Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Writer's Dream Staff

Casini Editore

Post raccomandati

(ho unito i thread)

io non ero registrato quando ho inviato il testo, ho semplicemente seguito le istruzioni sul sito accludendo solo il dattiloscritto su cui erano riportati i dati per ricontattarmi, senza sinossi, curriculum o altro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho inviato il manoscritto ma mi sono dovuto registrare. Poi il mio documento era troppo pesante e l'ho inviato all'indirizzo mail che ho letto su questo forum. Poi ho chiamato e, molto gentilmente, mi hanno detto che era l'indirizzo giusto. Ora aspetto fiducioso qualche notizia. (sia positiva che negativa.)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Io avevo inviato il mio romanzo oltre un anno fa, avevo ricevuto conferma di ricezione, ma non ho mai avuto una risposta...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Hanno appena inaugurato il nuovo sito! Quanto mi piace questo editore!

Concordo, è un editore che promette davvero bene... thumbup.gifthumbup.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Strano che sia assente al Salone del libro di Torino...

Avranno magari investito su altre manifestazioni...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Mi è stato detto che i prezzi per partecipare a Torino sono aumentati vertiginosamente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mi è stato detto che i prezzi per partecipare a Torino sono aumentati vertiginosamente...

Sarà quasi certamente per quello allora... icon_cry.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si vede che investe tutto nella distribuzione e nella qualità della presentazione del prodotto! E a giudicare da copertine, book-trailers, diffusione delle recensioni, e segnalazioni di libri visti in libreria, direi che se la cava più che egregiamente in questo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che però l'editing non sia il suo forte. Ho letto La saga di Amon della Boni. La storia è interessante e si vede che l'autrice è brava (anche tanto!) ma purtroppo il testo, pur bellissimo da vedere quanto a grafica e materiali, soffre di ripetizioni di avverbi e refusi. Ciononostante è un buon editore ma, ecco, forse un pochino di attenzione a questi dettagli non guasterebbe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io ho - purtroppo - acquistato il primo libro della saga di amon e dire che la Boni è brava (anche tanto!) è bestemmiare in chiesa, caro Althair4. tralasciando i resufi e i 20 avverbi a pagina, la storia è tanto inverosimile che più inverosimile non la si può scrivere, è incredibile.

secondo me la Casini editore è incentrato sui libri commerciali, ma non sulla qualità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
io ho - purtroppo - acquistato il primo libro della saga di amon e dire che la Boni è brava (anche tanto!) è bestemmiare in chiesa, caro Althair4. tralasciando i resufi e i 20 avverbi a pagina, la storia è tanto inverosimile che più inverosimile non la si può scrivere, è incredibile.

secondo me la Casini editore è incentrato sui libri commerciali, ma non sulla qualità.

Certo che esprimere un tale giudizio basandosi su un solo testo è superficiale, oltre che pretenzioso. Non credi?

Io ho pubblicato con loro, e non ho problemi a dire che anche secondo me puntano molto sulla commerciabilità. Ma asserire che "non siano incentrati sulla qualità" basandosi sulla lettura d'un solo testo lo trovo estremamente azzardato e poco professionale. Ad esempio Jack Frog di Fulvio Strano tutto è tranne che un libro commerciale.

Rispetto qualsiasi opinione, ma questa non è un'opinione.

E' una sparata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Certo che esprimere un tale giudizio basandosi su un solo testo è superficiale, oltre che pretenzioso. Non credi?

Io ho pubblicato con loro, e non ho problemi a dire che anche secondo me puntano molto sulla commerciabilità. Ma asserire che "non siano incentrati sulla qualità" basandosi sulla lettura d'un solo testo lo trovo estremamente azzardato e poco professionale. Ad esempio Jack Frog di Fulvio Strano tutto è tranne che un libro commerciale.

Rispetto qualsiasi opinione, ma questa non è un'opinione.

E' una sparata.

be', il testo del primo libro della saga di amon è ridotto tanto malamente che, dato la gran commerciabilità dei libri fantasy, secondo me l'hanno preso dal mucchio dei manoscritti a loro pervenuti e pubblicato sapendo solo che era fantasy, senza che un editor ci abbia buttato uno sguardo sopra. l'hanno fatto grossa e con me hanno messo una bella croce sopra, è sarà difficile che mi ricreda.

ho scritto che secondo me la casini editore è incentrata sui libri commerciali, e questo non presuppone che il libro non posso essere di qualità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ho scritto che secondo me la casini editore è incentrata sui libri commerciali, e questo non presuppone che il libro non posso essere di qualità.

Eh no! Tu hai scritto proprio che puntano sul commerciabile e "non sulla qualità". Che poi potrebbe essere anche vero, ma assurdo se considerata la lettura di un solo testo. E' come se scrivessi che ad esempio Einaudi non pubblica libri di qualità perchè ho letto un loro libro pieno di refusi e qualitativamente scarso (ce ne sono tanti). Lo trovo assurdo proprio in linea di principio.

Se il tuo giudizio fosse stato "Amon secondo me fa schifo e non capisco come Casini l'abbia pubblicato" non avrei fatto una grinza. Se tu avessi detto: "Amon a mio parere è stato pubblicato solo perchè commerciale e non perchè di qualità", non avrei fatto una grinza. Sarebbero opinioni maturate dal tuo senso critico.

Ma etichettare e fare di tutta l'erba un fascio a priori lo trovo grossolano. Ne va del rispetto del lavoro altrui, che prima d'essere giudicato andrebbe prima attenzionato. Poi puoi sparare quello che vuoi. Sarebbe legittimo.

Scusate lo sfogo, ma in un ambiente di una certa caratura intellettuale come questo certe cose proprio non riesco a digerirle.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dopo aver comprato amon (loro fiore all'occhiello) non voglio nemmeno pensare di comprare un altro libro di questo editore. perchè? ho speso 16 euro per un libro illeggibile, tutto qua, ma che sarebbe stato anche decente se fosse stato lavorato - parlo del testo, perchè riguardo alla copertina e al resto non hanno badato a spese, e diciamo che mi sento anche un può ingannato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si dice "Una rondina non fa primavera"...

Su un libro poco editato, come dici sia Amon, ce ne potrebbero essere moltissimi scritti bene, editati altrettanto bene e con una trama avvincente.

Come suggerisce Dario, giudicherei il libro in sé e non farei critiche troppo affrettate sulla casa editrice.

Be', puoi sempre leggere le prime pagine dei romanzi che gli autori rendono pubbliche, così da farti un'idea un po' più completa sui loro libri e su come lavora la Casini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Benissimo, ma da qui a etichettare le altre pubblicazioni senza leggerle, be', ce ne passa.

Che poi tu non voglia più acquistare nessun libro del suddetto editore perchè sei rimasto assolutamente insoddisfatto di QUEL prodotto, allora è del tutto legittimo. Ma allora critica QUEL prodotto o l'editore se ti va.

Per la serie "diamo un nome alle cose".

P.S.: fiore all'occhiello, che concetto contraddittorio. Solo perchè è il più venduto dovrebbe essere il "fiore all'occhiello"? Proprio tu che dici (giustamente) che commerciale non è sinonimo di qualitativo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh devo quotare Dario... Non possiamo basarci solo su un libro senza leggere gli altri x giudicare la qualita' di un editore. La storia di Amon secondo me e' buona ma, aggiungo, nel senso commerciale. Questo non vuol dire che x me faccia schifo ma solo che si tratta di una trama secondo me leggibile ma non innovativa. Tuttavia non mi pronuncio su altri titoli che non ho letto! In effetti anche Einaudi ha pubblicato Tre della P angry.gif deludendomi moltissimo! Almeno Amon e' un classico Fantasy e non un'accozzaglia di luogh icon_twisted.gif i comuni. Quello si che e' commerciale. La Casini pero' e' deludente proprio per le sue bellissime copertine. Voglio dire che se ad Amon ha dato una bella forma, promozione a mille ecc perche' non hanno badato alla sostanza? Sarebbe come costruire una Ferrari bellissima da vedere ma col motore asfittico! Sono sicuro che altri libri sono belli e piu' curati x carita' ma questo e' il forum del libero scambio di opinioni e io la penso cosi' icon_lol.gif x il resto non posso che lodare questo editore x il lavoro ottimo sul fronte della promozione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi, guardate che Amon non è stato pescato dal mucchio, è stato scritto su commissione. Qualcuno ha fatto conoscere Paola Boni alla Casini e la Casini le ha detto "scrivimi un romanzo con un demone entro tot mesi". L'ha detto lei stessa, eh, non me lo sto inventando.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ragazzi, guardate che Amon non è stato pescato dal mucchio, è stato scritto su commissione. Qualcuno ha fatto conoscere Paola Boni alla Casini e la Casini le ha detto "scrivimi un romanzo con un demone entro tot mesi". L'ha detto lei stessa, eh, non me lo sto inventando.

Confermo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me, Amon o non Amon, sembra una casa che offre un buon servizio... Sicuramente ci tiene a vendere i suoi prodotti in un certo modo, a porsi in un certo modo e questo è importante. Credo una casa di questo tipo faccia il possibile per promuovere le sue opere, in definitiva. E lo fa anche bene. La qualità poi dipende anche dagli autori, tu non compreresti un libro da Fazi perché ha pubblicato la Meyer?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
A me, Amon o non Amon, sembra una casa che offre un buon servizio... Sicuramente ci tiene a vendere i suoi prodotti in un certo modo, a porsi in un certo modo e questo è importante. Credo una casa di questo tipo faccia il possibile per promuovere le sue opere, in definitiva. E lo fa anche bene. La qualità poi dipende anche dagli autori, tu non compreresti un libro da Fazi perché ha pubblicato la Meyer?

i libri della meyer sono sicuramente scorrevoli e piacevoli da leggere; di sicuro non fanno male agli occhi e chi li legge non scorge errori grammaticali di nessun tipo, nè uno stile approssimativo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto che si parla anche della Meyer e della Fazi vorrei portare il mio pensiero che esula un po' dalla Casini ma abbraccia tutte le CE... La Saga di Amon, scritta su commissione o meno, non sembra aver subito un editing degno di questo nome ed e' un fatto, basta leggerlo. Ovvio che agli occhi di un attento lettore (e scrittore) la CE non fa una bellissima figura... Inoltre Amon, o qualsiasi altro titolo di una qualsiasi CE non identifica quella realta' editoriale come di pregio o scadente da solo. Bisogna leggere almeno altri due o tre titoli e in ogni caso quanto di scadente pubblicano le majors? Tronisti e veline secondo voi sanno scrivere? Da qui si potrebbe anche andare oltre e discutere che anche realta' non a pagamento e che fanno selezione non sono custodi del sapere universale ma si andrebbe troppo ot... coolgun.gif quindi, personalmente, titengo questa un'ottima CE che segue davvero tantissimo gli autori ma che scade secondo me su alcuni dettagli che, se curati, larenderebbero ancora migliore a prescindere se pubblica commerciale o no. La mia non e' una critica, sia chiaro!, ma solo un'osservazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho specificato il modo in cui Amon è stato pubblicato perché secondo me la Casini ha adottato una strategia differente per quel romanzo rispetto agli altri. Un romanzo scritto su commissione può avere uno scopo diverso rispetto a quelli selezionati da chi invia manoscritti. Questo significa anche che l'editing e la promozione di quel libro possono essere più o meno curati rispetto agli altri del catalogo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho visto alla Mondadori del mio paese una bella pila di un libro pubblicato da un utente del forum.

La realizzazione grafica (posso commentare solo questa, dal momento che non ho comprato il titolo - non è il mio genere) è molto strana.

Sembra che abbiano voluto strafare pur non avendone i mezzi: quindi copricopertina in carta lucida argentata, ma l'effetto era molto kitsch, i numeri dei vari capitoli scritti in un gigantesco font in 3d (tipo WordArt), che davano l'impressione di una cosa fatta in maniera amatoriale...

Insomma, alle volte preferisco la sobrietà: rilegatura semplice, copertina opaca, impaginazione classica. E' molto più elegante e "professionale"...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

C'è un titolo della Casini editore che vorrei comprare; quando l'avrò fra le mani (e soprattutto letto) vi farò sapere la mia opinione... thumbup.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma allora... Feleset, non credi che questo deponga un po' a loro sfavore, come qualita'? Voglio dire che se la Boni fu invitata a scrivere la Saga diAmon potrebbe significare che al suo libro avrebbero prestato maggiore attenzione anche a livello di refusi e impaginazione. Non sto dicendo che alla Boni sarebbe andato il top delle capacita' e agli altri fuffa, ma almeno un occhio di riguardo in piu'. Vi diro'... Io la Boni l'ho letta xche' uno dei miei titoli risulta alla sua libreria ma non ho letto altro di questa CE... icon_cheesygrin.gif poi Mr Bungle (scusate ma scrivere dal palmare mi da la nausea e non posso evidenziare i commenti altrui) mi sa che hai ragio icon_twisted.gif ne sulla copertina e sui font...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×