Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Domenico Santoro

Il cardellino (The Goldfinch), Donna Tartt

Post raccomandati

Ospite Domenico Santoro

Questo è interminabile, ho letto per ore e sono ancora al diciotto per cento del mio Kindle... la storia è scritta in uno stile che trovo naturale e brioso, anche se l'autrice cade sempre quando vuole scrivere frasi particolarmente profonde o con un afflato poetico, come ad esempio quando vuole chiudere un capitolo o un flusso di pensieri del protagonista con un pensiero significativo. La trama, finora, mi ricorda molto Jane Eyre, o il classico romanzo di Dickens: parla delle avventure di un orfano. Il romanzo, pur essendo ambientato nella modernità, ha la strana caratteristica di sembrare atemporale, come se l'autrice stesse efficacemente mettendo in scena vicende e passioni umani senza tempo. Per certi versi, sia ha l'impressione di leggere un "classico istantaneo". Nello stile, mi ricorda Doctorow; nell'intento, Dickens o John Irving. Certo, è tutto molto più raffinato: traspare il fatto che l'autrice sia una donna che viene da ambienti colti. Traspare la sua cultura, che snocciola con grande naturalezza.

Comunque, sono ancora al diciotto percento. Magari vi aggiornerò quando sarò andato più avanti... forse è ancora troppo presto per dare un giudizio.

Certo, è troppo lungo. E' una bella richiesta, in un mondo pieno di stimoli come il nostro, che un lettore si impegni per così tanto tempo per una storia. D'altra parte, forse è anche giusto sia così: siamo così tanto impegnati in mille rivoli, che alla volte è preferibile farsi condurre per un grande fiume.

Concludo dicendo che questa tendenza della narrativa a "catturare l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo" deriva forse dal fatto che l'uomo, vivendo un po' spostato dalla sua reale dimensione del mondo, si arroga compiti che magari non sono i suoi. Dopotutto, l'infinito è dopo l'angolo, e, chi lo sa, può essere catturato con maggiore esattezza da un racconto di mille parole.

Riflessioni da filosofo... perdonatemi!


Ho fatto una ricerca per vedere se "cardellino" risultasse come post già aperto. Mi scuso se sto aprendo un topic ridondante. Nel caso, chiudetelo pure.

 

Buona lettura,

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×