Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Gabriele Valenza

Le quattro perle di Boston Hook

Post raccomandati

41qr5XYgbhL.jpg

Titolo: Le quattro perle di Boston Hook: una raccolta di racconti straordinari
Autore: Gabriele Valenza
Casa editrice: Autopubblicato con Kindle Direct Publishing
ASIN: B07MFLF9S1

Data di pubblicazione: 7/01/2019
Prezzo: 2,00€ (disponibile solo in versione e-book)

Genere: Narrativa letteraria

Pagine: 91

(Estratto del primo racconto)

PASSEGGIATA NOTTURNA

 

Ciao, tesorino. No, non voltarti o ti ammazzo. Continua a camminare, così, da brava. Ho detto non voltarti, cazzo. Quella che senti contro la tua schiena è la canna della mia pistola. Sì, esatto, ho una pistola. Non fermarti e non voltarti indietro. Hai delle bellissime gambe, devo dirtelo; proprio bellissime. Se non fosse stato per le tue gambe, giuro, non ti avrei seguita. Non potevo farmi sfuggire questa occasione. Insomma, è l'una di notte e in giro non c'è anima viva: la serata perfetta. Ho detto non voltarti, porca puttana. Non voglio ammazzarti. Fa' come ti dico e vivrai. Non piangere, merda... Sta' calma, prendi un fazzoletto e asciugati gli occhi o ti colerà il mascara lungo le guance, e io non voglio che il tuo viso appaia come quello di un pagliaccio poco divertente. Ecco, così, da brava, fai due bei respiri e asciugati quelle cazzo di lacrime. Sono stati i tuoi tacchi ad attirare la mia attenzione. I tuoi tacchi si sentono a distanza, soprattutto stasera, che fa freddo e non c'è nessuno in giro, a parte me, ovviamente. Tu non mi hai nemmeno degnato di uno sguardo, sai? È una cosa troppo buffa, troppo. Se solo mi avessi visto, penso che avresti capito e ti saresti nascosta in qualche pub o magari dentro un Burger King, quelli chiudono tardi. Invece mi sei passata davanti, tu e le tue bellissime gambe e i tuoi tacchi rumorosi, e, Cristo, non ho resistito. Tutto un incredibile caso, non avrei dovuto avere il ferro con me, non stasera, comprendi? Invece ce l'ho e adesso lo tengo premuto contro la tua schiena e se fai cazzate ti sparo. Continua a camminare, ora vai a destra, sì, perfetto, verso il parco che si trova subito dopo la chiesa. Ho detto non piangere, cazzo. Se qualcuno, ascoltami, se qualcuno dovesse incrociarci e vederti piangere... Ho dodici proiettili, a quante persone vuoi far pagare il prezzo della tua leggerezza? Ho detto non voltarti! Hai un buon profumo, questo non potevo saperlo, è una piacevole sorpresa, e i tuoi capelli non mi erano parsi così lucenti, non da lontano. Anche le tue orecchie mi piacciono, piccoline ma ben formate, le leccherò più tardi. Non affrettare il passo, non provarci nemmeno a fare la furba. Credi che mi faccia problemi a bucarti la schiena? Tu credi davvero... Continua a camminare, e rallenta, cazzo, non ci insegue nessuno. Abbiamo tutta la notte, tutta per noi due. Certo che hai fegato, devo concedertelo. Camminare tutta sola, a quest'ora della notte, in questo quartiere così brutto. A cosa pensavi? Credevi che nessuno ti avrebbe notata? Che nessuno avrebbe udito i tuoi tacchi sull'asfalto? Ma non li senti i telegiornali? Questa cosa è troppo buffa, davvero, troppo. Fermati un attimo, lasciamo passare quella coppia. Non fare un fiato o mi costringerai a... Ho dodici proiettili, ricordalo. Bene, ora riprendi a camminare.

Link all'acquisto: https://www.amazon.it/dp/B07MFLF9S1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×