Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

TuSìCheVale

Lista case editrici medie

Post raccomandati

In base a quanto si scriveva qui:

 

Si è deciso di compilare una prima lista di case editrici medie o più semplicemente una lista di buoni editori, che rientrano nei parametri qui riportati.

Da questa prima previsione possono essere aggiunti o tolti degli editori, anche in base alle segnalazioni che perverranno. Non sono riuscita a trovare le partecipazioni al Salone del Libro di Torino (magari questo dato può essere aggiornato in un secondo momento) e ho preso in considerazione l'adesione o meno all'AIE (Associazione Italiana Editori), qui un link di riferimento: https://www.aie.it/Chisiamo/IsociAIE.aspx

 

                                                        AIE   Distributore                    Facebook (FOLLOWERS)      Youtube (Iscritti)     Wikipedia

1)Minimum fax                            NO    Messaggerie                  64.611                                      528                            Sì

2)Il Saggiatore                             SI      Messaggerie                  49.061                                      647                            Sì

3)Terre di Mezzo                         SI      Messaggerie                  49.220                                      475                            No

4)Marcos y Marcos                    NO    Messaggerie                  27.853                                      Non presente           Sì

5)Edizioni Codice                        SI      A.L.I.                                20.114                                      107                            Sì

6)NN EDITORE                             NO    Messaggerie                  24.486                                      69                              No

7)Nottetempo                              NO    Messaggerie                  20.972                                      10                              Si

8)Giulio Perrone                          NO    Messaggerie                  23.117                                      11                              No

9)SUR                                            NO    Librerie indipendenti    18.251                                      119                            No

10)Quodlibet                                NO    Messaggerie                  18.441                                      28                              Sì

11)Miraggi                                    NO    CDA                                 11.796                                      115                            No

12)La Nuova Frontiera                NO    Messaggerie                 11.273                                      65                             Si

13)Edizioni Sonda                        SI     Messaggerie                  10.432                                     Non presente          Sì

14)Elliot                                          SI     Messaggerie                  10.231                                     Non presente          Sì

15)Aliberti                                      NO   A.L.I                                  9.970                                       87                             Sì

16)Arkadia Editore                       NO   Messaggerie                   8.957                                      Non presente          No

17)Piano B Edizioni                     NO   Messaggerie                   8.498                                      Non presente           No

18)Mattioli 1885                          SI     Messaggerie                   7.0242                                    29                              No

19)Mesogea                                 NO    Messaggerie                  6.138                                      20                               No

 

 

  • Mi piace 6

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per i nuovi inserimenti conviene attenerci ai dati sopra riportati, alcune case editrici sono state escluse perché i parametri erano troppo bassi. Qui un esempio:

 

 

                                   AIE    Distributore                    Facebook (FOLLOWERS)      Youtube (Iscritti)     Wikipedia

Edizioni Spartaco   NO     Messaggerie                  3.716                                        8                                 No

Fernandel                 NO     Messaggerie                  3.442                                       32                               Sì

Passigli                     NO    Messaggerie                   2.112                                       Non presente           Sì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buona iniziativa, ma per essere facilmente consultabile si dovrebbe fare in modo che il tuo post iniziale possa essere periodicamente editato con i nuovi inserimenti... ti dovrebbero concedere poteri speciali :D Inoltre, forse sarebbe meglio utilizzare un ordine alfabetico, più neutrale, e stabilire dei parametri minimi per rientrare in questa lista. Forse, inoltre, rispetto a Youtube, per gli editori è più indicativo Instagram. Che dici? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Adesso, Ratalos ha scritto:

Ottimo. Comunque insisto che sono per lo più inavvicinabili per un comune "emergente". Sbaglio?


Spesso sì, ma a prescindere l'emergente dovrebbe avere più scelta, e non limitarsi sempre a mandare proposte alle più grandi o alle più piccole... 

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, si potrebbe inserire anche Instagram. YouTube lo lascerei, visto che molti editori pescano gli autori con più followers proprio da quella piattaforma :D

Comunque, osservando questi dati, penso che su YouTube queste case editrici non riescano a raccogliere molto consenso, ma in generale anche le Big arrancano. Giunti conta 1.000 iscritti. Eppure, credo che le interviste, i booktrailer ecc., dovrebbero essere il "pane quotidiano" di certi editori e YouTube è la piattaforma ideale per avere una propria rete televisiva.

 

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, TuSìCheVale ha scritto:

Sì, si potrebbe inserire anche Instagram. YouTube lo lascerei, visto che molti editori pescano gli autori con più followers proprio da quella piattaforma :D

Comunque, osservando questi dati, penso che su YouTube queste case editrici non riescano a raccogliere molto consenso, ma in generale anche le Big arrancano. Giunti conta 1.000 iscritti. Eppure, credo che le interviste, i booktrailer ecc., dovrebbero essere il "pane quotidiano" di certi editori e YouTube è la piattaforma ideale per avere una propria rete televisiva.


Molti magari caricano i video direttamente su Facebook, senza passare da Youtube, che viene visto come un format poco editoriale... Instagram invece si sta affermando anche tra gli editori. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
53 minuti fa, TuSìCheVale ha scritto:

e ho preso in considerazione l'adesione o meno all'AIE

Non fa molto testo l'iscrizione all'AIE, visto che la quota annuale minima è molto alta, diverse case editrici medie e medio/piccole non la prendono in considerazione. Suggerirei anche l'ADEI degli editori indipendenti.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Riccardo Zanello ha scritto:

Non fa molto testo l'iscrizione all'AIE, visto che la quota annuale minima è molto alta, diverse case editrici medie e medio/piccole non la prendono in considerazione. Suggerirei anche l'ADEI degli editori indipendenti.

 

Grazie @Riccardo Zanello, appena posso aggiornerò di nuovo. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate se faccio la figura del pessimista, ma voglio essere solo realista, alcune non hanno in catalogo nemmeno un autore italiano (parlo di narrativa).

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Certo anche l'attività sui media e la soprattutto la distribuzione sono importantissimi, ma guardiamo anche il catalogo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Forse ci sarebbero un paio di altre questioni preliminari da porsi.

- Innanzitutto, credo che dovrebbero essere marchi indipendenti, o perlomeno non del tutto in mano ai principali colossi editoriali (cosa che le qualificherebbe come costole delle "big", quindi "big"). Quindi, non ci potrebbe stare Ponte alle Grazie (anche perché non è media) che appartiene a GeMS, ma forse ci potrebbe rientrare SEM, pur avendo Feltrinelli una quota di partecipazione in essa.

- Un'altra questione riguarda il fatto che alcune CE medie sono specializzate in alcuni settori, ad esempio letteratura per ragazzi (tipo Il Castoro), oppure letteratura di paesi del nord Europa (tipo Iperborea), o altro. Oppure sono specializzate in certe tematiche, che siano l'ambientalismo o la critica sociale, o altro. Oppure, pubblicano soltanto saggistica (Quodlibet), soltanto poesia (Crocetti, Passigli), soltanto un certo genere di narrativa (minimum fax). Quindi, alcune di esse poco accessibili per l'esordiente medio anche per il fatto che sono specializzate in alcuni settori. Tuttavia, credo che una panoramica complessiva sia in ogni caso utile.

Anche perché: chi l'ha detto che il lettore medio del WD debba essere sempre un romanziere, e non anche un saggista, un poeta, un autore teatrale, uno scrittore per l'infanzia, un filosofo, un traduttore, un illustratore, o altro? 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Wanderer ha scritto:

- Innanzitutto, credo che dovrebbero essere marchi indipendenti, o perlomeno non del tutto in mano ai principali colossi editoriali (cosa che le qualificherebbe come costole delle "big", quindi "big"). Quindi, non ci potrebbe stare Ponte alle Grazie (anche perché non è media) che appartiene a GeMS, ma forse ci potrebbe rientrare SEM, pur avendo Feltrinelli una quota di partecipazione in essa.

 

Per esperienza personale, qualsiasi marchio GeMS fa capo al megadirettore galattico. I numeri sul tavolo seguono la logica di uno dei più grossi "colossi" editoriali italiani, quindi tutti i marchi associati non fanno testo. Si pensa di lavorare con un medio, ma le logiche sono da grande. Anche la mia idea è di parlare di medie che siano medie, non accorpate alle grandi. Sennò non indirizziamo nessuno… Li spediamo nella padella e da lì cadrebbero nella brace.

 

1 ora fa, Wanderer ha scritto:

- Un'altra questione riguarda il fatto che alcune CE medie sono specializzate in alcuni settori, ad esempio letteratura per ragazzi (tipo Il Castoro), oppure letteratura di paesi del nord Europa (tipo Iperborea), o altro. Oppure sono specializzate in certe tematiche, che siano l'ambientalismo o la critica sociale, o altro. Oppure, pubblicano soltanto saggistica (Quodlibet), soltanto poesia (Crocetti, Passigli), soltanto un certo genere di narrativa (minimum fax). Quindi, alcune di esse poco accessibili per l'esordiente medio anche per il fatto che sono specializzate in alcuni settori. Tuttavia, credo che una panoramica complessiva sia in ogni caso utile.

 

Come suggerivo nell'altra discussione, a mio parare va benissimo, purché vi sia una possibilità per l'autore italiano. Solo alcuni generi? Li elenchiamo. Perché non letteratura per regazzi, ad esempio? Va benissimo! Già la questione "solo autori stranieri", invece, non va. La lista serve a noi italiani, non agli autori stranieri, già rappresentati da CE estere e che vendono diritti.

 

Concordo anche sul fatto che non debba essere forzatamente narrativa. Scrittura, nel suo senso più ampio. 

 

Così la vedo io.

 

@TuSìCheVale: grande!

 

Solo una nota, senza polemica: fermiamoci e stabiliamo i parametri, per favore. Poi facciamo la lista.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, Andrea D'Angelo ha scritto:

Per esperienza personale, qualsiasi marchio GeMS fa capo al megadirettore galattico. I numeri sul tavolo seguono la logica di uno dei più grossi "colossi" editoriali italiani, quindi tutti i marchi associati non fanno testo. Si pensa di lavorare con un medio, ma le logiche sono da grande. Anche la mia idea è di parlare di medie che siano medie, non accorpate alle grandi. Sennò non indirizziamo nessuno… Li spediamo nella padella e da lì cadrebbero nella brace.


Siamo d'accordo, ma qui non facciamone tanto una questione di parte... semplicemente, i colossi editoriali e le "big" non sono per motivi oggettivi editoria media, e viceversa, al di là di cosa si possa pensare delle case editrici GeMS, dei gruppi Mondadori, Feltrinelli o Giunti (o di alcuni editori "big" come Adelphi, Marsilio, Nave di Teseo, Sellerio, Fazi, Edizioni E/O, ecc.). Sicuramente è fondamentale distinguere un marchio editoriale di proprietà di un grande gruppo rispetto una casa editrice media. 

Un caso limite può essere quello del gruppo Lit, a cui appartengono, tra gli altri, sia il marchio Elliot che Castelvecchi. Credo che in questo caso vada stabilito se l'intero gruppo possa essere classificato come editoria media, oppure di fascia superiore. 
 

Quota

 

Già la questione "solo autori stranieri", invece, non va. La lista serve a noi italiani, non agli autori stranieri, già rappresentati da CE estere e che vendono diritti.

 


Su questo non sono troppo d'accordo per almeno tre motivi: 1) Alcune CE che prima pubblicavano quasi soltanto stranieri, poi hanno pubblicato anche italiani; 2) Anche le CE che pubblicano solo autori stranieri possono essere utili a un autore italiano che si voglia proporre come traduttore; 3) Elencarle è comunque utile per mappare il settore dell'editoria media, e per capire effettivamente quante e quali possibilità offra all'autore medio, nel suo complesso. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, Wanderer ha scritto:

ma qui non facciamone tanto una questione di parte

 

Nessuna questione di parte, sono davvero poco coinvolto emozionalmente quando si parla di CE.

La mia esperienza conferma che le CE del grande gruppo editoriale seguono la logica del grande gruppo editoriale nel caso di GeMS. Tutto qui.

Gli altri grandi gruppi possono seguire logiche diverse. Parlavo di cosa conosco… E magari anche no, perché son trascorsi anni e può essere cambiato tutto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, Andrea D'Angelo ha scritto:

 

Nessuna questione di parte, sono davvero poco coinvolto emozionalmente quando si parla di CE.

La mia esperienza conferma che le CE del grande gruppo editoriale seguono la logica del grande gruppo editoriale nel caso di GeMS. Tutto qui.

Gli altri grandi gruppi possono seguire logiche diverse. Parlavo di cosa conosco… E magari anche no, perché son trascorsi anni e può essere cambiato tutto.


Per "di parte" intendevo "soggettiva". Mi sembra oggettivo che sia come dici tu, anche per una mera questione strutturale, "organica": è evidente che una costola di un corpo editoriale con enormi capitali non appartiene all'editoria media... questo a prescindere dalle possibili valutazioni soggettive in merito alla "bontà" o meno di quei marchi editoriali o di quei gruppi a cui appartengono. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho provato a caricare un'immagine di una lista di CE medie, spero sia comprensibile. 

Le condizioni che ho ritenuto necessarie, per inserire delle CE in questa lista, sono state: avere un numero superiore ai 9.000 followers su Facebook, superare i 100 iscritti su YouTube, i 10 mila followers su Instragram e la presenza su Wikipedia. Alla fine, ho deciso tenere quelle Che che rispettassero almeno due di queste condizioni.

Potete segnalarmi nuove CE oppure verificare personalmente se altre possono rientrare in questa lista.

 

Il 19/10/2020 alle 21:20, Ratalos ha scritto:

Scusate se faccio la figura del pessimista, ma voglio essere solo realista, alcune non hanno in catalogo nemmeno un autore italiano (parlo di narrativa).

 

In generale, per la possibilità o meno di pubblicare con queste CE, si rimanda ai topic già presenti sul WD. Qui si vuole portare avanti solo un'indagine statistica per approfondire meglio quali possano essere queste CE medie.

 

Il 19/10/2020 alle 23:29, Andrea D'Angelo ha scritto:

Solo una nota, senza polemica: fermiamoci e stabiliamo i parametri, per favore. Poi facciamo la lista.

 

Io penso che adesso abbiamo dei dati, sui quali possiamo confrontarci e fare delle valutazioni. Vorrei, quindi, discutere solo su queste CE già presenti, in modo da poter stabilire gli altri parametri che potrebbero arricchire quanto già fatto.

Ad esempio, la casa editrice Aliberti ci rientra per pochissimo, magari, allargando l'indagine, prendendo in considerazione altri valori, possiamo avere una lista più attendibile.

Ringrazio @Wanderer per il supporto e aspetto le vostre opinioni.

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
22 minuti fa, TuSìCheVale ha scritto:

Vorrei, quindi, discutere solo su queste CE già presenti, in modo da poter stabilire gli altri parametri che potrebbero arricchire quanto già fatto.


Mi pare perfetto, grazie!

A parte che qui non potremo elencarle tutte… Ma è un inizio. Poi, quando arriviamo a una forma e lista “definitiva” (con data) potremo diffonderla a piacimento — con una doverosa premessa: i parametri e la logica che ha portato a crearla ben spiegati, in modo sintetico. Firmato il Comitato per la Media Editoria. LOL! Scherzo…

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Neri pozza non è media. Bisogna capire poi cosa s'intende per media: le medie indipendente se già sono distribuite da libro.co/messaggerie e lavorano alla promozione, sono medie indipendenti. Le medie facenti parti di gruppi grossi o semplicemente grosse case editrici sono un altro discorso.

 

Anche la fandango è un colosso, pubblicare per loro significa che come minimo ci esce anche un film.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@TuSìCheVale
Caspita, bel lavoro, complimenti! Più precisa delle tabelle sul Coronavirus... :D

Diciamo che con quei 9.000 likes su Facebook (e soprattutto 10.000 su Instagram, che viene adottato dagli editori da molto meno tempo, quindi non è molto indicativo...) hai alzato un po' l'asticella, forse un po' troppo, quindi alcune medio-piccole (o alcune medie non troppo social) sono uscite. Ci potrebbe anche stare, ma forse bisogna abbassare un minimo quei numeri (Instagram di solito è più basso di Facebook)... Inoltre, se si stabiliscono dei criteri minimi, forse bisogna stabilire anche dei parametri massimi. Non sono molto convinto della presenza di Neri Pozza, che secondo me non è "medio", ma medio-grande o forse grande. Altrimenti, nella stessa fascia, ci potrebbero rientrare Fazi, Sellerio, Donzelli, E/o, e persino Adelphi (che, sulla carta, partecipa ai festival della "piccola e media editoria"). 

Insomma, io abbasserei un minimo i criteri al ribasso, e lascerei fuori qualche editore che sconfina con la fascia superiore. 

Marsilio con certezza sconfina dal settore dell'editoria media. Per il 55% è controllata da Feltrinelli, oltre a controllare il marchio Sonzogno. 

PS: per qualche motivo, tutto ciò che nella tabella è in rosso non si visualizza bene... 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, Edmund Duke ha scritto:

Le medie facenti parti di gruppi grossi o semplicemente grosse case editrici sono un altro discorso.


Queste infatti non sono medie: sono marchi editoriali di colossi, ovvero costole di grandi gruppi. Così come non sono editori medi quelli controllati almeno per la metà da grandi gruppi (come, per l'appunto, Marsilio). Il caso limite è SEM, che è semi-indipendente, in quanto Feltrinelli ha una quota di partecipazione minoritaria (credo del 30% o poco più). 

Resta dubbioso il caso di Castelvecchi, che è il marchio più noto del gruppo Lit, che non è un gruppo grande come altri. Se il gruppo Lit va considerato editoria media, allora Castelvecchi va inserito nella lista, insieme ad Arcana. In caso contrario, invece, andrebbe esclusa anche Elliot, dato che è un marchio dello stesso gruppo. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per i vostri pareri <3

 

7 minuti fa, Edmund Duke ha scritto:

Neri pozza non è media.

 

Non conosco le potenzialità economiche di Neri Pozza, ma dando uno sguardo ai social due sicure big come Giunti (114.927 followers su Facebook e 90,3 mila su Instragram) e Libri Mondadori (381.726 followers su Facebook e 197 mila su Instragram) fanno considerare sicuramente una media casa editrice Neri Pozza (43.679 followers su Facebook e 39,8 mila su Instragram). 

 

16 minuti fa, Edmund Duke ha scritto:

Anche la fandango è un colosso, pubblicare per loro significa che come minimo ci esce anche un film.

 

La Fandango è un colosso per quanto riguarda i film, come editore i dati dicono tutt'altro.

 

 

  • Mi piace 1
  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, Edmund Duke ha scritto:

Neri pozza pubblica Shantaram. Son con quel testo fa più soldi di Feltrinelli con tutti i libri di Saviano.

 

Quanto scrivi  è molto interessante per la nostra statistica, però,  Gregory David Roberts non è un autore esclusivo di Neri Pozza, sicuramente loro avranno acquisito i diritti per l'Italia ma in altri paesi pubblicherà con case editrici differenti. Non penso si possa fare un paragone con un altro autore italiano tipo Saviano o la Ferrante, quest'ultima in particolare è la E/O che guadagna sui diritti venduti all'estero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, TuSìCheVale ha scritto:

Grazie per i vostri pareri <3

 

 

Non conosco le potenzialità economiche di Neri Pozza, ma dando uno sguardo ai social due sicure big come Giunti (114.927 followers su Facebook e 90,3 mila su Instragram) e Libri Mondadori (381.726 followers su Facebook e 197 mila su Instragram) fanno considerare sicuramente una media casa editrice Neri Pozza (43.679 followers su Facebook e 39,8 mila su Instragram). 


Il punto è che i dati indicativi sarebbero anche e soprattutto altri, e non si possono trascurare: capitale, fatturato, numero di libri pubblicati all'anno. Al di là di quanto un editore sia presente nei social (cosa che si può anche incrementare attraverso i Facebook ad) i "numeri" sono innanzitutto questi, e soltanto di riflesso si trasformano in numeri social. Un medio editore, in genere, ha un capitale sociale che oscilla dai 10.000 ai 100.000 euro. Secondo i parametri ISTAT, per "medio editore" si intende un editore che abbia pubblicato da 11 a 50 opere all'anno. I numeri di Neri Pozza, come numero di libri, capitale e vendite, sono verosimilmente prossimi (se non superiori) a quelli di Fazi, Adelphi, Sellerio, E/o, e distanti da quelli di un medio editore come minimum fax (che dichiara un capitale sociale di appena 10.400 euro... quello di Neri Pozza è di oltre 300.000 euro, trenta volta superiore! E credo che basti questo indice per esulare dalla categoria delle "medie").

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aggiungo che nel caso dei grandi editori e sotto-marchi di grandi gruppi, paradossalmente, i numeri dei social possono essere relativamente bassi proprio perché questi editori hanno bisogno di meno presenza social (e sono invece onnipresenti in libreria, che è la cosa che conta). Marsilio (che non è editoria media) ha "solo" 20.000 likes su Facebook. Sonzogno, sotto-marchio di Marsilio, ne ha appena 10.000. TEA (gruppo Mauri Spagnol) ne ha appena 16.000 e Tre60 (stesso gruppo) appena 5600. Edizioni E/o ne ha 28.000. Guerini & Associati ne ha appena 1600, eppure è un marchio importante con un enorme capitale!

Il confronto con Mondadori o Giunti in ogni caso non regge perché in questo caso i casi i marchi editoriali vengono identificati con il "gruppo". 
Frassinelli, che è un sotto-marchio del gruppo Mondadori (quindi è anch'esso Mondadori, così come Bompiani è Giunti) ha "solo" 16.000 likes. 

In ogni caso, i 48.000 follower di Neri Pozza sono sulla stessa fascia compresa tra 29.000 di Longanesi (Mauri Spagnol) e dei 55.000 di Adelphi.
Quando si è in questa fascia di editoria, sono altri i numeri che contano, e i numeri social sono davvero poco indicativi. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Wanderer ha scritto:

Il punto è che i dati indicativi sarebbero anche e soprattutto altri, e non si possono trascurare: capitale, fatturato, numero di libri pubblicati all'anno. 

 

Ma infatti anche io davo per scontato che questi che nomini sarebbero stati valutati.

@TuSìCheVale, direi che bisogna includerli con nuove colonne e poi, una volta che abbiamo tutti i dati, procederei così:

1. Si decide l'importanza del parametro dal più importante al meno importante.

2. Si ordinano le colonne in base all'importanza del parametro

3. Si stila una tabella per fasce. Poi sta a chi la utilizza decidere cosa rientra nel rischio "troppo grande" o nel rischio "troppo piccola". Mi pare sarebbe più utile lasciare la lista sforare un po' verso l'alto e verso il basso e denunciare lo sforamento con diversi colori di linea. Non so se riesco a spiegarmi. Inoltre, bisognerebbe anche valutare caso per caso, come fa Wanderer. Non è che si debba arrivare a ottenerla entro domani. Mi sembra già tantissimo quello che abbiamo per ora!

4. Una volta avuto questo, come suggerivo nell'altra discussione, bisognerebbe avere un'ultima colonna che indica cosa pubblicano le CE elencate. (E io ne aggiungerei un'altra con una scala da stabilire circa la quantità di autori italiani pubblicati.)

 

Ciò detto, potete pure mandarmi a quel Paese (la Spagna), dato che non riesco ad aiutarvi e mi sembra di fare il boss che ordina ai dipendenti di lavorare.

La verità è che non sono in grado di fare le valutazioni di Wanderer, né ho il polso delle CE italiane quanto TuSìCheVale.

 

Non so cosa ne pensate.

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Wanderer, benissimo. Ho verificato e Neri Pozza risulta a tutti gli effetti una S.P.A mentre, ad esempio, Minimum Fax è una S.R.L e sul loro sito dichiarano un capitale di 10.400 euro. Escludiamo, quindi, tutte le S.P.A. (vedi Marsilio) e teniamo le S.R.L. (vedi Lit edizioni - Elliot).

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×