Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Marco Scaldini

Categorie di persone maggiormente invise agli scrittori

Post raccomandati

Fra le categorie di persone maggiormente invise agli scrittori metterei al primo posto quella di chi, dopo una presentazione, ti avvicina perché ci tiene a spiegarti i motivi per i quali NON ha comprato il tuo libro...

Attendo altre posizioni di classifica.

  • Mi piace 4
  • Confuso 1
  • Triste 1
  • Divertente 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Marco Scaldini ha scritto:

Fra le categorie di persone maggiormente invise agli scrittori metterei al primo posto quella di chi, dopo una presentazione, ti avvicina perché ci tiene a spiegarti i motivi per i quali NON ha comprato il tuo libro...

Attendo altre posizioni di classifica.

Per quanto mi riguarda, i rappresentanti di CE a pagamento e a doppio binario che, a fronte di un tuo rifiuto a sborsare quattrini, insistono, motivando l'insistenza con le spese cui vanno incontro e i rischi che corrono. Come se glielo avessi detto io di fare impresa! A ruota, le CE che richiedono gli invii spontanei e poi si lamentano della mole e della scarsa qualità degli scritti ricevuti. In terza battuta, i difensori d'ufficio delle predette categorie.  

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'elenco potrebbe essere lunghissimo :asd:

Mi limito a segnalare i critici improvvisati o quelli per partito preso (tra i quali si possono trovare anche chi condivide la stessa passione, però, fervido credente della locuzione latina "mors tua vita mea"). 

Qui un piccolo catalogo critico dei critici:

http://m.ilgiornale.it/news/piccolo-catalogo-criticodei-critici-letterari.html

Naturalmente, chi svolge questo lavoro con onestà, serietà e rispetto per l'autore, merita clemenza. 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, TuSìCheVale ha scritto:

L'elenco potrebbe essere lunghissimo :asd:

Mi limito a segnalare i critici improvvisati o quelli per partito preso (tra i quali si possono trovare anche chi condivide la stessa passione, però, fervido credente della locuzione latina "mors tua vita mea"). 

Qui un piccolo catalogo critico dei critici:

http://m.ilgiornale.it/news/piccolo-catalogo-criticodei-critici-letterari.html

Naturalmente, chi svolge questo lavoro con onestà, serietà e rispetto per l'autore, merita clemenza. 

Non posso inserire il "mi piace", perché per oggi ho esaurito il plafond. Non ho ancora avuto il tempo di leggere il catalogo, ma aggiungo che, tra i critici, rispetto soltanto quelli che sono a loro volta autori di successo, mentre non sopporto gli scrittori falliti che hanno abbracciato il mestiere della critica per ripicca o vendetta.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I critici improvvisati.

Quelli che non si sa con quali referenze criticano ogni virgola del tuo romanzo e anche della tua vita privata (perché se pensano che tu sia un personaggio pubblico si sentono autorizzati a insultarti). Gente che poi ha sempre in realtà un romanzo nel cassetto che nessuno ha voluto.

I falsi che prima andavano a scrivere sui muri che fai sesso con i cani e ora ti giudicano un genio.

Gli invidiosi che ti odiano e tentano di distruggerti in ogni modo possibile, perché loro non sono riusciti nella vita quindi tu devi morire.

La famiglia che nel caso di molti artisti è la principale fonte per il rancore e l'odio che metti nei tuoi romanzi, che dopo viene a dirti che sei bravo. Peccato che la correzione bozze te la sia pagata tu mentre vivevi sotto un ponte.

 

Andiamo avanti?

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Edmund Duke ha scritto:

Andiamo avanti?

Perché no? Non avremo esaurito l'argomento con così poco.

Quelli che, leggendo un tuo scritto, dicono: va bene, ma io eliminerei questo, aggiungerei quest'altro, userei un termine diverso al posto di questo o di quest'altro, eccetera. Ognuno di noi può esprimere lo stesso concetto in mille modi diversi: qualsiasi sia il modo che io ho usato, è il mio modo, e deve restare tale, a meno che non sia io a decidere diversamente.

  • Mi piace 1
  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tra gli invisi, come non menzionare gli scrittori che con insistenza ti chiedono di leggere la loro ultima opera? Leggi e dimmi che ne pensi. Il problema è che non sono affatto interessati a sapere cosa ne pensi, quello che vogliono è solo sentirsi dire quanto scrivono bene. Che il loro ultimo meraviglioso romanzo è perfetto così com'è, che non bisogna cambiare neppure una virgola. Ho scoperto sulla mia pelle che tale fauna è molto numerosa.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, Ace ha scritto:

Tra gli invisi, come non menzionare gli scrittori che con insistenza ti chiedono di leggere la loro ultima opera? Leggi e dimmi che ne pensi. Il problema è che non sono affatto interessati a sapere cosa ne pensi, quello che vogliono è solo sentirsi dire quanto scrivono bene. Che il loro ultimo meraviglioso romanzo è perfetto così com'è, che non bisogna cambiare neppure una virgola. Ho scoperto sulla mia pelle che tale fauna è molto numerosa.

Hai ragione. Per quanto mi riguarda, man mano che vado avanti in un libro, leggo quello che vado scrivendo a mia moglie, che è una lettrice seriale e una critica (nei miei confronti) feroce. A volte recepisco le sue critiche, correggendo e cambiando qua e là, altre volte no. A libro finito e (quando capita) pubblicato, faccio trapelare la notizia tra amici (pochi) e parenti (pochissimi), informandoli di dove il libro sia acquistabile. Chi vuole, può leggerlo dopo averlo comprato e - sarà un caso - i giudizi in genere sono positivi. Forse perché quello che non costa, non vale.

P.S.: non mi azzarderei mai a qualificare meraviglioso o perfetto un mio scritto, perché io sono tutt'altro che meraviglioso o perfetto.

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Scrittori e critici sono nemici per natura, come gli editori e gli scrittori, i lettori e gli scrittori, i librai e gli scrittori, e blogger e gli scrittori, gli scrittori e altri scrittori..."

 

P.S. Visto l'andazzo, quasi quasi avanzo allo staff la proposta di rinominare la sezione in L'angolo del rosicamento. :asd:

  • Mi piace 4
  • Divertente 3
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guardando la questione da un'altra prospettiva si potrebbe dire che a quanto pare gli scrittori non risultano simpatici a diverse categorie di persone, sempre con rispetto parlando. Tra i motivi principali pare che ci sia la loro difficoltà ad accettare critiche sui loro lavori (sto solo facendo il sunto di quanto fin qui detto, senza dimenticare gli scoreggioni e quelli che si scaccolano ai semafori).

  • Mi piace 2
  • Divertente 1
  • Grazie 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cheguevara ha scritto:

Leggo quello che vado scrivendo a mia moglie.

Ah; ti invidio, lo sai? Mia moglie purtroppo non ha il tempo per leggere le mie cose.

Ecco quindi un'altra categoria invisa agli scrittori: le mogli che non leggono, lol. :asd:

  • Mi piace 1
  • Triste 1
  • Divertente 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quelli che davanti all'autore stesso dicono: "Poi il libro lo fotocopiamo" (mi è successo in una scuola, giuro! E non erano i ragazzi, ma una delle docenti). :aka:

  • Mi piace 2
  • Triste 1
  • Divertente 6

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aggiungo...quelli che, sempre davanti all'autore, negli eventi firmacopie nelle varie fiere del libro, dicono:

1) Passo domani

2) Intanto mi fotografo la copertina

 

...recentissima frustrazione :facepalm:  al Genova book pride

  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Adesso, jacopa Del Gado ha scritto:

2) Intanto mi fotografo la copertina

 

Perché?! :D:D:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, AdStr ha scritto:

"Scrittori e critici sono nemici per natura, come gli editori e gli scrittori, i lettori e gli scrittori, i librai e gli scrittori, e blogger e gli scrittori, gli scrittori e altri scrittori..."

 

P.S. Visto l'andazzo, quasi quasi avanzo allo staff la proposta di rinominare la sezione in L'angolo del rosicamento. :asd:

 

Confermo che gli scrittori tra di loro fanno comunella ma in realtà si odiano tutti.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, cheguevara ha scritto:

tra i critici, rispetto soltanto quelli che sono a loro volta autori di successo

Seguendo questo ragionamento nessuno può criticare Messi e Ronaldo, e per commentare la serie A dovremmo tutti essere calciatori della massima serie. Sai che noia...

 

Io penso che qualunque lettore, e dunque anche qualunque critico, abbia il pieno diritto di dire la sua.

Quando rendiamo pubblico quello che scriviamo dobbiamo essere consapevoli che qualcuno non apprezzerà e avrà il sacrosanto diritto di dirlo apertamente.

 

Io comunque mi allineo a qualche altro commento e tiro in ballo i fotocopiatori fraudolenti: se volete un libro senza pagarlo, andate in biblioteca almeno! 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 minuti fa, unacasanellospazio ha scritto:

Seguendo questo ragionamento nessuno può criticare Messi e Ronaldo, e per commentare la serie A dovremmo tutti essere calciatori della massima serie. Sai che noia...

 

Io penso che qualunque lettore, e dunque anche qualunque critico, abbia il pieno diritto di dire la sua.

Quando rendiamo pubblico quello che scriviamo dobbiamo essere consapevoli che qualcuno non apprezzerà e avrà il sacrosanto diritto di dirlo apertamente.

 

Io comunque mi allineo a qualche altro commento e tiro in ballo i fotocopiatori fraudolenti: se volete un libro senza pagarlo, andate in biblioteca almeno! 

Non mi riferivo alle critiche dei comuni lettori, ma ai critici di professione, quelli che esprimono i loro pareri su stampa e altri media e che, come tali, possono stroncare uno scrittore o decretarne le fortune. Per cui, non credo che il mio ragionamento sia assurdo: ognuno può criticare chi gli pare, compresi Messi e Ronaldo, senza essere calciatore. Ma se Messi e Ronaldo vengono criticati da un calciatore fallito, la prospettiva cambia. Spero di essermi spiegato meglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, AdStr ha scritto:

"Scrittori e critici sono nemici per natura, come gli editori e gli scrittori, i lettori e gli scrittori, i librai e gli scrittori, e blogger e gli scrittori, gli scrittori e altri scrittori..."

 

P.S. Visto l'andazzo, quasi quasi avanzo allo staff la proposta di rinominare la sezione in L'angolo del rosicamento. :asd:

Non basterà un angolo a contenere il rosicamento generale!

  • Divertente 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come scrittore, odio alcuni scrittori: quelli che con una presentazione, un discorso, una parola mi fanno odiare l'idea di scrivere, perché mi instillano il terrore che potrei diventare come loro. 

A. 

  • Mi piace 3
  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Ace ha scritto:

Ah; ti invidio, lo sai? Mia moglie purtroppo non ha il tempo per leggere le mie cose.

Ecco quindi un'altra categoria invisa agli scrittori: le mogli che non leggono, lol. :asd:

Mia moglie si rifiuta proprio di leggermi. Non legge neanche i miei libri editi, nulla. Ha paura di ferirmi con un commento troppo critico, dice. Dopo quattordici anni insieme mi sono rassegnato. In compenso glieli dedico 😂

  • Mi piace 1
  • Divertente 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, Antonio Sofia ha scritto:

Mia moglie si rifiuta proprio di leggermi.

Mia moglie di mio legge solo la lista della spesa.

Spesso trova da ridire e allora la edita. :asd:

 

  • Divertente 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io di recente ho iniziato a odiare quelli che appena sanno che scribacchi ti dicono "Ma dai, veramente? Quand'è che mi fai leggere qualcosa di tuo? Non vedo l'ora" Poi condividi link a racconti e scritti vari, ti mettono i mi piace e ti fanno complimenti ma nessuno si disturba a leggere <_<. L'unica spiegazione che ci trovo è che si sentano in dovere di simulare un qualche interesse, anche se nessuno gli ha chiesto niente.

Di tanto in tanto odio anche gli editori, per molti motivi diversi, ma questo credo sia quasi inevitabile per uno scrittore :D

 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quelli che vogliono leggerti per forza e poi non hanno il coraggio di dirti che non gli sei piaciuto e fingono di non avere tempo per iniziare il libro.

Secondo me sono amici dei tuoi @Silverwillow:asd:

6 ore fa, Silverwillow ha scritto:

quelli che appena sanno che scribacchi ti dicono "Ma dai, veramente? Quand'è che mi fai leggere qualcosa di tuo? Non vedo l'ora" Poi condividi link a racconti e scritti vari, ti mettono i mi piace e ti fanno complimenti ma nessuno si disturba a leggere <_<.

 

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
19 ore fa, ElleryQ ha scritto:

 

Perché?! :D:D:D

 

19 ore fa, jacopa Del Gado ha scritto:

Vorrei saperlo anch'io:sorrisoidiota:

Wishlist. Dalla serie "voglio comprarlo ma se dovessi comprare tutti i libri che mi passano per la testa dovrei vendere un rene, quindi facciamo un elenco e vediamo pian piano di prenderli". :hihi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Kikki ha scritto:

quelli che vogliono leggerti per forza e poi non hanno il coraggio di dirti che non gli sei piaciuto e fingono di non avere tempo per iniziare il libro.

Secondo me sono amici dei tuoi @Silverwillow:asd:

No, no, i miei sono molto meno intraprendenti: non leggono proprio. xD 

Comunque secondo me non è sempre perché non vogliono dirti che non gli è piaciuto, ma che non hanno poi tanta voglia di leggerlo (mi è successo con libri che ad altri sono piaciuti molto, o che hanno vinto premi). La gente è fondamentalmente pigra, rassegnamoci (vale anche per me, ma almeno io non fingo interesse per poi inventare scuse...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×