Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

mina99

[LP 1] Padre, aspettami

Post raccomandati

Commento

Traccia 3

 

Padre, aspettami:

Troppo a lungo

Ho vagato

Senza te.

 

Credevo di averti al mio fianco,

Di essere lo strumento e la voce

Ma mi sbagliavo

E mi hai punito.

 

Padre, aspettami,

Perché sto venendo da te.

Non ho bisogno di bussole e carte

Perché la tua terra è oltre.

 

Padre, aspettami:

Il corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

 

Padre, sono a casa

Tra spiagge nere

E cascate fumanti

E acqua bollente.

 

Ora che sono con te, padre,

Ora so. Ora vedo te,

E tu vedi me. Ora, padre, sono in

Pace.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di certo è un ottimo lampo per il temporale di poesia che si prospetta! 

 

Io non sono bravo a giudicare componimenti così personali, perché alle volte trovo che diventino un po' troppo soggettivi. Qui, però, ci sono delle suggestioni che lasciano intendere che si è andati oltre il semplice comunicare un sentimento.

Un viaggio era forse una scelta facile, ma proprio per questo così difficile da rendere e considerato che nasce da un'immagine, ci vuole non poca fantasia per camminare in essa. Ci sono suggestioni importanti ed evocative, che penso arrivino proprio dalla natura nordica del paesaggio della traccia e questo lo penso per i corvi per esempio o anche il semplice concetto di viaggio. Bella anche l'idea di liberarsi di "bussola e carte" per raggiungere un luogo che pare così fantastico, che sembra una descrizione magica dell'Islanda delle saghe. 

Il lampo mi è arrivato tutto e penso tu abbia usato benissimo la traccia!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@mina99 comincio da te a portare avanti quest’arduo compito di commentare poesie. Mi sento sempre in imbarazzo quando si tratta di farlo, perché temo di non comprenderle appieno, o di dare giudizi che fraintendono il significato dell’autore. Ma ciancio alle bande!

La poesia si rivolge a un “padre” di cui non è dato conoscere l’identità. Un padre cui il figlio si rivolge chiedendo di aspettare, di attenderlo. Potrebbe essere un padre reale, ma dai versi sembra più un padre spirituale, divino (non bussole o carte, perché la Sua terra è oltre). Più avanti si estende e approfondisce il concetto: non è solo un padre divino, ma sembra piuttosto demoniaco. Si parla di corvo come messaggero, di acqua bollente, di terra nera. La poesia termina con ossimori di inferno-pace, che suggeriscono l’animo tormentato dell’io narrante: cerca il proprio padre-spirito, ma si autodefinisce destinato a una terra in cui nessun uomo è mai stato, una terra descritta come spiacevole eppure come luogo in cui trovare pace.

i versi si collegano l’uno con l’altro con semplicità, Forse troppa. A volte si ha l’impressione di poterli leggere tranquillamente l’uno accanto all’altro come una prosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @mina99

più che le mie impressioni non posso dire perchè non so ne poetare ne commentare.

I tuoi versi hanno musicalità e a me tanto basta per essere trasportata. Ho avuto l'impressione che qualcuno che sta per morire si rivolge al suo Dio.

3 ore fa, mina99 ha detto:

Ora che sono con te, padre,

Ora so. Ora vedo te,

E tu vedi me. Ora, padre, sono in

Pace.

Qui è come se avesse raggiunto l'ultima meta.

Ho apprezzato la lettura complimenti:flower:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, mina99 ha detto:

l corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

Questa parte della poesia mi è piaciuta molto, anche la restante, ma questa l'ho trovata decisiva. Con il corvo ripetuto tre volte hai aggiunto il crepuscolare che vola verso la pace. Bella  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

@mina99 bravo! :) Hai interpretato la traccia come un "Armageddon" e scritto una preghiera rivolta da un uomo a Dio. Parla dei suoi sbagli in vita ma che, ora che si trova "oltre", dal Padre, è in Pace.

 

Mi hanno colpito soprattutto questi versi:

 

19 ore fa, mina99 ha detto:

 

Padre, aspettami:

Il corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato. 

 

penso che siano l'espressione di un giudizio che ci aspettiamo tutti con un senso di colpa interiore e di paura esteriore dell'ignoto.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @mina99, il significato dei tuoi versi può cambiare a seconda di cosa intendi per "padre".

Io avrei pensato, e quindi interpretato di conseguenza, a due possibilità. 

 

"padre" potrebbe essere un padre biologico, colui che parla è il figlio che ha vissuto la sua vita provando a seguire i suoi insegnamenti e non sempre riuscendo:

19 ore fa, mina99 ha detto:

Credevo di averti al mio fianco,

Di essere lo strumento e la voce

Ma mi sbagliavo

 

È in punto di morte e sta per 4aggiungerko in un non-luogo da te descritto con parole e sensazioni che mi hanno ricordato Poe. 

19 ore fa, mina99 ha detto:

corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

 

 

Altra possibilità è che la parola "padre" possa essere interpretata, in senso molto figurato, con un'ideale inseguito per tutta la vita e mai raggiunto a pieno. La delusione di non essere stati all'altezza porta tormento. 

Solo quando il protagonista si lascia andare e prova ad essere più "spontaneo" nei suoi intenti

19 ore fa, mina99 ha detto:

Non ho bisogno di bussole e carte

Perché la tua terra è oltre.

(bussole, carte sono sistemi di orientamento "matematici" e "logici", abbandonando si fa guidare dall'istinto) 

 

Raggiunge così dei luoghi oscuri, perché ignoti e inaspettati, dove trova la pace. 

 

Forse ho forzato troppo, ma in entrambi i casi mi piace, se poi non ho centrato il bersaglio, sappi che comunque mi hai lasciato qualcosa. 

 

Talia 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, è una poesia molto bella, significativa e personale.
Credo che sia una rielaborazione interessante ed è stato proprio scoprire quanti punti di vista esistano della medesima immagine il lato più interessante di questo concorso di poesia.
Bella la divisione fra la mancanza, la necessità del padre e il ricongiungimento.

Anche il finale che annuncia finalmente la pace ritrovata.
Ma la mia parte preferita è indubbiamente all'inizio:

23 ore fa, mina99 ha detto:

Padre, aspettami:

Troppo a lungo

Ho vagato

Senza te.

Il senso di mancanza, unito alla consapevolezza dell'imminente ricongiungimento.

Spero di aver compreso appieno il senso della tua bellissima poesia!
Alla prossima :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @mina99

alcune strofe mi piacciono, altre meno. 

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Padre, aspettami:

Il corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

 Tutti 'sti corviO_- mi tolgono un po' di poesia dalla poesia;), scherzi a parte, capisco la scelta di voler ripetere un termine per rafforzare il concetto (che qui credo sia la morte imminente), ma in quel caso l'effetto dovrebbe almeno essere musicale (effetto canto), oppure conviene applicare la ripetizione in strofe diverse, non così contigue, secondo me.

Ecco, invece, una strofa che ho apprezzato:

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Credevo di averti al mio fianco,

Di essere lo strumento e la voce

Ma mi sbagliavo

E mi hai punito.

ma anche:

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Padre, aspettami,

Perché sto venendo da te.

Non ho bisogno di bussole e carte

Perché la tua terra è oltre.

Come altri prima di me, l'impressione che ho è di un uomo che prova a contattare dio, a riavvicinarsi a lui nel momento del passaggio. 

Eppure quell'uomo non ha rinnegato dio, anzi credeva di averlo al suo fianco! Altra perplessità che ho riguarda

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Padre, sono a casa

Tra spiagge nere

E cascate fumanti

E acqua bollente.

Qui, per la verità, sembra che il pellegrino sia tornato alla casa di Satana! Ma poco oltre:

 

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Ora che sono con te, padre,

Ora so. Ora vedo te,

E tu vedi me. Ora, padre, sono in

Pace.

Invece sembra il paradiso.

 

Come avrai intuito, sono confusa. Mi verrebbe da pensare a una parodia del credente, che alla fine è in pace perché muore, e in realtà non c'è proprio nulla, nè inferno, nè paradiso. Ma ho come il sentore di non aver capito una mazza, mi dispiace. Se ne hai voglia, mi dici qualcosa di più?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mathiel Ragioni in modo troppo unilaterale: non tutte le religioni sono cristianesimo, una metafora in una cultura può essere metafora per la cosa opposta in un'altra cultura.

 

Passerò tra qualche giorno a rispondere con più cura a tutti^^ Intanto, grazie mille <3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adoro la disperazione della tua poesia, il tentativo, di chiedere a Colui che tutto sa, le risposte ad un' esistenza vissuta nell'incertezza, un'assoluzione alla colpa, una richiesta di pace. 

È bello che tu riesca a chiudere con la speranza di ottenere risposte. Anzi, con la certezza di averla avuta, una risposta.

Da come era partita la poesia, credevo che l'angoscia si sarebbe risolta in un crescendo di fiamme divoratrici che imprigionano l'anima tormentata.

Invece ... Mi è piaciuta veramente molto. Soprattutto, per la ferma certezza in cui le tue parole approdano:

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Ora che sono con te, padre,

Ora so. Ora vedo te,

E tu vedi me. Ora, padre, sono in

Pace.

Essendo di altre vedute, è sempre meraviglioso per me, leggere questo tipo di emozioni.

Grazie per questa finestra sul tuo mondo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Padre, aspettami,

Perché sto venendo da te.

Non ho bisogno di bussole e carte

Perché la tua terra è oltre.

@mina99 Minuccio, bentrovato. La tua poesia mi è piaciuta un casino. La strofa che cito la mia preferita. 

 

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Padre, aspettami:

Il corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

Troppi corvi per il mio gusto. Credo che potresti eliminare il secondo così da rendere più incisiva l'immagine. 

 

Nella tua poesia c'è tutto: la ricerca, la disperazione, la supplica, l'inferno, il paradiso, la liberazione dell'anima. Duplice interpretazione, potrebbe parlare della ricerca di proprie origini, come potrebbe essere il tema la ricerca della fede. E sono più propensa per la seconda ipotesi. In ogni caso mi hai emozionato e di questo ti ringrazio. Sempre bravo! <3 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il senso è quello di una preghiera, e poco importa a chi può essere rivolta. Al padre, a colui che consideriamo tale, a colui dal quale ci siamo allontanati e verso il quale tendiamo per ritrovare il senso di noi stessi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto toccante. Una preghiera che scuote il cielo. Probabilmente un uomo che sta morendo e, spera di raggiungere Dio,  o almeno credevo così. Poi questi versi, al contrario, mi hanno fatto pensare tutt'altro che una dimora celeste. Ma c'è qualcosa che non riesco ad afferrare. 

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Padre, aspettami:

Il corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

 

Padre, sono a casa

Tra spiagge nere

E cascate fumanti

E acqua bollente.

Trovo, inoltre, qualche similitudine con "il testamento di Tito" di De André. 

E nella pietà che non cede al rancore, Padre, ho imparato l'amore. 

Sento molta somiglianza con la Pace della tua ultima strofa. 

Bella prova! Alla prossima. 

Modificato da millika

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @mina99

 

Il tuo testo è molto triste. Molto.

Non importa sapere chi sia quel padre, biologico o ideale poco importa. È l'accoramento mesto delle sue parole che colpisce. 

Io ho sentito un ricongiungimento, qualcosa che si è recuperato, un momento sublimato da un nuovo incontro. Per quanto non emerge mai la fisicità dello stesso, l'unione c'è.

È nonostante i tuoi tanti corvi neri, il testo è potentemente spirituale.

 

Ti segnalo solo due cose che nel ritmo, semplice e cadenzato, mi ha frenato nella lettura. Te lo dico solo con la pancia, io non sono brava a scrivere e commentare poesie.

Però

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Commento

Traccia 3

 

Padre, aspettami:

Troppo a lungo

Ho vagato

Senza te.

 

Credevo di averti al mio fianco,

Di essere lo strumento e la voce

Ma mi sbagliavo

E mi hai punito.

 

 

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Padre, aspettami:

Il corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

 

Avrei dato pausa al lettore e respiro all'arrivo. Con una sospensione che fa fermare il lettore. E avrei apportato queste modifiche, ma non sono sicura di quello che dico.

 

Padre, aspettami:

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi annuncia,

mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

 

E nella chiusa, avrei fatto così:

 

Il 16/3/2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

 

 

Ora che sono con te, padre,

Ora so. Ora vedo te,

E tu vedi me.

Ora, padre,

sono in Pace.

:

 

@mina99 una liturgia il tuo testo. Perdona i miei interventi. Ripeto, mossa solo dal ritmo, leggendo.

Grazie della lettura. :) 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Rica ha detto:
 

Padre, aspettami:

Il corvo mi annuncia,

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi porta

Su rive dove nessun

Uomo è mai stato.

 

Ho sbagliato. Non volevo dire questo, mi sono dimenticata di andare accapo.

Volevo dire:

 

Padre, aspettami:

Il corvo ti annuncia,

Il corvo mi annuncia,

mi porta

su rive

dove nessun Uomo è mai stato.

 

Ecco. Volevo dire questo. Scusami. :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille a tutti quanti di essere passati :rosa: Le interpretazioni che avete dato sono molto belle e molto interessanti^^ E grazie mille dei complimenti e dei consigli. Correzioni utilissime e con cui concordo, grazie~

Il 16/3/2019 alle 21:52, Komorebi ha detto:

A volte si ha l’impressione di poterli leggere tranquillamente l’uno accanto all’altro come una prosa.

La cosa non mi stupisce affatto: sono un animale da prosa, per niente da poesia :asd:

Il 17/3/2019 alle 19:04, Mathiel ha detto:

Eppure quell'uomo non ha rinnegato dio, anzi credeva di averlo al suo fianco!

Numerosi sono i credenti che credono di fare la volontà di Dio e poi "scoprono" di aver camminato sulla via del male.

Il 17/3/2019 alle 19:34, Amara ha detto:

Essendo di altre vedute, è sempre meraviglioso per me, leggere questo tipo di emozioni.

Grazie per questa finestra sul tuo mondo.

Tranquilla, ti capisco; non è il mio mondo: sono ateo :D Ma profondamente affascinato dalle religioni

Il 18/3/2019 alle 14:04, millika ha detto:

Trovo, inoltre, qualche similitudine con "il testamento di Tito" di De André. 

E nella pietà che non cede al rancore, Padre, ho imparato l'amore. 

Bellissima canzone, grazie della citazione <3

 

L'intenzione che avevo scrivendo - non la propongo come unica interpretazione, andrebbe contro lo spirito della poesia - era quella di fare un tributo all'Islanda. Il vichingo Hrafna-Flóki Vilgerðarson è stato il primo a fondarvi una colonia. È lui la voce narrante di questa poesia.

La strofa dei corvi: a qualcuno è piaciuta, a qualcuno no, sono d'accordo con entrambi. Tre corvi perché erano tre i corvi che Floki (Hrafna in norreno vuol dire corvo) ha imbarcato alle Føroyar affinché gli segnalassero terraferma. Il corvo lo annuncia e lo porta a terra, perché è il corvo ad arrivare per primo in Islanda e ad indicare la direzione a Floki. Il corvo annuncia il Padre, perché Odino è il Dio-corvo.

Cascate, acque termali e spiagge nere sono tipiche dell'Islanda.

Per il resto, il riferimento è il personaggio di Floki interpretato da Gustaf Skarsgård nella serie TV Vikings scritta da Michael Hirst. Qui Floki è un uomo profondamente devoto, che compie ogni gesto in nome degli Dei. Quando si sente più solo e sconsolato, raggiunge involontariamente l'Islanda, senza l'ausilio di strumentazioni. Lì riscopre la propria fede, credendo erroneamente di essere finito ad Asgarðr.

Queste erano le intenzioni^^

 

Grazie mille ancora a tutti quanti, siete gentilissimi^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, mina99 ha detto:

Per il resto, il riferimento è il personaggio di Floki interpretato da Gustaf Skarsgård nella serie TV Vikings scritta da Michael Hirst. Qui Floki è un uomo profondamente devoto, che compie ogni gesto in nome degli Dei. Quando si sente più solo e sconsolato, raggiunge involontariamente l'Islanda, senza l'ausilio di strumentazioni. Lì riscopre la propria fede, credendo erroneamente di essere finito ad Asgarðr.

Queste erano le intenzioni^^

E noi a fare voli pindarici! 😄

Seguo la serie, ma il pensiero non mi aveva proprio sfiorato! Ora è tutto più chiaro! 😊

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, millika ha detto:

E noi a fare voli pindarici! 😄

Quelli sono sempre apprezzati^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@mina99 riesci sempre a spiazzarmi. Ora capisco la tripletta di corvi, e anche se ti ho suggerito di eliminarne uno ritiro tutte le lamentele xD 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ti leggo da tanto, provo ad approcciarmi al tuo lampo. Non so bene il motivo, ma il componimento mi trasmette una calma così anomala da farmi paura, perché si legge al contrario un culmine di ricerca coincidente con l'attimo del ritrovo, quella quiete che non sai mai quanto possa essere distinta dalla morte. Ho pensato a quanto possa essere importante un punto di riferimento al quale appellarsi per non vagare alla cieca, e mi sono domandata se sia sintomo di insicurezza o semplice rivolgersi naturale o egoismo. Ha uno strano profumo di cenere, tra i versi i corvi paiono salvezza, paiono un messaggio di rivalutazione e pace, come un prendere tra le mani i propri cocci sparsi intorno al fuoco per farne un ultimo mosaico, il decisivo. Quello che voglio evidenziare, oltre ciò che volevi magari esprimere con la tua poesia, è che personalmente m'hai mandata verso viaggi mentali a suon di calci leggeri, l'ho trovato interessante, trovo sempre interessante come l'interpretazione possa contaminare se stessa e muoversi su linee non proprie, almeno in senso stretto, e fin troppo vaste, sfuggenti. 

 

Il ‎16‎/‎03‎/‎2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Padre, sono a casa

Tra spiagge nere

E cascate fumanti

E acqua bollente.

 

L'immagine racchiusa in tali versi, dopo l'apparire del corvo, l'ho trovata il punto più ricco, più suggestivo e che rimbomba nella mia testa, l'ho tanto apprezzata. 

Il ‎16‎/‎03‎/‎2019 alle 18:51, mina99 ha detto:

Credevo di averti al mio fianco,

Di essere lo strumento e la voce

Ma mi sbagliavo

E mi hai punito.

Qui ho sorriso, molto spesso la convinzione porta a dar vita a voci profondamente diverse rispetto quelle che in realtà ci appartengono e mi sono chiesta quanto un tono possa essere la risultante d'una influenza, sebbene mi renda conto che probabilmente questa strofa volesse dire altro, ma per l'appunto sono andata completamente di testa mia. 

La figura del padre, infine, permette al lettore di valutarne il senso, se religioso, se d'appartenenza o chissà. 

Un saluto, chiedo venia per sto parere delirante :saltello: 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Dark Smile Hola~ grazie mille del passaggio :)

Sono contento di essere riuscito a suscitare così tante impressioni, interpretazioni e riflessioni. Grazie mille di averle condivise :sss:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@mina99  l'aurora come punto d'arrivo di un percorso di ricongiungimento. Un lampo originale nell'interpretazione della traccia. :sss:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
45 minuti fa, mina99 ha detto:

Anglares Grazie :sss:  PS (nel caso non si fosse capito): ho amato questo contest

Grazie a te, fai attenzione alle novità, perché le previsioni meteo danno lampi periodici nel WD  :pioggia:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, Anglares ha detto:

Grazie a te, fai attenzione alle novità, perché le previsioni meteo danno lampi periodici nel WD  :pioggia:

Starò attentissimo allora :love2:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×