Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Hugo Riemann

Presentazioni Feltrinelli Milano

Post raccomandati

Ciao a tutti. Volevo descrivere brevemente la mia esperienza con due sedi della Feltrinelli a Milano contattate per fare la presentazione di un mio romanzo.

Sapendo dall'editore che l'uscita ufficiale sarebbe stata a fine novembre, ho contattato le responsabili via email.

A inizio dicembre mi è stato risposto che purtroppo il calendario di novembre e dicembre era già completo.

Fin qui nulla da eccepire.

Poi, però, mi si diceva che a gennaio avrebbero dato priorità alle nuove uscite, ergo non se ne poteva fare nulla (con loro sommo dispiacere).

 

Poiché non ero nuovo a contatti del genere - e specifico proprio per delle presentazioni presso le Feltrinelli di Milano - ho risposto che probabilmente il mio romanzo aveva la stessa durata di uno yogurt, a differenza di romanzi di altri editori che probabilmente hanno vita più lunga e sono considerati variamente nuove uscite in dipendenza dell'editore che li produce.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Hugo Riemann ha scritto:

Poi, però, mi si diceva che a gennaio avrebbero dato priorità alle nuove uscite, 

 

Non potevi dire (fingendo o meno) che avresti rimandato l'uscita del libro alla prima data utile che ti davano? Così sapevi se era il caso di rivolgerti a loro per altre pubblicazioni. Io ho avuto dei problemi, invece, con Giunti in una località diversa, ma per motivi differenti, in parte legati al distributore della mia casa editrice. Scuse assurde, comunque. Alcune librerie, quando sono legate a determinati marchi, fanno un po' di fatica a promuovere libri diversi... 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 7/12/2019 alle 13:43, TuSìCheVale ha scritto:

 

Non potevi dire (fingendo o meno) che avresti rimandato l'uscita del libro alla prima data utile che ti davano?

Non credo che avrebbe dato un'impressione di grande serietà: a parte che non è una decisione che spetta all'autore, in genere, ma cambiare la data di uscita per adattarsi al calendario di una libreria? Meglio cambiare libreria.

E' ovvio che le librerie di catena hanno un certo tipo di logiche commerciali e di vincoli, e capisco che possa venire criticato, che non piaccia: quello che non capisco è, se non vi piace la libreria con politiche commerciali spietate ecc , perché volete fare le presentazioni nelle librerie di catena? Perché non vi rivolgete invece a librerie indipendenti? 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@franka

Nel caso non si fosse capito, il mio era un espediente per capire, allora, quali fossero le date libere. Si potevano controllare anche queste "nuove uscite" a che periodo si riferissero. Quella che mi è sembrata poco seria è la risposta della libreria :lol:.

1 ora fa, franka ha scritto:

perché volete fare le presentazioni nelle librerie di catena?

 

Perché? Perché hanno molta più visibilità, sono dislocate nei punti più facilmente raggiungibili della città, vendono tutto, hanno una fidelity card con raccolta punti, maggior numero di lettori e ecc.

 

1 ora fa, franka ha scritto:

Perché non vi rivolgete invece a librerie indipendenti? 

 

Naturalmente, anche queste non vanno scartate, anzi, anch'io le preferisco, ma le due cose non si escludono (y).

Le presentazioni vanno bene dovunque, qui, invece, mi sembrava si facesse riferimento proprio alle librerie Feltrinelli. 

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, TuSìCheVale ha scritto:

Perché? Perché hanno molta più visibilità, sono dislocate nei punti più facilmente raggiungibili della città, vendono tutto, hanno una fidelity card con raccolta punti, maggior numero di lettori e ecc.

Appunto, ha i suoi vantaggi presentare in una libreria di catena, hanno visibilità e tutto il resto, ma non per caso, bensì proprio perché hanno alle spalle grossi marchi editoriali, con relativi investimenti e politiche di gestione da seguire, compreso snobbare la promozione di libri di esordienti usciti con piccole case editrici e privilegiare quelli del loro marchio o quelli che possono garantire buone vendite. Siccome a Milano non mancano le librerie, mi domandavo perché rivolgersi alla libreria di catena e poi criticarla perché fa la libreria di catena. In questo topic si parla delle Feltrinelli ma tu in particolare hai fatto lo stesso discorso per una Giunti, perciò mi sono permessa di generalizzare.

 

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, franka ha scritto:

ma tu in particolare hai fatto lo stesso discorso per una Giunti

 

Sì, in quanto anche questa è una libreria di catena, cioè appartenente a un gruppo editoriale. Il discorso riguardo alle librerie indipendenti, invece, mi sembra diverso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, franka ha scritto:

Non credo che avrebbe dato un'impressione di grande serietà: a parte che non è una decisione che spetta all'autore, in genere, ma cambiare la data di uscita per adattarsi al calendario di una libreria? Meglio cambiare libreria.

E' ovvio che le librerie di catena hanno un certo tipo di logiche commerciali e di vincoli, e capisco che possa venire criticato, che non piaccia: quello che non capisco è, se non vi piace la libreria con politiche commerciali spietate ecc , perché volete fare le presentazioni nelle librerie di catena? Perché non vi rivolgete invece a librerie indipendenti? 

 

Ovviamente mi rivolgo anche alle librerie indipendenti, ci mancherebbe, anche se la visibilità è nettamente inferiore.

Tuttavia rimane il fatto che dobbiamo (noi scrittori) rompere di più le scatole anche alle librerie di catena che in realtà non hanno tutte le stessa politica, giusto per scardinare le cattive abitudini!

  • Mi piace 1
  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Hugo Riemann,

ciao.

Io sono nelle tue stesse condizioni. Le librerie della La Feltrinelli di Milano sono irraggiungibili per scrittori che pubblicano con case editrici piccole o medie (basti dire che ogni punto vendita non ha un proprio numero di telefono o un proprio sito web per chiedere informazioni. Si viene sempre indirizzati allo stesso centralino) Uno scrittore che pubblica con Mursia mi ha confermato che è impossibile accedere ai servizi di questa catena agendo privatamente: bisogna che sia la casa editrice a prendere contatti.                                                                                              Alla prossima                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Edison

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×