Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

valsiwho

Premio Italo Calvino XXXIII edizione [scad. 28/10/19]

Post raccomandati

39 minuti fa, Ilaris ha scritto:

Alla luce delle novità sulla premiazione, anche secondo me i finalisti sono stati chiamati da settimane.  

Quest'anno è andata come è andata, non è colpa loro se si sono organizzati con un ritardo che potevano evitare visto che alla fine

fanno tutto su facebook. La testa mi dice che ci saranno sorprese anche con le schede di valutazione ma ripeto, è un anno davvero complicato,

un concorso andato a catafascio è  la cosa minore che potesse capitarci. 

Piuttosto, parlando di svolgimento in tempi normali, credo non guasterebbe se quelli del PIC rivedessero i criteri organizzativi. Che cosa cambia se un segreto

di pulcinella viene portato avanti per due settimane, o tre, o un mese,  basterebbe comunicare "abbiamo avvisato i finalisti"; l'obbligo di non palesarsi, per questi ultimi, resta. 

 

Applausi a scena aperta. Non si rendono conto che bloccano i manoscritti per mesi?Boh. Tanto le fugge di notizie ci sono lo stesso. 

 

Tra l'altro pure io vorrei capire il senso di rimandare tutto di un mese dato che alla fine la fanno in streaming! 😅 Poveretti i finalisti, l'edizione più sfigata nella storia... (questo anche per autoconsolarmi ahaha). Per chi ci spera: secondo me meglio mettersi il cuore in pace, è logico che già i finalisti sono stati avvisati (vengono avvisati a prescindere, anche se non devono partire). Comunque qualcuno potrebbe pure chiedere sulla pagina fb. Commentare: i finalisti sono stati avvisati privatamente o no? Così da togliervi ogni dubbio (perché come vi ho raccontato, io già so di non essere in finale - questo per quanto riguarda la fuga di notizie che vi dicevo prima). 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci sta anche che abbiano già chiamato, eh. Probabilmente hanno rimandato sperando di riuscire a fare una premiazione "vera" e alla fine hanno rinunciato vedendo che alla normalità per un bel pezzo non si tornerà. 

13 ore fa, Rescritto ha scritto:

Se però devono presentare gli autori, magari da un punto di vista personale, gli serve tempo, quindi devono averli avvisati per forza.

Il fatto è che non si capisce bene cosa faranno. Il finalista sarà "presente" in streaming? Non l'hanno scritto. Manderà un suo video? Può essere, e allora sarebbe logico che siano già stati avvisati. Ci si concentrerà sulle opere? Allora quelle le hanno già da ottobre. 

 

12 ore fa, Stefano Deda ha scritto:

Poveretti i finalisti, l'edizione più sfigata nella storia...

Su questo non ci sono dubbi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L’elenco dei testi segnalati dal Comitato di lettura, accompagnati da una breve motivazione, sarà pubblicato sul sito del Premio venerdì 10 luglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se andate sulla pagina Facebook del Premio, dalla risposte date a chi chiedeva informazioni sulle chiamate, si evince chiaramente che i finalisti sono già stati avvisati. Non c’è ombra di dubbio. D’altronde non poteva che essere così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, Rescritto ha scritto:

Adesso cominciamo a sperare di essere tra i segnalati.... una speranza tira l'altra!(al ribasso)😁😁😁😁

No, in questa nuova speranza paranoica non ci entro. Non spero più in niente, mi sono davvero scocciato. Spero solo di aver acquistato una scheda di lettura degna di questo nome. Non mi rimane che godermi i video sui finalisti e la premiazione in streaming (addio famoso rinfresco finale ahahahah). Parteciperò nuovamente all'edizione 2021/2022 forse. 😅

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque ragazzi dai, è stato bello condividere un po' di speranze. Alla fine su 900 manoscritti ne selezionano 10, c'è più probabilità di fare un ambo al lotto sparando numeri a caso, se ci pensate. Io ho partecipato l'anno scorso e quest'anno, ma non parteciperò più col medesimo romanzo (anche perché i lettori sono sempre gli stessi bene o male) che, devo dire, alla quindicina di lettori cavie che ho reclutato, è piaciuto. Se dicessi "questo mi basta" sarei ipocrita, perché non è vero: io penso che uno che scrive lo faccia per farsi leggere, altrimenti tiene i propri pensieri in testa. Ma onestamente penso anche che, come al solito, per entrare nel mondo dell'editoria servano buone/ottime conoscenze e il solito fattore C. Quindi non ho più dubbi sulla bontà del mio romanzo (anche vedendo certe schifezze che ci sono in libreria), "solo" mancano gli altri due fattori. In bocca al lupo e buona scrittura a tutti! Non demordete!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto mi riguarda, se non ottengo almeno una segnalazione, dopo aver mandato loro quello che considero il mio testo migliore, non credo che parteciperò più... Anzi, mi sono già pentito d'averlo fatto in questa edizione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tra l'altro vorrei capire il senso della menzione speciale da parte del comitato di lettura. Oltre alle due menzioni speciali (Giuria e Treccani) riservate solo ai testi finalisti, c'è quest'altra riservata a un testo che non è arrivato in finale. In che senso gli dai una supermenzione speciale? A questo punto mettilo fra i finalisti, no? Insomma boh. Raga e se la mia scheda di lettura fa schifo io implodo e faccio un disastro nucleare 😂

 

 

Nei prossimi due anni, prima di partecipare nuovamente, mi preoccuperò di farmi un nome nel giro, di costruirmi la raccomandazione, altrimenti non si va da nessuna parte, questa è l'Italia 🤓

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 29/5/2020 alle 18:54, Ilaris ha scritto:

Pensavo di aver scritto un buon testo, evidentemente piaceva solo a me e a un altro lettore  bugiardo che si è sorbito il polpettone.

@Ilaris, io al tuo posto non sarei così disfattista, aspetterei almeno la scheda di valutazione per capirci qualcosa in più. Come ha detto @Luke_85, tra centinaia di testi sono tanti i fattori che concorrono a far arrivare un romanzo in finale, non per ultimo, a mio parere, i gusti personali del comitato di lettura. Un testo può anche essere un buon testo, ma magari può non incontrare il favore di uno, o di una parte dei lettori del Premio. L’idea che mi sono fatta io è che un’opera per arrivare in finale non deve essere soltanto scritta bene, ma soprattutto deve essere molto originale. Forse a volte tanto originale da non incontrare i gusti del lettore medio e da non trovare accoglienza sul mercato. Nel corso dell’intervista su Facebook a Linda Barbarino (finalista della scorsa edizione con La Dragunera), l’intervistatrice (un membro del comitato di lettura di cui non ricordo il nome) ha detto che il romanzo ha brillato sin dalla prima selezione di luce propria (riporto le sue parole) ed è andato direttamente in finale, proprio perché si differenziava dagli altri che spesso si confondono fra loro anche nella trama. Io ho letto il libro e credo sia uno dei libri più belli scritti negli ultimi anni, e che se non ha vinto è stato per la lingua, fortemente intrisa di dialetto siciliano, che a qualcuno può procurare difficoltà nella lettura. Ho letto anche altri libri finalisti al Premio negli anni scorsi, ma credo che questo sia superiore a tutti gli altri. Di alcuni ho letto solo gli estratti (faccio sempre così quando compro su Kindle) ma poi non li ho acquistati perché non erano di mio gusto. E ritorniamo al punto di partenza, ossia i gusti personali, che giocano un ruolo fondamentale nel prediligere un libro piuttosto che un altro. Quanto a @Stefano Deda e @Lucio Siciliano, se mi posso permettere, vi dico che dovreste ritrovare un po’ di serenità, non è questo lo spirito giusto per partecipare al concorso. Io capisco la delusione, è di tutti quelli che non ce l’hanno fatta, non solo vostra, ma credo che quando partecipi al Calvino, o a qualunque altro Premio, si debbano accettare le regole del gioco, con sportività. E che ogni esperienza, bella o brutta che sia, c’insegni sempre qualcosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Brillare di luce propria cosa vuol dire?  Che è piaciuto. E cosa piace? Piace ciò che piace. E perché? Perché è una questione di gusti. E quindi? Quindi vinci se scrivi qualcosa che rientra nei gusti del lettore. Siamo sempre lì...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Rescritto Penso che la tipa del comitato di lettura intendesse dire che è un testo che si è subito distinto per originalità, di trama e di stile. Secondo me chi arriva in finale non è che piaccia a tutti, semplicemente gli vengono riconosciute delle caratteristiche (e qui sarebbe bello, sì, sapere quali sono) condivise da tutto il comitato di lettura. Come quando dici: "riconosco che quella persona è bella ma non è il mio tipo".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mafra @Luke_85 , posso dirvi che il testo con cui partecipo (-avo? A questo punto) è molto originale, e con una scrittura "sperimentale", non certo da lettore medio; e proprio per questo l'ho iscritto al Calvino. Quindi, se non recepiscono questo fattore, vuol dire proprio che qualcosa non va... Nel mio testo credo molto, e come detto ho partecipato con l'intento di arrivare fino in fondo, e non con lo spirito del barone Decubertain...  Anche perché, poi, questo è un torneo a pagamento, e mica gratuito come IoScrittore o altri premi letterari. Bisogna stampare le copie del libro fisicamente e pagare la quota. Considerando che ho pagato 150 cocuzze, e inviato loro tomi piuttosto corposi, se è un torneo serio, con una valutazione seria, mi aspetto almeno una segnalazione, perché quello che ho mandato loro non si legge tutti i giorni... E se non arriva la segnalazione, ho diritto a una scheda di lettura accurata, che dica, eventualmente, perché il libro non gli piace o gli aspetti che trovano positivi. In mancanza, non manderei più loro nemmeno le avventure di Nonna Papera, perché chiaramente non serve a niente partecipare (e pagare pure) per non ottenere proprio niente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Lucio Siciliano Mah, te lo auguro, di essere segnalato (e in caso faccelo sapere!). Poi, ecco, tra le migliorie apportabili al premio vorrei che redigessero una scheda di lettura un po' più strutturata: leggendo le varie opinioni di chi l'ha avuta, mi sembrano molto variegate; qualcuna sembra accurata (come lo era la mia nell'edizione dell'anno scorso, in effetti), qualcun'altra meno. E se spendo 150 euro, come dici, vorrei una scheda accurata, e per la verità in cui non leggo solo dei commenti in libertà, ma anche giudizi puntuali su: la struttura del romanzo, la rappresentazione del tempo, dello spazio, sistema dei personaggi, tipologia del narratore e punto di vista, nonché lingua e stile. Secondo me, loro, sulle LORO schede di lettura, queste sezioni le hanno... penso sarebbe nostro diritto averle, però. Altra cosa, che anche avevo già menzionato in un post, è sapere in quale fase si è stati scartati. Con queste info, uno si fa un'idea di che tipo di scrittore sia. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mafra Aggiungo anche che il fattore numerico può fare la differenza. Nel senso che uno può avere scritto effettivamente un testo molto buono... ma su 900 e passa testi deve mettere in conto che ci possono essere almeno dieci testi ancora più buoni del suo. Questo per la fascia dei finalisti, che è quella in cui vorrebbero finire tutti. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le schede di lettura le tengono vaghe di proposito così l'anno (l'hanno?) dopo partecipi ancora. Se ti fanno capire chiaramente che non è un buon testo probabilmente non partecipi, e addio soldini. Ci sarebbero la metà degli iscritti e quindi addio soldini. Secondo me la maggior parte degli scrittori serve solo a finanziare il premio. Non parteciperò più, a maggior ragione se ricevo una scheda che dice "bello ma...". Se è bello allora fammi vincere, non dire "ma", perché quel "ma" vuol dire che stai raccontando una palla solo per illudermi di avere qualche speranza e convincermi a partecipare di nuovo. I soldini da me non li rivecete più, ciao ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'anno scorso ho ricevuto una bella scheda, per questo ho scelto di riprovarci. Se la scheda fosse stata brutta non avrei partecipato. Non mi fregano più con i loro complimenti, siate onesti: se è bello fatemi vincere o almeno segnalatemi, se fa schifo non dite che è un "buon testo" solo per indurmi a versare altri 100 euro l'anno dopo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, Luke_85 ha scritto:

@Lucio SicilianoAltra cosa, che anche avevo già menzionato in un post, è sapere in quale fase si è stati scartati. Con queste info, uno si fa un'idea di che tipo di scrittore sia. 

 

 Il 90% dei manoscritti viene scartato al primo giro di lettura. Ad esempio, da 800 si passa subito a 80.

 

 

Comunque per chi diceva dell'originalità delle trame finaliste e menzionava La Dragunera: lo stile sarà sicuramente interessante, ma la storia cos'ha di rivoluzionario? Paesino dell'entroterra siciliano, protagonista una prostituta (che stereotipo...) e gli abitanti del paesino che vanno da lei. Eddai 😁 ❤️

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
40 minuti fa, Stefano Deda ha scritto:

 Il 90% dei manoscritti viene scartato al primo giro di lettura. Ad esempio, da 800 si passa subito a 80.

 

 

Comunque per chi diceva dell'originalità delle trame finaliste e menzionava La Dragunera: lo stile sarà sicuramente interessante, ma la storia cos'ha di rivoluzionario? Paesino dell'entroterra siciliano, protagonista una prostituta (che stereotipo...) e gli abitanti del paesino che vanno da lei. Eddai 😁 ❤️

Beh a me interesserebbe sapere se sono tra quegli ottanta superstiti o tra gli ottocento scartati. Ma poi @Stefano Deda è una deduzione tua o hai dati provati? Anch'io suppongo che sua così comunque.

Quanto alla trama, dimentichi il femminismo imperante degli ultimi anni, e dico in generale, non solo in letteratura: Elena di Sparta, Lei della Veladiano e altri titoli da cui si deduce che al centro delle trame c'è la figura di una donna, nelle sue varie sfaccettature. Il che secondo me già ti dà punti in più. Viceversa, se provassi a mettere personaggi misogini nel tuo romanzo... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Rescritto ha scritto:

Le schede di lettura le tengono vaghe di proposito così l'anno (l'hanno?) dopo partecipi ancora. Se ti fanno capire chiaramente che non è un buon testo probabilmente non partecipi, e addio soldini. Ci sarebbero la metà degli iscritti e quindi addio soldini. Secondo me la maggior parte degli scrittori serve solo a finanziare il premio. Non parteciperò più, a maggior ragione se ricevo una scheda che dice "bello ma...". Se è bello allora fammi vincere, non dire "ma", perché quel "ma" vuol dire che stai raccontando una palla solo per illudermi di avere qualche speranza e convincermi a partecipare di nuovo. I soldini da me non li rivecete più, ciao ciao

Secondo ne non c'è ragione che vogliano tenerti buono con schede vaghe, semplicemente perché, via te, ce ne sono pronti tanti altri a sostituirti, pagando l'iscrizione. Se guardi i numeri del Calvino, sono sempre in crescita. Nell'edizione dell'anno prossimo arriveranno a circa mille, e sicuramente saranno inondati da romanzi sul Covid e le quarantene. Quanto all "è bello, allora fatemi vincere o segnalatemi" avresti ragione se non si dessero un tetto di circa dieci finalisti e venti segnalati. Se partecipiamo in mille, il tuo può essere sicuramente un buon testo o anche più che buono, ma se non ne vogliono segnalare più di dieci, allora devi mettere in conto che ci possono essere almeno altri dieci partecipanti che ne hanno scritto uno ancora migliore. Quindi: trasparenza sui criteri. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Rescritto ha scritto:

Le schede di lettura le tengono vaghe di proposito così l'anno (l'hanno?) dopo partecipi ancora. Se ti fanno capire chiaramente che non è un buon testo probabilmente non partecipi, e addio soldini. Ci sarebbero la metà degli iscritti e quindi addio soldini. Secondo me la maggior parte degli scrittori serve solo a finanziare il premio. Non parteciperò più, a maggior ragione se ricevo una scheda che dice "bello ma...". Se è bello allora fammi vincere, non dire "ma", perché quel "ma" vuol dire che stai raccontando una palla solo per illudermi di avere qualche speranza e convincermi a partecipare di nuovo. I soldini da me non li rivecete più, ciao ciao

Idem cum patata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti! Avete visto che è già uscito il bando della trentaquattresima edizione? Si possono inviare le opere dal 6 luglio, scadenza il 19 ottobre. Quindi questa edizione e la prossima si accavallano!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ilaris

non aspetti le segnalazioni e la scheda?

Io sono già alla seconda partecipazione con due testi diversi, quindi non credo che parteciperei alla prossima edizione. Lo segnalavo perché questa edizione sarà molto lunga (nel senso che non ritengo la faccenda conclusa finché non riceverò la scheda), l'anno scorso l'ho ricevuta tardissimo, dopo il 15 agosto, quindi chissà quest'anno. Ma non mi aspettavo che aprissero così presto il nuovo bando.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Ilaris ha scritto:

Le schede dovrebbero arrivare entro la fine di luglio, non ricordo dove l'ho letto, lo dicevano proprio loro.

Anche l'anno scorso. Ma poi hanno avuto dei ritardi. Immagino che neanche quest'anno saranno puntuali, a maggior ragione con la proclamazione dei vincitori in ritardo di un mese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, ivalibri ha scritto:

Ciao a tutti! Avete visto che è già uscito il bando della trentaquattresima edizione? Si possono inviare le opere dal 6 luglio, scadenza il 19 ottobre. Quindi questa edizione e la prossima si accavallano!

Un'altra ondata di centinaia di migliaia di euro in arrivo 🤩 A parte gli scherzi, non parteciperò a quest'altra edizione, quindi il bando manco lo leggo. Penso di partecipare a quella ancora dopo, quindi alla 35esima (e sarà la seconda e ultima volta che partecipo però). Sempre se non mi scopre un editor Einaudi e pubblico prima, ovvio 😂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, Ilaris ha scritto:

@Stefano Deda

Te lo auguro e in bocca al lupo, ma temo si scomodino con gli esordienti 

Infatti mi chiedo perché tengano ancora le sezioni Invio manoscritti sui siti internet. Leggono verosimilmente solo i vincitori, i finalisti o i segnalati dei concorsi oppure quelli che vengono sottoposti loro dalle agenzie letterarie. E se proprio ci fanno qualcosa con i quintali di testi che arrivano sulle loro scrivanie, casomai è una sfogliata veloce

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ilaris mah, io penso che prima di cominciare con la nuova edizione sarebbe stato giusto conoscere i nomi dei finalisti di quella in corso. Poi è vero che ognuno a casa sua fa quello che vuole, ma con i soldi di altri, a quanto pare... A ogni modo, prima di esprimere ulteriori pareri, vediamo cosa accade nei prossimi due mesi, con i segnalati e con le schede di lettura. Quando l'avro' vista tutta, potrò formulare il giusto giudizio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×