Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

nemesis74

Un libro che accontenti tutti

Post raccomandati

Natale si avvicina e per chi come noi ama i libri è l'occasione per fare dei bei regali.

Non so voi, ma io amo regalare libri e ancora di più riceverne. Anzi, da anni i miei regali si limitano solo a questo, almeno so che non sarà un pensiero inutile, non finirà nella pattumiera e nel tempo avrà la possibilità di essere letto da più persone.

Bene, tutto semplice allora? Invece no.

Purtroppo è difficile far capire alle persone che non hanno questa passione che noi non vorremmo altro regalo che libri e libri. Così come è ancora più difficile regalarne senza che questo sia considerato un pensiero secondario (ahimè). Superato questo scoglio però saremo in grado di gettarci compulsivamente negli acquisti.

Se però è piuttosto facile regalare un libro a una persona che si conosce bene, molto più complicato risulta essere per conoscenze più superficiali. Posso solo vagamente intuire se una persona sia più portata ad apprezzare un giallo, un romance o magari un testo di fantascienza. A volte, quando mi trovo nelle case altrui, sbircio la libreria, se presente, così mi regolo nel caso dovessi fare un regalo.

Mi sono posto allora la domanda: esiste un libro che potrebbe andare bene per tutti? Un libro che riesca a soddisfare le esigenze più varie, accontentando quindi i palati più diversi?

Vi viene in mente qualche titolo? A me sì.

Parecchi anni fa mi trovavo da solo in una sala riunioni. Fuori era buio, si era in pieno inverno e il caldo di quella stanza unito alla luce azzurrognola del neon, con il suo sottile e persistente ronzio, mi stavano facendo addormentare. Il capo tardava e così mi alzai e negli scaffali, oltre alle pratiche, c'erano diversi libri.

Ne presi uno a caso.

Iniziai a sfogliarlo, poi a leggerlo. Me ne innamorai e con dispiacere lo rimisi a posto all'arrivo del responsabile. Prima di andarmene però ne annotai titolo e autore. “La scoperta di Troia” di Einrich Schliemann.

La mattina dopo ero in libreria a ordinarlo.

Tanti anni sono passati ma quel libro è ancora oggi negli scaffali della mia libreria, letto e riletto e lo considero un testo che potenzialmente potrebbe piacere a tutti.

È un'autobiografia, ma non solo. Tratta della scoperta delle rovine della città di Troia, ma non solo. È un libro di avventura – peripezie di ogni genere, viaggi per mare, terre lontane – un libro introspettivo, un giallo, un testo storico. Tratta di temi come l'archeologia, il mistero, le lingue, la psicologia, la tenacia, i miti classici, Omero, l'amore e la passione. È un libro educativo e direi senza dubbio di formazione che ci insegna quanto sia importante inseguire i propri sogni. Insomma, a parte la fantascienza non manca di nulla.

Per me è il libro adatto per tutti. Ognuno potrebbe trovarci qualcosa di adatto alle sue esigenze.

Riuscite a pensare a qualche altro titolo?

Buona lettura. :) 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alle conoscenze si regalano cose inutili perchè anche le conoscenze in questioni sono inutili. A chi conosci puoi regalare un libro, ma dev'essere un libro che può piacere alla persona in questione (già qui cadiamo, perché molti regalano libri pesanti a ragazze che leggono romance, tanto per fare un esempio) e inoltre la persona in questione deve essere uno che legge. A uno che conoscevo avevamo regalato un regolabarba; perchè gli avremmo dovuto regalare un libro? Cose se ne faceva, lo buttava in libreria di fianco alle cartine stradali?

 

Se a uno piace l'autobiografia con bukowski non perdi mai; se ama il disagio c'è welsh; se ha amato hemingway c'è carver, etc. Con il fantasy di carattere internazionale come lo hobbit o il signore degli anelli non sbagli mai, perchè potrebbe piacere pure a mio nonna.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A una conoscenza superficiale non faccio nemmeno gli auguri su facebook, figurati se gli regalo un libro. 

Comunque, in generale, un libro che piace a quasi tutti è Stoner.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
59 minuti fa, mercy ha scritto:

Credo che il libro che accontenta tutti non esista

Lo penso anch'io. Anche se si è lettori forti non è facile trovare il libro adatto. Di sicuro, per regalare un libro occorre conoscere bene chi lo deve ricevere, questo perché non solo si fa qualcosa che è gradito, ma anche perché così si denota attenzione verso l'altro, facendo capire che si è pensato all'interessato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, nemesis74 ha scritto:

Riuscite a pensare a qualche altro titolo?

Sulla linea di quello di Schliemann che citi, mi è venuto in mente lo splendido Civiltà sepolte. Il romanzo dell'archeologia, di C. W. Ceram, che su di me ragazzina ebbe lo stesso effetto che racconti tu.

Un risultato eccellente lo producono sempre i libri d'arte: pensa, ad esempio, all'intramontabile La storia dell'arte di Gombrich.

Anche un bauletto di Agatha Christie è bello da ricevere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, nemesis74 ha scritto:

“La scoperta di Troia” di Einrich Schliemann.

Se lo regalassi a me di sicuro lo apprezzerei (poi probabilmente rimarrebbe comunque sullo scaffale:P) , ma perché mi piace l'argomento storia, archeologia, ecc. Se lo regalassi a mia sorella lo userebbe per livellare il tavolo... ma metterebbe la foto su FB mostrandosi entusiasta

Io di rado regalo libri, perché molti miei conoscenti semplicemente non leggono. Ne regalo alla mia famiglia, perché so che passioni hanno e che libri hanno già comprato, per il resto non mi sbilancio. Una bella candela natalizia e via;)

Se proprio dovessi regalare un libro a un perfetto sconosciuto punterei su quelli divertenti. Tipo quelli di Giobbe Covatta anni fa, oppure gli aforismi di Oscar Wilde e simili. Cose che uno può leggere anche solo un capitolo o un aneddoto per sorridere un po', ma senza impegno.

6 ore fa, mercy ha scritto:

"visto che tu leggi, ti ho comprato un libro". :facepalm:

È successo anche a me, e infatti ho un bel po' di libri mai letti:D  Sono d'accordo anche sul fatto che chi legge molto di solito ha anche gusti precisi. Oppure anch'io sono:

6 ore fa, mercy ha scritto:

una rompiballe intransigente e anche dotata di scarsa sensibilità ai gusti altrui

 

Se a me regalano l'ultimo successo editoriale, resterà lì, perché molto probabilmente parla di qualcosa che non mi interessa. Anche se è considerato un capolavoro. Preferisco che mi regalino biancheria o vestiti (che per me uno vale l'altro e mi risparmiano di comprarli da me) piuttosto che libri.

Se però uno vuole farmi una scheda da 50 euro da spendere in libri allora sarei felicissima (ma non è mai successo:buhu:)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Direi La vita tragicomica. In alternativa, mi verrebbe da pensare a libri che non ricadono nella narrativa, che riguardano argomenti che possono piacere più o meno a tutti e a nessuno. Tipo, che ne so, i vini d'Italia. A me ne regalarono uno sui galeoni. Tanto è risaputo che un libro regalato con questi presupposti rimane lì in libreria a fare volume. Cosa che è successa infatti al libro sui galeoni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
21 ore fa, lapidus ha scritto:

Io un libro che consiglio sempre e che finora ha messo d'accordo tutti è Norwegian Wood. Tokyo Blues di Murakami 

Un libro che ho apprezzato molto, di formazione principalmente, ma che per la sua ambientazione (Giappone anni 70) secondo me non ha tutti i requisiti per incrociare diversi generi. Resta comunque un ottimo regalo, si va sul sicuro. :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Miss Ribston certo. :)

era solo un post. Per me non era un racconto. Ma hai fatto benissimo. Se vuoi puoi spostarlo nella sezione che reputi più adatta e in base al regolamento e io mi regolo di conseguenza. :)

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, Aegis ha scritto:

Se vuoi puoi spostarlo nella sezione che reputi più adatta e in base al regolamento e io mi regolo di conseguenza.

@Aegis i testi di scrittura creativa vanno in officina, ma la discussione la deve aprire l'autore rispettando il regolamento e allegando un commento valido. Non può farlo lo staff.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, Anglares ha scritto:

@Aegis i testi di scrittura creativa vanno in officina, ma la discussione la deve aprire l'autore rispettando il regolamento e allegando un commento valido. Non può farlo lo staff.

 

Grazie. :)

 

Il mio era un semplice commento.

Scritto di getto.

E ironico. 

 

Ma se non va bene per voi e avete preferito cancellarlo allora lo posso capire e va bene anche per me. :)

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 3/12/2020 alle 14:16, RedInferno ha scritto:

Ma la domanda è: perché si dovrebbe regalare qualcosa a una conoscenza superficiale? :D

 

20 ore fa, Andrea28 ha scritto:

A una conoscenza superficiale non faccio nemmeno gli auguri su facebook, figurati se gli regalo un libro. 

E mamma! :D  Non si intende uno che hai conosciuto in fila alla posta. Magari qualcuno che ti invita a giocare a carte a casa sua per tre volte di seguito (periodo natalizio, sennò è un biscazziere), la sorella della fidanzata del tuo amico che ti invita a cena e che... e sù! Amici da poco tempo e chi più ne ha più ne metta. 

Che vite tristi! :D 

 

21 ore fa, mercy ha scritto:

Questo per tacere dei libri che mi sono stati regalati dicendo: "visto che tu leggi, ti ho comprato un libro". :facepalm:

:S Santa mamma! 

21 ore fa, mercy ha scritto:

Credo che il libro che accontenta tutti non esista, @nemesis74. Scusami.

Per carità. Non lo prendo come un affronto personale xD

21 ore fa, mercy ha scritto:

Con gli amici lettori sono giunta al compromesso di regalare e ricevere buoni per le librerie. 

Poco romantico e molto pratico.

Concordo anche se non lo faccio. Mi piace l'idea di spremermi un po' le meningi per azzeccare un gusto oppure tentare la sorte. Ma la tua è una buona soluzione.

 

20 ore fa, Miss Ribston ha scritto:

A lui si regalavano sempre i libri perché erano il regalo giusto. Non c’era un libro giusto per mio nonno, era lui a essere giusto per qualsiasi libro. :) 

Che bella persona!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, M.T. ha scritto:

Lo penso anch'io. Anche se si è lettori forti non è facile trovare il libro adatto. Di sicuro, per regalare un libro occorre conoscere bene chi lo deve ricevere, questo perché non solo si fa qualcosa che è gradito, ma anche perché così si denota attenzione verso l'altro, facendo capire che si è pensato all'interessato.

Sì, certo. Ma il senso del post, oltre al regalo, è anche di trovare un libro che al suo interno contenga elementi che spaziano tra diversi generi, così da poter essere apprezzato (almeno in parte) da tipologie diverse di lettori. Più generi riuniti insieme. ;) 

 

23 ore fa, Ippolita2018 ha scritto:

mi è venuto in mente lo splendido Civiltà sepolte

Segno. :) 

 

18 ore fa, Silverwillow ha scritto:

punterei su quelli divertenti. Tipo quelli di Giobbe Covatta anni fa, oppure gli aforismi di Oscar Wilde e simili.

Questa è una buona idea ;) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
21 ore fa, nemesis74 ha scritto:

E mamma! :D  Non si intende uno che hai conosciuto in fila alla posta. Magari qualcuno che ti invita a giocare a carte a casa sua per tre volte di seguito (periodo natalizio, sennò è un biscazziere), la sorella della fidanzata del tuo amico che ti invita a cena e che... e sù! Amici da poco tempo e chi più ne ha più ne metta. 

Che vite tristi! :D 

 

Allora tanto meglio qualcosa di meno impegnativo, tipo un panettone, una bottiglia di vino, uno di quei regali che si possano riciclare. :D 

Ne approfitto per dire a tutti voi (visto che siamo in tema) che se mai dovessero regalarvi qualcosa di apparentemente ricercato tipo un vino invecchiato 25 anni, non è perché si è avuto il pensiero di acquistare qualcosa di raro per l'occasione, ma è perché quella bottiglia si sposta di casa in casa dallo stesso lasso di tempo.

Insomma, non la vuole nessuno!

Pis and lov <3

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 4/12/2020 alle 08:51, AdStr ha scritto:

Direi La vita tragicomica.

Che moderatore, che ragazzo, che persona! :asd: Ammirevole.

 

Il 4/12/2020 alle 08:51, AdStr ha scritto:

mi verrebbe da pensare a libri che non ricadono nella narrativa, che riguardano argomenti che possono piacere più o meno a tutti e a nessuno. Tipo, che ne so, i vini d'Italia.

Infatti tendiamo a basarci troppo sulla narrativa, ma ci sono quelli di manualistica - giardinaggio - bricolage - modellismo - guide - libri di fotografia - biografie che possono adattarsi benissimo allo scopo. 

 

Il 3/12/2020 alle 20:11, Ippolita2018 ha scritto:

Un risultato eccellente lo producono sempre i libri d'arte: pensa, ad esempio, all'intramontabile La storia dell'arte di Gombrich.

Anche un bauletto di Agatha Christie è bello da ricevere.

Ottime idee anche queste. I libri d'arte. (y)  

E aggiungo i libri per bambini per chi ha figli piccoli, così la smettono di avvinazzarsi i genitori come ci suggerisce @RedInferno :D 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×