Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

irene70

Tu credi all'eco?

Post raccomandati

Ciao @ire70 , non mi  torna questo passaggio: 

dimmi  che cosa sono,

ti prego, nella sua mente

e la risposta dell’eco è stata...

Quel ,nella sua mente, non ne capisco il senso... Mi arrovello perché non lo afferro. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, MyConc ha detto:

non mi  torna questo passaggio: 

dimmi  che cosa sono,

ti prego, nella sua mente

e la risposta dell’eco è stata...

Quel ,nella sua mente, non ne capisco il senso... Mi arrovello perché non lo afferro. 

Ciao MyConc, grazie per esserti fermata.  Intendevo dire: dimmi come sono considerata, che valore ho ecc.  per una determinata persona, cioè dalla sua mente (di quella persona). Ciao :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
53 minuti fa, Ippolita2018 ha detto:

Perfetta così com'è: non cambiare una virgola, @ire70.

A presto per il commento :)

Grazie Ippolita! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@ire70 , molto, molto bella per il suo significato.(y)

 

Per il mio sentire, l'avrei fatta "scorrere" meglio. Per spiegarmi, mi permetto una modifica come esempio:

 

 

4 ore fa, ire70 ha detto:

Tu credi all’eco?

 

Mille anni fa

ho chiesto al vento

dimmi  che cosa sono,

ti prego, nella sua mente

e la risposta dell’eco è stata

 

… eeente

 

 

Mille anni fa

ho chiesto al vento

dimmi  che cosa sono,

per lui, nella sua mente

e la risposta dell’eco è stata

 

… eeente

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
42 minuti fa, Poeta Zaza ha detto:

molto, molto bella per il suo significato.(y)

 

Per il mio sentire, l'avrei fatta "scorrere" meglio. Per spiegarmi, mi permetto una modifica come esempio: 

ti ringrazio  Zaza, sì,  come mi ha confermato anche MyConc non è chiarissimo al lettore di chi sia quella mente, cioè  si crea in quel punto un  rallentamento... sì, ci devo pensare, intanto grazie mille ancora Zaza!:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@ire70 Perdonami ma ancora non torna il passaggio. Provo a snocciolare. Cattura immediatamente quella domanda posta al vento mille anni prima, ma poi  mi torna strano che invece entra in scena l'eco senza un aggancio, una congiunzione...

Il resto è bellissimo:  crea una quasi misteriosa attesa, lascia spazio all'immaginazione e poi quasi non vorresti che fosse un  " niente" la risposta.

Mi piace.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, è vero...io ho chiesto (urlando) al vento cosa sono ecc... e mi ha risposto l'eco (delle mie parole), però non saprei essere più esplicita senza diventare prolissa, cioè per spiegare bene dovrei  "spiegare bene" e quindi parlerei un po' troppo :grat:...ci penso anche a questo punto. Intanto grazie mille ancora @MyConc

12 minuti fa, MyConc ha detto:

e poi quasi non vorresti che fosse un  " niente" la risposta.

sì, infatti per questo il titolo l'ho messo sotto forma di domanda, quasi a cercare qualcuno che dica "ma no, ti sbagli, l'eco non sempre dice il vero". :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, questo componimento mi ha incuriosita. Dunque. Ho apprezzato la forma delicata, quasi fuggevole e difficile da acciuffare, un po' come il vento, in tal occasione delicato. Al contempo, v'è qualcosa di statico e fisso che contraddistingue la poesia, ovvero l'inerzia fiacca dell'eco, che pare come immobilizzare la scena e darle una guida, un'impressione su tela, direi. Ho una curiosità: come mai proprio mille anni fa? M'incuriosisce la scelta temporale che slancia all'indietro, al passato, che sento comunque ancorato a quello strascico contenuto nell'eco. La seconda strofa mi ha fatto sorridere, in quanto molto spesso tendiamo a deviare quel che arriva in base al nostro pensare, quell' "ente" che diventa "niente" e da ciò il ci credi? Eco delle nostre incertezze. Così ce l'ho colta, spero di non aver detto un sacco di sciocchezze.

 

Il ‎12‎/‎02‎/‎2019 alle 16:18, ire70 ha detto:

Il  vento tra le montagne

è  freddo ma sincero,

le risposte ci sono sempre

e quel giorno 

– mille anni fa –

ho udito,

chiarissimo,

un “niente”.

 

Personalmente eviterei il sottolinear "mille anni fa" lo trovo superfluo, ma non so se per te abbia, invece qualche valore, quindi te la butto così. 

 

Nel complesso è stata una piacevole lettura, non mi cattura abbastanza per un ritorno sui versi, perché si slaccia, soggettivamente parlando, da me, ma nell'attimo ho gustato un senso di trasparenza/presenza molto stuzzicante, che ricorderò lieta. 

Un saluto, a presto :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille @Dark Smile, per questo tuo commento! Sì, è una specie di esperimento questo, un po' diverso dal mio solito modo di scrivere (di solito non tratto/trattavo argomenti troppo personali), e per questo l'ho postato, per vedere "l'effetto che fa!".

27 minuti fa, Dark Smile ha detto:

Ho una curiosità: come mai proprio mille anni fa? M'incuriosisce la scelta temporale che slancia all'indietro, al passato,

per sottolineare che è passato tanto tempo e anche per collocare inl tutto una dimensione lontanissima, quasi di favola, direi, (per questo l'ho ripetuto due volte)

30 minuti fa, Dark Smile ha detto:

La seconda strofa mi ha fatto sorridere, in quanto molto spesso tendiamo a deviare quel che arriva in base al nostro pensare, quell' "ente" che diventa "niente" e da ciò il ci credi? Eco delle nostre incertezze. Così ce l'ho colta, spero di non aver detto un sacco di sciocchezze.

sì, hai colto perfettamente!  Anche se a pensarci bene e col senno di poi :umh:... ora potrei anche dire che invece di "niente" l'eco mi  avesse risposto "(dem)ente" :D, sì, ne sono quasi certa adesso!). A parte gli scherzi, grazie ancora per aver letto e dato la tua impressione, ciao!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

bel componimento piacevole,

le opere non vanno spiegate, perdono il senso del loro essere, devono essere assaporate e colte, se così non è,una spiegazione sarà vana comunque, a parer mio.

vuol dire che non è arrivata a tutti.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille @Valeceh, :)  in effetti la penso anch'io così, cioè che in generale le poesie non debbano essere troppo spiegate (qui però avendo sollecitato io pareri di goni tipo, o domande,  non posso fare a meno di spiegare un po'. Questa "palestra" mi è utile quando non sono sicura di quello che scrivo, quando ho bisogno di capire cosa arriva e cosa no, e in effetti proprio in questo senso, è utilissima).Grazie ancora, ciao Valeceh!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×