Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Eudes

I tuoi piccoli gesti

Post raccomandati

Commento

 

Ogni mattino scorre via sempre uguale,

colazione e un’occhiata al giornale,

l’oroscopo annuncia l’ennesimo giorno speciale

e tu ci credi, perché ti piace sognare…

 

Ma poi è meglio sbrigarsi!

Vestirsi, per non fare tardi al lavoro

e mentre ti trucchi

sono lì che ti guardo.

Un po’ imbarazzata, abbassi lo sguardo

poi però chiedi

se i capelli stiano meglio sciolti o raccolti.

Cosa importa? per me è lo stesso

sono morbidi e splendidi lo stesso…

 

Donna fuori e bambina dentro,

il tuo umore dipende dal tempo.

Ma poi che c’è di male

se ti fa paura ancora il temporale?

quasi ci spero per vederti in cerca

delle mie braccia e tenerti stretta…

 

E quando ti guardi allo specchio

non c’è parte del tuo corpo

a cui non trovi difetto,

quando piangi

per questioni anche da niente,

quando invece ridi

per una scena divertente

e quando sorridi

ad un complimento

mi dai del bugiardo

ma io mica mento…

 

Donna fuori e bambina dentro,

mi piaci perché sei vera,

ingenua forse, ma sincera

e più di qualsiasi modella

ai miei occhi appari più bella.

Tu stammi vicino,

sei il sogno

con cui mi sveglio il mattino…

 

Sempre alla ricerca di una meta,

poi hai la fissa della dieta

ma invece, dammi retta

anche così resti perfetta;

se può bastarti, io ti apprezzo

con i tuoi vizi, le manie,

le debolezze e tutto il resto,

per ogni tuo piccolo gesto…

 

…da quello che c’è in te,

da come prepari il caffè,

il tuo essere insicura

e se anche il buio ti fa paura

chi se ne frega,

c’è luce nei tuoi occhi

e quella può bastare

ad illuminare la vita a tutti e due…

 

Spesso te ne stai sulle tue,

è vero che faccio fatica a capirti

quando qualcosa ti stanca

o cos’è che ti manca.

Ogni tanto vedo che piangi,

ti asciughi le lacrime

un po’ ti vergogni

ma una lacrima

non è che una carezza

che ti conforta l’anima

intrisa di tristezza…

 

Anche la nostra storia

procede tra ombre e nuvole,

rischiarite e pieno sole;

non so cosa ci voglia

a rendere stabile il sereno,

sarà che sono un uomo

ed il tuo mondo

non lo capisco fino in fondo…

 

Romantica sognatrice,

scusami, se non ti rendo felice

non è che non ci provi

ma cosa vuoi,

persino la mia vita

trascino con fatica,

nel frattempo tu

non tenerti tutto dentro

e non lasciare che

soltanto i tuoi gesti

parlino di te…

 

…come quando ansiosa

con un dito ti sfiori

tra i capelli una ciocca

e se commetti una gaffe

ti mordi le labbra

e ti senti una sciocca;

quando poi

sei nervosa

ti mangi le unghie

e comunque

sei gelosa,

sia delle tue cose

che di me…

 

Mix di dolcezza,

tenacia ed ironia,

a ridarti il buonumore

può bastare una canzone,

lunatica,

o proprio isterica,

hai uno sguardo seducente

e facilmente ti commuovi,

malinconica

quando meno te l’aspetti

riaffiora in te la nostalgia

per qualcosa in cui credevi

e non sei mai riuscita

a mandar via…

 

La fantasia

è il tuo rifugio sicuro

dalle delusioni

di una grigia realtà,

se mi cerchi però

lo sai che son qua,

per darti conforto,

per darti coraggio

o semplicemente

per darti un abbraccio…

 

So che una donna

se anche ti vuol bene

non per questo t’appartiene,

e se pure sarà

soltanto una bugia,

tu

lasciati credere mia…

 

Mi rimproveri sempre

di non notare mai niente,

nessun tuo cambiamento,

a stento mi accorgo

se hai tagliato i capelli

o smalto alle unghie,

se usi un nuovo rossetto

o indossi

un bracciale diverso,

ma per me

puoi fare come ti pare,

il fatto è che tu

non puoi piacermi di più,

 

mi basti

così come sei

coi tuoi pregi e i tuoi nei,

e se quando ti vesti

mi chiedi “come sto?”

io in fondo che ne so?

La verità, se la vuoi,

è un po’ cruda

ma io ti preferisco

soprattutto nuda.

 

Se mi guardi con quegli occhi,

ogni volta che mi tocchi,

se abbracciati andiamo in giro

o quando sento il tuo respiro

sulla pelle,

ogni volta che ti sono vicino

o quando nel letto

il tuo viso

appoggi al mio petto

e con le braccia ti ci stringi

come fosse il tuo cuscino,

se ti mordo un orecchio

e ti bacio sul collo,

se vedo

quelle espressioni nel viso

mentre perdi il controllo,

il tuo seno ha il sapore

di un frutto proibito,

il tuo odore

profuma la stanza.

So che di te

non potrò più fare senza,

sei complicata a volte

però resti il fuoco

che mi accende la notte.

 

Ti vedo spesso

maledire il tuo aspetto,

forse pensi

che qualcosa ci manchi

per essere bella davvero,

o che magari

siano troppo abbondanti

i tuoi fianchi

ma sono sincero

quando ti dico

che nel tuo viso

o in tutto il resto del corpo

in te

non ci sia nulla di troppo,

 

Non hai bisogno

d’invidiare

le donne dei rotocalchi,

né le prime pagine

che i giornali dedicano loro

per lo spazio

di una sola settimana,

di una bella copertina,

per dimenticarsene

e cercarne altre

da mettere in vetrina.

 

Forse non sarai mai

la prescelta dalle folle,

colei per cui impazzire

e soddisfare

tutte le sue voglie,

ma la fama,

se anche dura,

ti lascia nella paura

di perderla in soffio,

ti getterà nello sconforto

il tempo che ti invecchia

od una ruga in più sul volto,

soffrirai le pene

di chi non vuole uscire dalle scene...

 

Io non saprò mai darti

né fortuna né ricchezza,

soltanto se vorrai

affetto e tenerezza,

che prometto

non ti lasceranno

al disfiorire

della tua bellezza.

Mi perderò sempre

nei tuoi occhi, nella voce

nei tuoi sorrisi e nei tuoi gesti,

in tutte quelle piccole cose

che ti porterai dietro

come parte di te,

sopporterò i difetti

con la consapevolezza

di chi ci guadagnerà

più di quanto perda…

 

Anche se la vita in due

non sarà mai facile,

come proteggere

un dipinto antico

dal valore immenso

ma pur sempre fragile,

farò di tutto

per tenerne vivi i colori,

perché non si deteriori

con il passare del tempo

e non ceda alle insidie

nascoste al suo interno,

perché duri l’incanto

di sentirti accanto,

 

se tu tendi la mano

il nostro futuro

può arrivare lontano,

superare

qualunque sfida,

e persino durare

tutta una vita.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Eudes lascio un commento alla tua lunga dolcissima poesia.

 

Sono sempre stato alla ricerca di una poesia d'amore sulle piccole cose quotidiane, appunto, e per questo mi sono fiondato nella lettura quando ho visto il titolo.

 

Sulle prime ero scettico sull'uso delle rime e del linguaggio estremamente colloquiale, però poi mi sono ricreduto: le prime conferiscono quel tono tenero e incantato di una filastrocca e rendono la lettura scorrevole nonostante la lunghezza; stesso si dica del linguaggio colloquiale che, a costo di sembrare apparentemente banale e poco lirico, si sobbarca invero il peso di trascinare il lettore nel tuo intimo mondo quotidiano, davvero rendendo l'essenza di quelle "piccole cose" al centro della poesia. 

 

Entrare nel merito è complicato, perché anche se riguarda una tua storia personale, è un po' la storia di tutti coloro coinvolti in una relazione d'amore, in cui è facile rileggersi. Però il confronto fra le imperfezioni di lei e la finta perfezione oggettivata della bellezza, di cui siamo socialmente bombardati, offre anche spunti di riflessione e di critica contemporanea. 

 

La tenerezza e non di meno l'arguzia (talvolta stilistica) con cui ci racconti l'amore verso la protagonista della poesia sono davvero papabili e devo confessarti di essermi ritrovato, dopo poche righe, a leggerla con un sorriso. 

 

Un consiglio:

1 ora fa, Eudes ha scritto:

Mix di dolcezza,

tenacia ed ironia,

la parola "mix" non so, mi disturba; la sento proprio lontana dalla poesia e dal clima che stavi costruendo, rompe un po' l'armonia secondo me. 

 

1 ora fa, Eudes ha scritto:

So che una donna

se anche ti vuol bene

non per questo t’appartiene,

e se pure sarà

soltanto una bugia,

tu

lasciati credere mia

Questi i miei versi preferiti. 

 

Un saluto, 

Johnny P. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 13/1/2020 alle 00:18, Eudes ha scritto:

 

Editato dallo staff

 

 

:)  @Eudes Dal tuo poema,  per il mio sentire, ho estrapolato il sentire più poetico e calzante del tuo giovane amore poetato.

Potresti provare a riscriverla in sintesi tu, con le parole e il tuo sentire di oggi.  

 

Zaza 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, Johnny P ha scritto:

linguaggio colloquiale che, a costo di sembrare apparentemente banale e poco lirico, si sobbarca invero il peso di trascinare il lettore nel tuo intimo mondo quotidiano, davvero rendendo l'essenza di quelle "piccole cose" al centro della poesia. 

 

Entrare nel merito è complicato, perché anche se riguarda una tua storia personale, è un po' la storia di tutti coloro coinvolti in una relazione d'amore, in cui è facile rileggersi. Però il confronto fra le imperfezioni di lei e la finta perfezione oggettivata della bellezza, di cui siamo socialmente bombardati, offre anche spunti di riflessione

Ciao, Johnny! 

Ho postato un pezzo di 16 anni fa, ma credo che tu abbia colto bene le intenzioni di quando la scrissi.

A rileggermi adesso provo un misto di tenerezza e imbarazzo verso il me stesso di allora.

 

5 ore fa, Poeta Zaza ha scritto:

Potresti provare a riscriverla in sintesi tu, con le parole e il tuo sentire di oggi.  

Ciao, Poez! Grazie per il consiglio, ma meglio di no.

Verrebbe probabilmente meno sdolcinata ma anche molto più disillusa.

Forse meglio lasciarla così, come un ricordo del passato.

 

Grazie a entrambi per lettura e commento!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Eudes Eudì!
Sono contenta che hai condiviso questa vecchia poesia con noi, e anche che l'hai lasciata così com'era, è come una finestra sul te di tanti anni fa.

 

6 ore fa, Poeta Zaza ha scritto:

Potresti provare a riscriverla in sintesi tu, con le parole e il tuo sentire di oggi.  

L'ho pensato anch'io quando l'ho letta ieri sera, e un po' lo penso ancora.

Forse è difficile cambiare scritti così vecchi, legati magari a qualcuno, dove ogni parola ha un senso, ogni frase importanza.

 

Io ho uno strano rapporto con le rime, se ci sono poi le voglio sempre, quindi noto subito che ogni tanto le interrompi.

La percepisco come una lettera sotto forma di poesia, per i contenuti e la lunghezza, forse immaginarla come lettera ti imbarazzava?
E' come una lettera d'amore, c'è di tutto. Cosa rappresenta per te, tutto quello che ha di speciale, tutto quello che vorresti per lei.

 

Visto che non hai intenzione di metterci mano, segnalo e commento tutto quello che mi è piaciuto, mi ha colpito, divertito e blabla.

 

20 ore fa, Eudes ha scritto:

l’oroscopo annuncia l’ennesimo giorno speciale

e tu ci credi, perché ti piace sognare…

:D Gli oroscopi sono furbetti, magari ogni tanto cercano di incoraggiarci, di spingerci a guardare il bicchiere mezzo pieno, cercando quel qualcosa di speciale nella nostra giornata.

 

20 ore fa, Eudes ha scritto:

e mentre ti trucchi

sono lì che ti guardo.

Un po’ imbarazzata, abbassi lo sguardo

:si: Anch'io mi imbarazzo se qualcuno mi guarda mentre mi trucco, mi sento sciocca quando lo faccio, sarà per tutte le espressioni buffe e brutte che faccio.

 

20 ore fa, Eudes ha scritto:

poi però chiedi

se i capelli stiano meglio sciolti o raccolti.

Cosa importa? per me è lo stesso

sono morbidi e splendidi lo stesso…

E qui sta la potenza, la profondità del sentimento, che non guarda come, ma cosa.

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

Ma poi che c’è di male

se ti fa paura ancora il temporale?

quasi ci spero per vederti in cerca

delle mie braccia e tenerti stretta…

^^

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

Donna fuori e bambina dentro,

mi piaci perché sei vera,

ingenua forse, ma sincera

e più di qualsiasi modella

ai miei occhi appari più bella.

Uau. <3

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

ma invece, dammi retta

anche così resti perfetta;

se può bastarti, io ti apprezzo 

con i tuoi vizi, le manie,

le debolezze e tutto il resto,

per ogni tuo piccolo gesto…

Ancora la profondità dei sentimenti, la sostanza, non l'apparenza.

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

ma una lacrima

non è che una carezza

che ti conforta l’anima

intrisa di tristezza… 

Ma... <3 non è solo bella, è anche biologicamente vera.

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

malinconica

quando meno te l’aspetti

riaffiora in te la nostalgia

per qualcosa in cui credevi

e non sei mai riuscita

a mandar via…

<3

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

So che una donna

se anche ti vuol bene

non per questo t’appartiene,

e se pure sarà

soltanto una bugia,

tu

lasciati credere mia…

:brillasguardo: Bellissima.

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

Mi rimproveri sempre

di non notare mai niente,

nessun tuo cambiamento,

a stento mi accorgo

se hai tagliato i capelli

o smalto alle unghie,

se usi un nuovo rossetto

o indossi

un bracciale diverso,

ma per me

puoi fare come ti pare,

il fatto è che tu

non puoi piacermi di più,

 

mi basti

così come sei

<3

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

La verità, se la vuoi,

è un po’ cruda

ma io ti preferisco

soprattutto nuda.

xD

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

o quando nel letto

il tuo viso

appoggi al mio petto

e con le braccia ti ci stringi

come fosse il tuo cuscino,

se ti mordo un orecchio

e ti bacio sul collo,

se vedo

quelle espressioni nel viso

mentre perdi il controllo,

il tuo seno ha il sapore

di un frutto proibito,

il tuo odore 

profuma la stanza. 

Bella.

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

forse pensi

che qualcosa ci manchi 

per essere bella davvero,

ti manchi, credo

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

Io non saprò mai darti

né fortuna né ricchezza,

soltanto se vorrai

affetto e tenerezza,

che prometto

non ti lasceranno

al disfiorire

della tua bellezza.

<3 Eh.

 

21 ore fa, Eudes ha scritto:

Anche se la vita in due

non sarà mai facile,

come proteggere

un dipinto antico

dal valore immenso

ma pur sempre fragile,

farò di tutto

per tenerne vivi i colori,

perché non si deteriori

con il passare del tempo

e non ceda alle insidie

nascoste al suo interno,

perché duri l’incanto

di sentirti accanto, 

 

se tu tendi la mano

il nostro futuro

può arrivare lontano,

superare

qualunque sfida,

e persino durare

tutta una vita.

Diodedio. <3

 

Dovresti permettere agli altri là fuori, di conoscerti, di conoscerti davvero. :comedicitu:

Bravo ad averla postata Eudì! :flower:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Poeta Zaza (e mi collego anche a quanto ti ho detto nel precedente intervento sul commento dell'altro giorno).

 

La prima regola di un buon commento è la sua utilità per chi lo legge. Se hai un'opinione su un testo devi svilupparla e portare l'autore (e tutti quelli che leggono il commento) a capirla. Non basta citare pezzi del testo e scrivere sotto "virgola" o fare delle osservazioni sbrigative. Ma la cosa che va evitata è di postare più testi nella stessa discussione: non può farlo l'autore e non può farlo chi commenta. Avresti dovuto spiegare all'autore il perché la forma che suggerisci è secondo te più adatta; i commenti servono per migliorarsi.

Nel WD c'è spazio per tutto, per i commenti lampo, per il gioco, ma al primo posto viene la scrittura. Passi tantissimo tempo nel forum, hai le conoscenze tecniche per affrontare l'analisi di un testo, quindi potresti fare molto di più.

I tuoi frequenti commenti non possono essere solo un giochino. Possiamo accettarlo da chi è nuovo, da chi ha un bagaglio tecnico minore o da chi interviene poco.

Ti invito a utilizzare il tuo tempo in officina per fare un lavoro più utile a tutti e più conforme allo spirito del WD.

 

Per non togliere ulteriore spazio a questa discussione invito a fare eventuali repliche tramite MP.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ha accettato di sposarti, vero? Con questa dichiarazione, no, dico, ha detto sì? 

È una poesia talmente dolce, che a tratti è ingenua. I passaggi fanciulleschi e gli arditi rendono i versi veri. Sembra la biografia di un sentimento. Se quest'ultimo fosse un individuo i tuoi versi rappresenterebbero le tappe della sua crescita.

Mi è piaciuta molto,

ciao @ eudes (non riesco a taggarti). 

Il 13/1/2020 alle 00:18, Eudes ha scritto:

La verità, se la vuoi,

è un po’ cruda

ma io ti preferisco

soprattutto nuda.

Ti ho citato questo passaggio, bellissimo, così puoi avere la notifica del mio commento. Ariciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
31 minuti fa, Lauram ha scritto:

Ha accettato di sposarti, vero? Con questa dichiarazione, no, dico, ha detto sì? 

Non l'ha mai letta. 

 

31 minuti fa, Lauram ha scritto:

È una poesia talmente dolce, che a tratti è ingenua.

Infatti mi imbarazzava postarla. E' sdolcinata, a tratti ingenua, composta soprattutto da rime semplici e senza nessun rispetto della metrica però se il risultato è che

 

31 minuti fa, Lauram ha scritto:

I passaggi fanciulleschi e gli arditi rendono i versi veri. Sembra la biografia di un sentimento.

allora forse va bene così.

 

Grazie per il passaggio e per l'apprezzamento (e grazie anche a mhayli)

 

Modificato da Eudes

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Eudes,

Che sorpresa scoprirti Poeta. Cercavo una poesia da commentare per il laboratorio e ho scelto la tua. 

Ti premetto che le mie saranno osservazioni del tutto "emotive", sulla scia di ciò che i tuoi versi mi hanno dato, niente di tecnico, ecco. 

Spero, come dico sempre, che in qualche modo le mie parole ti tornino utili lo stesso. 

 

Prima di tutto una considerazione generale. Hai scelto il verso libero ma la rima baciata. Rima che quasi mai è perfetta, più spesso è un'assonanza. Ma nel complesso il componimento ha una sua gradevole musicalità che lo rende molto più simile a uno stornello che a una poesia ricercata. Questa non è un giudizio, nel senso che non ritengo che una poesia maggiormente strutturata sia meglio, è solo diversa dalla tua. 

 

Immagino si tratti di 8na dedica alla tua compagna /moglie /amante/fidanzata/o quel che sia. 

Si tratta di una dichiarazione d'amore molto dolce e tenera. E credo che, se la tua lei l'ha letta, sia stata felicissima di ispirati questo sentimento (io lo sarei stata). 

 

Racconti la tua amata in momenti quotidiani e gesti normali (ce la descrivi mentre si trucca o mentre si arrabbia, quando parla di dieta o delle sue paure, della sua fantasia e delle insicurezze sull'aspetto fisico). Questo la rendono concreta e sfaccettata. La rendono vera (ma forse perché a una donna vera ti sei ispirato:P). Questo per dirti che le tue doti di narratore in prosa emergono anche in questa poesia. 

 

Ci sono dei passaggi pregevoli che parlano di un amore senza condizioni, di quell'amore spiazzante che ci fa adorare quasi più i difetti che i pregi. È un amore nobile, quello di cui ci parli. Se non vedi che lei ha cambiato pettinatura è perché la guardi con gli occhi dell'amore, e quindi, percepisci cosa c'è oltre la pelle, l'amore vero ci fa vedere l'anima. 

Seppur questo concetto è molto bello, forse tendi a rimarcarlo, variando soggetto e situazione, un po' troppe volte. Ma è anche vero che, come ti dicevo all'inizio, la forma a stornello ti concede di essere ripetitivo, anzi di solito questo genere di canzoni o filastrocche dal gusto popolare tendono a girare intorno alla stessa idea e la esplicitano e declinano in vari modi. 

 

Il 13/1/2020 alle 00:18, Eudes ha scritto:

Spesso te ne stai sulle tue,

è vero che faccio fatica a capirti

quando qualcosa ti stanca

o cos’è che ti manca.

 

Il 13/1/2020 alle 00:18, Eudes ha scritto:

sarà che sono un uomo

ed il tuo mondo

non lo capisco fino in fondo…

 

Ti cito questi due versi in cui si nota che questo amore, a volte, ha delle ombre. Ci descrivi dei momenti in cui ti sembra di non riuscire a capire la tua donna, ti senti escluso e non sai come entrare nel suo mondo. Da qui emerge anche che la fusione amorosa non sempre è perfetta, come poi confermi con i versi:

Il 13/1/2020 alle 00:18, Eudes ha scritto:

Anche la nostra storia

procede tra ombre e nuvole,

rischiarite e pieno sole;

 

Questo aspetto, che rompe un po' la perfezione di questo amore ideale, rende più normale il rapporto, quindi il lettore si i medesima e fa suoi alcuni passaggi. Perché nessuna storia è davvero perfetta (stile famiglia del Mulino Bianco, hai presente?) e poter leggere di storie con luci e ombre consente al lettore di empatizzare e entrare dentro i versi con l'autore. 

 

La conclusione della poesia sembra quasi una proposta di matrimonio. Ha però una sfumatura che fa percepire una specie di insicurezza sulla risposta. Forse è la frase ipotetica, il "se", con cui inizi l'ultima strofa a rendere meno decisa la proposta. E qui mi chiedo se è un effetto voluto, nel senso che volevi dare una sfumatura possibilista, oppure se ti è venuta così. 

 

Nel complesso è forse una poesia dai toni un po' ingenui e giocosi, ma bellissima se l'hai davvero dedicata alla tua amata e non è stato solo un esercizio di scrittura. 

 

Talia 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, @Talia

 

e grazie per il bel commento. Ritengo più bello il commento che la poesia, in realtà.

1 ora fa, Talia ha scritto:

Che sorpresa scoprirti Poeta.

Mai stato, e di sicuro non merito la maiuscola. Anche se, prima di cimentarmi coi racconti, provavo a scrivere in versi ma, grossomodo, ho smesso prima dei 30 anni (con poche eccezioni, in cui ho provato a rigiocare con le rime).

In ogni caso qui sul wd, è la quarta che posto.

 

1 ora fa, Talia ha scritto:

Ma nel complesso il componimento ha una sua gradevole musicalità che lo rende molto più simile a uno stornello che a una poesia ricercata

in effetti in rima ho sempre scritto cose che erano a metà strada tra un tentativo di canzone e una poesia. Li ho sempre chiamati soltanto "testi" proprio perché li ritenevo indegni di essere accostati alle une o alle altre.

 

1 ora fa, Talia ha scritto:

Immagino si tratti di una dedica alla tua compagna /moglie /amante/fidanzata/o quel che sia. 

Si tratta di una dichiarazione d'amore molto dolce e tenera. E credo che, se la tua lei l'ha letta, sia stata felicissima di ispirarti questo sentimento (io lo sarei stata). 

L'ha ispirata una persona reale. Una che ripeteva spesso di "non essere niente di speciale". L'idea era di scriverla e mostrargliela: "la non ho niente di speciale ha ispirato questo. Ma poi non l'ho fatto.

 

1 ora fa, Talia ha scritto:

la forma a stornello ti concede di essere ripetitivo, anzi di solito questo genere di canzoni o filastrocche dal gusto popolare tendono a girare intorno alla stessa idea e la esplicitano e declinano in vari modi. 

L'idea era quella.

 

1 ora fa, Talia ha scritto:

se l'hai davvero dedicata alla tua amata e non è stato solo un esercizio di scrittura. 

Pur essendo pensata per qualcuno, come sempre quando si scrive, volevo che avesse un carattere generale, qualcosa su cui uomini o donne qualunque, almeno in parte, potessero riconoscersi, come hanno detto in un commento precedente:

 

Il 13/1/2020 alle 02:03, Johnny P ha scritto:

è un po' la storia di tutti coloro coinvolti in una relazione d'amore, in cui è facile rileggersi.

O, almeno, volevo che ci si potesse vedere anche questo.

E anche il finale possibilista ma insicuro diciamo che è voluto, visto che non tutte le coppie durano per sempre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di solito non commento poesie d'amore, ma questa ha un suo perchè anche se si confonde in un senso di ingenuità e di adulazione verso una donna.

Come ispirazione può essere accettata come poesia derivata da un'ispirazione che si manifesta in forma descrittiva. Non ha una metrica precisa, le rime o le assonanze si presentano sul secondo e sul terzo o quarto verso, cosa che non dà simmetria alle strofe, ma rimane molto leggibile e sonoramente ascoltabile. A volte, si spostano anche su altri versi.

Forse è l'eccessivo voler descrivere in maniera diretta e specifica che a volte fa perdere il filo e la sequenza dei versi, ma tale eccessivo discorrere sui pregi o i presunti difetti della donna fa perdere la visione prettamente realistica di questa donna e resta il tuo sentimento di accettazione di ogni cosa che a questa donna appartiene. Resta, praticamente, il lato poetico del tuo sentire.

La trovo una bella dichiarazione ad una donna dove non condivido solo una cosa: il voler guardare una donna paragonandola ad altre donne tipo quelle sulle copertine. Queste ultime sono solo immagini costruite per una foto e nella realtà sono solo oggetti costruiti per appagare gli occhi di alcuni maschietti. Ogni donna, invece, è una realtà a se stante, unica, irripetibile e non paragonabile ad altre donne.
 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×