Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

Descrizione: valutazione manoscritti, editing, rappresentanza editoriale, copertina e illustrazioni, traduzioni, correzione bozze, ghost writing, realizzazone storie e biografie personali.
Costi (se previsti): valutazione manoscritti 60 euro se lo scritto non supera le duecentocinquanta cartelle, 85 fino a quattrocento; servizio di rappresentanza 10% sulle royalties
Sito web: http://agenzialetterariaenoch.it/wordpress_8/
Facebook: https://hr-hr.facebook.com/enoch.agenzialetteraria/?ref=page...
Esperienza personale (se esistente): /

 

Agenzia Letteraria catanese, scoperta girovagando sul net.

Ho fatto qualche ricerca e sul forum non c'era niente al riguardo, dunque mi é sembrato opportuno informarvi.

Modificato da ElleryQ

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

So che la frase potrebbe suonare contorta, ma io non pubblicherei neanche gratis con una casa editrice a pagamento. Se uno leggesse che ho pubblicato con il Gruppo Albatros, poi chi ci crede che non ho pagato? Trovo proprio rivoltante l'idea di collaborare con quelle persone, mi dispiace.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questo non ha molto senso secondo me,

secondo questa logica nessuno dovrebbe pubblicare con le case editrici "a doppio binario" anche se queste offrono contratti senza contributo. Albatros non é per niente citato in quel sito, sono miste e ce ne sono sia free che a pagamento, ma la mia domanda sarebbe appunto sapere se quelle case editrici effettivamente fanno anche EAP anche se contattate da agenzia.

In quella lista ci sono Mondadori, Fazi, Sellerio, Longanesi, Zandegù (che questa mi pare sia stata chiusa) che non mi sembrano affatto EAP.

Un fatto é non pubblicare a pagamento, e lì son d'accordo. Ma quando si parla di pubblicare senza pagare con una casa editrice che applica entrambe le politiche (e ce ne sono tante) mi sembra sbagliato.

Fatto sta che non é questo il punto che ho sollevato ;) quindi chiudo la breve parentesi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Linda Rando

La cosa è semplice. Tu paghi l'agenzia letteraria per pubblicare a pagamento con un EAP.

In pratica paghi SIA l'agenzia SIA l'editore. Un metodo geniale, e che purtroppo funziona da Dio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si ma c'é un qualcosa che non mi torna completamente ...

se loro non si fanno pagare la rappresentanza (cosa che già mi lascia perplesso) perché farsi pagare sul finale se tanto comunque hanno un ricavato del 10% su ogni copia venduta.

Questo lo trovo innaturale e malsano. Cioè, ha un senso che io mi rivolgo a loro per arrivare a Fazi e Mondadori, ma se mi devo fare pubblicare da un EAP, tanto vale che vado direttamente da loro.

La mia curiosità era: ci sono EAP che praticano il "doppio binario" in caso il manoscritto sia sottoposto dall'agenzia (ad esempio, le suddette)?

Pura curiosità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si ma c'é un qualcosa che non mi torna completamente ...

se loro non si fanno pagare la rappresentanza (cosa che già mi lascia perplesso) perché farsi pagare sul finale se tanto comunque hanno un ricavato del 10% su ogni copia venduta.

Questo lo trovo innaturale e malsano. Cioè, ha un senso che io mi rivolgo a loro per arrivare a Fazi e Mondadori, ma se mi devo fare pubblicare da un EAP, tanto vale che vado direttamente da loro.

La mia curiosità era: ci sono EAP che praticano il "doppio binario" in caso il manoscritto sia sottoposto dall'agenzia (ad esempio, le suddette)?

Pura curiosità.

 

 

Ma secondo te arrivi veramente a Fazi o Mondadori tramite loro ?  Ci credi ? Perché in tal caso inizio a ponderare l'idea di vendere noccioline in Senegal.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guardando il sito attuale la vera cosa che mi frena dal contattarli è che per ogni servizio chiedono l'invio, oltre alla copia digitale, di due copie cartacee. :sss:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Feleset. Ora chiedono una sola copia cartacea più una digitale. La risposta arriva in circa un mese ed è abbastanza ampia e articolata.

@ Uno Qualunque. A mia esplicita domanda hanno risposto che alcune CE a cui inviano sono a doppio binario ma se un testo è presentato da loro non chiedono contributi. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mah...stando a quanto pubblicato sul loro sito nella sezione "Scouting e case editrici" sembrerebbe che abbiano agganci di tutto rispetto: Fazi, Mondadori, Sperling&Kupfer, Gruppo Longanesi...poi nominano anche altri editori che non conosco (Kimerik, Salvatore Fava, Edizioni Aped...)

Non solo, ma specificano anche la percentuale che richiedono nel caso decidessero di rappresentare un autore.

I prezzi per la valutazione del proprio manoscritto sono ragionevoli.

Nonostante queste premesse, non sono convinta al cento per cento...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×