Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Maelstrom

Jordan R. - La Ruota del Tempo (serie)

Post raccomandati

Caspita! Nessuno ha ancora parlato di questa saga o mi sono perso qualcosa?

Almeno un argomento lo merita eh.

Per quanto mi riguarda ero partito con grandi speranze assolutamente soddisfatte nei primi quattro libri... il terzo forse così così.

Il quinto e il sesto invece non mi hanno detto granché, tant'è che la voglia di proseguire col settimo è in pratica nulla.

Comincio ad avere la sensazione di una storia tirata troppo per le lunghe.

Mi spiego: ho un mondo con 10 (numero arbitrario) locazioni nel quale gli eventi seppure sparsi qua e là, vengono poi incentrati dal singolo libro in un luogo ben preciso.

Il primo volume è quello che mi è piaciuto di più: viaggio, esplorazione, avventura, ma poi?

Ok: in un libro racconto cosa succede in quel posto perché ci si è installato un cattivone. Perfetto.

Nel prossimo libro? Ah c'è l'assalto alla fortezza nell'altro posto, perché ci si è installato un altro cattivone, simile al primo. Ottimo.

Nell'altro? Oh beh bisogna preparare l'attacco a quest'altra regione, perché indovinate un po'? C'è un cattivone nascosto, eh beh shocking news: non s'era ancora vista una cosa del genere!

Insomma: andando avanti con la storia il senso di deja vu, almeno per quanto mi riguarda, è stato forte.

A peggiorare il tutto la scarsa caratterizzazione dei Reietti: per fare di un cattivo un cattivo a me non basta sapere che si è unito al super capo dei cattivi eh. Nei primi sei libri infatti il nemico è sempre uno dei Reietti, tranne un'unica eccezione che sembra una pausa narrativa DECISAMENTE forzata (per un libro ci si riposa, poi si attacca uno dei reietti rimasti, ma seicento pagine di riposo sono troppe accipicchia).

Non vorrei adesso essere frainteso: il ciclo è buono, ma andando avanti la curva è discendente, ahimé.

All'inizio devo tuttavia ammettere che La Ruota del Tempo sia stato il primo fantasy dopo Tolkien ad avermi appassionato (Shannara per esempio l'ho trovato poco originale: sempre con 'sto super Allanon che risolve tutto, mah) tanto da arrivare all'inizio del settimo tomone.

Magari qualcuno è riusciuto a proseguire e potrebbe elencare caratteristiche positive presenti sino all'undicesimo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Io sono riuscito a leggere solo due volumi, poi la noia ha vinto.

Un mondo ben definito, ma niente accadimenti, sembra la storia della guerra dei cent'anni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho sentito pareri per lo più positivi, ma iniziare a leggere questa saga vuol dire programmarsi l'acquisto (eventuale) di un numero di tomi pari ad uno scaffale abbastanza ampio.

Vale la pena? Aggiunge qualcosa al fantasy? L'epilogo scritto postumo da un altro, ammazza l'intera saga? Attendo illuminazioni illuminanti :flower: !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sa che l'epilogo esce a gennaio, Irene (da quanto ho letto su Wikipedia, perché la saga non la conosco).

Comunque sposto la discussione in Biblioteca, già che mi ci trovo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'epilogo esce a gennaio? A me pare di averlo visto in libreria già da parecchio tempo, o comunque ho visto di sicuro un libro di questa saga scritto da un altro autore. °_°

Comunque io non l'ho letta, ma è una di quelle saghe che tengo d'occhio per un'eventuale lettura futura.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io l'ho letta tutta .

Comunque il termine epilogo(A memory of light) come lo chiamate voi, è inesatto.Mi assumo io il compito di illuminarvi a riguardo il più chiaramente possibile(con un po' di tristezza)

30 Maggio 2005 Robert Jordan ha il primo malore mentre cammina in un parcheggio, dopo questo primo episodio ne avverrano altri(cecità 3-5 sec e altro)

Gennaio 2006 Viene Confermata la diagnosi, Jordan soffre di amiloidosi,malattia rara, nel suo caso di tipo cardiaco,la più grave.

Jordan poi annuncerà la malattia al " mondo". Nel frattempo tra le sessioni di chemioterapia scriverà abbozzi, note, capitoli rifiniti, insomma la fine come lui se l'era immaginata. Quando la malattia gli rese impossibile scrivere, parlò registrandosi su videocasette.

16 Settembre 2007 Il cuore cede.

Per portare a termine la saga di cui il marito avrebbe voluto veder la fine la vedova Harriet Popham delegò allo scrittore Brandon Sanderson (che al tempo in cui gli era stato delegato questo compito,il 2007, aveva alle spalle già qualche buon libro fantasy quale Elantris, e i primi due libri della trilogia di Mistborn) il compito di finire la saga a cui mancava the last piece, cioè una conclusione.

Poi sarà annunciato che l'ultimo libro sarà diviso in tre( probabilmente stava diventando una grande Bibbia)che avranno i titoli. A gathering Storm, Towers of Midnight, e A memory of Light(che poi era il titolo designato per l'ultimo libro che come ho detto è stato diviso)

Questi tre libri ovviamente poi presenteranno la co-firma di Sanderson.

Ovviamente Il nostro caro e insigne sig. Sanderson non inventò di sana pianta ma come lui stesso dichiarò in un'intervista seguì il più possibile tutti gli appunti e note e registrazioni lasciati da Jordan(alcuni capitoli erano già completati).

Come poi scopriremo il nostro egregio scrittore non sarà da meno e per quanto ovviamente non potrà mai rimpiazzare quello precedente, ha secondo me svolto un ottimo lavoro.

A memory of Light e gli altri due libri scritti postumi sono quindi la conclusione di questa saga e non un "epilogo". Quindi come tutti quelli che leggono storie dovrebbero sapere:" Inizia dall'inizio".

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Tel, molto accurato ;)

E' sempre particolarmente triste quando un autore lascia un opera incompiuta e, postuma, deve essere conclusa.

Spero che i primi titoli della Saga tornino a essere in commercio, così da poter iniziare la lettura.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non penso che i primi titoli non siano più reperibili in commercio, anzi mi è capitato un paio di volte di vederli in libreria :grat:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ho letto tutto Jordan, per il solo motivo che il mio pusher di fantasy (inestimabile e preziosissimo amico che mi presta i suoi tomi a getto continuo) è sparito per qualche tempo, ma lo stra-consiglio. Ha una prosa essenziale ma con un ottimo ritmo, una grandissima varietà di personaggi tutti non scontati e con un loro accurato profilo psicologico (straordinari! Spero che anche voi vi innamorerete di Perrin, di Min, di Rand, di Egwene, di Nynaeve, di Mat...), grande capacità di descrivere scenari inconsueti e una trama ricchissima, in cui è un piacere perdersi. Il primo volume, secondo me, non è eccellente; resistete, il meglio viene dopo, già con il secondo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non penso che i primi titoli non siano più reperibili in commercio, anzi mi è capitato un paio di volte di vederli in libreria :grat:

Su internet sono introvabili ç_ç

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lessi, ormai 5-6 anni fa, le prime 200 pagine del primo senza rimanerne granché colpito, poi passai a qualcos'altro (ma non ricordo perché). Avevo già pensato di rileggerlo, tanto il volume iniziale è lì che mi attende sulla libreria, ma credo che aspetterò la ristampa dei libri successivi (o farò un giretto in libreria per vedere se ne sono rimasti :indicare: ).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è arrivata la "tanto aspettata" ristampa al prezzo modico di 10 euro a vol. tranne il primo che è il prequel a 6 soldini sonanti, le copertine non sono proprio eccezionali da quello che ho visto. Beh, spero di aver fatto qualcuno felice con questa notizia :emh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto mentre bazzicavo su IBS stamattina. La ripubblicazione è interessante, ci farò un pensierino.

A me comunque non sembrano tanto male, le copertine.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi permetto di rilanciare questa vecchia discussione.

Io sto attualmente leggendo l'ottavo dopo una "pausa di riflessione", in quanto il sesto mi era davvero piaciuto poco e il settimo risollevava di poco la storia.

Provocazione: non vi sembra che i personaggi, e in particolare i personaggi femminili, siano un po' stereotipati?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Yaxara L'ho letto, o meglio, abbandonato, molti anni fa. Ero arrivata a "Presagi di tempesta", me ne mancavano forse uno o due, ma proprio non ce la facevo. Secondo me, pur essendo un fantasy di tutto rispetto, i difetti sono molti. I personaggi sono semplicemente troppi e secondo me è inevitabile che poi alcuni risultino stereotipati o si somiglino. Ma, peggio ancora, a me molti sembrano poco credibili dal lato psicologico (un esempio per tutti: è normale che a tre donne vada bene dividersi lo stesso uomo e restare amicone, perché è il destino che lo dice? ) A parte questo a me è sembrato un po' maschilista come filosofia generale. Ma la cosa peggiore sono le interminabili descrizioni (credo di aver abbandonato dopo aver letto quattro pagine in cui si descriveva abbigliamento e acconciatura di tutti, comprese le gualdrappe dei cavalli). A qualcuno magari possono piacere i dettagli concreti, ma c'è un limite. Sorprenderà che consiglierei comunque di leggerlo perché a suo modo è un classico e la trama è molto bella e complessa:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Silverwillow Sono d'accordo, talvolta leggendo certe descrizioni mi scappa un "ma chissenefrega!". Poi all'improvviso Jordan piazza un momento di azione geniale ed è quello che ti mette la voglia di arrivare alla fine del libro. Quindi piazza tredici capitoli su "lei fa i musi a lui perché lui ha parlato a un'altra", nel mentre quelle tre si dividono un uomo, soffrono e, come dici, restano amicone. Anche io lo trovo maschilista, forse non con cattiveria, ma comunque infarcito di stereotipi sui rapporti uomo/donna. Però la trama è affascinante, mette veramente voglia di sapere come va a finire. Se fosse possibile sfoltirla di tutti i momenti di stagnazione/descrizione inutile/dialoghi inconcludenti, la saga terrebbe in cinque-sei libri e sarebbe meravigliosa, secondo me.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, ciaociao ha detto:

sono al primo, e non mi sembra differente da uno standard fantasy consolidato e riproposto, anche di recente.

Il primo volume, per stessa ammissione di Jordan, ha atmosfere tolkeniane, creando un qualcosa di familiare; dopo assume una connotazione propria e si distacca dallo stile Signore degli Anelli. Considera anche che è un romanzo del 1990 e questo ha influito.

I primi due romanzi non sono tra i più coinvolgenti, seppur gettino le basi per un mondo molto ampio ed epico. La saga comincia a ingranare con il terzo e si tiene su livelli alti anche per il quarto e il quinto volume; con il sesto qualcosa comincia a inchiodarsi, cosa che ben si avverte nel settimo, ottavo e nono; dal decimo di riprende. Sanderson, che succede a Jordan dopo la sua morte, dà nuova linfa alla serie dal dodicesimo romanzo fino alla fine.

Il problema di Jordan non è stato tanto il fatto di essere descrittivo, ma di ripetere per decine di volte in un romanzo concetti che si hanno ben chiari (il grosso difetto dei volumi dal settimo al nono).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sto leggendo proprio adesso il quarto, però devo dire che con Jordan ho un rapporto strano, nel senso che inizio un volume, ne leggo magari trecento pagine, poi passo ad altro, poi ci ritorno sopra, e via così fin che non lo finisco. Inoltre penso pecchi un po' nei finali, ad eccezione del secondo per ora che è stato entusiasmante.

Concordo con voi sui capitoli dei personaggi femminili.

Non metto in dubbio che sia una saga fondamentale, e quando ci mette azione è sicuramente un maestro, però non so, non mi ha ancora convinto del tutto.

Almeno mi sono lasciato alle spalle la struttura dei primi tre romanzi che diventava un po' ripetitiva, con le parti centrali che erano da farci sopra più di qualche sonnellino.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mattyss come ho scritto nel precedente commento, la parte pesante arriva dal sesto al nono, dove succede poco, con Jordan che ripete molti discorsi e pensieri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho letto i primi tre. Stranamente, proprio il primo mi è piaciuto di più, il terzo quello con cui ho fatto più fatica. Come avete detto voi, troppe descrizioni, troppe elucubrazioni... e quante volte Nynaeve si tira la treccia?! 

Spiace perché è un classico e la trama è comunque interessante. SSe non fossero tomi così enormi un pensiero a continuare ce lo farei...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×