Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite

L'editoria ai tempi del Coronavirus

Post raccomandati

17 ore fa, Sjø ha scritto:

@Silverwillow sì infatti stanno uscendo molte novità. Di tutte le arti quella della scrittura, in teoria, dovrebbe essere una delle più fruibili in questo momento, presentazioni a parte. Musica e cinema prevedono assembramenti, un po' anche nella composizione. Un libro si legge e si scrive da soli.

Si sta riscoprendo soprattutto il valore della promozione on line. Da sempre importantissima, in questo periodo praticamente fondamentale. E devo dire con buonissimi riscontri, se fatta come si deve.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 25/5/2020 alle 00:12, Sjø ha scritto:

Ad oggi non so se il quadro descritto dall'articolo sia cambiato e in che modo, ma quello che mi chiedo in realtà è: l'emergenza ha certamente ha avuto ripercussioni forti sul mondo dell'editoria piccola e media, come l'articolo puntualmente cita, ma come si traduce il quadro nella condotta delle grandi case editrici? Il loro approccio sarà certamente cambiato: selezionano dunque "meglio", o puntano sul sicuro, magari escludendo chiunque non abbia già un nome noto e/o un seguito cui rivolgersi? 

Credo ci siano numerosi esordienti/emergenti che si chiedono questo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Riporto un articolo di circa due settimane fa.

In poche parole sostiene: da giugno ad oggi il mercato del libro ha segnato un +10% rispetto all'anno scorso, quindi ha compensato metà della perdita dei primi mesi.

Link: qui

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 3/7/2020 alle 14:05, Enrico Conte ha scritto:

Ad oggi non so se il quadro descritto dall'articolo sia cambiato e in che modo, ma quello che mi chiedo in realtà è: l'emergenza ha certamente ha avuto ripercussioni forti sul mondo dell'editoria piccola e media, come l'articolo puntualmente cita, ma come si traduce il quadro nella condotta delle grandi case editrici? Il loro approccio sarà certamente cambiato: selezionano dunque "meglio", o puntano sul sicuro, magari escludendo chiunque non abbia già un nome noto e/o un seguito cui rivolgersi? 

Credo ci siano numerosi esordienti/emergenti che si chiedono questo.

In pratica è la stessa musica di prima allora, oggi ho fatto un salto in una libreria e ho visto libri di personaggi che non conoscevo. Ho chiesto al commesso e mi ha detto che sono concorrenti del Grande Fratello Vip. Ah, ok.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×