paziente sviene. L'importante è tener pulita e coperta la ferita, usando bende sterili (ossia bollite e asciugate al sole e vento). Il ghiaccio aiuta a cicatrizzare e a sfiammare. Per aiutare a sfiammare (ma non sulla ferita) puoi usare albume montato a neve.

Poi devi preoccuparti del paziente, ossia devi reintegrarlo di sali minerali e liquidi: il gatorade è acqua, sale e limone (l'acqua va bollita). Ottimo anche un decotto di corteccia di salice (aspirina fai da te) per ridurre le infezioni.

http://it.wikipedia.org/wiki/Ferita

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nei bei tempi andati usavano le larve di mosca per ripulire la ferita e impacchi a base di muschio e foglie ammuffite (antenati della penicillina). Puoi lavare la ferita con vino, aceto, succo di limone. Forse la birra, che ha anche i lieviti? Un'altra, ma non so quanto efficace, è l'urina bollita (mi raccomando bollita, altrimenti è una fonte di batteri). Tutti comunque creano un forte shok e il paziente sviene. L'importante è tener pulita e coperta la ferita, usando bende sterili (ossia bollite e asciugate al sole e vento). Il ghiaccio aiuta a cicatrizzare e a sfiammare. Per aiutare a sfiammare (ma non sulla ferita) puoi usare albume montato a neve.

Non vorrei dire stupidaggini, ma al tempo contro le infezioni (oltre ai rimedi da te già elencati) non si usava anche lo zucchero? Non so dove ho sentito sta cosa, ma me la sono ricordata giusto ora... icon_wink.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Impacchi di acqua bollente e sale e rimuovere i tessuti necrotici.

Io mi sono curata una ferita non brutta, ma decisamente infetta con questi impacchi. Era un graffio che dopo una settimana aveva fatto gonfiare il polpaccio del doppio e tutta la zona faceva male e appariva bruttarella. Il settimo giorno ho scoperto che potevo usare acqua e sale e dopo gli impacchi, è uscito di tutto e secondo me stava guarendo.

Ma poi i miei se ne sono accorti (avevo dodici anni e non volevo andare in ospedale) per cui mi hanno portata al pronto soccorso e lì sono intervenuti chirurgicamente e riempito di antibiotici. Però quello che avevo non era cancrena ma un flemmone.

Ma io confido ancora nell'acqua bollente e sale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Edit: lo zucchero evita la crescita batterica perchè osmoticamente disidrata i batteri, per questo si usa nelle marmellate.

Grazie, ora è chiaro... thumbup.gifthumbup.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
... Tieni conto che dopo le battaglie per evitare rischi si cauterizzava il più possibile.

E' possibile bruciare i tessuti anche con la stessa lama rovente? Ricordo alcuni vecchi film western in cui si amputava, si disinfettava con whisky e si bruciavano i tessuti in questo modo. Non so quanto possa essere buona la prassi, ma la scena era di sicuro effetto (forse perché ero solo un ragazzino).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Si certo, anche se i chirurghi militari avevano strumenti appositi chiamati "cauteri". Paracelso è il primo a ribellarsi a questa pratica barbara.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×