Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

asso78

mirtilla la gatta volante e i litigi

Post raccomandati

MIRTIIIIIIIIIII! SVEGLIAAAAAAAAAA”, urlò Marcella dal piano di sotto.

 

La gatta volante si alzò pigramente stiracchiandosi e ancora mezza assonnata, scese di sotto dove, come sempre, trovò Marcella contrariata: “Che c’è?”, chiese la gatta.

 

“Bisogna andare a prendere il latte alla fattoria di Ofelio, siamo senza!”

 

“Ma uffi! È domenica oggi…!”, provò a ribattere la gatta, ma vedendo l’espressione contrariata di Marcella si vestì e corse (o meglio volò) da Ofelio che, per fortuna, non distava molto dalla loro casa.

 

“Buongiorno Ofelio, son qui per il latte di Marcella”, disse la gatta.

 

“Buongiovno Mivtilla, ancova devo mungevlo. Devi attendeve 10 minuti”, rispose Ofelio con la sua caratteristica erre moscia;

così la gatta nell’attesa si sedette per terra appoggiandosi al muro di legno della stalla. A un certo punto si sentì toccare sulla spalla, quando si voltò vide una capretta che la stava osservando, subito seguita da un’altra e da una terza: “Buongiorno, io sono Mirtilla gatta volante e voi chi siete?”

 

“Io sono Orazio”, rispose la prima piu bassa di tutte.

 

“Io Dalmazio”, rispose la seconda alta a metà

 

“Io sono Pancrazio”, rispose la terza piu alta di tutte.

 

“Non veniamo dallo spazio”, aggiunse la prima.

 

“Non viviamo nel Lazio”, ribattè la seconda.

 

“E non siamo uno strazio”, concluse la terza.

 

“Ma che dite?”, rispose Mirtilla stupita.

 

“Ci fanno sempre le rime sui nostri nomi, cosi le preveniamo”, rispose una delle tre.

 

“Ah, capisco orazio…”

 

“No, sono Dalmazio, Orazio è lui”

 

“Ah si, scusa Dalmazio… Piacere di conoscerti!”

 

“No, io sono Pancrazio, lui è Dalmazio!”

 

Mirtilla sempre più in confusione chiese: “Ma siete fratelli?”

 

“Oh bella, che non si vede? Siamo uguali!”, disse Dalmazio.

 

“Parla per te! Io sono piu bello!”, rispose Orazio.

 

“Non esiste proprio, io sono il migliore di tutti!”, disse Pancrazio.

 

“Pancrazio sei sempre il solito!”, disse Orazio.

 

“Sì, certo Sono il più bello!”, disse Dalmazio interrompendoli.

 

“NO, IL PIU’ BELLO SONO IO!”, urlò Pancrazio.

 

“No! Io!”

 

“Noooo, ioooo!!!”, e iniziarono a litigare furiosamente spaventando Mirtilla, che odiava i litigi. Così, nel tentativo di farli smettere decise di inventarne una delle sue, con una magia e un PUFF li separò con un grande muro di legno che apparve tra ciascuno di loro.

 

I tre fratelli, stupiti di essere stati separati in quel modo, smisero subito di litigare ed iniziarono a piagnucolare:

 

“No Mirtilla…”, disse  Orazio.

 

“Rimettici assieme!”, rispose Pancrazio.

 

“Ci sentiamo soli!” pianse Dalmazio

 

“No, finché non la smetterete di litigare e vi chiederete scusa, resterete separati!”

 

“Scusa Orazio!”

 

“Scusa Dalmazio!”

 

“Scusa Pancrazio!”

 

Mirtilla fece sparire i muri e i tre fratelli si riabbracciarono commossi:

 

“A volte litighiamo”, disse Orazio,

 

“Ma ci vogliamo bene” disse a sua volta Pancrazio,

 

“E separati non possiamo stare!”, concluse con aria affranta Dalmazio.

 

“Bene, ma che non si ripeta più, litigare con i propri fratelli è bruttissimo bisogna aiutarsi e volersi bene ok?”

 

“Promesso!”, disse Orazio.

 

“Promesso!”, gli rispose Pancrazio.

 

“Giuro!”, rispose Dalmazio.

 

In quel momento Ofelio urlò: “Mivti il tuo latte è pvonto!”.

 

“Grazie Ofelio!”, Mirtilla prese la sua bottiglia e volò via tornando da Marcella che come sempre la stava aspettando scocciata per il suo ritardo: “Ma possibile che fai sempre tardi???”.

 

Mirtilla le raccontò le sue avventure di oggi e la sua buona azione, alché

Marcella rispose: “Sei stata brava anche oggi, ma cosa hai imparato da questa storia?”

 

“Che i fratelli devono volersi bene ed aiutarsi sempre, peccato che io non

ne abbia nessuno”, si dispiacque Mirtilla.

 

Marcella la abbracciò e le disse: “Ma tu hai me, e ci vogliamo bene come sorelle!”. Così dicendo, la abbracciò e la baciò forte, tanto forte che la bottiglia di latte, le cadde in terra e si ruppe in mille pezzi, facendo un gran

disastro. Ma Mirtilla era già volata via come un fulmine, proprio per evitare di litigare tra sorelle.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento di Moderazione:

 

@asso78 Il tuo commento non è sufficiente per la pubblicazione di un racconto. Se ne farai uno più esaustivo e completo (puoi seguire lo schema presente nel Regolamento, se vuoi), inviamene il link e riaprirò il racconto. :)

Chiudo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno @asso78 :) ecco una nuova avventura di Mirtilla, vado a leggere.

Manca la maiuscola di Mirtilla nel titolo.

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

MIRTIIIIIIIIIII! SVEGLIAAAAAAAAAA”

hai scordato di aprire le virgolette

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

scese di sotto dove, come sempre, trovò Marcella contrariata:

Marcella è sempre contrariata? 

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

ma vedendo l’espressione contrariata di Marcella

cerca un sinonimo di contrariata, l'hai usato poco sopra

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

caratteristica erre moscia;

metterei un punto al posto di punto e virgola per concludere il periodo

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

così la gatta nell’attesa si sedette per terra appoggiandosi al muro di legno della stalla.

riformulerei, ti faccio una proposta: Mirtilla si sedette per terra, appoggiò la schiena al muro di legno della stalla e chiuse gli occhi: nell'attesa avrebbe preso il sole/ avrebbe schiacciato un pisolino.

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

A un certo punto si sentì toccare sulla spalla

sostituirei a un certo punto con all'improvviso

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

subito seguita da un’altra e da una terza:

il verbo seguire esprime movimento, mentre osservare staticità; capisco cosa vuoi dire, ma credo proprio che sia un'influenza dialettale. Potresti mettere: al fianco della prima ce n'era una seconda e al fianco della seconda ce n'era una terza.

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

io sono Mirtilla gatta volante e voi chi siete?

metterei la davanti a gatta, non so se ti è sfuggito o se è una scelta, ma visto che lo usi anche nel titolo lo userei sempre

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“Ci fanno sempre le rime sui nostri nomi, cosi le preveniamo”, rispose una delle tre.

è molto carina la parte delle caprette, fa proprio sorridere :)

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“Ah, capisco orazio…”

hai scordato la maiuscola di Orazio

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“Ah si, scusa Dalmazio

Ah, , scusa Dalmazio. 

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“Non esiste proprio,

questa espressione mi lascia un po' sorpresa, non credo sia un'espressione da bambini di questa età, troverei qualcosa di diverso e che magari sia più legato al mondo dell'infanzia o della fattoria

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“Pancrazio sei sempre il

virgola dopo Pancrazio

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“NO, IL PIU’ BELLO SONO IO!”, urlò Pancrazio.

non c'è bisogno del tutto maiuscolo, perché specifichi già urlò. La ù maiuscola la puoi inserire dalla barra di word inserisci, carattere speciale

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

stupiti di essere stati separati in quel modo,

cercherei un sinonimo per separare che hai usato anche sopra

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

ed iniziarono a piagnucolare

ti è scappata una d

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“No Mirtilla…”, disse  Orazio.

virgola dopo no

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

tilla fece sparire i muri e i tre fratelli si riabbracciarono commossi:

aggiungerei uno schiocco di dita, un giro di coda, qualsiasi cosa che faccia capire che sta accadendo una magia

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

non si ripeta più, litigare con i propri fratelli è bruttissimo bisogna aiutarsi e volersi bene ok?”

metterei due punti dopo litigare e virgola dopo bene

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“Promesso!”, gli rispose Pancrazio

fagli dire una cosa diversa a lui

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

arcella che come sempre la stava aspettando scocciata

o contrariata o scocciata? Ma poverina!

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

“Ma possibile che fai

Metterei: Ma è mai possibile

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

le sue avventure di oggi

sostituirei di oggi con della giornata, mattinata, alla fattoria... altro insomma. Oggi esprime il concetto di presente, mentre il tuo racconto è al passato e questa frase nello specifico è un discorso indiretto, non puoi, quindi, cambiare il tempo verbale.

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

Che i fratelli devono volersi bene ed aiutarsi sempre,

mi sembra che Mirtilla lo sapesse già questo, è stata proprio lei a dirlo e innalzare i muri perché le caprette non litigassero. Metterei un punto dopo sempre

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

e ci vogliamo bene come sorelle!”

aggiungerei un noi prima di ci

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

la abbracciò e la baciò forte,

sono già abbracciate dall'inizio della frase

Il 1/4/2019 alle 00:47, asso78 ha detto:

nto forte che la bottiglia di latte, le cadde in

toglierei la virgola

La trama è sempre carina, lineare e tenera, ma trovo che questo esplicitare la morale così tanto abbia un po' rovinato il finale. Insomma, i fratelli non possono non litigare, te lo dico da sorella, è matematicamente impossibile, ma si vogliono un gran bene. Falle imparare altro, che ne so, che le caprette non vengono dal Lazio. 

Ciao @asso78 grazie della lettura :sss:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Kikki ha detto:

Buongiorno @asso78 :) ecco una nuova avventura di Mirtilla, vado a leggere.

Manca la maiuscola di Mirtilla nel titolo.

hai scordato di aprire le virgolette

Marcella è sempre contrariata? 

cerca un sinonimo di contrariata, l'hai usato poco sopra

metterei un punto al posto di punto e virgola per concludere il periodo

riformulerei, ti faccio una proposta: Mirtilla si sedette per terra, appoggiò la schiena al muro di legno della stalla e chiuse gli occhi: nell'attesa avrebbe preso il sole/ avrebbe schiacciato un pisolino.

sostituirei a un certo punto con all'improvviso

il verbo seguire esprime movimento, mentre osservare staticità; capisco cosa vuoi dire, ma credo proprio che sia un'influenza dialettale. Potresti mettere: al fianco della prima ce n'era una seconda e al fianco della seconda ce n'era una terza.

metterei la davanti a gatta, non so se ti è sfuggito o se è una scelta, ma visto che lo usi anche nel titolo lo userei sempre

è molto carina la parte delle caprette, fa proprio sorridere :)

hai scordato la maiuscola di Orazio

Ah, , scusa Dalmazio. 

questa espressione mi lascia un po' sorpresa, non credo sia un'espressione da bambini di questa età, troverei qualcosa di diverso e che magari sia più legato al mondo dell'infanzia o della fattoria

virgola dopo Pancrazio

non c'è bisogno del tutto maiuscolo, perché specifichi già urlò. La ù maiuscola la puoi inserire dalla barra di word inserisci, carattere speciale

cercherei un sinonimo per separare che hai usato anche sopra

ti è scappata una d

virgola dopo no

aggiungerei uno schiocco di dita, un giro di coda, qualsiasi cosa che faccia capire che sta accadendo una magia

metterei due punti dopo litigare e virgola dopo bene

fagli dire una cosa diversa a lui

o contrariata o scocciata? Ma poverina!

Metterei: Ma è mai possibile

sostituirei di oggi con della giornata, mattinata, alla fattoria... altro insomma. Oggi esprime il concetto di presente, mentre il tuo racconto è al passato e questa frase nello specifico è un discorso indiretto, non puoi, quindi, cambiare il tempo verbale.

mi sembra che Mirtilla lo sapesse già questo, è stata proprio lei a dirlo e innalzare i muri perché le caprette non litigassero. Metterei un punto dopo sempre

aggiungerei un noi prima di ci

sono già abbracciate dall'inizio della frase

toglierei la virgola

La trama è sempre carina, lineare e tenera, ma trovo che questo esplicitare la morale così tanto abbia un po' rovinato il finale. Insomma, i fratelli non possono non litigare, te lo dico da sorella, è matematicamente impossibile, ma si vogliono un gran bene. Falle imparare altro, che ne so, che le caprette non vengono dal Lazio. 

Ciao @asso78 grazie della lettura :sss:

mi hai dato delle ottime idee vado a correggerla subito,sto per firmare per una casa editrice per queste fiabe e ogni abbellimento è ben accetto grazie!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Kikki ha detto:

Buongiorno @asso78 :) ecco una nuova avventura di Mirtilla, vado a leggere.

Manca la maiuscola di Mirtilla nel titolo.

hai scordato di aprire le virgolette

Marcella è sempre contrariata? 

cerca un sinonimo di contrariata, l'hai usato poco sopra

metterei un punto al posto di punto e virgola per concludere il periodo

riformulerei, ti faccio una proposta: Mirtilla si sedette per terra, appoggiò la schiena al muro di legno della stalla e chiuse gli occhi: nell'attesa avrebbe preso il sole/ avrebbe schiacciato un pisolino.

sostituirei a un certo punto con all'improvviso

il verbo seguire esprime movimento, mentre osservare staticità; capisco cosa vuoi dire, ma credo proprio che sia un'influenza dialettale. Potresti mettere: al fianco della prima ce n'era una seconda e al fianco della seconda ce n'era una terza.

metterei la davanti a gatta, non so se ti è sfuggito o se è una scelta, ma visto che lo usi anche nel titolo lo userei sempre

è molto carina la parte delle caprette, fa proprio sorridere :)

hai scordato la maiuscola di Orazio

Ah, , scusa Dalmazio. 

questa espressione mi lascia un po' sorpresa, non credo sia un'espressione da bambini di questa età, troverei qualcosa di diverso e che magari sia più legato al mondo dell'infanzia o della fattoria

virgola dopo Pancrazio

non c'è bisogno del tutto maiuscolo, perché specifichi già urlò. La ù maiuscola la puoi inserire dalla barra di word inserisci, carattere speciale

cercherei un sinonimo per separare che hai usato anche sopra

ti è scappata una d

virgola dopo no

aggiungerei uno schiocco di dita, un giro di coda, qualsiasi cosa che faccia capire che sta accadendo una magia

metterei due punti dopo litigare e virgola dopo bene

fagli dire una cosa diversa a lui

o contrariata o scocciata? Ma poverina!

Metterei: Ma è mai possibile

sostituirei di oggi con della giornata, mattinata, alla fattoria... altro insomma. Oggi esprime il concetto di presente, mentre il tuo racconto è al passato e questa frase nello specifico è un discorso indiretto, non puoi, quindi, cambiare il tempo verbale.

mi sembra che Mirtilla lo sapesse già questo, è stata proprio lei a dirlo e innalzare i muri perché le caprette non litigassero. Metterei un punto dopo sempre

aggiungerei un noi prima di ci

sono già abbracciate dall'inizio della frase

toglierei la virgola

La trama è sempre carina, lineare e tenera, ma trovo che questo esplicitare la morale così tanto abbia un po' rovinato il finale. Insomma, i fratelli non possono non litigare, te lo dico da sorella, è matematicamente impossibile, ma si vogliono un gran bene. Falle imparare altro, che ne so, che le caprette non vengono dal Lazio. 

Ciao @asso78 grazie della lettura :sss:

Mirtilla le raccontò le sue avventure della giornata e la sua buona azione, dopodiché Marcella rispose: “Sei stata brava anche stavolta, ma cosa hai imparato da questa storia?”

 

“Che i fratelli a volte litigano tra di loro ma che si vogliono tanto bene lo stesso, peccato però che io non ne abbia nessuno”, si dispiacque Mirtilla.

 

Marcella le disse dolcemente: “Ma tu hai me, e noi ci vogliamo bene come sorelle”.

Così dicendo, la abbracciò e la baciò forte, tanto forte che la bottiglia di latte le sfuggì dalla zampa, le cadde in terra e si ruppe in mille pezzi, facendo un gran disastro.

 

ho corretto cosi e in effetti mi piace di piu :) grazie :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
56 minuti fa, asso78 ha detto:

sto per firmare per una casa editrice per queste fiabe e ogni abbellimento è ben accetto grazie!!

Bene sono molto contenta! :sss:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@asso78 ho appena finito di leggere Gattivolanti di Ursula K. Le Guin, mi ha fatto venire in mente Mirtilla, leggilo se riesci, ne vale la pena :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il racconto è molto simpatico, per tutto il tempo sono stato con il sorriso. Gli animali che parlano non vanno più di moda da molto tempo ma è un peccato perchè io ho sempre creduto che gli animali possano insegnare molto. Questo racconto se pur breve mette una grande allegria, un personaggio positivo come quello di Mirtilla che risolve le cose, aiuta gli altri, è una sorte di superoina che durante le sue commissioni come in questo caso, risolve i problemi della gente, facendo una sola e semplice cosa: parlare e rassicurare e unire che è la cosa più fondamentale per rimanere vivi e connessi con il mondo. Questo racconto mi ha davvero risollevato l'umore. Personaggio super positivo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, Kikki ha detto:

@asso78 ho appena finito di leggere Gattivolanti di Ursula K. Le Guin, mi ha fatto venire in mente Mirtilla, leggilo se riesci, ne vale la pena :)

ho inviato le fiabe alla casa editrice per la pubblicazione con le tue correzioni nel caso se ti farà piacere te ne farò avere una copia :)  grazie mille

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
27 minuti fa, Gianlucamericano ha detto:

Il racconto è molto simpatico, per tutto il tempo sono stato con il sorriso. Gli animali che parlano non vanno più di moda da molto tempo ma è un peccato perchè io ho sempre creduto che gli animali possano insegnare molto. Questo racconto se pur breve mette una grande allegria, un personaggio positivo come quello di Mirtilla che risolve le cose, aiuta gli altri, è una sorte di superoina che durante le sue commissioni come in questo caso, risolve i problemi della gente, facendo una sola e semplice cosa: parlare e rassicurare e unire che è la cosa più fondamentale per rimanere vivi e connessi con il mondo. Questo racconto mi ha davvero risollevato l'umore. Personaggio super positivo

troppo buono grazie...........si mirtilla è cosi in ogni storia ho cercato di metterci un messaggio positivo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
54 minuti fa, asso78 ha detto:

ho inviato le fiabe alla casa editrice per la pubblicazione con le tue correzioni nel caso se ti farà piacere te ne farò avere una copia :)  grazie mille

ne sarei onoratissima :) Grazie mille a te :sss:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Il 31/3/2019 alle 23:47, asso78 ha detto:

ma vedendo l’espressione contrariata di Marcella si vestì


Forse mi sono perso qualcosa... La gatta ha pure un vestito, oltre che le ali?

Ho letto che ti sono state fatte notare delle piccole imperfezioni quindi non mi ripeterò inutilmente e sembra anche tu abbia già corretto.

E' una storia simpatica. Sono comunque d'accordo con quello che ti è stato detto al proposito, ossia che esplicitare la morale rovina un po' la fine. Sono però scelte.
In bocca al lupo per la firma con la casa editrice.

A presto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Mattia Alari ha detto:


Forse mi sono perso qualcosa... La gatta ha pure un vestito, oltre che le ali?

Ho letto che ti sono state fatte notare delle piccole imperfezioni quindi non mi ripeterò inutilmente e sembra anche tu abbia già corretto.

E' una storia simpatica. Sono comunque d'accordo con quello che ti è stato detto al proposito, ossia che esplicitare la morale rovina un po' la fine. Sono però scelte.
In bocca al lupo per la firma con la casa editrice.

A presto

si certo ho cercato di renderla abbastanza umana per quanto mi è stato possibile........riguardo alla trama l'ho corretta come im è stato suggerito e la storia in effetti è risultata piu gradevole e cosi l'ho inviata alla casa editrice dovrei essere pubblicato ad inizio giugno,ne sonomolto felice di ciò non me lo aspettavo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×