Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Lizina

Ebook sì o no?

Post raccomandati

Salve a tutti!

Non ho trovato un topic che parli di questo argomento. Se così non fosse, me ne scuso e vi prego di chiudere questo.

Mentre tante Case Editrici, soprattutto di recente costituzione, stanno puntando soprattutto sul mercato ebook e sul POD, ho notato che alcune CE, sopratutto di piccole dimensioni, non propongono accanto al cartaceo anche il testo in ebook. C'è una ragione precisa di tipo tecnico (realizzazione, messa in vendita, distribuzione) o è soltanto una scelta editoriale? E in quest'ultimo caso, quanto il Covid potrebbe contribuire a cambiare questa logica? Del resto, in assenza di fiere, manifestazioni e presentazioni dal vivo, per le piccole CE dovrebbe essere più complicato far conoscere il lavoro dei propri autori e vendere i libri cartacei.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il cartaceo è un feticcio. C'è chi compra i libri solamente per avere il libro fisico. Ma far uscire anche l'ebook allo stato attuale è la scelta migliore per un piccolo editore.

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non condanno chi compra il libro fisico. Anche io lo preferisco sotto tanti punti di vista, però sono anche consapevole degli aspetti positivi dell'ebook. Al netto, tuttavia, delle preferenze personali mi chiedo perchè alcune CE continuino a non pubblicare i libri nel doppio formato. Si tratta di CE che, per quanto riguarda ciò che scrivo, sono molto interessanti ma l'assenza di ebook le rende limitate.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
21 ore fa, Lizina ha scritto:

C'è una ragione precisa di tipo tecnico (realizzazione, messa in vendita, distribuzione) o è soltanto una scelta editoriale?

Fare un ebook costa molto poco, non ha spese di distribuzione, problemi di giacenze in magazzino, ecc. Quindi non farlo secondo me è una scelta. Si cerca di promuovere il libro cartaceo (immagino, ma non sono esperta, che la CE ci guadagni di più). È però una scelta a doppio taglio: alcuni lettori comprano un libro solo se c'è la versione ebook, perché costa meno, o perché non hanno posto in casa per mettere tutti i libri che comprerebbero.

 

21 ore fa, Lizina ha scritto:

E in quest'ultimo caso, quanto il Covid potrebbe contribuire a cambiare questa logica?

Secondo me sì, già nei mesi scorsi molte CE si sono convertite all'ebook.

Ormai si è creato il mercato, e ignorarlo non serve a niente. Il lettore che legge sia in cartaceo che in ebook si aspetta di poter scegliere, e se non può farlo la CE perde punti. Prima o poi la doppia disponibilità di formato diverrà la norma.

Il discorso vale soprattutto per le piccole CE, che spesso pubblicano esordienti, per i quali il lettore può essere disposto a spendere 2-3 euro per un ebook e dargli una chance (anche perché su alcuni siti può leggere l'anteprima e farsi un'idea della qualità), ma non 15-20 per il cartaceo. Per un esordiente, trovare una CE che fa entrambi è un vantaggio. Il cartaceo di un autore sconosciuto, che per di più in libreria non si trova se non ordinandolo, lo compreranno solo amici e parenti.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, sono nuovo di qui, ma ho visto la vostra discussione e la trovo interessante e mi sono iscritto.

 

È principalmente un problema di cultura, quando non ci sono particolari problemi tecnici nella realizzazione di un ebook.

Nella mia esperienza con editori, grandi e piccoli, ho capito che libro di carta ed ebook sono sinergici e sarebbe meglio che coesistessero, invece in molti pensano ancora che l'ebook possa cannibalizzare le vendite del cartaceo. L'ebook da solo invece, per l'editore, stenta ad emergere perché ha una logica di promozione che segue il web, i social, un canale distributivo completamente differente. 

Inoltre un editore non si può permettere di produrre un brutto ebook, come non si può permettere di produrre un brutto libro di carta.

Produrre un ebook fatto bene, se non è stato pensato prima, può essere un lavoro costoso. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, è una discussione che mi interessa particolarmente, perchè proprio in questo periodo ho due proposte per un mio libro da parte di due CE piccole ma che conosco e mi piacciono molto, ed entrambe pubblicherebbero solo in cartaceo. Sto appunto valutando cosa fare perchè da un lato ovviamente non vorrei perdere l'occasione ma dall'altro le mie esperienze precedenti di pubblicazione mi portano ad essere assolutamente dìaccordo con quello che ha scritto @Maurice sul fatto che ebook e cartaceo sono complementari. E concordo con lui anche sul fatto che produrre un buon ebook è piuttosto costoso, e immagino che molte piccole CE possano non avere al loro interno le competenze tecniche per farlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' una scelta. Da un lato è vero che il guadagno è inferiore (nonostante il risparmio di carta e inchiostro, le spese di distribuzione invece restano), ma c'è anche un altro deterrente psicologico: molti editori temono la pirateria (anche inserendo i sistemi di DRM).

E il fatto se sia vero o meno che un ebook che circola anche piratato sia comunque pubblicità per il cartaceo è tuttora questione aperta che ha i suoi convinti sostenitori in entrambi i fronti.

Infine sugli ebook c'è il diritto di resa e di 'portoghesi' che fanno il giochino ce ne sono più di quanto si immagini.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 27/11/2020 alle 17:50, Lizina ha scritto:

Salve a tutti!

Non ho trovato un topic che parli di questo argomento. Se così non fosse, me ne scuso e vi prego di chiudere questo.

Mentre tante Case Editrici, soprattutto di recente costituzione, stanno puntando soprattutto sul mercato ebook e sul POD, ho notato che alcune CE, sopratutto di piccole dimensioni, non propongono accanto al cartaceo anche il testo in ebook. C'è una ragione precisa di tipo tecnico (realizzazione, messa in vendita, distribuzione) o è soltanto una scelta editoriale? E in quest'ultimo caso, quanto il Covid potrebbe contribuire a cambiare questa logica? Del resto, in assenza di fiere, manifestazioni e presentazioni dal vivo, per le piccole CE dovrebbe essere più complicato far conoscere il lavoro dei propri autori e vendere i libri cartacei.

 

Io per pubblicare il mio libro, tra le proposte ricevute, ho scelto un editore che pubblica sia in cartaceo che in digitale. Credo sia necessario. E' vero che si tratta di una fetta di mercato minoritaria, ma è sempre un bacino d'utenza che non ti puoi precludere. Non sono due mercati intercambiabili.

Da lettore, sono ormai passato da tempo agli ebook per varie ragioni, e non compro più cartaceo. Dovrebbe davvero uscire il libro del secolo, quello di cui proprio aspetto l'uscita da una vita, per convincermi a comprare in cartaceo un'opera non disponibile in digitale. E non credo di essere l'unico. 

Per cui credo che non uscire in digitale significhi giocarsi una fetta di lettori, pochi o tanti che siano.

  • Mi piace 3
  • Triste 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 30/11/2020 alle 10:09, mutantboy ha scritto:

 

Io per pubblicare il mio libro, tra le proposte ricevute, ho scelto un editore che pubblica sia in cartaceo che in digitale. Credo sia necessario. E' vero che si tratta di una fetta di mercato minoritaria, ma è sempre un bacino d'utenza che non ti puoi precludere. Non sono due mercati intercambiabili.

Da lettore, sono ormai passato da tempo agli ebook per varie ragioni, e non compro più cartaceo. Dovrebbe davvero uscire il libro del secolo, quello di cui proprio aspetto l'uscita da una vita, per convincermi a comprare in cartaceo un'opera non disponibile in digitale. E non credo di essere l'unico. 

Per cui credo che non uscire in digitale significhi giocarsi una fetta di lettori, pochi o tanti che siano.

Sono perfettamente d'accordo. Da qui la mia perplessità sulle due proposte di pubblicazione che ho avuto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sono uno che la prima cosa che faceva dopo aver acquistato un libro era chiudere gli occhi e odorare la carta, dopo aver provato l'e-reader ti rispondo: e-book siissimo

  • Triste 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

D'accordo sul fatto che oggi pubblicare solo in cartaceo equivalga a rinunciare scientemente ad una fetta di mercato, forse la più consistente. Personalmente non leggo E-Book ed essendo anche autore di fantascienza distopica penso a cosa accadrebbe a tutti gli E-Book del mondo e al digitale in genere in caso di un evento - tipo virus incontrollabile ed ineliminabile - che rendesse impossibile l'uso dei sistemi informatici. Si salverebbe solo il sapere contenuto nei buoni, vecchi libri di carta. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×