Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

EvaK

validità legale di un contratto

Post raccomandati

Mi sorge un dubbio,

un contratto editoriale per essere considerato valido non dovrebbe essere scritto e firmato in ogni sua pagina? In quanto teoricamente una firma solo sull'ultima pagina di un contratto

di più pagine potrebbe comportare il rischio che le precedenti pagine subiscano delle contraffazioni. Inoltre qualcuno mi sa dire come verificare se un contratto è stato registrato?

Grazie

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, EvaK ha scritto:

Mi sorge un dubbio,

un contratto editoriale per essere considerato valido non dovrebbe essere scritto e firmato in ogni sua pagina? In quanto teoricamente una firma solo sull'ultima pagina di un contratto

di più pagine potrebbe comportare il rischio che le precedenti pagine subiscano delle contraffazioni. Inoltre qualcuno mi sa dire come verificare se un contratto è stato registrato?

Grazie

 

Sì, dovrebbe essere firmato in ogni pagina, invece non c'è l'obbligo della registrazione.

Modificato da Riccardo Zanello
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie... da ciò posso dedurre che posso rescindere da un contratto editoriale con un editore che purtroppo sospetto poco onesto basandomi 

sul semplice presupposto che non essendo firmato in ogni parte non è valido legalmente? E ritornare in possesso dei diritti? E viceversa, se gli facessi causa (cosa che comunque

non intendo fare) perché non paga i diritti pattuiti ed altre irregolarità lui potrebbe avvalersi dello stesso presupposto di nullità del contratto e non essere a sua volta tenuto a

rispettare il contratto perché non è firmato in ogni pagina?  

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, EvaK ha scritto:

lui potrebbe avvalersi dello stesso presupposto di nullità del contratto e non essere a sua volta tenuto a

rispettare il contratto perché non è firmato in ogni pagina?  

A quanto mi risulta questo non lo può fare. Se venisse annullato il contratto teoricamente i diritti sarebbero tuoi e non potrebbe di certo trattenerli. Poi se il contratto è stato redatto da loro è semplicemente impossibile che un giudice gli dia ragione.

 

Potrei sbagliarmi ma in ogni caso dubito si possa annullare un contratto di questo genere, stipulato in buona fede dalle parti, solo per la mancata siglatura ad ogni pagina.

 

In linea di massima dovresti dimostrare l'aggiunzione di clausole a tua insaputa e anche in tal caso credo che la soluzione più probabile sarebbe di eliminare quelle clausole, salvando il contratto in se. La cosa migliore per annullare il contratto sarebbe l'accordo delle parti, per il resto, a meno che non ti abbiano ingannato sui presupposti contrattuali secondo me è difficile spuntarla.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti ringrazio per le dritte, pongo un altra domanda.

Premessa: il contratto sarebbe scaduto di recente ma si rinnova di anno in anno automaticamente salvo

disdetta da una delle due parti da dare con un preavviso minimo di 6 mesi, per cui mandando la disdetta, a breve,  posso ritornare

in possesso dei miei diritti. Sul contratto però c'è anche la seguente clausola:

"Decorso il periodo (4 anni) l'autore si impegna ad accordare all'Editore la preferenza nel caso volesse continuare a pubblicare l'opera."

 

1. Se mando la disdetta del contratto devo dare le giuste motivazioni (ne ho a iosa), o è sufficiente disdire e basta?

2. Posso poi ripubblicare il mio libro come self publisher? Ovvero ho diritto di dare la preferenza a me stessa come autrice indipendente?

(o quantomeno porre delle condizioni, ti do  la preferenza sui diritti se accetti le mie condizioni, ad esempio un anticipo di euro 3.000  il 20% di royalties sul cartaceo e il 50% sul digitale, e qualora l'editore non accetti la mia proposta rientrare in possesso dei miei diritti ecc., in questo caso,  se l'editore rifiuta posso ridisporre

di fare del mio libro quello che voglio (come self publisher almeno) senza che l'editore possa avvalesi di questa clausola per impedirmelo?

 

  • Mi piace 1
  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, EvaK ha scritto:

1. Se mando la disdetta del contratto devo dare le giuste motivazioni (ne ho a iosa), o è sufficiente disdire e basta? 

Per una clausola generica del genere basta esplicitare l'intenzione di non rinnovare, tecnicamente si tratta di non rinnovare un contratto a tempo determinato, non c'è bisogno di una giusta motivazione. Andrebbe letto il contratto per esserne certi, ma al 99% è così.

 

3 ore fa, EvaK ha scritto:

 

"Decorso il periodo (4 anni) l'autore si impegna ad accordare all'Editore la preferenza nel caso volesse continuare a pubblicare l'opera."

Allora, in linea di massima qui vedo una clausola che non ha molto senso. Diciamo che "Preferenza" scritto così non è facile da interpretare, avrei capito "prelazione" che è il diritto di essere scelti a parità di condizioni. Nella preferenza questa parità di condizioni non c'è e quindi sinceramente mi lascia un po' stranito,.

 

Da aggiungere anche che una clausola del genere dovrebbe avere un limite temporale (come ogni clausola o contratto), non credo sia lecita se intesa a tempo indeterminato.

 

Non saprei dirti molto altro, un contratto va interpretato per intero e quindi mi è anche difficile capire cosa si intende e se qualcosa è stato previsto prima o viene spiegato dopo.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×