Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

edotarg

L'ultimo uomo

Post raccomandati

 

                                       L’ultimo uomo

 

Mentre tutto stava collassando, meditava, quell’uomo, nascosto dalle ombre della notte, che se lo contendevano assieme agli sprazzi infuocati del magma.

Poggiato su alcune rocce antiche, che lo ergevano ad eroe di quell’apocalisse, continuò la sua preghiera interiore, senza curarsi del mondo esterno.

L’uomo era avvolto da un caldo odore minerale, penetrante e appiccicoso come catrame sui polmoni. Non sembrava preoccupato, anzi, pareva volere attingere e assaporare quei momenti con il massimo coinvolgimento, scandendoli con un respiro profondo e regolare.

Il vento, impetuoso, fischiava senza tregua, scaraventando ovunque cinerei frammenti di terra.

D’un tratto un fulmine si scagliò a pochi metri dall’uomo; entrò deciso sulle bolle di lava, facendole schizzare come farebbe un proiettile nel fango.

Una di quelle gocce incandescenti si posò sul suo viso, e scese come una lacrima lungo la guancia.

La goccia, ormai secca, si arrestò poco a lato del mento, solcando il proprio tragitto sulla sua pelle.

L’uomo aprì finalmente gli occhi, e vide quello che restava della terra: uno sconfinato mare di terra e fuoco, sintomo di un pianeta regredito alla sua forma primordiale, quando la vita era soltanto una lontana ipotesi.

Lui che giaceva immobile dalla notte dei tempi, lui che ascoltò le melodie più varie nel corso dei millenni, lui che vide nascere e crescere la civiltà, volle rendere l’estremo saluto al mondo.

Un addio di quella portata, pretendeva la connessione di tutti e cinque i sensi, tesi e aperti verso quella mano che fu la madre di tutti nostri sogni, le nostre ambizioni e le nostre paure.

Era un’autentica simbiosi empatica, di quelle che si vedono tra un’anziana morente ed un figlio pentito.

E tutta l’arte, la bellezza, l’amore, la guerra, saranno svaniti, persi come sabbia nel deserto, inghiottiti in un vuoto buco nero.

Noi, orfani dei nostri ricordi, saremo solo una pagina strappata su un eterno e assoluto libro bianco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×