Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

Marco-Cesari-Amico-Giusto-Mursia-editore

 

Titolo: L'amico giusto
Autore: Marco Cesari

Collana: Leggi RTL 102.5

Casa editrice: Ugo Mursia Editore
ISBN: 9788842561163

Data di pubblicazione (o di uscita): 5 luglio 2019
Prezzo: 17,00 €

Genere: Narrativa

Pagine: 264

Quarta di copertina: «Fai le cose per te, non per gli altri. Molla quello che non ti interessa, fregatene di quello che pensano le persone, e inizia a vivere la tua vita.» Luca e Mattia s’incontrano un pomeriggio sul lago. Luca è spavaldo e sicuro di sé, Mattia è timido e impacciato, eppure è amicizia al primo sguardo. Dopo quell’incontro vivranno uno di fianco all’altro gli anni del liceo, le prime vacanze da soli, l’amore per la stessa ragazza, le difficoltà del diventare adulti scegliendo di vivere liberi dalle costrizioni sociali, seguendo la loro coscienza e i loro desideri, oltre i confini che altri hanno tracciato per loro. Prenderanno strade diverse, eppure quel legame nato sui banchi di scuola non si spezzerà, ma li legherà per sempre in modo inaspettato. Non importa quale sarà il prezzo da pagare se il destino ti ha dato l’amico giusto. 

Link all'acquisto: Amazon - Mondadori Store.it - la Feltrinelli.it - IBS.it - Libraccio.it - libreriauniversitaria.it - Unilibro.it - LibroCo. Italia - Hoepli - La Grande Libreria Online - Ugo Mursia Editore

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marco C. complimenti per il premio!

Ho scaricato sul kindle l'estratto del tuo libro e ho finito di leggerlo ora. Mi fanno notare spesso che, quando scrivo, metto giù troppe parolacce, sarò coerente con il mio stile: ma quanto cazzo scrivi bene? Nonostante non sia troppo interessato a storie di adolescenti mi hai totalmente coinvolto, non ho potuto lasciare la storia fino alla fine dell'estratto e ora forse comprerò il libro. Dimmi una cosa: narri anche della loro vita da adulti? Mi sembra di aver capito di sì.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 18/8/2019 alle 18:56, Sjø ha scritto:

@Marco C. complimenti per il premio!

Ho scaricato sul kindle l'estratto del tuo libro e ho finito di leggerlo ora. Mi fanno notare spesso che, quando scrivo, metto giù troppe parolacce, sarò coerente con il mio stile: ma quanto cazzo scrivi bene? Nonostante non sia troppo interessato a storie di adolescenti mi hai totalmente coinvolto, non ho potuto lasciare la storia fino alla fine dell'estratto e ora forse comprerò il libro. Dimmi una cosa: narri anche della loro vita da adulti? Mi sembra di aver capito di sì.

 

 

Scusa per il ritardo nella risposta! Non ho avuto modo di controllare spesso internet in questo periodo per ovvii motivi vacanzieri...

 

Ti ringrazio moltissimo per il tuo messaggio, mi ha fatto davvero piacere. Sì, la storia si snoda su un arco di tempo di circa dieci anni, quindi i personaggi crescono e affrontano tematiche più "adulte" man mano si avanza con la trama. L'adolescenza vera e propria occupa quindi i primi capitoli.

 

Se poi deciderai di procedere con la lettura mi raccomando fammi sapere se ti è piaciuto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Marco C. il tuo libro l'ho poi comprato e letto.

Amicizia, amore e libertà: alla prima e l'ultima sono molto interessato all'amore probabilmente faccio finta di no.

Come non sono molto interessato a romanzi che riguardano adolescenti (forse per rancore, perché sentimentalmente non l'ho vissuta l'adolescenza), eppure proprio di quello parli nella prima metà nel libro e mi hai preso fin da subito. Hai una scrittura fresca, precisa e chiara, assolutamente non banale che scivola avanti senza alcun intoppo. Sei un narratore. Crei interesse, attesa e soprattutto per la storia fra Mattia e Alice.

Mattia è un personaggio che crea immediata empatia con la sua simpatia e Luca un vero ribelle.

L'idea di libertà e lavoro che viene fuori da questo romanzo collima con la mia, ecco alcuni stralci, i più belli per me:

 

- "Si potrebbe lavorare tre ore al giorno, al posto di otto o dieci, e il tempo in più trasportarlo vivendo davvero. Ma deve essere un cambiamento a livello di società, è impossibile per il singolo individuo".

 

- "Non me ne frega niente di stare in ufficio dieci ore al giorno a rovinarmi l'esistenza, per comprare i cavalli d'argento".

 

- "Trascorrere un'intera esistenza di lavoro, riasumbile in poche frasi, senza aver apportato alcun vero cambiamento, rimanendo un numero, uguale ai numeri che scrivevano sui compiti a scuola i professori".

 

Non sei un figlio di papà che sta dicendo di non lavorare, ma di tentare di concentrare, comprimere le ore su un lavoro che sia un qualcosa che combaci con la nostra esistenza, di non accumulare per avere il potere di acquisto di dettagli inutili, e che questo sarebbe necessario a livello societario. Mattia persegue e raggiunge questo obbiettivo, dimostrando di incarnare il cambiamento che vorrebbe vedere nella società (la sua non è una visione egoistica).

 

Se mi fossi fermato alla quarta di copertina mi sarei precluso, per ignoranza, un romanzo notevole.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Accidenti @Sjø , io ti ringrazio moltissimo per questa tua analisi, anche perché hai elencato molti messaggi che desideravo "passassero" al lettore, e quindi credimi mi hai reso davvero felice. Sapere di aver trasmesso ciò che desideravo è la soddisfazione più grande, a maggior ragione quando te lo dice una persona che non ha motivo di farlo, che lo fa "gratis".

Ci sono davvero molte persone che mi scrivono e sono contente di aver letto il libro (non credevo potesse succedere, un vero pubblico!) ma tu hai centrato dei temi che mi sono particolarmente cari, che camminano paralleli alla trama principale e che temevo potessero rimanere lì, senza acquisire troppa importanza.

Grazie.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per me non sono secondari quei messaggi, anzi ci vedo il pensiero dell'autore, che poi collima, grosso modo, con il mio.

Non mi stupisce tu abbia tanti lettori soddisfatti, la storia slitta avanti che è un piacere, sembra di leggere Hornby.

 

34 minuti fa, Marco C. ha scritto:

quando te lo dice una persona che non ha motivo di farlo, che lo fa "gratis".

Chi ti dice che è gratis? 😁

 

Stai scrivendo altro?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco lo sapevo, adesso viene fuori che vuoi un rene in cambio... ahah

 

Sto sempre scrivendo, purtroppo sono lento perché nel frattempo lavoro e scrivo nei ritagli di tempo, quindi non so quando sarò pronto, però la volontà c'è e le idee anche...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per chi fosse in zona il 29 novembre...

Sarò al Mondadori Megastore di Milano (Via Marghera) alle 18.30, con "L'amico giusto".

 

Qui il link con i dettagli dell'evento Facebook:

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×