Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

nando

Caosfera

Post raccomandati

Brutta storia, la fretta della pubblicazione, intendo. Secondo me non c'è da farsi prendere dall'ansia, avere grande pazienza e non abbattersi mai. Se il prodotto è buono le proposte arriveranno. E comunque pubblicare con una piccola free, per un esordiente, è comunque un ottimo primo passo. Una volta pubblicato puoi cominciare a diffondere, magari trovare un agente che ti cerchi un ingaggio migliore, ma comunque hai compiuto il passo più importante...

Io credo che la pubblicazione a pagamento in nessun caso sia la strada giusta da prendere per chi vuol fare lo scrittore; è evidente che l'EAP non è interessato ad investire su di te, se già dall'inizio ti fa profumatamente pagare il marchio sul libro ed il servizio di stampa dello stesso. Poi potrò sbagliarmi, ma pubblicare con una casa editrice come Caosfera non mi sembra una buona idea...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dhurina, innanzitutto è molto ma molto probabile che Caosfera non abbia letto neanche una pagina del tuo libro. ecco! renditi conto anche di questo, perchè nei precedenti commenti mi sembra di non aver letto nulla a riguardo. e poi un libraio o un edicolante può ordinare qualsiasi libro di qualsiasi casa editrice, pure da quelle cinesi, quindi non ti stupire di questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alcune li avevano in negozio altri li potevano ordinare in arrivo in pochi giorni

è stato personalmente l'autore a portarli al libraio, chiedendo a questi di esporli, e ci sono pochissimi dubbi a riguardo, perchè poche piccole case editrici free arrivano in libreria, e sicuramante fra queste non ci sono quelle a pagamento, che non fanno promozione nè niente.

ma io sono dell'idea che è meglio andare a sbattere la testa contro al muro per capire un concetto, se non lo si capisce in un altro modo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

li avevano perchè avevano già venduto il titolo e lo tenevano in negozio. Don, forse hai ragione che devo capire certe cose da me ma il fatto è che il mio libro ha distribuzione in un ambiente molto particolare ( parla di alcolismo ) quindi sto solo cercando di capire qual'è la strada migliore attraverso i vostri consigli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non è che devi capire qualcosa in particolare, è solo che hai chiesto dei consigli e noi te li abbiamo dati, ma te sei ancora intenzionata, almeno credo, a pagare e pubblicare con Caosfera, e riguardo a questo ti ho detto, francamente, che in futuro cambierai idea e te ne pentirai se accetti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

C'è un dettaglio non da poco che non ti è stato detto: spesso una precedente pubblicazione con un EAP è una macchia che rimane nel tuo curriculum di scrittrice.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ricevuto adesso per posta raccomandata il "contratto di edizione" da parte di Caosfera.

Mi chiedono 1.890 euro per la stampa di 800 copie, di cui 40 andrebbero a me - e posso farne quello che mi pare - e circa 50 distribuite per vari fini promozionali; sulle circa 700 restanti, in caso di vendita, percepirei il 12% del prezzo di copertina "al netto d'iva" (?). Inoltre potrei acquistare copie personali con uno sconto del 20% sul prezzo di copertina (ma su queste non percepirei alcun diritto).

Adesso dico, se curano l'editing delle opere come quello del contratto c'è da stare freschi.

Il supporto cartaceo è, sì, accattivante (una bella grafica di copertina e una carta robusta costituiscono un insiene globale piacevole alla vista), ma nella prima parte la punteggiatura - laddove è stata messa - è completamente da rivedere, mentre la seconda parte - oltre a riportare il titolo dell'opera sbagliato - inizia con un bel "Agendo per sè", per continuare con una lunga serie di "d" eufoniche disseminate a casaccio e nei punti sbagliati.

Il contratto è accompagnato da una nota, redatta da un responsabile del sito

E io aggiungo un bel adieu ban.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi hanno fatto un'offerta che solo leggerla mi ha fatto perdere la fiducia nell'editoria italiana. Migliaia di euro di contributo (lo restituiscono, ma dopo la vendita di più della metà delle copie che stampano), royalties che non coprono il contributo neanche se vendi tutto quello che stampano per te...Da piangere!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anch'io ho ricevuto un'offerta dalla caos sfera un paio di giorni fa.

mi chiedevano 2670 euro contributo per la pubblicazione e royllates  a cominciare dalla 500 copia venduta.

Sono gentili e professionali, ma ho ovviamente rifiutata.

Se devo investire risorse per pubblicizzarmi lo faccio da solo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho sentito anch'io il loro viscido tocco nel settembre del 2013.

Pur essendo ingenuo e al primo invio (avevo spedito i manoscritti anche in base a pseudo-pubblicità trovate in rete), dopo il fuoco di paglia con cui ho incenerito le speranze del primo contatto ho sentito la puzza al volo.

Sono talmente malfamati in rete che ho trovato senza fatica chi erano e scoperto il concetto di editori a pagamento.

 

Da allora sto attento e chi mi chiede un centesimo lo caccio a pedate, monorotaia, doppio, triplo o quadruplo binario che sia.

 

 

Investite in editing (serio) e nella qualità della vostra opera, ma non sbattete via soldi facendovi rifilare copie stampate.

Se proprio volete la carta, stampatela voi, scegliendo lil servizio più concorrenziale, magari col "beneficio collaterale" di farvela anche trovare in vendita su Amazon.

 

Lo sapete quanto costa far stampare su CreateSpace?

Per 300 pagine con copertina flessibile lucida a colori in formato 9"x6" (un filo più grande di un A5) solo 3.30 euro alla copia, che ne chiediate una, cento o mille. Con invio normale e circa 20 copie, la spedizione incide con meno di un euro per copia.

Su lulu 360 pagine in A5 costano 9.00 euro.

Tutti e due in qualità identica se non superiore ai prodotti degli infidi stampatori.

 

Lo sapete quanto è difficile stampare su CreateSpace?

Stampano esattamente quello che fornite con un .docx ben formattato. Non sgarrano di una millimetro.

Se il vostro .doc vi sembra un bel libro, allora vi stampano un bel libro. Tutto qui e tutto online, simulazione e verifica comprese.

Buoni strumenti e facili da usare.

 

Lo sapete quanto ci mette la prima versione o una nuova edizione ad arrivare in vendita su Amazon?

Qualche ora.

 

Lo sapete chi è scemo?

Quello che riceve un mail "la preghiamo di contattare la redazione al numero 0444 N645NN, per importanti comunicazioni relative al suo manoscritto" e si affanna a rispondere con la lingua a penzoloni, preparandosi ad aprire il borsello, invece di ribattere: "Mi scuso per avervi contattato, ma deve essermi caduta per errore una casa editrice a pagamento nella lista degli inoltri."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti scrivo per consiglio  e testimonianza su caosfera. Premetto che ho letto notizie non proprio accattivanti su internet. Ho ricevuto una proposta di pubblicazione (poesie). Ci hanno tenuto a farmi notare che non c'è acquisto di copie obbligatorio e contributi. C'è però l'iscrizione di 115 euro a un'associazione. Io finora ho pubblicato tre libri senza contributi. Però certo la distribuzione e la promozione non c'erano. Loro editano 400 copie (due per l'autore) e il contratto dura 12 mesi. Chiedono un indirizzario internet e l'impegno per tre presentazioni. Ora non so, la poesia certo è il genere meno amato dai lettori di oggi. Poi non so se fidarmi in genere sarebbe già grave per me pagare di per se per farsi pubblicare. C'è qualcuno che ha già avuto esperienze o può consigliare? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Inviai a questi tizi di Caosfera un manoscritto, anni fa. E dovevano essere tanti, ma proprio tanti anni fa perché si trattava del mio primo romanzo, ma soprattutto perché le cifre richieste da questi signori per l'acquisto delle copie erano ai massimi storici, e più o meno in linea con quelle di altri eap a cui mi rivolsi (P.S. non conoscevo ancora WD, ovviamente!). Mi sembra si parlasse addirittura di 3000 €uri, o comunque più dei 2670 chiesti a Melvin a gennaio 2014. Ovviamente, dopo l'atroce esperienza della mia prima - e fortunatamente ultima - pubblicazione a pagamento, non avevo alcuna intenzione di farmi rifregare. Così rifiutai, e logicamente non me ne pentii neanche per un secondo. Non vi dico per quanto tempo mi assillarono, per telefono o via e-mail, perché non si capacitavano del mio rifiuto - o meglio, non si rassegnavano al mio rifiuto - ed, è pleonastico specificarlo, per convincermi a ripensarci.

Poi forse si stancarono di fare muro contro muro e non ne ebbi più notizia... fino a ieri. Leggete un po' cosa scrivono:

 

 

Gentile autore, poniamo caso, AnarchAngel,

 

 

qualche tempo fa la nostra casa editrice le ha sottoposto una proposta di pubblicazione per il suo manoscritto, diciamo, "Sfiorivano le viole".

 

La proposta prevedeva il versamento di un contributo da parte sua.

 

Ebbene, negli ultimi tempi abbiamo deciso di adottare una politica diversa dal passato, anche perché il gruppo editoriale ha rinnovato la direzione e gli input sono rivolti decisamente verso un'identità di casa editrice non a pagamento. 

L'editore ha deciso di sottoporre anche a lei una proposta di pubblicazione che non preveda contributi.

 

 

Le sarà richiesto soltanto il suo impegno dal punto di vista promozionale e di gestione della sua immagine di autore.

 

Le specifico che questa proposta è valida solo per manoscritti inediti o autopubblicati (ilmiolibro.it, Lulù, Booksprint, ecc). Nel caso avesse già pubblicato con un editore il manoscritto che ci aveva sottoposto al tempo, le offriamo l'opportunità di spedirci un nuovo inedito che avremo il piacere di valutare alle medesime condizioni.

 

Certa di farle cosa gradita, mi chiami pure al numero 392.990.69.58 per qualsiasi dettaglio, o se preferisce, risponda a questa mail per essere ricontattato.

 


 

Cordialmente
cleardot.gif

 

Monica Donà
Caosfera edizioni 
uff  0444.26.45.53
cell  392.990.69.58
monica@caosfera.it

 

 

Voi che dite, è da interpretare come un ravvedimento, seppure molto tardivo, da parte loro? Oppure il cambio di direzione è solo di facciata e la fregatura è tra le righe?, a parte il fatto dell'autopromozione dell'autore, che purtroppo sta diventando sempre più una costante per i piccoli editori schiacciati da un mercato che ormai non lascia loro neanche le briciole.

Personalmente non sarei interessato neanche se ale proposta si rilevasse totalmente free, perché sinceramente sarebbe come un passo indietro per me. Ma credo che cercherò di capirci di più, a beneficio di tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviai a questi tizi di Caosfera un manoscritto, anni fa. E dovevano essere tanti, ma proprio tanti anni fa perché si trattava del mio primo romanzo, ma soprattutto perché le cifre richieste da questi signori per l'acquisto delle copie erano ai massimi storici, e più o meno in linea con quelle di altri eap a cui mi rivolsi (P.S. non conoscevo ancora WD, ovviamente!). Mi sembra si parlasse addirittura di 3000 €uri, o comunque più dei 2670 chiesti a Melvin a gennaio 2014. Ovviamente, dopo l'atroce esperienza della mia prima - e fortunatamente ultima - pubblicazione a pagamento, non avevo alcuna intenzione di farmi rifregare. Così rifiutai, e logicamente non me ne pentii neanche per un secondo. Non vi dico per quanto tempo mi assillarono, per telefono o via e-mail, perché non si capacitavano del mio rifiuto - o meglio, non si rassegnavano al mio rifiuto - ed, è pleonastico specificarlo, per convincermi a ripensarci.

Poi forse si stancarono di fare muro contro muro e non ne ebbi più notizia... fino a ieri. Leggete un po' cosa scrivono:

 

 

Gentile autore, poniamo caso, AnarchAngel,

 

 

qualche tempo fa la nostra casa editrice le ha sottoposto una proposta di pubblicazione per il suo manoscritto, diciamo, "Sfiorivano le viole".

 

La proposta prevedeva il versamento di un contributo da parte sua.

 

Ebbene, negli ultimi tempi abbiamo deciso di adottare una politica diversa dal passato, anche perché il gruppo editoriale ha rinnovato la direzione e gli input sono rivolti decisamente verso un'identità di casa editrice non a pagamento. 

L'editore ha deciso di sottoporre anche a lei una proposta di pubblicazione che non preveda contributi.

 

 

Le sarà richiesto soltanto il suo impegno dal punto di vista promozionale e di gestione della sua immagine di autore.

 

Le specifico che questa proposta è valida solo per manoscritti inediti o autopubblicati (ilmiolibro.it, Lulù, Booksprint, ecc). Nel caso avesse già pubblicato con un editore il manoscritto che ci aveva sottoposto al tempo, le offriamo l'opportunità di spedirci un nuovo inedito che avremo il piacere di valutare alle medesime condizioni.

 

Certa di farle cosa gradita, mi chiami pure al numero 392.990.69.58 per qualsiasi dettaglio, o se preferisce, risponda a questa mail per essere ricontattato.

 

 

Cordialmente
cleardot.gif
 

Monica Donà

Caosfera edizioni 

uff  0444.26.45.53

cell  392.990.69.58

monica@caosfera.it

 

 

Voi che dite, è da interpretare come un ravvedimento, seppure molto tardivo, da parte loro? Oppure il cambio di direzione è solo di facciata e la fregatura è tra le righe?, a parte il fatto dell'autopromozione dell'autore, che purtroppo sta diventando sempre più una costante per i piccoli editori schiacciati da un mercato che ormai non lascia loro neanche le briciole.

Personalmente non sarei interessato neanche se ale proposta si rilevasse totalmente free, perché sinceramente sarebbe come un passo indietro per me. Ma credo che cercherò di capirci di più, a beneficio di tutti.

Ciao la stessa mail l'hanno mandata anche a me per un romanzo che poi ho pubblicato con un'altra casa editrice,non lo so anche a me mi ha lasciato con il dubbio!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Proprio oggi ho trovato nella mia casella una loro email nella quale mi dicevano praticamente la stessa cosa di AnarchAngel, ma con una richiesta diversa, che riporto:

 

«Le sarà richiesto il suo impegno dal punto di vista promozionale, e l'unica spesa da parte sua sarà una piccola quota di € 150,00 che verrà usata per l'acquisto dell'Isbn e per sbrigare delle pratiche burocratiche e amministrative»

 

In pratica hanno una proposta ad hoc per ognuno? Come funziona?

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stessa cosa di Guy Hammers... sicuramente non la prendo neanche in considerazione. Ma mi incuriosisce capire dove stanno andando a parare.... qualcuno ha provato a chiamarli?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ieri mi hanno telefonato anticipandomi la proposta editoriale che mi hanno inviato oggi tramite mail: € 150 di contributo per l'assegnazione del codice ISBN, nessun pagamento di royalties fino alla 150° copia e impegno dell'autore ad effettuare almeno tre presentazioni in 12 mesi. Avendo ricevuto altre proposte totalmente free rifiuterò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ragazzi sognatori e scrittori!!!!

Urge parere di tutti voi! Ho ricevuto una mail da questa Caosfera che si dice interessata alla mia silloge e mi chiede un appuntamento telefonico. Li richiamo e il direttore mi dice che l'eventuale pubblicazione non richiederebbe un acquisto di copie del libro anzi sottolinea che loro "non chiedono soldi", bensì l'acquisto di libri della loro "scuderia" al prezzo complessivo di 150 €. Io ho fatto l'accondiscendente e ho detto che la proposta poteva sembrare interessante, attendo ora la loro proposta contrattuale. Vi scrivo perché trovo alquanto strano questo cambio di politica: ovvero passare da esporsi con 3 zeri a 150 € . Che ne dite? Non appena avrò ricevuto la loro offerta ve la inoltrerò o la riassumerò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@il capitano Ho visto che non ti sei ancora presentato in Ingresso. Che ne dici di farlo adesso? :)

Inoltre fai attenzione: non è consentito l'uso di più segni di punteggiatura (come i punti esclamativi) consecutivi.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, il capitano ha detto:

non ricordo come si fa

 

@il capitano , dovresti andare in questa sezione e aprire una discussione in cui ti presenti, tutto qui. Ci aiuterai a conoscerti meglio. :)

Se invece il tuo "non ricordo come si fa" era riferito all'eccesso di punteggiatura, basta limitarsi a un solo punto esclamativo! :D

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho appena contattato Caosfera tramite la loro pagina Facebook per sapere se sono EAP. Mi hanno risposto che chiedono solo un contributo di 150 euro "a sostegno degli autori emergenti". Mah...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×