Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Aragorn86

Agenzia Letteraria VS Presentazione diretta

Post raccomandati

Salve a tutti! Presto comincerá la fase di invio del mio manoscritto, e propendo sempre di piú verso l'opzione 'agenzia letteraria'. La prima domanda é proprio cosa ne pensate delle agenzie letterarie: quando sono affidabili, valgono davvero il loro prezzo? Aumentano la probabilitá di essere notati (dando per scontato di aver scritto qualcosa di veramente interessante)?

Inoltre vorrei sapere se c'é qualcuno tra di voi che ha prensentato di persona il proprio manoscritto ad una casa editrice, insomma, una soluzione 'vecchio stile' , ma che potrebbe funzionare...

 

Grazie in anticipo a tutti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di certo l'agenzia non è indispensabile.

Per capire cosa conviene fare a te, innanzitutto bisogna capire a quali case editrici ambisci di sottoporre il tuo manoscritto (il che dipende anche  da ciò che hai scritto).

Le piccole CE è non è difficile contattarle direttamente, con l'invio diretto del manoscritto o magari presentandosi di persona a una fiera o a qualche evento.

Per le CE più grandi è molto più probabile venire presi in considerazione se si viene proposti da un'agenzia (ovviamente di un'agenzia seria e con buoni contatti: come per le CE, anche di AL ce n'è di grandi e di piccole, di rinomate e di appena aperte, che lavorano bene e che lavorano  male, di serie e di poco serie ecc.); inoltre si suppone che un'agenzia conosca molto meglio di un aspirante scrittore tutte le sfaccettature del panorama editoriale e sappia proporre in modo più mirato e professionale il manoscritto.

Detto ciò ci sono -anche sul forum!- esordienti che hanno pubblicato anche con grandi case tramite invio diretto, quindi non si può mai dire!

 

Una cosa che per me fa tantissima differenza è che con l'agenzia sei molto più a conoscenza del percorso del tuo manoscritto, e ti eviti i mesi di silenzio e  nulla e il dubbio perenne dell'invio diretto: il mio libro non l'hanno ancora letto, l'hanno già letto e l'hanno scartato, e perché l'hanno scartato, ma l'avranno letto davvero o sarà finito nel cestino? Con l'agenzia hai la certezza che se il manoscritto viene preso in lettura dalla CE sarà letto; se viene rifiutato lo sai per certo (e anche questo secondo me è di grande aiuto, ti metti il cuore in pace e guardi al prossimo obiettivo), ma soprattutto vieni a conoscenza della motivazione del rifiuto: se non ha convinto il testo in sé (la storia, la scrittura, il tema, che so io....) oppure ci sono altre ragioni - commerciali, editoriali o di altro tipo.

Personalmente dopo un fai da te inconcludente con un primo manoscritto inviato ad alcune CE, ho cercato con il successivo di tentare prima di affidarlo a un'agenzia: non è stato facile ma sono riuscita a farmi rappresentare da un'agenzia con cui mi sono trovata benissimo, loro hanno proposto il libro ad alcune CE ed è infine arrivata una proposta di edizione soddisfacente. 

Non ho pagato nulla per la rappresentanza, all'agenzia spetterà una quota delle royalties sulle copie vendute, quindi per quanto mi riguarda ne è valsa  certamente la pena. 

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il ‎21‎/‎08‎/‎2019 alle 15:58, franka ha scritto:

Non ho pagato nulla per la rappresentanza, all'agenzia spetterà una quota delle royalties sulle copie vendute, quindi per quanto mi riguarda ne è valsa  certamente la pena. 

Secondo me le opzioni sono due: o sei stata particolarmente fortunata, o hai avuto la capacità di creare un testo particolarmente valido, al punto da creare certezze di guadagno per l'agenzia. Per quanto mi riguarda, ho esaminato e contattato parecchie agenzie allo scopo di ottenere una rappresentanza remunerata da una percentuale sulle royalties, senza risultato: tutti mi hanno proposto servizi di editing a pagamento e poi, per la pubblicazione, si vedrà. Non credo di aver scritto capolavori, ma sto per pubblicare qualcosa con una nuova CE contattata direttamente, piccola ma seria: seria nel senso che fino ad oggi, in meno di un anno di attività, ha pubblicato pochissimi testi, ed io ho imparato a mie spese che chi, con investimenti inconsistenti, pubblica centinaia di titoli l'anno, mira soltanto a spremere il limone costituito dagli aspiranti scrittori, che sono tantissimi e disposti a tutto pur di mostrare ad amici e parenti una copertina col proprio nome stampato sopra o sotto il titolo di un'opera, a prescindere.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@cheguevara penso un misto di fortuna e capacità, come un po' per tutte le cose. 

Comunque se non avessi trovato un'agenzia avrei proceduto proprio come hai fatto tu, contattando medie e piccole CE serie e a cui mi sembrava che il mio testo potesse essere adatto ( nei mesi ne avevo messo insieme una lista ragionata, con rispettivi indirizzi, contatti, modalità di invio ecc.), ed evitando quelle che mirano solo a spremere gli aspiranti scrittori. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Bruno Simini Sull'utilità o meno delle agenzie, credo ci siano diverse discussioni qui sul WD, ma il punto alla fine è sempre: dipende da quello che uno cerca. Se il tuo intento è solo pubblicare, anche con piccole CE serie, allora ci puoi arrivare da solo. Ma ci sono molte CE medie che considerano poco gli invii spontanei e alcune grandi CE che sono raggiungibili solo tramite agenzia: per farti un esempio, io ultimamente sono molto interessata a Garzanti e Rizzoli, che pubblicano romanzi storici validi, di argomento simile al mio. Ho provato a contattarle di persona, ma solo Garzanti mi ha risposto, consigliandomi di partecipare a un concorso. Quindi mi sono decisa a cercare un'agenzia, e al momento il mio romanzo è in valutazione. Un punto a favore delle agenzie è che, almeno quelle che accettano invii, sembra leggano davvero i romanzi (su molte CE ho dei dubbi), in più conoscono bene il mondo editoriale, quindi sanno capire se un romanzo può andare o no, e (ma sono davvero pochissime) magari sono disposte a dirti cosa non funziona. Sempre meglio delle medie e grandi CE, che non rispondono e basta, quindi non sai se non hanno letto, hanno letto ma non è piaciuto, è piaciuto ma magari avrebbe bisogno di essere sistemato, o cosa.

Ti consiglio comunque di partire da quelle che non richiedono soldi né per leggere, né tantomeno per la rappresentanza. Qui sul WD, nella lista agenzie, con un po' di pazienza ne trovi. Io ne ho selezionate 6-7 che sono serie, in contatto con editori importanti e del tutto gratuite. Se nessuno di loro dovesse rispondermi allora probabilmente il romanzo è da rivedere, ma almeno lo so e non lo mando in giro inutilmente. Le agenzie a pagamento io le ho scartate a priori, perché anche dalle esperienze qui riportate, mi pare vivano di schede di lettura o editing per esordienti poco informati (questo vale anche per quelle famose, perché la probabilità che dopo aver pagato la valutazione ti prendano è la stessa che lasciar cadere una moneta e aspettarsi che cada in piedi). Ti consiglierei di fare altrettanto, ma ognuno è libero di decidere per sé.

In bocca al lupo

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti riporto la mia esperienza.

Manoscritto inviato con email ad una quindicina di CE selezionate da me sulla base di alcune affinità tra il catalogo e la mia proposta: zero risposte
Manoscritto inviato tramite AL a due CE: risposta pervenuta, contratto con una di esse, libro pubblicato a giugno 2019...

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti. Grazie mille per le vostre risposte! Scusate se mi faccio sentire solo ora, ma negli ultimi giorno sono stato occupato proprio a revisionare il romanzo. L'ho inviato a Albatross-filo, anche se poi ho scoperto che proprio questa CE tende a chiedere soldi agli esordienti! Vabbé, comunque anche questo fa parte del percorso, diventare consapevoli di quello che c'e' in giro e delle trappole in cui si puó cadere.

 

Consigli molto preziosi, ancora grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×