Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite

Vicki Satlow Literary Agency

Post raccomandati

 

Auguri Hugo, al 90% dovrebbe andarti bene.

 

Se capiterà il restante 10% ti cito per danni!

 

In effetti io ti avrei fatto l' in bocca al lupo più che gli auguri...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Per curisoità volevo chiedere all'utente chiamato dalla Satlow, qual era il fine della telefonata? Non ho capito molto di tutta la questione.

 

Ha chiamato e infine ha concluso che vi riaggiornavate?

Ha chiamato, commentato e poi fatto gli auguri di buona vita?

Ha chiamato e detto che era interessata al tuo libro ma doveva finirlo o doveva consultarsi e poi ti avrebbe richiamato?

 

E' interessante vedere come funzioni a volte in questi casi.

 

Grazie e auguri.

 

Se leggi qualche riga più indietro ho descritto cosa è successo a me. Alla fine della chiamata Vicky ha detto che si sarebbe fatta sentire, non augurandomi una buona vita, bensì salutando come fanno certi estranei che si conoscono in una telefonata di quindici minuti.

 

Pensa, non ci crederai ma quella era proprio l'opzione che, alla lettera, ritenevo più improbabile.

No, avevo letto tutti i messaggi ma questo deve essersi perso alla mia attenzione.

Ho solo letto di una nebulosa telefonata, qualche mese prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ieri sera ho spedito biografia, sinossi e giusto una quindicina di pagine.

Subito dopo mi è arrivata una risposta automatica che spiegava la modalità di invio. Diceva di mandare l'intero scritto oltre alla biografia e sinossi.

Secondo voi devo rispedire o lasciare tutto così?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arrivata ieri sera risposta:Grazie stefania ma in questo momento mi sto limitando agli autori con cui ho già preso un impegno.

 

Non ho capito: ti hanno risposto dall'agenzia dicendo che al momento non leggono nulla?

:wah:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Arrivata ieri sera risposta:Grazie stefania ma in questo momento mi sto limitando agli autori con cui ho già preso un impegno.

 

Non ho capito: ti hanno risposto dall'agenzia dicendo che al momento non leggono nulla?

:wah:

 

A quanto pare! Non credo che si possa interpretare diversamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ragazzi. Allora io avevo mandato una mail qualche mese fa. Come risposta avevo ricevuto che non accettavano un elenco di generi ecc. E da lì, più niente, anche perché tra i generi che non prendevano in considerazione c'era anche il fantasy. Ieri, invece, ho ricevuto una seconda mail, dove mi viene detto che sono dispiaciuti, ma che preferiscono continuare il lavoro iniziato con gli autori contattati già da tempo.

Boh, ringrazio per la risposta, ma non riesco a capire, visto che la prima mail ricevuta parlava chiaramente che non erano interessati al fantasy. Forse hanno cambiato idea?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate ma a questo punto decade anche la collaborazione con la scuola di scrittura di Mattia Signorini. Sul sito diceva che i testi inviati in lettura (a pagamento) e reputati meritevoli, venivano inviati a Vicky Satlow. A questo punto è finita anche per loro (per il momento) ? Quindi il loro servizio diventa una semplice lettura a pagamento con scheda di valutazione che comunque è fine a se stessa? O mantengono il canale privilegiato con la Satlow?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ragazzi. Allora io avevo mandato una mail qualche mese fa. Come risposta avevo ricevuto che non accettavano un elenco di generi ecc. E da lì, più niente, anche perché tra i generi che non prendevano in considerazione c'era anche il fantasy. Ieri, invece, ho ricevuto una seconda mail, dove mi viene detto che sono dispiaciuti, ma che preferiscono continuare il lavoro iniziato con gli autori contattati già da tempo.

Boh, ringrazio per la risposta, ma non riesco a capire, visto che la prima mail ricevuta parlava chiaramente che non erano interessati al fantasy. Forse hanno cambiato idea?

Secondo me è una risposta preimpostata, inviata a tutti coloro che li hanno contattati, per metterli al corrente che non valutano altri manoscritti. Secondo me, quindi, non hanno cambiato idea sui fantasy, semplicemente sei capitato nel mucchio e hanno inviato la mail anche a te  :palp:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io avevo mandato il mio lavoro circa due mesi fa e nella mail automatica di risposta c'erano solo informazioni su cosa mandare e come mandarlo (sinossi, bio, estratto), ma nulla che indicasse uno stop nella sezione di lettura manoscritti per la rappresentanza...

 

:noo:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anch'io inviai poco più di due mesi fa e ricevetti la risposta automatica con le istruzioni d'invio. A quel punto ho inviato nuovamente tutto seguendo quelle specifiche ma poi più nulla, neanche a me è mai arrivata una comunicazione di stop o rifiuto.

Forse la stanno inviando solo a chi li ha contattati di recente per via di un cambio di politica aziendale appena operato. In ogni caso, passati tre mesi dall'invio il romanzo può considerarsi rifiutato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Claudio Piras Moreno

Hey, non giungete a conclusioni affrettate, secondo me la chiusura dell'invio manoscritti è chiusa solo temporaneamente. Il motivo è presto detto, anzi è da un po' di tempo che l'ho anticipato qui nel forum. Vicki ha fondato assieme ad Angela di Luciano una casa editrice che pubblica ebook, ovvero la Vanda epublishing, e quindi in questo periodo è talmente occupata che magari ha dovuto interrompere la valutazione di nuovi manoscritti. A breve sarà anche pronto il sito della casa editrice, circa a metà di questo mese, e forse lì verranno chiarite alcune cose. Per quanto riguarda la collaborazione con la Palomar, non vedo perché debba decadere solo perché è stata interrotta la ricezione dei nuovi manoscritti. Gli autori "mandati" dalla Palomar saranno già stati selezionati tra quelli che parteciperanno ai corsi, quindi... Tra la Palomar e Vicki c'è un rapporto di estrema fiducia, tant'è che il riferimento all'agenzia Satlow nel sito della scuola c'è ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Incredibile, dopo mesi (MESI) di attesa silenziosa, mi arriva la risposta che gli ultimi utenti hanno riportato.

 

Sono senza parole, peraltro se inviate una mail, vi viene risposto nuovamente con quella automatica dove è scritto che accettano manoscritti in lettura.

 

Sono sempre più scoraggiato francamente.

 

Gli editori non ti calcolano, le agenzie si comportano così.

 

Ma come si può chiedere una lettura a pagamento?! Ma è un insulto proprio in termini!

 

Mi paghi leggo, se hai scritto il romanzo del secolo allora ti rappresento...

 

Ci mancherebbe pure che poi ti ringrazio!

 

Però è inutile, l'unico modo che si ha, per avere la sicurezza di far leggere UNA OPERA INTERA e con ATTENZIONE è quello di sganciare il soldo.

 

Per gli esordienti c'è ben poco da sperare.

Gli esordienti hanno il diritto di produrre qualcosa che non rasenti la perfezione?

 

Non credevo fosse così questo "mondo", ma come ogni cosa, in Italia anche scrivere è riservato a pochi, soliti raccomandati.

 

Perchè non so voi, a me non basta "pubblicare" a caso, tanto per darmi un tono.

 

Questo dovrebbe essere un lavoro, qui sopra leggo spesso toni entusiastici per pubblicazioni di e-book o con piccolissimi editori che (comunque per miracolo) decidono di prenderti a carico per promuovere qualche copia senza una buona distribuzione.

 

Come può sperare un esordiente non raccomandato in Italia di fare il botto?

Per botto intendo botto, non vendere qualche copia.

 

Badate bene che non parlo per me, ma in linea generale.

Ci sarà qualcuno che ha scritto qualcosa d'imponente, ma che non troverà la soddisfazione che merita per i soliti motivi?

 

So che ora pioveranno fulmini e saette, ma mi interessa poco, sono proprio giù di morale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Incredibile, dopo mesi (MESI) di attesa silenziosa, mi arriva la risposta che gli ultimi utenti hanno riportato.

 

Sono senza parole, peraltro se inviate una mail, vi viene risposto nuovamente con quella automatica dove è scritto che accettano manoscritti in lettura.

 

Sono sempre più scoraggiato francamente.

 

Gli editori non ti calcolano, le agenzie si comportano così.

 

Ma come si può chiedere una lettura a pagamento?! Ma è un insulto proprio in termini!

 

Mi paghi leggo, se hai scritto il romanzo del secolo allora ti rappresento...

 

Ci mancherebbe pure che poi ti ringrazio!

 

Però è inutile, l'unico modo che si ha, per avere la sicurezza di far leggere UNA OPERA INTERA e con ATTENZIONE è quello di sganciare il soldo.

 

Per gli esordienti c'è ben poco da sperare.

Gli esordienti hanno il diritto di produrre qualcosa che non rasenti la perfezione?

 

Non credevo fosse così questo "mondo", ma come ogni cosa, in Italia anche scrivere è riservato a pochi, soliti raccomandati.

 

Perchè non so voi, a me non basta "pubblicare" a caso, tanto per darmi un tono.

 

Questo dovrebbe essere un lavoro, qui sopra leggo spesso toni entusiastici per pubblicazioni di e-book o con piccolissimi editori che (comunque per miracolo) decidono di prenderti a carico per promuovere qualche copia senza una buona distribuzione.

 

Come può sperare un esordiente non raccomandato in Italia di fare il botto?

Per botto intendo botto, non vendere qualche copia.

 

Badate bene che non parlo per me, ma in linea generale.

Ci sarà qualcuno che ha scritto qualcosa d'imponente, ma che non troverà la soddisfazione che merita per i soliti motivi?

 

So che ora pioveranno fulmini e saette, ma mi interessa poco, sono proprio giù di morale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hey, non giungete a conclusioni affrettate, secondo me la chiusura dell'invio manoscritti è chiusa solo temporaneamente. Il motivo è presto detto, anzi è da un po' di tempo che l'ho anticipato qui nel forum. Vicki ha fondato assieme ad Angela di Luciano una casa editrice che pubblica ebook, ovvero la Vanda epublishing, e quindi in questo periodo è talmente occupata che magari ha dovuto interrompere la valutazione di nuovi manoscritti. A breve sarà anche pronto il sito della casa editrice, circa a metà di questo mese, e forse lì verranno chiarite alcune cose. Per quanto riguarda la collaborazione con la Palomar, non vedo perché debba decadere solo perché è stata interrotta la ricezione dei nuovi manoscritti. Gli autori "mandati" dalla Palomar saranno già stati selezionati tra quelli che parteciperanno ai corsi, quindi... Tra la Palomar e Vicki c'è un rapporto di estrema fiducia, tant'è che il riferimento all'agenzia Satlow nel sito della scuola c'è ancora.

 

Claudio ammetto che hai portato una luce di speranza nella mia giornata ma su una cosa ti sbagli. Dici che i manoscritti che la Palomar propone alla Satlow sono quelli delle persone che frequentano i corsi della scuola. Errato.

 

I libri che la Palomar valuta se inviare all'agenzia sono quelli che vengono inviati in lettura, pagando la somma indicata sul sito (non è necessario fare i corsi). Quindi la mia domanda è se la Satlow per il momento è in pausa e io invio il mio manoscritto in lettura alla Palomar, ricevo la semplice scheda di valutazione ma non vengo più presa in considerazione per essere proposta a Vicky?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FrancoNote, mi trovi d'accordo su tutta la linea.

Io non ho ricevuto neanche questa risposta da VS.

In 4 mesi ho scritto a svariate agenzie e case editrici; l'unica che si è degnata di rispondermi è stata Silvia Meucci. Sono demoralizzatissimo. L'impressione è proprio quella di non essere mai presi in considerazione (soprattutto da coloro che garantiscono risposta anche negativa). E pensare che VS, essendo intervenuta come agenzia anche qui sul WD, mi aveva fatto un'ottima impressione di serietà...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questo forum è MERAVIGLIOSO, dico davvero, ma si ha sempre l'impressione che si ha un po' di paura ad andare a fondo con le angosce e le ansie che di sicuro ogni esordiente prova.

 

E' ingiusto attendere mesi per il nulla, increscioso che un'opera venga giudicata per venti pagine o per la melodia delle prime righe, quando magari andando più a fondo può celarsi l'immensità dell'universo.

 

Gente che ti manda via per una sinossi (che è già tutto dire), altri che nemmeno ti calcolano per il tempo di un parto.

 

Tutto giustificato in nome del "ma ne arrivano migliaia e migliaia".

 

Poi alla fine arriva la letterina oca e pubblica con Mondadori le proprie ultime scopate.

 

Smettiamola di prenderci in giro, sono certo che chi ha la possibilità di conoscere direttamente le persone che contano, pubblica (quasi) qualunque cose.

 

Agli altri non rimane che vivere sconcerto e illusione.

 

Mi chiedo che senso ha definirsi scrittori, perchè un editore piccolo in una qualsiasi regione piazza nella libreria adiacente a casa 50 volumi acquistabili dai parenti e sentirsi fieri perchè non si è sganciato moneta.

 

Per me è come sentirsi pubblicati a pagamento, nessuna soddisfazione a meno che io non ritenga di aver scritto un Harmony e allora tutto fa brodo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eh vaiii Franco, sfogati. :blowup:

 

 

 

Propongo Franco  " Ministro della difesa".

 

Scherzi a parte,

comprendo benissimo il tuo stato d'animo.

 

Son d'accordo sopratutto sulle "veline" .

 

Aspetteremo con ansia il prossimo Best Seller di Belen. :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Hey, non giungete a conclusioni affrettate, secondo me la chiusura dell'invio manoscritti è chiusa solo temporaneamente. Il motivo è presto detto, anzi è da un po' di tempo che l'ho anticipato qui nel forum. Vicki ha fondato assieme ad Angela di Luciano una casa editrice che pubblica ebook, ovvero la Vanda epublishing, e quindi in questo periodo è talmente occupata che magari ha dovuto interrompere la valutazione di nuovi manoscritti. A breve sarà anche pronto il sito della casa editrice, circa a metà di questo mese, e forse lì verranno chiarite alcune cose. Per quanto riguarda la collaborazione con la Palomar, non vedo perché debba decadere solo perché è stata interrotta la ricezione dei nuovi manoscritti. Gli autori "mandati" dalla Palomar saranno già stati selezionati tra quelli che parteciperanno ai corsi, quindi... Tra la Palomar e Vicki c'è un rapporto di estrema fiducia, tant'è che il riferimento all'agenzia Satlow nel sito della scuola c'è ancora.

 

Claudio ammetto che hai portato una luce di speranza nella mia giornata ma su una cosa ti sbagli. Dici che i manoscritti che la Palomar propone alla Satlow sono quelli delle persone che frequentano i corsi della scuola. Errato.

 

I libri che la Palomar valuta se inviare all'agenzia sono quelli che vengono inviati in lettura, pagando la somma indicata sul sito (non è necessario fare i corsi). Quindi la mia domanda è se la Satlow per il momento è in pausa e io invio il mio manoscritto in lettura alla Palomar, ricevo la semplice scheda di valutazione ma non vengo più presa in considerazione per essere proposta a Vicky?

 

 

marilyn, suvvia io non capisco certi interventi.

veniamo dal morto e ci dicono che è vivo.

 

leggo diverse elucubrazioni qui sopra... ma attenersi a fatti, atti e opere piuttosto che a pensieri, parole e omissioni no?

 

queste risposte sono arrivate in questi giorni, a che serve crearsi dinamiche fantasiose in testa?

 

sta storia dell'editing, delle letture, dei servizi a pagamento, di quello che poi dice a quell'altro che va bene, però intanto si intasca i soldi (cioè tu HAI LAVORATO e invece di essere pagato DEVI PAGARE?! O_O) a me fa letteralmente vomitare!

 

non vedo come si possa essere pacati, neutrali o sibillini  (non mi riferisco a te, non fraintendermi!!!) dinanzi a questo vero e proprio cartello.

 

poi arriva caio che conosce tizio tramite sempronio e salta tutte queste chiacchiere.

 

ovviamente nessuno saprà mai niente dei modi e dei perchè ed eccoti qui l'improvvisato scrittore emergente che venderà mila e mila copie con i principali editori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Franco io di base sono d'accordo con te, ossia io un lavoro già ce l'ho e mi va benissimo. Ecco perché anche per me la soddisfazione sarebbe essere pubblicata da una grande casa editrice, tutto il resto lo lascio perdere ma non perché ci sia qualcosa di male ad essere pubblicati con una casa editrice piccola, ma semplicemente non corrisponde al mio "sogno" (chiamiamolo così). Io a differenza di te, però, non sono pessimista...sto elaborando il mio piano d'azione e lo sto facendo da tempo. 

 

Detto questo. La scuola Palomar è gestita da persone serissime e nella pagina della valutazione manoscritti c'è scritto appunto che i libri meritevoli (sempre secondo i loro criteri) vengono consegnati a Vicky Satlow. Mi sembrava lecito chiedermi cosa accadrà ora che la Satlow non legge più nuovi manoscritti. Cosa che tra l'altro trovo sacrosanta.  Se noi fossimo rappresentati da lei saremmo felici di sentire che si occuperà di più di promuovere noi anziché impiegare tempo a leggere altri manoscritti. In fin dei conti è un suo diritto e il mondo è pieno di agenti :)

 

Mi sembra anche sensato ciò che dice Claudio, ossia che potrebbe trattarsi solo di una disposizione momentanea e poi ricomincerà a riceverli. Io non mi fascio la testa prima di rompermela, appena finirò di scrivere il romanzo, valuterò la cosa migliore da fare. Mi dispiace ma non riesco ad essere sfiduciata, né mi sento un'illusa. In questi casi non si può mai sapere. E poi sono troppo giovane per sentirmi senza via d'uscita :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

purtroppo Marilyn questo è un atteggiamento italiano che ci ha portati dove siamo arrivati.

 

coltivare il "proprio orticello" dando pacche sulle spalle agli altri (tanto in fin dei conti "chi se ne frega con tutto il bene che ti voglio".

 

bisognerà però trovarsi nei panni di chi ha già vissuto la tua fase e ora a distanza di mesi si ritrova in questo stato d'animo.

 

io purtroppo non essendo per nulla diplomatico, non approvo affatto il business che si è costruito intorno a questo mondo.

 

sta storia della scuola che "si intromette" (chissà perchè) nel meccanismo a me non va giù affatto e voglio gridare la mia opinione.

 

ma che è sta storia che "sono seri"!?

ma che significa?!

ci mancherebbe che chi lavora non fosse serio... non è una qualità è un dovere!

 

non si paga per la serietà si paga per il lavoro che fai.

è il lavoro che deve essere serio e di qualità, non la persona, la persona è costretta a esserlo.

 

c'è soltanto un modo per spaccare sistemi e cartelli: lottarci contro, non coltivare l'orticello.

 

altrimenti non ci sono speranza.

 

io credo che chiunque chieda un euro (che sia serio, intelligente, geniale, professionale, blàblàblà e sticavoli), non aiuta l'arte.

 

chi deve pagare è chi ne usufruisce, come ovunque è.

 

ma ovviamente in italia l'assurdo diventa normale e quando il danno è fatto non c'è modo per contrastarlo.

 

imho

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Franco però che sia chiaro che non è necessario passare per la scuola per arrivare alla Satlow, infatti la mail standard dice:

 

Per inviare in lettura un testo inedito ci sono due possibilità:

 

  • Spedirlo all’indirizzo info@vickisatlow.com con una biografia, una breve sinossi che non superi i 1500 caratteri e i propri dati personali con il numero di telefono, il tutto in un unico file. Si prega in questo caso di non telefonare né scrivere ulteriori email per sincerarsi dell’avvenuta ricezione. Non forniamo schede di lettura né altro tipo di valutazione. In caso di parere positivo sarete ricontattati entro sei mesi. Se dopo sei mesi dalla ricezione del testo non sarete ricontattati, l’opera è da considerare rifiutata;

 

  • Se desiderate ricevere una lettura critica approfondita entro un mese potete usufruire del servizio a pagamento diValutazione Dattiloscritti offerto dalla scuola Palomar (www.scuolapalomar.it), che ha un rapporto esclusivo di scouting con l’Agenzia Letteraria Vicki Satlow. Tutti i romanzi meritevoli di attenzione saranno proposti all’Agenzia Letteraria Vicki Satlow per una lettura prioritaria.

È solo un'opzione per chi volesse un parere professionale, tutto qui. :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eh marilyn, guarda caso infatti ho scritto tutto quello che ho scritto perchè dopo mesi di attesi, la risposta ricevuta dice ben altro.

 

altrimenti non sarei qui ti pare ;)?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La risposta che tu hai ricevuto dice che ora l'agente è troppo occupata per leggere altri inediti, non dice "Vai da Palomar che ci faccio un pensierino". Se ha da fare, ha da fare...accettiamolo no?  :flower:  Prima o poi si libererà e magari chi ha già inviato avrà la priorità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Senza andare tanto lontano, Claudio è rappresentato dalla Satlow ma non mi pare sia il figlio di Berlusconi...è un autore alla pari di altri (nel senso che non credo sia parente di gente famosa) :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Speranze e fantasie? Claudio è una persona in carne ed ossa...e non spera di essere rappresentato da Vicky Satlow ma È rappresentato da Vicky Satlow = se lavori bene e perseveri ce la fai anche senza raccomandazioni e te lo dice una che viene da una famiglia normalissima e il suo primo articolo l'ha pubblicato su una rivista Mondadori quando aveva 17 anni. Parlo di fatti, persone comuni che ce la fanno con impegno. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

primo articolo pubblicato?

O_O

 

qui si sta parlando di libri marilyn e per quello che sto percependo sui libri leggo di fantasia e speranza e continuo a rimanere delle mie idee.

 

per quanto mi riguarda il "perseverare" non deve far parte del lavoro dello scrittore di libri.

 

questo termine mi puzza abbondantemente.

 

 

questo è un paese anormale dove anche a causa del nostro inconscio, tutto continua ad andare peggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×