Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Sjø

Se aveste la possibilità di scegliere un editore

Post raccomandati

Però per la spedizione non è meglio scegliere subito la rosa di quelle che interessano di più, a prescindere? Perchè anche tra le grandi alcune non mettono i tempi di valutazione, altri come Mondadori ed Einaudi si attestano su sei mesi, mentre ce ne sono di piccole ma interessanti che hanno gli stessi tempi o che non te li dicono. Quindi diventa difficile fare un programma. Quindi se si aspetta la risposta delle grandi, che poi magari non è nemmeno sicuro che leggano quanto spedito, si rischia di perderlo un anno.. o più.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, Edmund Duke ha scritto:

 

Ci si prende il tempo di rispondere. Non si accetta subito e al tempo stesso non si fanno passare mesi e mesi. Per questo motivo prima si spedisce alle case editrici grosse che richiedono un anno/un anno e mezzo, poi si spedisce alle piccole che t'interessano.

Grazie @Edmund Duke . Vedo che anche tra gli editori piccoli ormai i tempi di risposta 'dichiarati' sono elastici anche tra i 2 e i 6 mesi, quindi difficile coordinare l'invio nella speranza di ottenere eventuali risposte nello stesso momento. Ho capito comunque il discorso, diciamo che è giusto prendersi almeno qualche settimana per fare le giuste valutazioni. Torno IT

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, Sunday Times ha scritto:

Però per la spedizione non è meglio scegliere subito la rosa di quelle che interessano di più, a prescindere? Perchè anche tra le grandi alcune non mettono i tempi di valutazione, altri come Mondadori ed Einaudi si attestano su sei mesi, mentre ce ne sono di piccole ma interessanti che hanno gli stessi tempi o che non te li dicono. Quindi diventa difficile fare un programma. Quindi se si aspetta la risposta delle grandi, che poi magari non è nemmeno sicuro che leggano quanto spedito, si rischia di perderlo un anno.. o più.

 

Un anno è niente, ne hai decine davanti e le cose si fanno per bene. Se vuoi spedire subito alle piccole è una tua scelta, altrimenti aspetti da sei mesi a un anno e mezzo e provi anche con le grandi.

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non credo che includere alcune CE selezionate ma non grandi sia non fare le cose per bene, semplicemente allargare la rosa delle possibilità. Per piccole intendo piccole-medie che hanno le carte in regola per catalogo, distribuzione e promozione. Nel caso che arrivino due proposte diverse in uno stesso periodo si può scegliere quella più adatta, perchè comunque ci saranno delle differenze che faranno riflettere su cosa è meglio.

Se hai fatto una prima buona scelta di nomi a priori, in teoria chiunque ti dovesse rispondere dovrebbe andare bene, per un motivo o per un altro.

Se è vero, come sembra, ripeto, che le grandi case editrici leggono molto poco di quello che gli arriva, l'anno potrebbe essere buttato, e non sono d'accordo che un anno non sia niente, a volte non lo è, a volte invece conta.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un anno nell'editoria è un colloquio in più fatto da uno che non trova lavoro da dieci anni. Non è una relazione amorosa, dove se perdi un anno con una disgraziata butti via la tua vita. Spesso anche i soli romanzi richiedono uno o due anni di revisione, se si vuole proporre qualcosa di perfetto. Non è necessario spedire alla mondadori, si può anche passare per le agenzie o fare cinque cose diverse, semplicemente non è una buona mossa spedire subito alla micro o ignorare delle possibilità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 2/6/2020 alle 22:56, Sjø ha scritto:

 

E per quale motivo?

 

 

Sjø, non ti ho detto il perchè della mia scelta. La cosa che mi affascina di Ponte alle Grazie, a parte il catalogo, sono i titoli. Non so se qualcuno col tocco della poesia li suggerisca o li attraggano loro, ma molti hanno come qualcosa di sospeso. Quodlibet è l'essenzialità della ricerca che spazia per andare oltre, e Fazi sta in mezzo, è quella via di mezzo con un po' di tutte e due le cose ed in più la piacevolezza appunto, di averle entrambe, unita ad una manifesta attività promozionale che ti fa vedere la vitalità  di questa CE.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

forse direi Mimesis, non ci ho ancora mai pubblicato nulla, ma so che è molto gettonata nell'ambito della pubblicazione filosofica, ha una visibilità nazionale, attenta alla qualità, mi sembra una buona soluzione di equilibrio tra l'attenzione ad aree di ricerca non così sovraesposte e l'attitudine a lavorare su prospettive promozionali relativamente ampie (penso in particolar modo alla distribuzione libraria)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×