Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Sjø

Se aveste la possibilità di scegliere un editore

Post raccomandati

Se aveste la possibilità di scegliere un editore al quale affidarvi come scrittori/scrittrici (quindi non solo per un libro ma tutti quelli che scriverete) quale scegliereste?

E per quale motivo?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Su due piedi ti dico Newton Compton. Motivi: ottima distribuzione e prezzi bassi. L'ideale per uno sconosciuto.

 

Premetto che non scrivo per arricchirmi, piuttosto per toccare, e spero affascinare, un buon numero di lettori (sia in Italia che in Germania :love2:).

 

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Sjø Stavolta ti offro un gelato:gelato:Interessante anche questa discussione. Io sceglierei Guanda. Ho sempre apprezzato le loro scelte editoriali, spesso controcorrente o comunque non scontate. Ho inviato per primi a loro il mio unico romanzo "serio", ma purtroppo non hanno mai risposto. Chissà, magari prima o poi (sogniamo un po', va':asd:)

Non hai messo quale sceglieresti tu...

 

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se avessi un romanzo non di genere Einaudi, un rosa vorrei Harper Collins, un noir sempre Einaudi, un saggio Adelphi, young adults Mondadori.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Silverwillow ha scritto:

Stavolta ti offro un gelato

@Silverwillow grazie!

 

La mia scelta sarebbe Fazi, perchè è un editore presente in libreria ma anche abbastanza longevo, nel senso che non vedo un turnover così rapido dei loro titoli. L'amico di una mia ex collega ha pubblicato con loro (parliamo di circa dieci anni fa) ed è stato molto seguito.

Oltretutto hanno pubblicato autori come Guillermo Arriaga: il bufalo della notte e retorno 201 sono i due  libri che vorrei aver scritto io.  Poi John Edward Williams, con il suo Stoner anche se quest'anno non gli sono stati rinnovati i diritti di pubblicazione pertanto la nuova edizione andrà ad un nuovo editore: anche gli editori, a volte, subiscono il peso della scelta.

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, Sjø ha scritto:

La mia scelta sarebbe Fazi,

Io anche sceglierei Fazi ed e/o per la letteratura per adulti perché mi piacciono moltissimo le scelte editoriali che fanno e adoro le loro copertine.

Per la letteratura per ragazzi invece farei pazzie per Salani sempre per la stessa ragione.

Queste sono solo le mie scelte punta di iceberg, non disdegnerei nemmeno molti altri ;)

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In principio mi sarebbe particolarmente piaciuto pubblicare con la penna blu, una casa editrice free della mia città. Credevo che sarebbe stato facile organizzare eventi e ottenere da esordiente visibilità a livello locale per poi crescere con eventuali nuovi lavori, inoltre l'obiettivo era tutt'altro che velleitario. Insomma, il calciatore che parte dalla squadra di periferia per poi passare ad una big. Successivamente le mie attenzioni sono piombate prima su una CE pisana, la Intermezzi, poi su una realtà forse irraggiungibile come Ugo Mursia. Queste preferenze erano dettato dal manoscritto stesso, ambientato nella città toscana e il cui arco narrativo racconta e gira come una melodia attorno alle vicende dei protagonisti musicisti. Specialmente con quest'ultima, avere "sbocchi" su canali come RTL o Radiofreccia sarebbe stato fantastico e perfettamente attinente, ma la speranza è una trappola.

Adesso, dopo aver conosciuto meglio diverse realtà editoriali, direi anche io Newton Compton. Come già detto i prezzi sono accessibili, la distribuzione è capillare e hanno quella "fama" di CE autorevole, di altissimo livello, ma non nella top 5 (?) del suo settore. Non mi è mai piaciuto stare con i più forti. NC esercita su di me il fascino dell'inarrivabile. Inoltre una volta mi dissero "scegli la CE con cui vorresti pubblicare in base a ciò che leggi", e dando uno sguardo sulle mie mensole direi che la scelta non potrebbe che cadere su di loro.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per la narrativa non di genere Fazi o Adelphi, mantengono sempre un buon livello qualitativo. Per il giallo Frilli, piccola, ma lavora con competenza e passione. Bravo, hai proposto un'ottima domanda!

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Obs Snow ha scritto:

 "scegli la CE con cui vorresti pubblicare in base a ciò che leggi"

 

Le mie librerie sono pienissime di Feltrinelli. Sarà perché immergersi negli store per interi pomeriggi e leggere estraniandosi dallo spazio e dal tempo è sempre venuto troppo facile (reminiscenze delle tanto amate Fnac e della piccola me adolescente che si perdeva tra scaffali di libri e mensole piene di musica). Potessi scegliere, emotivamente mi piacerebbe vedermi tra quegli stessi scaffali scovare il libro che con tanta passione ho scritto. Un Feltrinelli, dunque. Non perché ci abbia mai onestamente riflettuto. E al pari potrei citare Bollati Boringhieri e Bompiani.

 

Da autrice però mi vedo in un contesto di nicchia, genere di nicchia, casa editrice indie. E no, non l'ho ancora trovata. :fuma:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lindau per i saggi filosofici, Mondadori o Feltrinelli per la narrativa (semplicemente per sfruttarne notorietà universale del marchio e "potenza di fuoco").

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una grande, grandissima, che promuova i miei libri in tv e sulla stampa primaria, che ne accatasti le copie all'ingresso di tutte le librerie e che mi versi congrui anticipi. In attesa che tutte le grandi CE dell'Olimpo si accorgano che esisto, ho pubblicato e sto pubblicando con Maratta Edizioni: piccola, neonata, seria e che si dà da fare per promuovere i suoi autori quando e dove sia possibile.

  • Mi piace 1
  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti quelli che stanno intervenendo!

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le mie preferite, per il mio genere ovviamente, sono sempre state Rizzoli, Giunti, Sperling & Kupfer, Garzanti, potrei aggiungere anche Feltrinelli. 

Come molti di voi anche io ho puntato a lungo a Newton, perché la vedevo accessibile, meno selettiva e blasonata di altre ma comunque big, con prezzi concorrenziali e molto ben distribuita. La cosa divertente è che Newton non mi ha mai filata, mentre pubblicherò a breve con una delle altre ce che cito. La vita sa decisamente sorprenderti! 

 

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie @Artemisia Winter. Con la casa editrice big con cui pubblicherai hai firmato quest'anno, non hai subito silttammenti? È per capire quanto e se avesse influito l'epidemia.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, Sjø ha scritto:

Grazie @Artemisia Winter. Con la casa editrice big con cui pubblicherai hai firmato quest'anno, non hai subito silttammenti? È per capire quanto e se avesse influito l'epidemia.

 

 

Ciao! No, ho firmato lo scorso anno, le trattative e la firma sono avvenuti la scorsa estate. Non ho avuto slittamenti, il libro uscirà nel periodo che era previsto praticamente dalla firma. Speriamo bene, la situazione librerie non è bellissima visti i mesi di chiusura che ci sono stati, e al momento non è possibile organizzare molto purtroppo. In ogni caso la ce mi ha seguita in maniera ottimale, essendo una super big operavano tutti a pieno regime nonostante le chiusure, e abbiamo lavorato molto bene finora. :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salani: uno degli editori più antichi ancora in attività! Chi non conosce la collana gl'istrici? Un must della narrativa per ragazzi.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Einaudi (stile libero) o Feltrinelli. Sul podio anche Mursia, per ragioni affettive (l'editore dei libri della vecchia ora di narrativa alle scuole medie, alcune decine di anni fa). Appena sotto Sperling & Kupfer, che però fa copertine fantastiche

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×