Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Domenico S.

Albicocche

Post raccomandati

Commento a "Non sono capace di piangere" di Elisa Audino

 

Al vederti, al mattino

circondata dal giornale

e da brioche all’albicocca

ero tentato di credere

nel disegno intelligente

ed era un nuovo giorno con te,

un giorno d’amore,

promettente e croccante

come quella brioche.

 

«Sciocco» rispondesti

«in società non si porta più

parlare di creazionismo.»

Perciò riflettei 

sugli occhi tondi,

la chioma, gli occhi, il naso

il tuo vantaggio evolutivo.

 

All’epoca avevamo 

un terrazzino

e il mondo appariva e scompariva.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buondì @Domenico S.:arrossire: mi hai regalato un bellissimo risveglio  con questa poesia mozzafiato. Bella e particolare, dal ritmo delizioso, semplice e allo stesso tempo complessa. Scorrevole e scritta con parole semplici.

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

Al vederti, al mattino

circondata dal giornale

Splendido questo verso.

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

e da brioche all’albicocca

ero tentato di credere

nel disegno intelligente

ed era un nuovo giorno con te,  Eliminerei ed suona male

un giorno d’amore,

promettente e croccante

come quella brioche.

Qui invece, non capisco la prima parte.

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

«Sciocco» rispondesti

«in società non si porta più

parlare di creazionismo.»

Che vuoi dire con : non si porta più parlare di creazionismo?

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

Perciò riflettei 

sugli occhi tondi,

la chioma, gli occhi, il naso

il tuo vantaggio evolutivo.

Questo verso lo eliminerei.

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

All’epoca avevamo 

un terrazzino

e il mondo appariva e scompariva.

Il finale è fantastico, dolce, romantico e trovo anche che ci sia un pizzico di malinconia.

 

Conclusione: poesia aperta dove puoi immaginare ogni cosa, amore e amicizia spesso vanno a braccetto. Vedo molte immagini chiare di prima mattina, dolci e timide come le albicocche. Componi davvero bene^^

Ti auguro una deliziosa giornata!

-Floriana:sss:-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Floriana Ciao, sono molto contento la poesia ti sia piaciuta. Ti ringrazio per i complimenti.

 

Quando il narratore parla di "disegno intelligente" si riferisce alla teoria che le natura sia ordinata a un disegno di Dio. Se avessi voluto essere più esplicito, avrei dovuto dire che "Sei così bella che sembra Dio in persona ti abbia disegnata."

Lei risponde, scherzosamente, che il creazionismo (la teoria del disegno intelligente) è fuori moda. Ora si creda a Darwin. Che noi, cioè, siamo frutto di un processo evolutivo. Per questo poi il narratore, sempre scherzosamente, dice che la bellezza della donna è un vantaggio evolutivo. Ovvero, qualcosa che è emerso per via della selezione della specie.


Tutto il passaggio è volutamente scherzoso.

 

Un saluto,
Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

Al vederti, al mattino

circondata dal giornale

e da brioche all’albicocca

ero tentato di credere

nel disegno intelligente

ed era un nuovo giorno con te,

un giorno d’amore,

promettente e croccante

come quella brioche.

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

 

«Sciocco» rispondesti

«in società non si porta più

parlare di creazionismo.»

Perciò riflettei 

sugli occhi tondi,

la chioma, gli occhi, il naso

il tuo vantaggio evolutivo.

 

All’epoca avevamo 

un terrazzino

e il mondo appariva e scompariva.

 

@Domenico S.  ciao .  L'unica osservazione è sul titolo . Generalmente esso parla del protagonista che suscita i versi . Inizialmente ho pensato che il tuo frutto fosse al centro dell'interesse, ma poi la vera protagonista, lei, è venuta alla ribalta . Lei è il  personaggio chiave che, secondo me,  dovevi relazionare meglio con il titolo . Per il resto vi è freschezza poetica, considerato anche il tempo attuale in cui si muovono i tuoi personaggi . A risentirci e ciao !

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Domenico S. ha scritto:
Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

 

@Domenico S.  ciao . Devo rinnovare il mio commento cercando di essere meno frettoloso .

1 minuto fa, Domenico S. ha scritto:
Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

Al vederti, al mattino

circondata dal giornale

e da brioche all’albicocca

Come ti dicevo prima ho pensato che il tuo frutto fosse il protagonista dei tuoi versi, ma così non era .  Appare lei al tuo mattino assieme alle cose indispensabili per il giorno nuovo.

Le stesse nuove notizie,  il rinnovo del rito della colazione, scena che descrivi pittoricamente e con velato sentimento .

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

ero tentato di credere

nel disegno intelligente

ed era un nuovo giorno con te,

Qui metti in luce un dubbio, sei solo tentato di credere in quello che ti aspetti da lei, mi pare di cogliere una contraddizione, se penso a come apri sopra a suon di dolci brioche.

Una nota che stona, o a me parrebbe. Non spieghi il motivo del tuo credere o non credere .

 

1 minuto fa, Domenico S. ha scritto:
Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

un giorno d’amore,

promettente e croccante

come quella brioche.

In questo punto vede te stesso che tutto appare una promessa d'amore più che una  " storia d'amore " .

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

«Sciocco» rispondesti

«in società non si porta più

parlare di creazionismo.»

Ti sei dimenticato di dare indicazione della domanda che a lei faresti, per ottenere la sua risposta . Lei risponde autonomamente senza che tu l'abbia interpellata, avresti potuto stimolare la sua risposta e farne partecipe tutto il discorso .

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

Perciò riflettei 

sugli occhi tondi,

la chioma, gli occhi, il naso

il tuo vantaggio evolutivo.

Pausa di riflessione accompagnata da una descrizione anatomica di lei ben riuscita, però manca la tua sensazione alla sua risposta .

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

All’epoca avevamo 

un terrazzino

e il mondo appariva e scompariva.

 

Non so se il tuo improvviso salto di panorama sia da te voluto per concludere in modo melanconico il discorso su questa storia d'amore che mi pare tanto in alto mare .

Susciti il pensiero che forse il terrazzino è una visione diversa della vita dei due, passando da una scena ambientata all'interno di una cucina ad una visione ben diversa del mondo .

Li vedo in forte discussione, come vedo in forte discussione l'idea di storia d'amore che si sgretola man mano a leggere i tuoi versi .

Quindi devo dire che a parte il titolo che usi, e che forse dovrei a questo punto rivalutare, dato i dubbi che poni verso la tua storia d'amore, benché alcuni passi sono ottimi, avresti dovuto rendere più chiaro la trama di quel che volevi dire . Ciao e a risentirci .

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Domenico

la tua poesia è raffinata e intelligente.

La scelta stilistica mi ha ricordato alcune liriche di Montale (credo più Satura che le altre raccolte ma non sono sicuro).

La grande ironia è la chiave di volta per evitare i sentimentalismi e le malinconie scontate che potrebbero emergere dal ricordo della donna. Così, genialmente, la nostalgia viene trasferita sugli oggetti e gli scenari:

 

All’epoca avevamo 

un terrazzino

e il mondo appariva e scompariva.
 

Ottima anche la capacità di evitare il “come sei bella” usando il volutamente freddo “hai un vantaggio evolutivo”. Troppo forte.

Quindi, una sola critica, di natura filosofica: il “disegno intelligente” non è affatto il contrario dell’evoluzionismo, come lo è invece il creazionismo. 
Intendo dire che si può credere contemporaneamente all’evoluzionismo e al “disegno intelligente”. Dio potrebbe aver intelligentemente previsto e creato l’evoluzione stessa.

I vocaboli e la narrazione quasi simile alla prosa fanno di questa poesia il nemico di tutti gli artifici pomposi e dei poeti musoni, l’anti-eroe della poesia.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Davide Corvi Ciao ti ringrazio per il commento, per l'accostamento col grande Montale e anche perché mi hai dato modo di rivedere "Satura", che è una bellissima raccolta. Sicuramente hai ragione sulla tua critica di merito filosofico. Sono molto contento che, comunque, la poesia ti sia piaciuta, e per le tue belle parole. Un saluto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ben trovato @Domenico S.,

 

mi piacciano le tue poesie, mi piace l'atmosfera che riesci a creare, fra ricordo, malinconia dei bei tempi, e attimi di vita direi "banali".

Ma in questa normalità, in questa scelta di semplicità si trova la forza delle tue parole, che evocano e che mi riportano a situazioni simili. Spesso mi ritrovo a leggerle con un sorriso.

Bravo.

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

Al vederti, al mattino

circondata dal giornale

e da brioche all’albicocca

ero tentato di credere

nel disegno intelligente

ed era un nuovo giorno con te,

un giorno d’amore,

promettente e croccante

come quella brioche.

 

 

Bella apertura, bel ritmo belle parole. Riesco a immaginarmi questa stanza luminosa, Ramona (?) distratta che legge il giornale e te che la guardi come si guarda un miracolo. Mi piace l'immagine di lei circondata dal giornale e il modo non banale con cui ti riferisci al creazionismo. Leggo anche un senso di anticipazione, come se in quella mattina tranquilla già tu pregustassi un'altra giornata con lei.

Mi piace anche come hai presentato i due punti di vista, lei persa nella lettura, tu perso in lei, il profumo delle brioche per la stanza

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

«Sciocco» rispondesti

«in società non si porta più

parlare di creazionismo.»

Perciò riflettei 

sugli occhi tondi,

la chioma, gli occhi, il naso

il tuo vantaggio evolutivo.

 

Qui non mi è chiaro: lei dice "non si porta più..." ma non ne capisco il senso, forse intendevi "non si usa più", il senso del verso è palese ma mi pare ci sia un refuso.

L'altra  cosa che ti critico  la parola occhi, mi suona come di ripetizione. Farei:

 

Perciò riflettei 

sugli occhi tondi,

la chioma, il naso

il tuo vantaggio evolutivo.

 

In pratica dalla religione alla teoria scientifica per te cambia poco, che sia stato Dio o un semplice caso evolutivo la sua bellezza ti colpisce e stordisce.

 

Il 27/5/2020 alle 10:14, Domenico S. ha scritto:

All’epoca avevamo 

un terrazzino

e il mondo appariva e scompariva.

 

 

Bellissima chiusura, versi semplici ed evocativi, pieni di forza. Con poche parole rendi il senso di un amore giovanile, la cui intensità a volte tutto eclissa. Ci sia ama con totale trasporto, a volte ci si ricorda del mondo. Rinnovo i miei complimenti e ti regalo questi versi sperando di non violare il regolamento. Non sono ovviamente miei ma di Carver, la tua poesia mi ha portato alla memoria questa: 

 

“La poesia che non ho scritto”

 

Ecco la poesia che volevo scrivere
prima, ma non l’ho scritta
perché ti ho sentita muoverti.
Stavo ripensando
a quella prima mattina a Zurigo.
Quando ci siamo svegliati prima dell’alba.
Per un attimo disorientati. Ma poi siamo
usciti sul balcone che dominava
il fiume e la città vecchia.
E siamo rimasti lì senza parlare.
Nudi. A osservare il cielo schiarirsi.
Così felici ed emozionati. Come se
fossimo stati messi lì
proprio in quel momento.

 

Lollo

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Lollowski Ciao. Sono contento che la poesia ti sia piaciuta, e ti ringrazio per le belle parole, oltre che per l'accostamento con un grande autore come Carver. Leggendo la poesia di Carver, ahimè, mi rendo conto di quanto sono lontano dalla vera eccellenza... ma del resto, siamo qui per provare e migliorare. Terrò conto anche delle tue critiche e delle tue osservazioni, nel momento in cui andrò a rivederla. Grazie, un saluto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poesia molto particolare @Domenico S.. Posso dirti che in certi punti mi sono un attimo perso: non ho capito se si tratta di qualcosa che è volutamente lasciato all'interpretazione del lettore o è un passaggio di una lei che parla e sottende qualcosa di più profondo. Mi riferisco a quel "«Sciocco» rispondesti/«in società non si porta più/parlare di creazionismo.»" che, peraltro, mi ha strappato una risata: ci trovo molta ironia in questa frase. Dedico qualche parola anche al finale, secondo me splendidamente poetico:"All’epoca avevamo /un terrazzino/e il mondo appariva e scompariva." Sono versi di una nostalgia quasi struggenti, oltre che essere profondamente lirici. Insomma, in generale una poesia che ha di grandissima intensità poetica e dei momenti dove ho bisogno di qualche delucidazione. In ogni caso, a rileggerci!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Lmtb99 Ciao, sono contento che il finale ti sia piaciuto. Mi pare ci sia un piccolo problema di chiarezza nello scambio di battute, forse perché non ho messo un dialogo nella prima strofa. Questo è già stato segnalato. Cercherò di risolverlo. Grazie per le belle parole. Un saluto, Domenico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi piace molto questa poesia @Domenico S. È fresca, ironica,  immediata, innamorata! Bellissima la chiusa. Anche per me il titolo porta un po' fuori strada,  ma comunque ci sta (pensa che se l'avessi scritta io l'avrei intitolata *Il disegno*, come a dire che comunque a te continuava a sembrare una specie di "disegno intelligente" in barba alle teorie scientifiche!😀 e anche perché se ne potrebbe trarre un bel disegno colorato date le immagini così vive che hai evocato). A rileggerti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×